Magistratura democratica
cinema e letteratura

Il naufragio

di Vittorio Gaeta
Consigliere Corte di appello di Bari
Un'opera teatrale racconta l'affondamento dell'imbarcazione albanese Katër i Radës, avvenuto nel canale d'Otranto il 28 marzo 1997
Il naufragio

Ora che il 9 maggio scorso la Cassazione ha chiuso il processo per l'affondamento dell'imbarcazione albanese Katër i Radës, avvenuto nel canale d'Otranto il 28 marzo 1997, confermando le condanne per naufragio colposo dei due responsabili, arriva in non voluta coincidenza l'opera teatrale-musicale “Katër i Radës. Il naufragio” di Admir Shkurtaj, su libretto di Alessandro Leogrande con direzione di Pasquale Corrado, presentata domenica 12 ottobre alla Biennale di Venezia.

Il libro a cui si ispira l'opera, anch'esso scritto da Leogrande, oscillava tra il riportare lo speronamento della Katër da parte della Marina Militare, che provocò la morte di 81 persone, ad una volontà malvagia oppure ad una fatale idiozia: c'erano direttive criminali di governo, oppure “soltanto” un clima isterico, nel quale politici di primo piano invitavano a sparare sui barconi?  

L'inchiesta penale scelse l'ipotesi dell'idiozia, anche per l'estrema difficoltà di individuare i responsabili della direttiva di compiere manovre di disturbo dei barconi a rischio di provocare speronamenti, come poi avvenne.

Qualche dubbio, però, nel libro rimaneva.

Da subito invece l'opera di Shkurtaj, prodotta dai Cantieri Teatrali Koreja per la regia di Salvatore Tramacere, si concentra sulla stupidità.

Ne è passato di tempo, e ricordare e raccontare è ciò che importa adesso.

All'epoca, un Berlusconi molto vitale si precipitò a Brindisi, pianse lacrime, promise posti di lavoro ai superstiti, ne assunse alcuni per qualche settimana in una delle sue ville.

Degli altri, invece, parlava Nanni Moretti nel film “Aprile”: “Il fatto che qui non sia venuto nemmeno un dirigente della sinistra è un sintomo della loro assenza politica, ma soprattutto della loro assenza umana, non gliene importa niente”.

Ne è passato di tempo, e interessano ancora le responsabilità politiche? La memoria alla fine ha dei limiti, e non è sempre regina della verità.

Conta di più la storia.

O la sua assenza, la feroce stupidità che non si cura di evitare o di ridurre al minimo le sofferenze inutili.

Alla Biennale di Venezia, alla presenza del presidente Paolo Baratta e di una delegazione del Consiglio d'Europa, il libro ha trovato compimento nell'opera.

Non è un caso che a scriverla sia stato l'albanese Shkurtaj, musicista preparato ma alieno da virtuosismi non necessari.

La sua musica contemporanea, che in altri compositori risulta scostante e autoreferenziale, era la più adatta a creare un racconto che mescola il senso di una tragedia antica e di un'ottusa modernità, e si avvale di artisti in parte italiani, ma ancor più albanesi, alcuni dei quali (il coro polifonico “Violinat e Lapardhase”) vestiti con costumi tradizionali: una multietnicità vissuta e non da presepio, frutto di una condivisione della tragedia che doveva pur realizzarsi, tra le due sponde dell'Adriatico.

La tensione drammatica era fortissima, con un crescendo che non lascia requie e culmina nell'impressionante finale, nel quale i fagottini che avvolgevano i bambini morti dei migranti (ma nel 1997 gli speronatori credevano che nascondessero armi) vengono deposti e ricevono l'omaggio degli anziani, mentre sullo sfondo si sollevano i vestiti dei naufraghi, come in una teologica resurrezione dei morti.

Cinque minuti di applausi per i musicisti cantanti e attori di questa preghiera laica, che viene da una memoria mite né rancorosa né arrendevole, e perciò capace di trasformarsi in storia, storia che si racconta.

Senza l'arte, forse non sarebbe stato possibile.

26/10/2014
Altri articoli di Vittorio Gaeta
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
Le regole sulla cittadinanza o l’autoreferenzialità di un potere che non vuole invecchiare

L’Italia disciplina attualmente l’acquisto della cittadinanza con regole sostanzialmente regressive rispetto a quelle vigenti all’inizio dello scorso secolo. La legge 91/92 ripete, infatti, la legge n. 555 del 1912, ed anzi, lega la questione dello status ai flussi migratori in entrata, restringendone l’accesso ai nuovi cittadini. Così se, nel corso degli anni, anche in attuazione di specifici obblighi comunitari, i residenti possono vantare o pretendere, la piena parità nell’ambito dei diritti civili e sociali, l’accesso ai diritti politici, decretato dall’acquisto della cittadinanza, rimane costretto in logiche già tracciate e non “aggiornate” agli avvenimenti che hanno connotato il XIX secolo. Un ritardo, o meglio un anacronismo, che esclude le tante generazioni di giovani che, in parte invertendo la linea di tendenza dei loro coetanei “italiani”, chiedono di partecipare al fine comune che, ieri come oggi, consiste nel buon governo della comunità.

21/07/2022
Nel campo di San Ferdinando

Il 18 dicembre 2021 un gruppo di magistrati calabresi si è recato a visitare il campo di San Ferdinando dove vivono, in precarietà, i migranti che lavorano come braccianti agricoli nella piana di Gioia Tauro, incontrandoli insieme ad alcune delle persone che si occupano di tutela dei diritti in quel contesto. 
Dai materiali iconografici realizzati dai partecipanti è stato ricavato un documentario. 
Una delle partecipanti all’incontro ha affidato le sue riflessioni a un testo che è stato utilizzato come commento alle immagini.

14/03/2022
Il giallo, la verità e la legge. Ricordando Leonardo Sciascia (1921-1989)

L’8 gennaio 1921 nacque Leonardo Sciascia. Nella ricorrenza del centenario un personale, intenso ricordo del grande scrittore e delle sue riflessioni a proposito della “dolorosa necessità” del giudicare.

08/01/2021
La Corte costituzionale e l’iscrizione anagrafica dei richiedenti asilo (Corte cost. n. 186 del 2020)

Il divieto di iscrizione anagrafica dei richiedenti asilo è stato cancellato dalla sentenza n. 186 del 2020 della Corte costituzionale. La disciplina annullata è stata dichiarata costituzionalmente illegittima in ragione della sua «intrinseca irrazionalità» in relazione ai suoi stessi fini: una decisione importante, anche per il riflesso conformativo che esercita sul successivo esercizio dell’attività legislativa e amministrativa in materia di disciplina delle condizioni di soggiorno e di residenza degli stranieri.

23/12/2020
"Future. Il domani narrato dalle voci di oggi"

La recensione al volume curato da Igiaba Scego e edito da effequ (Firenze, 2019)

17/10/2020
Mai più schiavi nei campi
Un nuovo progetto di contrasto al caporalato e al lavoro sommerso in agricoltura
18/02/2020
Migranti ambientali e divieto di respingimento
Con il caso Teitiota c. Nuova Zelanda, il Comitato dei diritti umani dell’Onu segna un punto fermo rispetto al principio di non respingimento dei cd. migranti climatici, con importanti spunti di riflessione anche sulla possibile tutela garantita dall’ordinamento italiano, su cui recentemente si è espressa la nostra Corte di Cassazione
14/02/2020