Magistratura democratica
Magistratura e società

“Non passare per il sangue”

di Stefano Celentano
giudice del Tribunale di Napoli
Esistono tempi, spazi ed occasioni di vita grazie ai quali lo spessore di un amore va oltre i legami di sangue. Il tema di un’immortale esperienza d’amore fecondo nel romanzo di Eduardo Savarese, magistrato napoletano
“Non passare per il sangue”

I semi fertili dell’amore non li fecondano solo i padri.  L’immortalità del cuore non appartiene solo alla madre. L’esplorazione e la ricerca dei luoghi infiniti dell’amore non appartiene solo ai figli.

Esistono tempi, spazi ed occasioni di vita grazie ai quali lo spessore di un amore va oltre i legami di sangue, e garantisce una fecondità straordinaria senza passare dalla carnalità di un’affettività geneticamente feconda.

E’ questo il tema, originale e sorprendente, che dà luce ed anima alle bellissime pagine del romanzo “Non passare per il sangue” di Eduardo Savarese, giovane magistrato napoletano.

Luca e Marcello, due giovani commilitoni impegnati sul fronte afghano, vivono una storia d’amore interrotta dalla prematura e misteriosa morte di Marcello. Luca, incaricato di consegnare ai familiari di Marcello una valigia con i suoi effetti personali, instaura un rapporto intenso con Agar, l’anziana nonna del suo compagno. Il romanzo si snoda attraverso la peculiarità di questa relazione, intrisa di empatia, di diffidenza, di atteggiamenti evitanti ed al tempo stesso di una insolita voglia di comprensione. La durezza di Agar e la matura determinazione di Luca danno origine allo scontro tra due mondi, il primo caratterizzato dal linguaggio della durezza e della negazione, il secondo meravigliosamente ispirato alla determinata affermazione dell’identità ed alla solida tenerezza delle emozioni e delle memorie.

In questo dialogo a tratti impossibile, ruotano eventi e personaggi, la cui natura e psicologia affascina il lettore nel tentativo di ricondurre ad unità lo svolgimento di una complessa dinamica familiare, in cui vanno ricercate le ragioni e le origini delle singole identità dei protagonisti.

Tanti i luoghi dell’anima presenti nel romanzo: l’identità fisica, quella affettiva, il disagio, la forza, la leggerezza, le emozioni, la memoria, le contraddizioni, l’inadeguatezza, la definizione, tutti narrati con una cifra stilistica capace di indagare e di mettere a nudo i propri sentimenti, ponendo domande e suggerendo risposte tutte ispirate dalla convinzione della possibilità di un amore vivo, pulsante e fecondo anche se oltre e contro i legami di sangue.

La ricerca della propria identità è un’operazione complessa – ci dice Savarese – che può passare anche attraverso le lacrime del dolore ed il sangue delle ferite, lasciando delle cicatrici che, nell’itinerario soggettivo del sé, diventano i solchi concentrici di un robusto tronco d’albero. E dunque ecco come un percorso sano di definizione può portare alla comprensione di se stessi, ed ecco come la comprensione della propria identità, unita alla voglia di darle voce e dignità, può regalare un’immortale esperienza d’amore fecondo. Anche senza passare per i legami di sangue.

 

Non passare per il sangue
Eduardo Savarese
Edizioni E/0 (collezione Sabotage)
€ 16,00

 

20/02/2013
Altri articoli di Stefano Celentano
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
Messa alla prova, quasi un romanzo di formazione
Ennio Tomaselli, per anni magistrato a Torino soprattutto in ambito minorile, è autore di numerose pubblicazioni, tra cui Giustizia e ingiustizia minorile. Tra profonde certezze e ragionevoli dubbi (FrancoAngeli, 2015). Messa alla prova (Manni editore, 2018) è il suo primo romanzo che, non per caso, ruota (anche, ma non solo) attorno al mondo della giustizia minorile. I personaggi: un cancelliere di tribunale, un giudice minorile e un ragazzo con alle spalle un’adozione fallita. Li accomuna un desiderio insoddisfatto di giustizia
22/09/2018
“Con i piedi nel fango. Conversazioni su politica e verità”
In questo libro-intervista, Gianrico Carofiglio parte da un valore che poi non abbandona: ogni soggetto politico deve essere consapevole del proprio agire e responsabile delle scelte che fa. Infatti «l’imperturbabilità» davanti al male «può essere una buona tecnica per il benessere personale ma non è un valore», mentre la sofferenza altrui, le discriminazioni, i grandi problemi del mondo dovrebbero essere sempre all’attenzione del politico e del cittadino, provocando in loro una «forma controllata di disagio» che li porta a scelte anche «compromissorie» pur di ottenere il risultato di attenuare quel male.
21/04/2018
Per Alessandro Leogrande
In ricordo di un intellettuale e scrittore che continuerà a essere un punto di riferimento per Magistratura democratica. Oltre al brano di Giancarlo, troverete il video dell'incontro di “Parole di giustizia 2016”. Un dialogo su frontiere, paure, sicurezza tra Alessandro Leogrande e Livio Pepino
29/11/2017
La memoria e il desiderio
Note in margine al libro di Piero Curzio, Quasi saggio (Cacucci, Bari, 2017), in occasione della sua presentazione pubblica al Municipio di Capri, il 13 ottobre 2017
24/11/2017
Quando l’infanzia genera vittime e carnefici. Recensione a Bambinate, l’ultimo romanzo di Piergiorgio Paterlini (Einaudi, 2017)
L’autore è da sempre attento alla ricchezza e alle fragilità della gioventù. Nel suo nuovo libro ci fa incontrare un gruppo di bambini, come tanti, senza edulcorarne però i tratti più feroci. Li ritroviamo poi adulti, ormai schermati dai propri ruoli sociali rassicuranti, ma non per questo meno crudelmente inconsapevoli
21/10/2017
La ricchezza dell’esserci per davvero
Una proposta di lettura di “Eccomi” (Guanda, 2016) di Jonathan Safran Foer
01/10/2016
Una semplicità niente affatto banale
Recensione a Michela Murgia, “Futuro interiore”, Einaudi, Torino 2016
24/09/2016
In ricordo di Ermanno Rea
"L'idea che sia impensabile un comunismo allegro, umano, garbato, perfino 'leggero', fa il paio con l'idea che non possa esistere in natura il napoletano silenzioso, ordinato, malinconico, legalitario fino all'ossessione. Il fatto è che certi luoghi comuni sicuramente facilitano la vita, però non la spiegano"
17/09/2016