Magistratura democratica
giurisprudenza di legittimità

Interpretazione costituzionalmente orientata, esclusione del socio di cooperativa e competenza del giudice del lavoro

di Roberto Riverso
giudice del Tribunale di Ravenna
L'ordinanza n.24917 della Corte di cassazione costituisce una solida risposta su una questione resa incerta da un vero e proprio puzzle normativo
Interpretazione costituzionalmente orientata, esclusione del socio di cooperativa e competenza  del giudice del lavoro

1.- Uno dei nodi interpretativi più delicati e controversi della riforma in materia di socio lavoratore di cooperativa dettata dalla legge 142/2001, riformata dalla legge 30/2003, riguardava l’intreccio degli aspetti sostanziali e processuali legati alla vicenda esclusione-licenziamento. Ai sensi della discussa riforma (avvenuta per opera dell’art. 9 della l. 30/2003) il rapporto di lavoro del socio di cooperativa si estingue ex lege, automaticamente, con il venir meno del rapporto sociale, a seguito della delibera di esclusione. 

Il legislatore del 2003, modificando con l’art. 9 della legge n.30 l’art.5 della legge 142/2001 ha stabilito infatti che “Il rapporto di lavoro si estingue con il recesso o l’esclusione del socio deliberati nel rispetto della previsioni statutarie e in conformità agli articoli 2526 e 2527 c.c. (recte 2532 e 2533 c.c.). Quindi oggi lo scioglimento del vincolo sociale determina automaticamente ope legis l’estinzione del rapporto lavorativo, quale che sia la natura di quest’ultimo (subordinata, parasubordinata, autonoma) e non richiede alcun ulteriore atto risolutivo; nel caso di rapporto di lavoro a carattere subordinato non è necessaria l’intimazione di un licenziamento.

2.- Secondo l’importante ordinanza della Corte di Cassazione n.24917 del 21.11.2014, resa in sede di regolamento di competenza, in caso di esclusione del socio lavoratore di cooperativa ai sensi della legge 142/2001, è il giudice del lavoro che deve farsi carico della causa, secondo il regime di competenza in vigore. E giudicare quindi tanto la lite societaria, tanto quella lavoristica che sono implicate in ogni caso di risoluzione dei due contratti (appunto il contratto sociale e il contratto di lavoro), che pur compongono il complesso rapporto giuridico di cui si tratta, ai sensi della legge 142/2001.

3.- Si tratta di una pronuncia attesa che, adoperando un lessico ed una impostazione sensibile ai valori costituzionali, costruisce una solida risposta su una questione resa incerta da un vero e proprio puzzle normativo (art. 5 legge 142/2001 come riformato dalla legge 30/2003; gli artt. 40 e 409 c.p.c.; l’art. 2 d.l. 24.1.2012, n. 1, conv. in legge n. 27/2012 ). Un intreccio che secondo i più aveva – pervicacemente - finito per sottrarre dal perimetro di competenza del più naturale giudice del lavoro, ed a beneficio del c.d. tribunale dell’imprese, la cognizione di vicende che di societario hanno il più delle volte poco o niente. E che in ogni caso portano sempre e comunque alla risoluzione del rapporto di lavoro.

4.- La pronuncia attiene ad un caso in cui due soci lavoratori erano stati esclusi dalla cooperativa, oltre che per motivi afferenti alla prestazione mutualistica, anche per un motivo prettamente lavoristico (essendo venuto meno il loro posto di lavoro). Ma le motivazioni attraverso cui i giudici di legittimità pervengono all’attribuzione della causa alla competenza del giudice del lavoro, annullando l’ordinanza declinatoria del giudice di merito, vanno aldilà della vicenda reale in cui si inserisce la risoluzione del rapporto di lavoro nel caso concreto oggetto del giudizio.

5.- Le affermazioni di principio effettuate dalla Corte sono infatti suscettibili di estese applicazioni in ogni ipotesi di esclusione dalla cooperativa che sempre conduce (anche semplicemente ex lege) alla risoluzione comunque dell'ulteriore rapporto di lavoro (secondo l’art.1 comma 3 della legge 142/2001) .

La premessa di questo giusto percorso interpretativo e' che ogni esclusione del socio-lavoratore dalla cooperativa porta sempre con sé un intreccio di questioni sostanziali (la risoluzione dei due rapporti) che si tramuta sul terreno processuale in una connessione di cause per pregiudizialità logica e giuridica. Pertanto anche impugnando soltanto l'unica delibera di esclusione la connessione (per pregiudizialità) tra l’una e l’altra questione conduce alla competenza del giudice del lavoro ex art. 40,3 comma c.p.c. idonea ad incidere su entrambi i rapporti anche soltanto ripristinandone uno (quello associativo).

La prevalenza del giudice del lavoro, secondo la Corte di Cassazione, è un riflesso di valori sostanziali superiori che attraversano il rapporto di lavoro ricostruito nel prisma dei principi desumibili dalla Carta Costituzionale. E che sul terreno processuale consentono di attribuire all’art. 40, 3° comma  c.p.c. il valore “di una regola a cui deve riconoscersi carattere generale e preminente per gli interessi di interessi di rilevanza costituzionale che la norma processuale è preordinata a garantire”.

E tale prevalenza opera anche nei riguardi della norma (art. 2 d.l. 24.1.2012, n. 1, conv. in legge n. 27/2012) che ha disegnato la competenza del c.d. tribunale dell’imprese stabilendo che essa si estenda alle controversie in materia di rapporti societari e cause connesse.

6.- L’ampiezza dei principi posti dalla Corte a fondamento della pronuncia consente anzi di formulare ulteriori implicazioni che attengono al rapporto tra questioni societarie e questioni di lavoro in generale, e che vanno oltre la speciale questione della lite relativa alla risoluzione del rapporto del socio lavoratore di cooperativa. Implicazioni doverose, che si impongono tutte le volte in cui esista una connessione qualificata tra domande societarie e domande lavoristiche. In tutti questi casi la palla passa di nuovo ai giudici del lavoro secondo questa giusta soluzione della Cassazione che da alla regola della prevalenza del giudice del lavoro di cui all'art.40c.p.c.il valore di un principio generale, non derogabile dalla legge sul tribunale dell'imprese, di cui anzi costituisce “limite di competenza” .

06/02/2015
Altri articoli di Roberto Riverso
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
Casa e lavoro. Una storia da far quadrare (Città e lavoro, parte III)

Il testo riproduce l'intervento alla sessione Città e lavoro, a cui hanno preso parte anche Carla Ponterio e Rita Sanlorenzo, nell’ambito del Festival Parole di giustizia intitolato Una città per pensare svoltosi a Pesaro, Fano e Urbino tra il 20 ed il 23 ottobre 2022

14/12/2022
Città e lavoro (parte II)

Il testo riproduce l’intervento alla sessione Città e lavoro, a cui hanno preso parte anche Rita Sanlorenzo e Sandra Burchi, nell’ambito del Festival Parole di giustizia intitolato Una città per pensare svoltosi a Pesaro, Fano e Urbino tra il 20 ed il 23 ottobre 2022

28/11/2022
Città e lavoro

Il testo riproduce l’introduzione alla sessione Città e lavoro, a cui hanno preso parte anche Carla Ponterio e Sandra Burchi, nell’ambito del Festival Parole di giustizia intitolato Una città per pensare svoltosi a Pesaro, Fano e Urbino tra il 20 ed il 23 ottobre 2022

22/11/2022
La "pretesa" del conflitto e l'oblio. Ancora note ad ordinanza 2019/2022 del GIP di Piacenza

L’ordinanza in commento è stata già esaminata in diverse sedi e sostanzialmente demolita dal Tribunale del Riesame, sì che indulgere oltre in critiche potrebbe sembrare vano accanimento, ma c’è qualcosa in essa che continua ad interrogare e di cui si ode l’eco in vicende giudiziarie succedutele, nel medesimo od in analoghi contesti lavorativi. Qualcosa che, nel contempo, si fa eco di vicende antiche che non hanno mai smesso d’interrogare e rimbombano alle orecchie di un giudice del lavoro in questo nuovo millennio.

10/11/2022
La prescrizione della malattia professionale tra vecchie certezze e nuove incertezze

La più recente giurisprudenza ha messo in crisi il consolidato equilibrio raggiunto nella disciplina della prescrizione delle prestazioni spettanti per le malattie professionali, grazie ad un meditato orientamento che teneva insieme l‘impianto originario delle garanzie dettate dal TU INAIL, le istanze di tutela fatte valere dalla Corte Costituzionale in alcuni casi particolari, la disciplina generale della prescrizione (Sez. Un. 576/2008). E’ quanto mai urgente perciò ripristinare una interpretazione più plausibile rispetto al sistema ed ai suoi principi fondamentali. Quelli che portavano la Corte Costituzionale (n.206 del 1988) ad affermare che “ quand'anche la tardiva presentazione della denunzia fosse ascrivibile in tutto o in parte all'ignoranza o alla negligenza o alle stesse pessime condizioni di salute del lavoratore, il privarlo per ciò solo di ogni indennizzo rappresenta pur sempre una manifesta violazione del principio di cui all'art. 38 Cost.” 

02/11/2022
Il caso Piacenza. Sindacati o associazioni a delinquere?

Ai coordinatori di due sindacati di base della logistica operanti nel territorio di Piacenza la Procura della Repubblica ha contestato il reato di associazione a delinquere e una lunga serie di reati fine (tra cui violenza privata, resistenza a pubblico ufficiale, interruzione di pubblico servizio, sabotaggio) ed il Gip ha applicato nei loro confronti misure cautelari. La vicenda ha suscitato dure critiche e reazioni nel mondo del lavoro, tra gli intellettuali e sulla stampa, facendo nascere un “caso Piacenza”. L’articolo sottopone ad un rigoroso esame critico tanto l’imputazione provvisoria di associazione a delinquere presa in considerazione nell’ordinanza cautelare del GIP di Piacenza quanto le imputazioni concernenti i reati fine delle presunte associazioni. Sottolineando come nell’ordinanza piacentina sia stata trascurata la valutazione delle reali finalità della lotta sindacale e si sia costruita l’esistenza di un programma criminoso su azioni o condotte meramente eventuali, non programmate né programmabili al momento della nascita dell’associazione, il cui unico elemento unificante è rappresentato dal perseguimento di uno scopo del tutto lecito e costituzionalmente garantito. 

02/08/2022
I confini della reintegrazione, “terribile rimedio”, e la sospensione della prescrizione dei crediti dei lavoratori: la tutela della parte debole quando è più debole

Le significative modifiche della disciplina limitativa dei licenziamenti, quali quelle apportate dalla legge Fornero e dal cosiddetto Jobs Act, hanno avuto effetti immediati e sicuri sulla materialità dei rapporti di lavoro, che è fatta anche di relazioni di potere, ridisegnando gli equilibri di quel potere, attribuendone una quota ulteriore alle imprese: è allora inevitabile pensare che, come un contrappasso, ai nuovi confini della reintegrazione corrisponda una diversa disciplina della prescrizione e della sua decorrenza, strumento sussidiario, e certo insoddisfacente, di tutela della parte debole del rapporto, quando diventa più debole.

15/07/2022
Lo smarrimento del concetto di occasione nella giurisprudenza di legittimità in materia di infortunio sul lavoro

Recenti pronunce di legittimità rimettono in discussione gli approdi interpretativi maturati negli anni a proposito dell’ambito di indennizzabilità dell’infortunio occorso “in occasione di lavoro”, nozione nella quale si facevano rientrare tutti i fatti, anche straordinari ed imprevedibili, inerenti all’ambiente, alle macchine o alle persone, purché attinenti alle condizioni di svolgimento della prestazione, ivi compresi gli spostamenti spaziali del lavoratore. Tanto la pausa di lavoro, quanto il passaggio al collega, rappresentano situazioni giustificate, ragionevoli e correlate al lavoro, in quanto rispondenti, comunque le si valuti, ad un interesse tanto del lavoratore quanto dello stesso datore di lavoro.

30/06/2022
Il salario minimo nel quadro comparato

L’esperienza straniera in tema di salario minimo: i casi di Svezia, Germania e Regno Unito 

11/05/2022