Magistratura democratica
cinema e letteratura

Quando l’infanzia genera vittime e carnefici. Recensione a Bambinate, l’ultimo romanzo di Piergiorgio Paterlini (Einaudi, 2017)

di Fabio Gianfilippi
magistrato di sorveglianza, Tribunale di sorveglianza di Spoleto
L’autore è da sempre attento alla ricchezza e alle fragilità della gioventù. Nel suo nuovo libro ci fa incontrare un gruppo di bambini, come tanti, senza edulcorarne però i tratti più feroci. Li ritroviamo poi adulti, ormai schermati dai propri ruoli sociali rassicuranti, ma non per questo meno crudelmente inconsapevoli
Quando l’infanzia genera vittime e carnefici. Recensione a <i>Bambinate</i>, l’ultimo romanzo di Piergiorgio Paterlini (Einaudi, 2017)

«Se ho sempre odiato il dolore, questa impossibilità di senso, ho odiato ancora di più l’ingiustizia, e più ancora chi il dolore lo infligge deliberatamente a qualcun altro, il potere, qualunque potere, usato contro chi non ha strumenti per difendersi».

Paterlini lo fa dire al suo protagonista, tornato nel paese dove è cresciuto per una cena di classe che sa di regolamento di conti, a distanza di molti anni da una infanzia fatta di bambinate, come si tende a sminuirle, di branco contro il più debole, di crudeltà da dimenticare, di pulsioni represse e di adulti che non vogliono vedere cosa succede sotto i loro occhi.

L’autore è da sempre attento alla ricchezza e alle fragilità della gioventù. Ragazzi che amano ragazzi si intitola un suo libro di interviste che, nel 1991, indagava il mondo dell’adolescenza, la scoperta dell’omosessualità, le timide speranze e le enormi paure dei giovani di fronte a temi all’epoca ancora inesplorati nel nostro Paese.

Nel suo nuovo romanzo ci fa incontrare un gruppo di bambini, come tanti, senza edulcorarne però i tratti più feroci. Li ritroviamo poi adulti, ormai schermati dai propri ruoli sociali rassicuranti, ma non per questo meno crudelmente inconsapevoli.

A fare da sfondo c’è una provincia emiliana che mi ricorda Pier Vittorio Tondelli, anche per il senso, tutto umano e insieme profondamente religioso, di una Via Dolorosa che la vittima delle angherie dei coetanei deve percorrere verso il suo Calvario di umiliazione.

Ha ragione il protagonista: la sopraffazione del debole è odiosa, quante volte ce lo ripetiamo, ravvisandola anche là dove ce la aspetteremmo bandita senza eccezioni? Eppure la via per non esercitarla è tanto stretta e non battuta da richiedere una quotidiana assunzione di responsabilità. Uno sforzo di coerenza e di empatia che costa il superamento della troppo umana propensione a porsi dalla parte di chi ha la forza.

«L’odore del sangue che fa accanire le belve su chi è già a terra ferito, ecco, questa è la puzza che sento io, sempre, la puzza cui non mi abituo, la puzza che mi dà il voltastomaco».

E l’io narrante, persino lui che sa definire così chiaramente questo orrore, ne è stato parte e tornerà, forse, nel finale, ad esserne stordito, senza attenuanti.

Il romanzo breve, ma durissimo, di Paterlini scuote profondamente e riporta a galla, solo che se ne abbia la forza, il dolore annidato al fondo delle nostre infanzie perfette, lì dove siamo stati vittime o carnefici, ad ogni modo parti di un ingranaggio crudele che qualcuno sostiene insegni come va il mondo, ma serve soprattutto a perpetuare un mondo in cui l’altro, il diverso, il difforme, non possono avere piena cittadinanza.

Il veleno di Bambinate può essere allora un antidoto in grado di svegliarci dal torpore in cui troppo spesso ci crogioliamo. Non una predica, ma uno stimolo alla consapevolezza. I bambini che eravamo hanno sofferto e fatto soffrire. Ora sono adulti che portano i segni di quel remoto passato, ma possono scrollarsene di dosso le scorie. E forse provare a sperimentare, a differenza del protagonista, la possibilità di essere migliori.

21/10/2017
Altri articoli di Fabio Gianfilippi
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
Messa alla prova, quasi un romanzo di formazione
Ennio Tomaselli, per anni magistrato a Torino soprattutto in ambito minorile, è autore di numerose pubblicazioni, tra cui Giustizia e ingiustizia minorile. Tra profonde certezze e ragionevoli dubbi (FrancoAngeli, 2015). Messa alla prova (Manni editore, 2018) è il suo primo romanzo che, non per caso, ruota (anche, ma non solo) attorno al mondo della giustizia minorile. I personaggi: un cancelliere di tribunale, un giudice minorile e un ragazzo con alle spalle un’adozione fallita. Li accomuna un desiderio insoddisfatto di giustizia
22/09/2018
“Con i piedi nel fango. Conversazioni su politica e verità”
In questo libro-intervista, Gianrico Carofiglio parte da un valore che poi non abbandona: ogni soggetto politico deve essere consapevole del proprio agire e responsabile delle scelte che fa. Infatti «l’imperturbabilità» davanti al male «può essere una buona tecnica per il benessere personale ma non è un valore», mentre la sofferenza altrui, le discriminazioni, i grandi problemi del mondo dovrebbero essere sempre all’attenzione del politico e del cittadino, provocando in loro una «forma controllata di disagio» che li porta a scelte anche «compromissorie» pur di ottenere il risultato di attenuare quel male.
21/04/2018
Per Alessandro Leogrande
In ricordo di un intellettuale e scrittore che continuerà a essere un punto di riferimento per Magistratura democratica. Oltre al brano di Giancarlo, troverete il video dell'incontro di “Parole di giustizia 2016”. Un dialogo su frontiere, paure, sicurezza tra Alessandro Leogrande e Livio Pepino
29/11/2017
La memoria e il desiderio
Note in margine al libro di Piero Curzio, Quasi saggio (Cacucci, Bari, 2017), in occasione della sua presentazione pubblica al Municipio di Capri, il 13 ottobre 2017
24/11/2017
Quando l’infanzia genera vittime e carnefici. Recensione a Bambinate, l’ultimo romanzo di Piergiorgio Paterlini (Einaudi, 2017)
L’autore è da sempre attento alla ricchezza e alle fragilità della gioventù. Nel suo nuovo libro ci fa incontrare un gruppo di bambini, come tanti, senza edulcorarne però i tratti più feroci. Li ritroviamo poi adulti, ormai schermati dai propri ruoli sociali rassicuranti, ma non per questo meno crudelmente inconsapevoli
21/10/2017
La ricchezza dell’esserci per davvero
Una proposta di lettura di “Eccomi” (Guanda, 2016) di Jonathan Safran Foer
01/10/2016
Una semplicità niente affatto banale
Recensione a Michela Murgia, “Futuro interiore”, Einaudi, Torino 2016
24/09/2016
In ricordo di Ermanno Rea
"L'idea che sia impensabile un comunismo allegro, umano, garbato, perfino 'leggero', fa il paio con l'idea che non possa esistere in natura il napoletano silenzioso, ordinato, malinconico, legalitario fino all'ossessione. Il fatto è che certi luoghi comuni sicuramente facilitano la vita, però non la spiegano"
17/09/2016