Magistratura democratica
giurisprudenza di merito

Vittime di reato e responsabilità dello Stato, aspettando la Corte di Giustizia

di Roberto Conti
consigliere Corte di Cassazione
Il Tribunale di Trieste, in contrasto con l'orientamento di Torino, rigetta la domanda risarcitoria di una vittima nei confronti dello Stato italiano. Spetterà alla Corte di Lussemburgo fare chiarezza
Vittime di reato e responsabilità dello Stato, aspettando la Corte di Giustizia

All'interno di un procedimento sommario di cognizione una cittadina italiana, nata e residente in Italia, vittima di un reato intenzionale violento - violenza sessuale - chiedeva al Tribunale di Trieste la condanna della Presidenza del Consiglio dei ministri al risarcimento dei danni patiti in dipendenza del fatto delittuoso accertato dal giudice penale, essendo risultato il condannato in via definitiva privo di beni e, successivamente, irreperibile.

Il giudice monocratico di Trieste ha rigettato la domanda, ritenendo che la causa petendi posta a base della stessa, rappresentata dalla responsabilità dello Stato per mancata attuazione della direttiva Direttiva 2004/80 CE in tema di vittime di reato, fosse priva di giuridico fondamento in relazione alla tipologia del giudizio promosso dalla danneggiata, atteso che la vittima risiedeva in Italia ed aveva subito il reato violento in Italia, paese del quale era altresì cittadina.

Non poteva pertanto trovare applicazione la direttiva invocata.

In questa direzione viene ricordata una recente pronunzia della Corte di Giustizia, 12 luglio 2012, causa C-79/11, Giovanardi.

Il Tribunale di Trieste si pone, così, in consapevole contrasto con l'orientamento, inaugurato dal tribunale di Torino e seguito dalla Corte di Appello di Torino che ha, invece, accolto la domanda risarcitoria di una vittima nei confronti dello Stato italiano, ritenendo applicabile la direttiva sopra ricordata anche nella situazioni puramente interne - sui due provvedimenti sopra ricordati v., volendo, anche per i riferimenti dottrinali, le riflessioni svolte in passato Vittime di reato e obbligo di risarcimento a carico della Stato: really? in Corr.giur.,2011, 2, 248; id., Vittime di reato intenzionale violento e responsabilità dello Stato. Non è ancora tutto chiaro, in Corr.giur., 2012,5, 668 ss.

A risolvere il contrasto giurisprudenziale provvederà, verosimilmente, la Corte di giustizia, investita di una questione pregiudiziale su materia omologa dal Tribunale di Firenze - per cui v. Conti, Sulle vittime di reato la parola passa alla Corte di giustizia, che forse ha già deciso, in Corr. Giur., 2013, 11, 1389 ss.

 

 

 

17/12/2013
Altri articoli di Roberto Conti
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
Pillole di CGUE - Terzo trimestre 2020

Le più interessanti pronunce della Corte del Lussemburgo emesse nel terzo trimestre 2020

09/10/2020
Indennizzo statale delle vittime di reati intenzionali violenti: ancora un richiamo dalle istituzioni europee

Su questione pregiudiziale sollevata dalla Corte di cassazione, la Corte di giustizia UE indica la via per la costruzione di un sistema di indennizzo statale per le vittime di reati intenzionali violenti

30/07/2020
La legittimità della disciplina italiana contro il licenziamento collettivo
A cinque anni dal cd. Jobs Act e a otto anni dalla riforma Fornero la disciplina del licenziamento collettivo illegittimo approda alla Corte Costituzionale e alla Corte di Giustizia dell’Ue
12/02/2020
La Corte di Giustizia Ue costruisce i caratteri comuni dell’ordinamento giudiziario europeo
Un commento alla sentenza Cgue in materia di pensionamento anticipato dei giudici della Corte Suprema della Polonia
08/01/2020
Nel presente intervento si illustrano sinteticamente gli aspetti positivi del dialogo e della collaborazione fra giuristi di Paesi civil law e giuristi di Paesi di common law – a partire dai giuristi britannici – quali finora si sono avuti in ambito europeo, confidando, per il dopo Brexit, nell’europeismo giuridico che si è manifestato dopo il Protocollo n. 30 del Trattato di Lisbona, pur con le debite differenze
11/10/2019
Secondo trimestre 2019
Le più interessanti pronunce della Corte del Lussemburgo emesse nel secondo trimestre 2019
11/09/2019
Conseguenze della condanna penale del rifugiato secondo la sentenza della Cgue del 14 maggio 2019
La commissione di reati gravi sul territorio nazionale non fa dell’immigrato un soggetto privo del tutto di protezione e di diritti, spettandogli comunque i diritti salvaguardati per tali ipotesi dalla Convenzione di Ginevra e tutti i diritti spettanti allo straniero e non presupponenti una sua residenza regolare
14/06/2019
Non è immaginabile una cultura giuridica europea senza la giurisprudenza in tema di libertà e di diritti delle Corti europee che rappresentano la garanzia di uno strumento di verifica del rispetto dei diritti: il discorso sui diritti comprende una capacità di visione attraverso una lente in grado di cogliere uno spettro più ampio di prospettive, in un’ottica non puramente nazionale. Non vi è giudice nei confini dell’Europa che oggi non si senta giudice europeo, che non avverta il senso di un percorso irreversibile che la giurisdizione deve continuare a compiere verso l’effettiva realizzazione di un spazio comune di Giustizia
21/05/2019