Magistratura democratica
giurisprudenza di merito

Sui precari della scuola…aspettando la Corte costituzionale

Pubblichiamo le sentenze del Tribunale di Napoli dopo la decisione della CGUE 26 novembre 2014 Mascolo e altri c. Min. Dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca
Sui precari della scuola…aspettando la Corte costituzionale

Pubblichiamo le sentenze del Tribunale di Napoli dopo la decisione della CGUE 26 novembre 2014 Mascolo e altri c. Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, sul travagliato tema della tutela spettante aii lavoratori precari della scuola.

Il Tribunale conferma la propria giurisprudenza che accorda ai lavoratori il diritto alla costituzione del rapporto in contratto a tempo indeterminato, all’atto del superamento della soglia di 36 mesi, diritto sancito dall’art. 5, comma 4-bis, del d.lgs. 368/01, che riguarda in generale il contratto a termine e che il giudicante ritiene essere applicabile anche al personale della scuola.

In realtà, la tematica delle conseguenze del ricorso abusivo al contratto a termine da parte delle PP.AA. non riguarda solo il settore scolastico, ma la complessiva attività delle Amministrazioni.

Per normativa generale, contenuta nell’art. 36 del d.lgs. n.368/2001, al divieto di conversione del rapporto a termine in contratto a tempo indeterminato (posto che in caso contrario verrebbe realizzarsi la violazione del disposto costituzionale di cui all’art. 97) dovrebbe associarsi l’obbligo della P.A. al risarcimento del danno.

Sui presupposti del diritto al risarcimento, e sui relativi parametri di liquidazione, si è aperto però presso la Corte di cassazione un notevole contrasto. Da ultimo, con la sentenza n 27481/14, lungi dal sanare le incertezze, la  Corte ha ritenuto doversi applicare per la quantificazione del risarcimento l’art. 8 della l. 604/66, richiamato al fine di liquidare un cd. danno “comunitario”.

Con la sentenza Mascolo e altri c. Ministero dell’Istruzione, la CGUE ha risposto alle questioni sollevate non solo dal Tribunale di Napoli, ma anche dalla Corte costituzionale, che riguardavano in realtà l’intero precariato pubblico.

Tra i vari significati ricavabili dalla sentenza della Corte europea, il Tribunale di Napoli ribadisce quello dell’automatica costituzione del rapporto allo spirare del termine del trentasei mesi, secondo i criteri che regolano anche l’impiego privato. La decisione della Corte costituzionale metterà fine al travaglio interpretativo, si spera, anche per quel che concerne i parametri valutativi del danno risarcibile 

24/01/2015
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
Primo quadrimestre 2022

Le più interessanti pronunce del primo quadrimestre 2022

18/06/2022
Brevi osservazioni sul caso Randstad Italia

SOMMARIO. 1. La sentenza Randstad. – 2. I difficili rapporti tra i vertici delle giurisdizioni. – 3. La mancata applicazione del diritto dell’Unione: violazione di diritto, non eccesso di potere giurisdizionale. – 4. Il rispetto dell’autonomia procedurale degli Stati membri dell’Unione.

09/03/2022
Pillole di CGUE - Quarto trimestre 2021

Le più interessanti pronunce del quarto trimestre 2021

11/02/2022
The dark side of Google nella sentenza della Corte dell’Unione del 10 novembre 2021, in causa T-612/17, Google c. Commissione

Google, avente posizione dominante all’interno del mercato dei servizi di “shopping comparativo” ha abusato della sua posizione dominante, ponendo sulle sue pagine di ricerca gli annunci del proprio servizio comparativo in posizione preferenziale e con un layout più accattivante rispetto a quelli di terze parti.

12/01/2022
Pillole di CGUE - Terzo trimestre 2021

Le più significative pronunce del terzo trimestre 2021

30/07/2021
Pillole di CGUE - Primo trimestre 2021

Le più significative pronunce del primo trimestre 2021

07/05/2021
Diritto alla salute e diritto all’istruzione alla prova dell’emergenza pandemica. Proporzionalità e ragionevolezza delle scelte amministrative

Il Tar di Milano, nella pronuncia cautelare in commento, ha accolto la domanda di un gruppo di genitori e di un comitato per il diritto allo studio, sospendendo l’efficacia dell’ordinanza regionale con la quale era stato posticipato il rientro in classe per gli studenti lombardi degli istituti scolastici secondari superiori e prorogata la didattica a distanza. La decisione del giudice amministrativo si appunta in una prima parte sul nodo dell’incompetenza della Regione, ricostruendo il riparto dei poteri entro un panorama normativo assai complesso. In una seconda parte, il provvedimento regionale è sottoposto a un vaglio di ragionevolezza e proporzionalità dal quale emerge come la misura adottata non risponda ai necessari canoni di adeguatezza e congruità. La pronuncia offre spunti per riflettere sull’impatto dell’emergenza pandemica sul tradizionale rapporto tra potere dell’amministrazione e controllo del giudice amministrativo.

03/02/2021
Quarto trimestre 2020

Le più interessanti pronunce della Corte del Lussemburgo emesse nel quarto trimestre 2020

22/01/2021