Magistratura democratica
giurisprudenza di merito

Sui precari della scuola…aspettando la Corte costituzionale

Pubblichiamo le sentenze del Tribunale di Napoli dopo la decisione della CGUE 26 novembre 2014 Mascolo e altri c. Min. Dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca
Sui precari della scuola…aspettando la Corte costituzionale

Pubblichiamo le sentenze del Tribunale di Napoli dopo la decisione della CGUE 26 novembre 2014 Mascolo e altri c. Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, sul travagliato tema della tutela spettante aii lavoratori precari della scuola.

Il Tribunale conferma la propria giurisprudenza che accorda ai lavoratori il diritto alla costituzione del rapporto in contratto a tempo indeterminato, all’atto del superamento della soglia di 36 mesi, diritto sancito dall’art. 5, comma 4-bis, del d.lgs. 368/01, che riguarda in generale il contratto a termine e che il giudicante ritiene essere applicabile anche al personale della scuola.

In realtà, la tematica delle conseguenze del ricorso abusivo al contratto a termine da parte delle PP.AA. non riguarda solo il settore scolastico, ma la complessiva attività delle Amministrazioni.

Per normativa generale, contenuta nell’art. 36 del d.lgs. n.368/2001, al divieto di conversione del rapporto a termine in contratto a tempo indeterminato (posto che in caso contrario verrebbe realizzarsi la violazione del disposto costituzionale di cui all’art. 97) dovrebbe associarsi l’obbligo della P.A. al risarcimento del danno.

Sui presupposti del diritto al risarcimento, e sui relativi parametri di liquidazione, si è aperto però presso la Corte di cassazione un notevole contrasto. Da ultimo, con la sentenza n 27481/14, lungi dal sanare le incertezze, la  Corte ha ritenuto doversi applicare per la quantificazione del risarcimento l’art. 8 della l. 604/66, richiamato al fine di liquidare un cd. danno “comunitario”.

Con la sentenza Mascolo e altri c. Ministero dell’Istruzione, la CGUE ha risposto alle questioni sollevate non solo dal Tribunale di Napoli, ma anche dalla Corte costituzionale, che riguardavano in realtà l’intero precariato pubblico.

Tra i vari significati ricavabili dalla sentenza della Corte europea, il Tribunale di Napoli ribadisce quello dell’automatica costituzione del rapporto allo spirare del termine del trentasei mesi, secondo i criteri che regolano anche l’impiego privato. La decisione della Corte costituzionale metterà fine al travaglio interpretativo, si spera, anche per quel che concerne i parametri valutativi del danno risarcibile 

24/01/2015
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
Decisione amministrativa robotica  ed effetto performativo. Un beffardo algoritmo per una "buona scuola"
Spunti in tema di applicazione degli algoritmi alle decisioni amministrative, muovendo dall’orientamento del Consiglio di Stato in tema di esiti della procedura di assegnazione delle sedi al personale docente scolastico (l. 107/2015), effettuata sulla base di un algoritmo appositamente introdotto dal Miur
13/01/2020
Nel presente intervento si illustrano sinteticamente gli aspetti positivi del dialogo e della collaborazione fra giuristi di Paesi civil law e giuristi di Paesi di common law – a partire dai giuristi britannici – quali finora si sono avuti in ambito europeo, confidando, per il dopo Brexit, nell’europeismo giuridico che si è manifestato dopo il Protocollo n. 30 del Trattato di Lisbona, pur con le debite differenze
11/10/2019
Secondo trimestre 2019
Le più interessanti pronunce della Corte del Lussemburgo emesse nel secondo trimestre 2019
11/09/2019
Conseguenze della condanna penale del rifugiato secondo la sentenza della Cgue del 14 maggio 2019
La commissione di reati gravi sul territorio nazionale non fa dell’immigrato un soggetto privo del tutto di protezione e di diritti, spettandogli comunque i diritti salvaguardati per tali ipotesi dalla Convenzione di Ginevra e tutti i diritti spettanti allo straniero e non presupponenti una sua residenza regolare
14/06/2019
Non è immaginabile una cultura giuridica europea senza la giurisprudenza in tema di libertà e di diritti delle Corti europee che rappresentano la garanzia di uno strumento di verifica del rispetto dei diritti: il discorso sui diritti comprende una capacità di visione attraverso una lente in grado di cogliere uno spettro più ampio di prospettive, in un’ottica non puramente nazionale. Non vi è giudice nei confini dell’Europa che oggi non si senta giudice europeo, che non avverta il senso di un percorso irreversibile che la giurisdizione deve continuare a compiere verso l’effettiva realizzazione di un spazio comune di Giustizia
21/05/2019
Primo trimestre 2019
Le più interessanti pronunce della Corte del Lussemburgo emesse nel primo trimestre 2019
17/05/2019
Il diritto all’assistenza sociale dei rifugiati. Riflessioni a partire da Corte di giustizia, sentenza 21 novembre 2018 (C-713/17)
La Corte di giustizia afferma che l’art. 29 della “direttiva qualifiche” obbliga gli Stati membri a riconoscere la parità di trattamento dei beneficiari di protezione internazionale nell’accesso all’assistenza sociale ed è norma produttiva di effetti diretti
08/04/2019
La sentenza n. 20/2019 della Corte costituzionale italiana verso un riavvicinamento all’orientamento della Corte di giustizia?
Nuovo intervento, dopo l’obiter della n. 269/2017, della Corte costituzionale sul tema dell’applicabilità diretta della Carta di Nizza quando la norma interna viola anche le disposizioni costituzionali. Le precisazioni della Corte sembrano scongiurare una rotta di collisione con l’orientamento della Corte di giustizia, ma a prezzo di una più estesa limitazione della discrezionalità dei giudici comuni
04/03/2019