Magistratura democratica
Giurisprudenza e documenti

La rilevanza penale dei fumetti pedopornografici

di Federico Piccichè
Avvocato del Foro di Monza e membro del Consiglio Direttivo della Scuola Forense di Monza
Nota a Cass. Pen., Sez. III, Sent. 13 gennaio 2017 (dep. 9 maggio 2017), n. 22265, Pres. Fiale, Rel. Rosi

La sentenza che si annota, affronta la questione se i fumetti di natura pedopornografica possano farsi rientrare nell'ambito operativo dell'art. 600 quater 1 cp, che punisce la pornografia virtuale.

Nel caso di specie il Tribunale di Brescia condannava l'imputato per il reato di cui all'art. 600 quater 1 cp per essersi consapevolmente procacciato, tramite il programma eMule, e aver detenuto nel proprio computer circa 95.000 files di pornografia virtuale, contenenti immagini di soggetti minori degli anni 18 coinvolti in attività sessuali «nella foggia di disegni o rappresentazioni fumettistiche», con l'aggravante dell'ingente quantità del materiale scaricato.

La Corte di appello, accogliendo il gravame proposto dall'imputato, assolveva quest'ultimo per l'insussistenza del fatto, atteso che nelle rappresentazioni incriminate «non apparivano effigiati minorenni, per così dire veri, ossia realmente esistenti e non erano state utilizzate immagini, o parti di immagini reali, di soggetti minori degli anni 18».

Contro la sentenza di secondo grado, il Procuratore generale presso la Corte di appello proponeva ricorso per Cassazione per violazione di legge in relazione all'art. 600 quater 1 cp, chiedendone l'annullamento.

In particolare, secondo il Procuratore generale, l'art. 600 quater 1 cp andava applicato anche ai fumetti di natura pedopornografica, dal momento che tale norma è destinata a punire la detenzione consapevole di immagini virtuali «che siano in grado, per la loro capacità di far apparire vere situazioni non reali, di alimentare la libidine sessuale verso i minori».

Con la sentenza in commento, la Corte suprema accoglie il ricorso proposto dalla Procura generale.

Più in dettaglio, la Corte, dopo aver premesso alcuni cenni sulla nozione di pedopornografia e, più in generale, sul concetto di pornografia, inizia il suo ragionamento ricordando che il legislatore, con l'introduzione dell'art. 600 quater 1 cp, ha ampliato e rafforzato la tutela penale contro la pornografia minorile e la detenzione di materiale pedopornografico, estendendola anche alla pedopornografia virtuale.

L'art. 600 quater 1 cp, infatti, recita testualmente: «Le disposizioni di cui agli articoli 600 ter e 600 quater si applicano anche quando il materiale pornografico rappresenta immagini virtuali realizzate utilizzando immagini di minori degli anni diciotto o parti di esse, ma la pena è diminuita di un terzo. Per immagini virtuali si intendono immagini realizzate con tecniche di elaborazione grafica non associate in tutto o in parte a situazioni reali, la cui qualità di rappresentazione fa apparire come vere situazioni non reali».

Ciò premesso, la Corte evidenzia che il bene giuridico protetto dalla fattispecie incriminatrice di pedopornografia virtuale è da identificarsi nella libertà sessuale dei bambini e/o bambine «da intendersi quale categoria di persone destinatarie della tutela rafforzata della intimità sessuale».

Secondo la Corte, coloro che producono, diffondono e detengono materiale pedopornografico virtuale vanno perseguiti perché, con le proprie condotte, alimentano «l'attrazione per manifestazioni di sessualità rivolte al coinvolgimento di minori», mettendo in pericolo il bene intangibile della personalità ancora in formazione del minorenne.

Da questo discende che la pedopornografia virtuale rileva sul piano penale anche quando viene realizzata senza utilizzare immagini di “minori reali”, dal momento che ad essere tutelata non è soltanto la libertà sessuale del bambino reale eventualmente effigiato[1], ma anche la personalità e lo sviluppo dei soggetti minorenni intesi come categoria in generale.

Lo scopo della criminalizzazione delle condotte di produzione, diffusione e possesso di immagini pedopornografiche virtuali consiste nell'evitare che tali immagini possano divenire lo strumento «per sedurre dei soggetti minori od invitarli a partecipare ad attività sessuali».

Ovviamente, la Corte non manca di sottolineare che la pedopornografia virtuale può essere punita ai sensi dell'art. 600 quater 1 cp soltanto quando consti di foto o filmati, che siano in grado di suggerire la reale esistenza delle persone rappresentate.

Sicché, secondo i giudici di legittimità, nell'ambito dell'art. 600 quater 1 cp possono farsi rientrare anche i disegni o le pitture, a condizione però che essi siano idonei a suscitare nello spettatore «l'idea che l'oggetto della rappresentazione pornografica sia un minore».

Anche per questo la Corte tiene a precisare che il delitto in questione è un reato di pericolo concreto, nel senso che il prodotto informatico di tipo pedopornografico deve essere qualitativamente dotato di una propria «capacità rappresentativa di soggetti minorenni coinvolti in attività sessuali».

Conseguentemente, anche la produzione, diffusione e detenzione di una rappresentazione fumettistica, specialmente se ottenuta con tecniche digitali altamente sofisticate, può andare incontro alle sanzioni stabilite dall'art. 600 quater 1 cp, se è in grado di fare «apparire come vere situazioni ed attività sessuali implicanti minori, che non hanno avuto alcuna corrispondenza con fatti della realtà».

Sulla base di quanto sopra esposto, la Corte censura la sentenza impugnata per avere escluso la sussistenza del fatto soltanto perché le immagini incriminate rappresentavano minori di fantasia «ritenendo per ciò solo esclusa ogni riferibilità, seppure apparente, ad una situazione rappresentativa di accadimenti reali», atteso che, come si è visto, anche il disegno pedopornografico di un minore di fantasia, che sia del tutto simile a un minore reale, va ricompreso nella definizione data dall'art. 600 quater 1 cp.

Per concludere la sentenza appare condivisibile e, soprattutto, coerente nelle sue argomentazioni.

Se, come si è visto, l'art. 600 quater 1 cp serve a proteggere i percorsi di crescita del soggetto minorenne, è indubbio che tale norma, per raggiungere questo obiettivo, deve perseguire coloro che producono, diffondono e/o detengono immagini virtuali pedopornografiche che, proprio per la loro alta capacità evocativa di situazioni reali, siano potenzialmente in grado di sedurre o traviare minori.

Il punto però più importante della sentenza è quello in cui la Corte classifica il delitto di pedopornografia virtuale come un reato di pericolo in concreto.

Ciò significa che, per rilevare sul piano penale, l'immagine pedopornografica virtuale, che può essere anche un fumetto o un cartone animato, deve avere una qualità rappresentativa «tale da far apparire come accadute o realizzabili nella realtà e quindi vere, ovvero verosimili, situazioni non reali, ossia frutto di immaginazione di attività sessuali coinvolgenti bambini/e».

Diversamente, se l'immagine pedopornografica virtuale per la sua grossolanità e rozzezza non ha la forza in concreto di rappresentare un minore in carne ed ossa, essa sfuggirà all'applicazione dell'art. 600 quater 1 cp.                                                                                                                                                                                                                                             



[1] Questa ipotesi può verificarsi nel caso in cui l'immagine pedopornografica contenga il volto reale di un bambino aggiunto a un corpo realizzato virtualmente.

13/07/2017
Altri articoli di Federico Piccichè
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
La Corte di Strasburgo sul principio di autosufficienza del ricorso per cassazione

La Corte Edu legittima il principio di autosufficienza del ricorso per cassazione e ne sancisce le funzioni di garanzia della certezza del diritto e buona amministrazione della giustizia, condannandone esclusivamente un’applicazione sproporzionata ed eccessivamente formalistica.

09/11/2021
Ancora una volta i tribunali per i minorenni messi al margine della giurisdizione

Nella riforma del processo civile, per la parte minorile, emerge una non considerazione dei temi e delle modalità operative specifiche appartenenti alla giustizia minorile, ove è sempre presente un danno importante subito dal soggetto minore di età, che trova la sua origine nei gravi maltrattamenti posti in essere dagli stessi sui figli. Nella pratica operativa degli odierni tribunali per i minorenni alla necessità di una effettiva e urgente messa in protezione del minore fa seguito da parte dell’autorità giudiziaria di primo grado la costante attenzione alla evoluzione della vicenda esistenziale del minore e dei suoi genitori, con l’adozione di volta in volta di provvedimenti provvisori, fino ad individuare in via definitiva la soluzione sostanziale più confacente al soggetto minorenne. Forte è la relazione anche personale del giudice specializzato (togato e onorario) con le persone. Nel tentativo di garantire la prossimità, la riforma, sembra prestare maggiore attenzione ai diritti degli adulti, svuotando l’operato dei tribunali per i minorenni e svalutando le importanti prerogative di specifica multi-disciplinarietà.

20/09/2021
Un palazzo nella "grande bellezza" di Roma, nato sotto una cattiva stella

Recensione a Pietro Curzio, Il Palazzo della Cassazione (Bari, 2021, Cacucci Editore).

10/07/2021
Il crocifisso di nuovo in Cassazione. Note da amicus curiae

L’esposizione del crocifisso nelle aule scolastiche viola il principio di laicità e, pur se votata a maggioranza dalla classe, è discriminatoria nei confronti degli studenti e dell’insegnante non consenzienti. La tutela del diritto di libertà di coscienza consente la rimozione del simbolo, ad opera eventualmente dello stesso insegnante per la durata della lezione.

16/06/2021
L’assistenza sociale degli stranieri e gli strani dubbi della Cassazione

La Corte di cassazione rinuncia alla disapplicazione della normativa interna contrastante con le disposizioni delle direttive munite di efficacia diretta verticale, e sceglie la strada dell’incidente di costituzionalità, così finendo per indebolire oggettivamente rilievo e portata precettiva del principio di parità di trattamento nell’accesso all’assistenza sociale assicurato dalle direttive ai cittadini di paesi terzi, e per alterare il rapporto tra diritto interno e diritto dell’Unione.

06/05/2021
Il ricorso per Cassazione in materia di protezione internazionale: alcune domande eretiche

Le controversie in materia di protezione internazionale si confrontano con il giudizio di legittimità in una condizione di complessiva sofferenza. La sinergia fra avvocatura e magistratura può essere utile a far “rispecchiare la legge nella legge” senza abolire “l’immagine dell’uomo”. Il contributo intende mettere a fuoco sia i più recenti sviluppi della giurisprudenza della Cassazione, sia la necessità che l’approccio della difesa all’impugnazione di legittimità sia consapevole dei limiti di ammissibilità con i quali si deve confrontare. 

25/01/2021
Limiti esterni e giurisdizione: il contrasto fra Sezioni Unite e Corte Costituzionale arriva alla Corte UE. Note a prima lettura di Cass. SS.UU. 18 settembre 2020, n. 19598

Le Sezioni unite della Cassazione hanno rimesso alla Corte UE la questione relativa ai limiti del sindacato della Suprema Corte sulle sentenze del Consiglio di Stato quando questo abbiano deciso in contrasto con il diritto UE. Nel commento, gli Autori si soffermano sulla valutazione di sussistenza dei presupposti per il corretto rinvio pregiudiziale alla Corte UE e sull’opportunità che la contrapposizione fra limiti "interni" ed "esterni" della giurisdizione venga superata per assicurare che i principi costituzionali del «giusto processo» dell’art. 111 Cost. trovino uniforme interpretazione e applicazione a garanzia dell’unità funzionale della stessa giurisdizione e del principio costituzionale di uguaglianza.

19/10/2020
Il giudizio di legittimità e la protezione internazionale. La parola alla difesa

Dopo la soppressione del grado di appello, il ruolo della Corte di Cassazione ha acquisito, nei procedimenti in materia di protezione internazionale, un’eccezionale rilevanza, non solo per le dimensioni del relativo contenzioso, ma anche per il contributo fornito dalla giurisprudenza di legittimità alla definizione della natura del giudizio di accertamento della protezione e dello stesso diritto di asilo

11/09/2020
Diritto sovranazionale e diritto interno: rimedi interpretativi
Una riflessione sull’attuale panorama dei rapporti interordinamentali alla luce della doppia pregiudizialità per come la stessa si è dipanata nel corso dell’ultimo anno
27/12/2019