Magistratura democratica
giurisprudenza di legittimità

Interpretazione costituzionalmente orientata, esclusione del socio di cooperativa e competenza del giudice del lavoro

di Roberto Riverso
giudice del Tribunale di Ravenna
L'ordinanza n.24917 della Corte di cassazione costituisce una solida risposta su una questione resa incerta da un vero e proprio puzzle normativo
Interpretazione costituzionalmente orientata, esclusione del socio di cooperativa e competenza  del giudice del lavoro

1.- Uno dei nodi interpretativi più delicati e controversi della riforma in materia di socio lavoratore di cooperativa dettata dalla legge 142/2001, riformata dalla legge 30/2003, riguardava l’intreccio degli aspetti sostanziali e processuali legati alla vicenda esclusione-licenziamento. Ai sensi della discussa riforma (avvenuta per opera dell’art. 9 della l. 30/2003) il rapporto di lavoro del socio di cooperativa si estingue ex lege, automaticamente, con il venir meno del rapporto sociale, a seguito della delibera di esclusione. 

Il legislatore del 2003, modificando con l’art. 9 della legge n.30 l’art.5 della legge 142/2001 ha stabilito infatti che “Il rapporto di lavoro si estingue con il recesso o l’esclusione del socio deliberati nel rispetto della previsioni statutarie e in conformità agli articoli 2526 e 2527 c.c. (recte 2532 e 2533 c.c.). Quindi oggi lo scioglimento del vincolo sociale determina automaticamente ope legis l’estinzione del rapporto lavorativo, quale che sia la natura di quest’ultimo (subordinata, parasubordinata, autonoma) e non richiede alcun ulteriore atto risolutivo; nel caso di rapporto di lavoro a carattere subordinato non è necessaria l’intimazione di un licenziamento.

2.- Secondo l’importante ordinanza della Corte di Cassazione n.24917 del 21.11.2014, resa in sede di regolamento di competenza, in caso di esclusione del socio lavoratore di cooperativa ai sensi della legge 142/2001, è il giudice del lavoro che deve farsi carico della causa, secondo il regime di competenza in vigore. E giudicare quindi tanto la lite societaria, tanto quella lavoristica che sono implicate in ogni caso di risoluzione dei due contratti (appunto il contratto sociale e il contratto di lavoro), che pur compongono il complesso rapporto giuridico di cui si tratta, ai sensi della legge 142/2001.

3.- Si tratta di una pronuncia attesa che, adoperando un lessico ed una impostazione sensibile ai valori costituzionali, costruisce una solida risposta su una questione resa incerta da un vero e proprio puzzle normativo (art. 5 legge 142/2001 come riformato dalla legge 30/2003; gli artt. 40 e 409 c.p.c.; l’art. 2 d.l. 24.1.2012, n. 1, conv. in legge n. 27/2012 ). Un intreccio che secondo i più aveva – pervicacemente - finito per sottrarre dal perimetro di competenza del più naturale giudice del lavoro, ed a beneficio del c.d. tribunale dell’imprese, la cognizione di vicende che di societario hanno il più delle volte poco o niente. E che in ogni caso portano sempre e comunque alla risoluzione del rapporto di lavoro.

4.- La pronuncia attiene ad un caso in cui due soci lavoratori erano stati esclusi dalla cooperativa, oltre che per motivi afferenti alla prestazione mutualistica, anche per un motivo prettamente lavoristico (essendo venuto meno il loro posto di lavoro). Ma le motivazioni attraverso cui i giudici di legittimità pervengono all’attribuzione della causa alla competenza del giudice del lavoro, annullando l’ordinanza declinatoria del giudice di merito, vanno aldilà della vicenda reale in cui si inserisce la risoluzione del rapporto di lavoro nel caso concreto oggetto del giudizio.

5.- Le affermazioni di principio effettuate dalla Corte sono infatti suscettibili di estese applicazioni in ogni ipotesi di esclusione dalla cooperativa che sempre conduce (anche semplicemente ex lege) alla risoluzione comunque dell'ulteriore rapporto di lavoro (secondo l’art.1 comma 3 della legge 142/2001) .

La premessa di questo giusto percorso interpretativo e' che ogni esclusione del socio-lavoratore dalla cooperativa porta sempre con sé un intreccio di questioni sostanziali (la risoluzione dei due rapporti) che si tramuta sul terreno processuale in una connessione di cause per pregiudizialità logica e giuridica. Pertanto anche impugnando soltanto l'unica delibera di esclusione la connessione (per pregiudizialità) tra l’una e l’altra questione conduce alla competenza del giudice del lavoro ex art. 40,3 comma c.p.c. idonea ad incidere su entrambi i rapporti anche soltanto ripristinandone uno (quello associativo).

La prevalenza del giudice del lavoro, secondo la Corte di Cassazione, è un riflesso di valori sostanziali superiori che attraversano il rapporto di lavoro ricostruito nel prisma dei principi desumibili dalla Carta Costituzionale. E che sul terreno processuale consentono di attribuire all’art. 40, 3° comma  c.p.c. il valore “di una regola a cui deve riconoscersi carattere generale e preminente per gli interessi di interessi di rilevanza costituzionale che la norma processuale è preordinata a garantire”.

E tale prevalenza opera anche nei riguardi della norma (art. 2 d.l. 24.1.2012, n. 1, conv. in legge n. 27/2012) che ha disegnato la competenza del c.d. tribunale dell’imprese stabilendo che essa si estenda alle controversie in materia di rapporti societari e cause connesse.

6.- L’ampiezza dei principi posti dalla Corte a fondamento della pronuncia consente anzi di formulare ulteriori implicazioni che attengono al rapporto tra questioni societarie e questioni di lavoro in generale, e che vanno oltre la speciale questione della lite relativa alla risoluzione del rapporto del socio lavoratore di cooperativa. Implicazioni doverose, che si impongono tutte le volte in cui esista una connessione qualificata tra domande societarie e domande lavoristiche. In tutti questi casi la palla passa di nuovo ai giudici del lavoro secondo questa giusta soluzione della Cassazione che da alla regola della prevalenza del giudice del lavoro di cui all'art.40c.p.c.il valore di un principio generale, non derogabile dalla legge sul tribunale dell'imprese, di cui anzi costituisce “limite di competenza” .

06/02/2015
Altri articoli di Roberto Riverso
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
Il salario minimo nel quadro comparato

L’esperienza straniera in tema di salario minimo: i casi di Svezia, Germania e Regno Unito 

11/05/2022
Licenziamento disciplinare illegittimo per tardività della contestazione: quale tutela?

Un recente provvedimento del Giudice del lavoro di Ravenna riapre la discussione sulle sanzioni per il licenziamento disciplinare illegittimo per la tardività della contestazione degli addebiti, pur dopo l’arresto della Cassazione a Sezioni Unite del 2017

06/05/2022
Lavoro povero e salario minimo
a cura di Carlo Sorgi

Note a margine del convegno promosso da Magistratura democratica e dall’Associazione Comma 2 svoltosi presso la Corte di Cassazione il 25 marzo 2022

01/05/2022
Strumenti informatici e corrispondenza privata in una sentenza della Cassazione sull'art. 4 dello Statuto dei lavoratori

Il tema dei cd. controlli difensivi ha impegnato per anni dottrina e giurisprudenza e si ripropone anche con il nuovo testo dell’art. 4 della L n. 300/70 Statuto dei lavoratori, complicato dall’uso generalizzato nelle attività aziendali di dispositivi informatici, dati in dotazione ai lavoratori. L’intreccio tra disciplina dei controlli a distanza e tutela della privacy è stato oggetto di alcune sentenze emesse dal Giudice di legittimità all’esito di una udienza tematica. Su una in particolare si sofferma l’articolo, cogliendo l’occasione per osservazioni di carattere più generale. 

29/04/2022
Dall’operaio massa al lavoratore digitale: quale modello per un nuovo Statuto? Riflessioni a partire da un recente Volume per il cinquantenario della legge del 1970

Un recente volume, a carattere interdisciplinare, La Dignità del lavoro. Nel cinquantenario dello Statuto (a cura di P. Passaniti), Franco Angeli (2021), offre contributi importanti per una riflessione ricostruttiva con finalità prospettiche sul modello regolativo adottato nel 1970, sulla sua perdurante attualità e su quanto possa essere rilanciato nel mondo produttivo di oggi (e soprattutto di domani) ad altissima densità tecnologica. 

09/04/2022
La tutela del lavoratore e la prescrizione dei contributi previdenziali, tra norme espresse ed esigenze di sistema

Sostenere - come fa la sentenza della Cassazione n.5820/2021 - che la denuncia del lavoratore e dei suoi eredi, con effetto di raddoppio del termine di prescrizione dei contributi previdenziali, da 5 a 10 anni, siccome testualmente previsto nel comma 9, dell’art.3 della legge 335/1995, “a decorrere dall’1.1.1996”, non si riferisca ai medesimi contributi, ma a quelli precedenti all’entrata in vigore della legge (il 17 agosto 1995), implica un ragionamento tortuoso e difficile da accettare; tradisce il significato letterale e la struttura sintattica della norma; annichilisce il valore sistematico che la disciplina della prescrizione dei contributi è destinata ad assolvere nell’ordinamento, anche (e prioritariamente) nei confronti del lavoratore che, dalla sua maturazione, subisce la perdita della tutela costituzionale imprescrittibile.

29/03/2022
Più di un morto al minuto

Il lato oscuro della prossima kermesse iridata: i mondiali in Qatar sono un affare per tutti ma hanno un costo in vite umane che non era stato preventivato. I migranti sono le vittime silenziose del clima inospitale e del sistema della kefala

25/02/2022
L’ILO e il rispetto dei diritti umani e del lavoro nelle catene globali di subappalto

Il XXI secolo vede le filiere globali e locali di subappalto di beni e servizi affermarsi sempre più numerose e diversificate, con frequenti violazioni di diritti umani e del lavoro. La comunità internazionale e l’Organizzazione Internazionale del Lavoro sono chiamate ad affrontare una questione cruciale per la giustizia sociale, la pace e la democrazia.

23/12/2021