Magistratura democratica
Europa

La Convenzione Europea dei Diritti dell'Uomo compie 70 anni

di Silvia Moretti
Borsista Alma Mater Università di Bologna

Celebrati ad Atene, sotto gli auspici della Presidenza greca del CoE, i 70 anni della CEDU. Il suo ruolo e il suo significato nelle parole del Presidente Spano.

Il 4 novembre 2020 è stato il 70esimo  anniversario della Convenzione europea dei diritti dell’uomo, firmata a Roma il 4 novembre del 1950. Per questa importante occasione, la Presidenza greca del Comitato dei Ministri del Consiglio d'Europa ha organizzato una cerimonia celebrativa che si è svolta ad Atene alla presenza delle massime autorità del Consiglio d'Europa e della Grecia. 

Il presidente della corte europea dei diritti dell’uomo, Robert Spano, ha tenuto un discorso sottolineando come la Convenzione sia “la nostra lingua comune”, uno “strumento vivente”, una conquista per tutti gli stati europei, perché la Convenzione è espressione di un sistema collettivo di protezione dei diritti umani. Spano, nel ricordare i momenti difficili che stiamo vivendo, sottolinea come tutti noi, l’attuale generazione di "guardiani" del Consiglio d’Europa e della Convenzione europea dei diritti dell’uomo, dobbiamo compiere ogni sforzo per onorare questo impegno. Egli afferma ancora con forza che il successo della Convenzione risiede sulla "responsabilità condivisa" tra Corte e Stati nella sua attuazione, che ha come corollario il principio di sussidiarietà. Sottolinea infine che non può esservi responsabilità condivisa senza una magistratura forte e indipendente che opera all'interno dello stato di diritto.

Questo l'intervento del Presidente Spano.

La Convenzione europea dei diritti dell'uomo ha settant'anni. È una gioia per me celebrare questo anniversario con le massime autorità del Consiglio d'Europa.

Che magnifico simbolo è che la città il cui nome è associato per tutta l'eternità all'idea di democrazia ci accolga in questa eccezionale occasione.

Non possiamo dimenticare che qui è stata inventata la forma moderna dello Stato, e che Pericle ricordava che la libertà era la regola nel governo della Repubblica e nei rapporti tra gli uomini. Libertà, quel valore che si ritrova in tutte le principali disposizioni della Convenzione europea dei diritti dell'uomo. In primo luogo, nel suo preambolo, che riafferma che le libertà fondamentali sono le basi stesse della democrazia, della giustizia e della pace nel mondo. Poi, in molte delle sue disposizioni più importanti. Che si tratti di libertà fisica o di tutte le libertà della mente. Queste libertà sappiamo quanto siano indispensabili in una democrazia.

Non si può non rimanere colpiti dall'energia e dalla fantasia di alcuni visionari che, più di settant'anni fa, hanno dato vita alla Convenzione europea dei diritti dell'uomo. Lo hanno fatto sulle macerie della Seconda guerra mondiale, del nazismo e dei totalitarismi.

Questi uomini si sono impegnati a favore di valori comuni come la democrazia, lo stato di diritto e la preminenza del diritto. Tutto ciò che era stato violato durante la seconda guerra mondiale. Erano fermamente convinti che un testo internazionale, con un efficace meccanismo di controllo, fosse essenziale se non si volevano rivivere le tragedie che avevano insanguinato l'Europa e il mondo.

La Convenzione conferisce alla Corte, che ho l'onore di presiedere, la competenza ad assicurare che i 47 Stati membri del Consiglio d'Europa rispettino i diritti da essa garantiti. È nostra responsabilità.

Ma la Corte, tuttavia, e me ne rallegro, non ha il monopolio della Convenzione. Nel corso degli anni, la Convenzione europea dei diritti dell'uomo è diventata la nostra lingua comune, la lingua di noi europei, un testo che ci avvicina e che appartiene a ciascuno di noi. Ogni giorno viene invocata e applicata nei tribunali dei nostri Stati membri. E' l'opposto di un testo fisso e rigido. Lo interpretiamo alla luce delle attuali condizioni di vita, come uno strumento vivente. Questo è senza dubbio ciò che spiega la sua modernità e la sua durata. Spiega anche l'influenza della nostra giurisprudenza e la sua influenza in Europa e nel mondo intero.

Le nostre sentenze riguardano sia i diritti sostanziali che le garanzie procedurali. Hanno contribuito a ridurre le più gravi violazioni dei diritti umani, ma anche ad armonizzare i sistemi nazionali di protezione. Applicando la Convenzione, la Corte ha rafforzato le libertà politiche, i processi equi, le libertà personali e il diritto alla proprietà. I diritti dei più vulnerabili sono protetti: gli accusati, i detenuti, i malati di mente, i richiedenti asilo, gli stranieri, i bambini, le minoranze.... La discriminazione è vietata.

La Convenzione europea dei diritti dell'uomo non è solo un trattato giuridico, ma è anche un simbolo sotto forma di costellazione di diritti che mirano a dare vita al valore intrinseco di ogni persona e alla dignità umana. Essa simboleggia una parte essenziale della cultura giuridica europea. Rappresenta la più bella conquista del Consiglio d'Europa e un punto di riferimento nello sviluppo dello status dell'individuo nel diritto internazionale. Ha anche contribuito alla pace e alla stabilità nel nostro continente. Ciò che è assolutamente chiaro è che questa costellazione di diritti e libertà fondamentali è stata raramente se non mai così importante come ora, proprio in questo momento.

A questo proposito è importante ricordare che la Convenzione europea è anche la vostra conquista, la conquista degli Stati membri, perché siete integrati in un sistema di applicazione collettiva dei diritti umani. Insieme, condividiamo la responsabilità di garantire la sua continua efficacia.

In effetti, il tema generale del decennale processo di riforma della Convenzione è stato quello della responsabilità condivisa. Responsabilità condivisa è un termine usato per descrivere il legame tra il ruolo della Corte europea dei diritti dell'uomo e gli Stati parte. Questo legame è vitale e la Corte si impegna a garantire un dialogo continuo con i suoi partner. …

Credo si possa affermare con certezza che nessuno di noi dimenticherà mai il 2020, soprattutto a causa delle circostanze senza precedenti che ci troviamo ad affrontare a seguito della pandemia, ma anche per altri motivi. Tuttavia, quest'anno è stato molto importante per il sistema della Convenzione, culminando nell'odierna celebrazione dei 70 anni dalla firma della Convenzione europea dei diritti dell'uomo che si tenne a Roma il 4 novembre 1950.

Eppure, diciamolo chiaramente, viviamo in tempi incerti. Ci troviamo di fronte a sfide terribili per lo stato di diritto, i diritti umani e l'indipendenza della giustizia. Colgo quindi l'occasione per affermare quanto segue senza mezzi termini: la responsabilità condivisa e il suo principio di base, la sussidiarietà, non è realistica senza tribunali nazionali forti, indipendenti e imparziali che funzionino all'interno di un sistema nazionale governato dallo Stato di diritto. È dovere, responsabilità di ogni Stato membro del Consiglio d'Europa garantire questa caratteristica strutturale primordiale del sistema della Convenzione. Certo, il ruolo fondamentale della Corte di Strasburgo è stato e continuerà ad essere quello di far rispettare con forza lo stato di diritto che è insito in tutti gli articoli della Convenzione.

Non dobbiamo mai dimenticare che la tutela dei diritti umani per tutti gli europei è la nostra preoccupazione collettiva, non limitata dalle frontiere o da altre inibizioni parrocchiali. 

Permettetemi di concludere ricordando le parole del Preambolo della Convenzione europea dei diritti dell'uomo dove si afferma, e cito, che «i governi dei paesi europei che hanno una mentalità simile e un patrimonio comune di tradizioni politiche, ideali, libertà e stato di diritto», decidono di muovere i primi passi per «l'applicazione collettiva» di alcuni diritti umani.

Ora, a 70 anni di distanza, è nostro dovere, nostra comune responsabilità, l'attuale generazione di guardiani del Consiglio d'Europa e della Convenzione europea dei diritti dell'uomo, onorare questo impegno e compiere ogni sforzo, con determinazione e risolutezza, per garantire che i diritti e le libertà previste dalla Convenzione continuino ad essere garantiti a tutti.

10/11/2020
Altri articoli di Silvia Moretti
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
La Corte costituzionale e le scelte del legislatore sull’ergastolo ostativo

In più scritti questa Rivista ha espresso il suo orientamento di apertura verso un nuovo assetto che, in tema di liberazione condizionale, sostituisca alla presunzione assoluta di mancata rescissione dei legami con la criminalità organizzata, superabile solo con la collaborazione, un vaglio in concreto del giudice di sorveglianza. 
Nello spirito di pluralismo e di confronto aperto che caratterizza Questione Giustizia pubblichiamo anche interventi di segno diverso, come quello odierno di Luca Tescaroli, che - dopo una ricognizione della giurisprudenza della Corte costituzionale e in vista della nuova normativa sollecitata dal giudice delle leggi – rappresenta le ragioni che stanno a fondamento del mantenimento di una disciplina ostativa rigorosa ed ancorata a presupposti certi.

01/10/2021
Reformatio in peius in appello e processo equo nella giurisprudenza della Corte Europea dei diritti dell’Uomo da Dan c. Moldavia a Maestri ed altri c. Italia

Nella sentenza Maestri ed altri c. Italia dell’8 luglio 2021 la Corte Europea dei diritti dell’Uomo, oltre a ribadire la necessità di procedere ad una nuova escussione dei testimoni ai fini della condanna in appello preceduta da assoluzione in primo grado, come affermato in Lorefice c. Italia del 29 giugno 2017, per la prima volta condanna l’Italia per non essere stato disposto, anche d'ufficio, l'esame degli imputati prima di procedere al ribaltamento della sentenza assolutoria di primo grado. Il testo analizza la giurisprudenza europea sul tema, cogliendo l’occasione per qualche riflessione critica sul valore del precedente nella giurisprudenza della Corte Edu.

07/09/2021
Sentenze di marzo 2021

Le più interessanti pronunce emesse dalla Corte di Strasburgo a marzo 2021
 
 

16/07/2021
Il crocifisso di nuovo in Cassazione. Note da amicus curiae

L’esposizione del crocifisso nelle aule scolastiche viola il principio di laicità e, pur se votata a maggioranza dalla classe, è discriminatoria nei confronti degli studenti e dell’insegnante non consenzienti. La tutela del diritto di libertà di coscienza consente la rimozione del simbolo, ad opera eventualmente dello stesso insegnante per la durata della lezione.

16/06/2021
Il Protocollo 16 e l’urgenza di riaprire il dialogo con il Parlamento per la sua ratifica

Un imminente convegno di Area Cassazione rilancia il confronto fra Parlamento, giurisdizione e dottrina 

11/06/2021
La vittima ed il suo Giudice

La “storica” decisione della CEDU di condanna dello Stato italiano per violazione dell’art. 8 della Carta afferma il diritto della donna che denuncia una violenza sessuale al rispetto della sua vita privata, anche da parte dei Giudici che ne esaminano la credibilità, che non può essere affermata o negata in base alle sue abitudini sessuali, ed alle sue libere scelte di comportamento, in applicazione di canoni di moralità che rispecchiano stereotipi superati sul ruolo delle donne. Lo Stato è tenuto alla tutela della libertà della persona, e della sua dignità, tanto più nell’occasione dell’esercizio dell’attività giurisdizionale: un principio che Questione giustizia vuole rilanciare nel giorno della ricorrenza della istituzione della Repubblica italiana.

02/06/2021
Simmetrie tra diritti della persona offesa: equo processo e risarcimento del danno davanti alla Corte di Strasburgo

Corte EDU (Prima Sezione), 18 marzo 2021, ric. n. 24340/07, Petrella c. Italia: se le indagini si concludono con l'archiviazione per prescrizione si viola l'art. 6 § 1 CEDU. Un commento

01/06/2021