Magistratura democratica
giurisprudenza di merito

Vittime di reato e responsabilità dello Stato, aspettando la Corte di Giustizia

di Roberto Conti
consigliere Corte di Cassazione
Il Tribunale di Trieste, in contrasto con l'orientamento di Torino, rigetta la domanda risarcitoria di una vittima nei confronti dello Stato italiano. Spetterà alla Corte di Lussemburgo fare chiarezza
Vittime di reato e responsabilità dello Stato, aspettando la Corte di Giustizia

All'interno di un procedimento sommario di cognizione una cittadina italiana, nata e residente in Italia, vittima di un reato intenzionale violento - violenza sessuale - chiedeva al Tribunale di Trieste la condanna della Presidenza del Consiglio dei ministri al risarcimento dei danni patiti in dipendenza del fatto delittuoso accertato dal giudice penale, essendo risultato il condannato in via definitiva privo di beni e, successivamente, irreperibile.

Il giudice monocratico di Trieste ha rigettato la domanda, ritenendo che la causa petendi posta a base della stessa, rappresentata dalla responsabilità dello Stato per mancata attuazione della direttiva Direttiva 2004/80 CE in tema di vittime di reato, fosse priva di giuridico fondamento in relazione alla tipologia del giudizio promosso dalla danneggiata, atteso che la vittima risiedeva in Italia ed aveva subito il reato violento in Italia, paese del quale era altresì cittadina.

Non poteva pertanto trovare applicazione la direttiva invocata.

In questa direzione viene ricordata una recente pronunzia della Corte di Giustizia, 12 luglio 2012, causa C-79/11, Giovanardi.

Il Tribunale di Trieste si pone, così, in consapevole contrasto con l'orientamento, inaugurato dal tribunale di Torino e seguito dalla Corte di Appello di Torino che ha, invece, accolto la domanda risarcitoria di una vittima nei confronti dello Stato italiano, ritenendo applicabile la direttiva sopra ricordata anche nella situazioni puramente interne - sui due provvedimenti sopra ricordati v., volendo, anche per i riferimenti dottrinali, le riflessioni svolte in passato Vittime di reato e obbligo di risarcimento a carico della Stato: really? in Corr.giur.,2011, 2, 248; id., Vittime di reato intenzionale violento e responsabilità dello Stato. Non è ancora tutto chiaro, in Corr.giur., 2012,5, 668 ss.

A risolvere il contrasto giurisprudenziale provvederà, verosimilmente, la Corte di giustizia, investita di una questione pregiudiziale su materia omologa dal Tribunale di Firenze - per cui v. Conti, Sulle vittime di reato la parola passa alla Corte di giustizia, che forse ha già deciso, in Corr. Giur., 2013, 11, 1389 ss.

 

 

 

17/12/2013
Altri articoli di Roberto Conti
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
Cura e giustizia dell’offesa ingiusta: riflessioni sulla riparazione

Sommario: 1. Trent’anni fa. - 2. Lo stato dell’arte dei rapporti tra giurisdizione e giustizia riparativa. - 3. Cura e giustizia:  riflessioni su alcune aporie della giustizia riparativa. - 3.1. Conflitto o ingiustizia? - 3.2. Riconoscimento. - 3.3. L’importanza delle passioni. La vulnerabilità. 3.4. - Empatia e compassione. - 3.5. Comunità e vergogna. - 4. Cura tra giustizia dei tribunali e  giustizia riparativa.

25/07/2022
Primo quadrimestre 2022

Le più interessanti pronunce del primo quadrimestre 2022

18/06/2022
Brevi osservazioni sul caso Randstad Italia

SOMMARIO. 1. La sentenza Randstad. – 2. I difficili rapporti tra i vertici delle giurisdizioni. – 3. La mancata applicazione del diritto dell’Unione: violazione di diritto, non eccesso di potere giurisdizionale. – 4. Il rispetto dell’autonomia procedurale degli Stati membri dell’Unione.

09/03/2022
Pillole di CGUE - Quarto trimestre 2021

Le più interessanti pronunce del quarto trimestre 2021

11/02/2022
The dark side of Google nella sentenza della Corte dell’Unione del 10 novembre 2021, in causa T-612/17, Google c. Commissione

Google, avente posizione dominante all’interno del mercato dei servizi di “shopping comparativo” ha abusato della sua posizione dominante, ponendo sulle sue pagine di ricerca gli annunci del proprio servizio comparativo in posizione preferenziale e con un layout più accattivante rispetto a quelli di terze parti.

12/01/2022
Sulla giustizia riparativa

Nel contributo si esaminano le molte e complesse questioni che il legislatore delegato dovrà affrontare per costruire percorsi di giustizia riparativa effettivi e autenticamente coerenti con la natura dello strumento e rispettosi delle norme poste a tutela delle vittime di reato. 

23/11/2021
Un’altra idea di sicurezza: politiche per le vittime (prima parte)

Questione giustizia pubblica in sequenza giornaliera tra loro, il testo degli interventi di Marco Bouchard e di Umberto Ambrosoli svolti a Pesaro il 23 ottobre 2021 nell’ambito del Convegno Parole di Giustizia, su un tema di cui finalmente si occupa anche la riforma del processo penale, quello della giustizia riparativa. E’ possibile seguire il video del dibattito al link https://www.youtube.com/watch?v=pOpVlSf7oz0 

19/11/2021