Magistratura democratica
Leggi e istituzioni

Nuove schiavitù e mercato globale

di Giuseppe Tucci
Ordinario di diritto privato nell'Università di Bari

Sommario:  

Premessa  

1. Storia e destino della norma: dai campi di lavoro nazisti alle nuove schiavitù post moderne.

2. La struttura della norma e le fattispecie da essa regolate.  

3. Continuità storica della schiavitù: lavoro schiavistico e libero mercato.

4. L’eredità del diritto romano e l’Europa moderna.  

5. La schiavitù e le Americhe: la Seconda Scolastica, gli Indios e la tratta atlantica degli schiavi.  

6. L’abolizione della schiavitù negli Stati nordamericani del Sud: il XIII e XIV emendamento e la sopravvivenza del contratto di peonage.  

7. Il diritto internazionale e l’abolizione formale della tratta degli schiavi all’inizio del XIX secolo.  

8. La struttura dell’art. 4 della Convenzione: la schiavitù tra proprietà e contratto.

9. L’art. 4 della Convenzione e l’art. 5 della Carta europea dei diritti fondamentali: l’integrazione tra le due norme.

10. Continua: il caso Bosphorus e il suo futuro eventuale superamento.

11. La “schiavitù”nella prospettiva dell’art. 4, comma 1°, della Convenzione.

12. La “servitù” nella prospettiva dell’art. 4, comma 1°, della Convenzione.

13. Continua: la tratta degli esseri umani come nuova schiavitù dell’età post moderna.    

14. Il contenuto ed il significato del “lavoro forzato od obbligatorio” ai sensi dell’art. 4, comma 2°, della Convenzione.

15. Le ipotesi di esclusione del “lavoro forzato od obbligatorio” ai sensi dell’art. 4, comma 3°, della Convenzione: il lavoro “normalmente” richiesto ai detenuti previsto nell’alinea a);  il servizio militare o degli obiettori di coscienza, previsto nell’alinea b).

16. Continua: il servizio previsto in caso di crisi o di calamità naturali richiamato nell’alinea c); il lavoro o il servizio rientranti nei “normali” doveri civici, previsti nell’alinea d).  

17. Gli obblighi degli Stati di fronte alla tratta degli esseri umani e l’attuazione della Direttiva 2011/36/UE: la riforma della disciplina di diritto penale.

18. Continua: la riforma della disciplina prevista per la prevenzione della stessa e per la protezione delle vittime.

19. Applicabilità della sanzione penale e strategie di prevenzione.  

20. Divieto della schiavitù, concorrenza sleale e diritti di informazione dei consumatori.  

21. Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato, diritti dei consumatori e tutela giurisdizionale collettiva.

22. Conclusioni: la diffusione delle schiavitù nell’età della globalizzazione.

 

21/07/2015
Altri articoli di Giuseppe Tucci
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.