Magistratura democratica
Europa

Lo "stigma" dell'abogado

di David Cerri
avvocato in Pisa
Atri spunti di riflessione in merito alla decisione della Corte di Giustizia dell'Ue sul caso Torresi
Lo "stigma" dell'abogado

La lettura della decisione della Corte di Giustizia sugli abogados offre qualche spunto di riflessione più ampio del tema trattato.

Si può, intanto, verificare lo stile astratto dell'argomentazione; notare come - tutto sommato, e nonostante una vulgata corrente - imprese e professioni non siano considerate nello stesso modo (in questo caso, col risultato paradossale che i clienti delle seconde sono meno tutelati di quelli delle prime); soprattutto, è lecito stupirsi per la completa assenza di qualsiasi riferimento ad un interesse pubblico: si discute soltanto di professionisti (di concorrenza?), sullo sfondo di un contrasto immanente ma non reso esplicito tra - da una parte - quelle che non sono più le "Korporation" descritte nelle Grundlinien hegeliane, ma enti pubblici (almeno in Italia, così è per il Consiglio Nazionale Forense che aveva sollevato le questioni pregiudiziali) che nella tutela di quell'interesse dovrebbero avere il proprio fine istituzionale, e - dall'altra - non tanto i singoli "furbetti" (riprendo l'espressione di Vincenzo Comi in recentissimo commento su Archivio Penale on line) quanto le imprese commerciali che gestiscono il "traffico" di aspiranti abogados.

La motivazione astratta: si leggano i paragrafi 44/49 sull'applicazione al caso di specie dei criteri di accertamento dell'esistenza di una pratica abusiva; il carattere meramente sillogistico (verrebbe la voglia di definirlo tautologico) è palese: se - sostiene la Corte - lo scopo della Direttiva 98/5/CE è garantire una doppia scelta del professionista (dove acquisire il titolo - dove esercitare), bè, allora quel che è successo nel caso Torresi è proprio quel che il legislatore europeo voleva.

Difficile darle torto.

Ma come la mettiamo con la strumentalità di un passaggio pressochè immediato (studi qualificanti nel paese A - acquisizione del titolo nel paese B - ritorno nel paese A)?

No problem: dov'è scritto che l'esercizio possa essere subordinato ad altri requisiti (come, per esempio, un periodo di pratica) ?

Ineccepibile. Probabilmente è un modo di ragionare che sarà adeguatamente valorizzato dai difensori delle multinazionali nelle cause dove si discuterà di abuso del diritto, specialmente in materia tributaria.

Considerazione quest’ultima che porta dritti alla successiva, sulla quale non mi dilungo perchè già ne scrive Gaetano Viciconte: abuse test (e quindi qualche verifica sostanziale, e quindi qualche garanzia per i consumatori) solo per le imprese, nel cui ambito allora sembra che i professionisti talvolta vengano fatti rientrare, e talaltra non.

Abbiamo però già sottolineato come il convitato di pietra nella decisione della Corte sia l'interesse pubblico, vale a dire il legittimo affidamento della clientela nella preparazione del professionista; non è certamente detto che il sistema dell'accesso italiano o di altri (praticamente tutti gli altri) paesi europei costituisca un modello (per carità...) ma è sicuro che quello spagnolo prima delle modifiche non si poneva neppure il problema.

La soluzione, però, secondo la Corte, c'è: avvocato stabilito mica significa avvocato tout court!

L'avvocato migrante deve presentarsi col titolo acquisito (nel caso, di abogado), pregi e difetti del quale quindi il cliente potrà preventivamente valutare.

Di qui il titolo: una simile qualifica si presta a conferire uno stigma a chi l’assume, secondo la classica definizione di Erving Goffman, contrapponendo l’abogado all’avvocato “normale” e screditandolo per principio.

E’ un bene? È un male?

Diciamo intanto che è lecito - la si vuole o no la concorrenza? - che le associazioni degli avvocati e gli stessi enti istituzionali forniscano un'adeguata informazione all'opinione pubblica sui diversi percorsi formativi (poiché certamente la loro conoscenza non rientra nel bagaglio culturale del cliente/consumatore tipico); in secondo luogo - e qui torna il tema del vero conflitto in corso - ogni generalizzazione è sempre inopportuna.

Una storia è quella del giovane che va a fare esperienza all'estero, ciò che è anzi auspicabile; altra è quella di chi accetta un'offerta del seguente letterale tenore (e che tiene già conto dell’introduzione della prova attitudinale, che evidentemente non spaventa molto, consistendo in un test di 50 domande a risposta multipla e in una prova scritta di tre domande su una materia a scelta, portandosi dietro il dizionario bilingue):

Le sei fasi che ti cambieranno la vita 1. Frequenti un corso intensivo di lingua spagnola 2. Omologhi la tua laurea in Spagna 3. Frequenti il master on line in “Abogacia” 4. Sostieni la prova di abilitazione come Abogado 5. Richiedi l’iscrizione come avvocato stabilito in Italia 6. Richiedi, dopo tre anni, l’iscrizione all’albo degli avvocati ordinariLa tua presenza in Spagna è necessaria solo per brevi periodi, durante i quali ti affiancherà lo staff della nostra sede di Madrid. Oltre 500 persone ce l'hanno già fatta È così: oltre 500 laureati in Giurisprudenza si sono affidati a XXXX [nota società di formazione, 4 lettere…] per diventare avvocati in Spagna e la loro fiducia è stata ripagata!

Si è accertato che il 92% degli avvocati stabiliti è...italiano (e l'83% di loro ha trovato il fascino di Madrid irresistibile), quindi forse si potrebbe discutere dell'argomento con un poco di sano realismo.

In un ordinamento che dovrebbe privilegiare la trasparenza sotto vari profili - da quello della pubblicità ingannevole, a quello deontologico - sembra quindi che l'iniziativa torni ai professionisti ed alle loro istituzioni; ma come?

Un tentativo di sondare la Corte Costituzionale sul profilo dei controlimiti parrebbe lodevole, ma di incerto esito; la pressione sulla politica per l'adozione di misure a tutela dei consumatori può lasciare scettici (maiora premunt).

Di sicuro potrebbe essere adottata una esplicita (a scanso di questioni sotto il profilo della tassatività) previsione deontologica sull'obbligo (e non solo la facoltà) di indicare nei siti internet ed in qualsiasi altra sede informativa i dati salienti dei propri percorsi formativi (e se all'Antitrust sembrerà opera di cartello - ma sarebbe davvero strano limitare l'informazione, dopo tutto il tempo e le fatiche spese ad ampliarla - vivaddio vedremo se c'è ancora un giudice a Berlino, oops, Lussemburgo).

25/09/2014
Altri articoli di David Cerri
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
Pillole di CGUE - Terzo trimestre 2020

Le più interessanti pronunce della Corte del Lussemburgo emesse nel terzo trimestre 2020

09/10/2020
Nel presente intervento si illustrano sinteticamente gli aspetti positivi del dialogo e della collaborazione fra giuristi di Paesi civil law e giuristi di Paesi di common law – a partire dai giuristi britannici – quali finora si sono avuti in ambito europeo, confidando, per il dopo Brexit, nell’europeismo giuridico che si è manifestato dopo il Protocollo n. 30 del Trattato di Lisbona, pur con le debite differenze
11/10/2019
Secondo trimestre 2019
Le più interessanti pronunce della Corte del Lussemburgo emesse nel secondo trimestre 2019
11/09/2019
Conseguenze della condanna penale del rifugiato secondo la sentenza della Cgue del 14 maggio 2019
La commissione di reati gravi sul territorio nazionale non fa dell’immigrato un soggetto privo del tutto di protezione e di diritti, spettandogli comunque i diritti salvaguardati per tali ipotesi dalla Convenzione di Ginevra e tutti i diritti spettanti allo straniero e non presupponenti una sua residenza regolare
14/06/2019
Non è immaginabile una cultura giuridica europea senza la giurisprudenza in tema di libertà e di diritti delle Corti europee che rappresentano la garanzia di uno strumento di verifica del rispetto dei diritti: il discorso sui diritti comprende una capacità di visione attraverso una lente in grado di cogliere uno spettro più ampio di prospettive, in un’ottica non puramente nazionale. Non vi è giudice nei confini dell’Europa che oggi non si senta giudice europeo, che non avverta il senso di un percorso irreversibile che la giurisdizione deve continuare a compiere verso l’effettiva realizzazione di un spazio comune di Giustizia
21/05/2019
Primo trimestre 2019
Le più interessanti pronunce della Corte del Lussemburgo emesse nel primo trimestre 2019
17/05/2019
Il diritto all’assistenza sociale dei rifugiati. Riflessioni a partire da Corte di giustizia, sentenza 21 novembre 2018 (C-713/17)
La Corte di giustizia afferma che l’art. 29 della “direttiva qualifiche” obbliga gli Stati membri a riconoscere la parità di trattamento dei beneficiari di protezione internazionale nell’accesso all’assistenza sociale ed è norma produttiva di effetti diretti
08/04/2019
La sentenza n. 20/2019 della Corte costituzionale italiana verso un riavvicinamento all’orientamento della Corte di giustizia?
Nuovo intervento, dopo l’obiter della n. 269/2017, della Corte costituzionale sul tema dell’applicabilità diretta della Carta di Nizza quando la norma interna viola anche le disposizioni costituzionali. Le precisazioni della Corte sembrano scongiurare una rotta di collisione con l’orientamento della Corte di giustizia, ma a prezzo di una più estesa limitazione della discrezionalità dei giudici comuni
04/03/2019