Magistratura democratica
ordinamento giudiziario

Il nodo giustizia nell’intervento del ministro Cancellieri al Plenum del Csm

di Matilde Brancaccio
Magistrato Segretario presso il CSM
Il 20 giugno il ministro della Giustizia ha partecipato al Plenum del Csm: revisione delle circoscrizioni, revisione delle piante organiche, eliminazione dell'arretrato civile i principali temi sul tappeto
Il  nodo giustizia nell’intervento del ministro Cancellieri al Plenum del Csm

Il Ministro della Giustizia Cancellieri è intervenuta ai lavori del Plenum del Consiglio Superiore del 20.6.2013, recependo con sollecitudine l’invito rivolto dall’organo di autogoverno.

Il Ministro ha significativamente ricostruito il quadro costituzionale nel quale si iscrivono autonomia ed indipendenza della magistratura, richiamando il coerente ruolo previsto per il CSM, al quale è affidato dal costituente “il delicatissimo compito di autogoverno”. Il richiamo è stato volutamente rimarcato ed è parso frutto di sincera convinzione, lasciando un’eco di rinnovato impegno al rispetto e alla piena e leale collaborazione tra le Istituzioni. Il Ministro ha tenuto ad esprimere però l’auspicio che i temi, pur irrinunciabili, dell’indipendenza ed autonomia vengano declinati in termini di miglior funzionamento della giurisdizione e di concreta utilità per il cittadino ed ha espresso la sua volontà di lavorare insieme per imprimere la necessaria e da tempo attesa “spinta riformatrice al motore della giustizia”. Soprattutto in tempi quali quelli attuali di crisi che la rendono decisamente più urgente di prima.

L’attenzione è stata puntata anzitutto sulla vicenda dell’attuazione della riforma sulla revisione delle circoscrizioni giudiziarie, la cui tempistica è stata di recente messa da più parti in discussione. Nel corso del dibattito si è ribadito che qualsiasi rinvio rispetto ai tempi previsti e riferiti al settembre di quest’anno non terrebbe conto di quanti e quali passi siano stati già fatti dal Consiglio Superiore e dallo stesso Ministero in tale direzione per predisporre l’ormai vicinissimo riassettoNel dibattito si è sottolineato, altresì, come proprio le forti reazioni contrarie ad ipotesi di rinvio, provenienti contemporaneamente dalle due istituzioni e dal Presidente della Repubblica, abbiano portato a conoscenza del legislatore i termini reali della questione, con la preoccupazione per la dispersione delle energie organizzative già predisposte per far fronte al nuovo assetto della geografia giudiziaria e per le conseguenze di inefficienza e diseconomicità  per il servizio nel caso di differimento dell’entrata in vigore della riforma.

E’ di questi giorni, peraltro, la dura polemica tra Ministro e Avvocatura anche in relazione alla riforma delle circoscrizioni, sulla quale troppo spesso si tentano di far prevalere istanze localistiche e particolarismi. In proposito va detto che nel dibattito di Plenum il Ministro si è dichiarata disponibile a vagliare con attenzione le osservazioni critiche provenienti in particolaredai territori, ma solo successivamente all’effettiva entrata in vigore della riforma, per eventuali correttivi basati sulla prova dei fatti.

Punto cruciale, tra i molti del progetto “revisione circoscrizioni”, la creazione del nuovo Tribunale di Napoli nord, per il quale il Ministro ha annunciato il completamento della predisposizione delle piante organiche amministrative e la scelta della sede in Aversa. E’di pochi giorni fa, in proposito, la sua richiesta al CSM di predisporre quanto di competenza per nominare i magistrati che comporranno la pianta organica del nuovo ufficio giudiziario. Al di là dell’apprezzabile sforzo per far partire una struttura senza dubbio di grandi dimensioni, rimangono le molte perplessità sollevate al riguardo anche dall’interno della magistratura e la preoccupazione di non creare uno iato organizzativo in uno dei territori di più allarmante e pervasiva presenza della camorra.

Sullo sfondo della revisione delle circoscrizioni la discussione si è incentrata anche sulla necessità di una coerente revisione delle piante organiche, per la quale il Ministro ha promesso nuovo impulso a breve termine. 

Gli argomenti toccati sono stati però anche altri e di grande interesse ed attualità. In particolare,si è affrontato il tema dei contenuti del decreto legge cd. “del fare”, recante misure per l’efficienza del sistema giudiziario e la definizione del contenzioso civile.

Il testo, come è noto, contiene importanti misure ordinamentali, proiettate principalmente verso l’ambizioso obiettivo di aggredire il grave arretrato che rallenta la giustizia civile. La previsione di 400 unità di magistrati onorari per gli uffici d’appello costituisce la maggiore novità in proposito, come anche la nuova, temporanea figura dei magistrati “assistenti” assegnati alla Corte di Cassazione.

Le voci levatesi dal CSM in relazione alle riforme in cantiere sono state sì di apprezzamento per la volontà di intervenire subito da parte del Governo, finalizzata a porre parziale rimedio alla situazione di ritardi e inefficienze che affligge in particolare il settore della giustizia civile, ma anche di perplessità per interventi “a tampone” che ancora una volta nascono in un’otticaemergenziale priva di una progettualità complessiva e di un orizzonte di lungo periodo, oltre che,nello specifico, per il timore che tali misure non rappresentino una “cura” adeguata, di facile realizzazione e di sicura tenuta sistematica.

Ad ogni modo si sono salutati con favore gli interventi in tema di ripristino dell’obbligatorietà dell’istituto della mediazione, gli stage formativi di laureati in giurisprudenza, se si iscrivono, si è detto, nell’ottica di un rinnovato impegno per la creazione finalmente del cd. “ufficio del processo”, e la norma che consente una motivazione della sentenza civile concisa, per quanto concerne i fatti decisivi e i principi di diritto, con la prevista possibilità di un rinvio ai precedenti conformi, agli scritti difensivi e agli atti di causa. Tale ultimo intervento deve essere oggetto di sapiente utilizzo da parte del giudice, al fine di evitare che leccessiva stringatezza della decisione coincida con un arretramento del sistema dei diritti e delle garanzie; mentre la sua efficacia si deve misurare come strumento per una più rapida affermazione delle ragioni processuali. 

Infine, l’adeguamento delle piante organiche del personale di magistratura al numero di unità effettivamente previsto per legge dal 2008 e l’aumento di organico del personale amministrativo, eroso da interventi dettati dalla congiuntura economica degli ultimi anni, sono stati altri temi delcofronto tra rappresentanti del CSM e Ministro. Dal canto suo il Ministro ha promesso un nuovo concorso per 350 posti di magistrato ordinario, pare già in cantiere per l’autunno prossimo, ritenendolo un “investimento indispensabile", non solo per l’amministrazione della giustizia, ma anche per la crescita e l’economia dell’intero Paese.

Sul piano delle riforme in campo penale molti interventi hanno sottolineato la necessità non più differibile di porre rimedio alla questione carceraria ed alla intollerabile situazione di sovraffollamento che affligge i nostri istituti di pena, salutando con favore la creazione da parte del Ministro, immediatamente dopo il suo insediamento, di una commissione di studio dedicata.Quindi si è nuovamente avanzata la richiesta di intervenire sul regime della prescrizione (secondo il Vice Presidente Vietti un complesso di norme che sembra premiare più chi rallenta il processo piuttosto che chi tenta di definirlo) e di proporre una radicale depenalizzazione, nonostante le spinte in senso opposto provenienti a volte da un legislatore che insegue troppo spesso le vicende di cronaca, pur drammatiche.  

Un’ulteriore annotazione a margine del resoconto del dibattito: è di buon auspicio che nelle ultime tre settimane il Ministro della Giustizia sia intervenuto in due occasioni importanti nella sede del CSM. La prima la si è raccontatala seconda coincide con l’impegno e le idee di coloro che hanno organizzato il convegno in occasione dei 50 anni dell’ingresso delle donne in magistratura. Il Ministro è intervenuta con capacità e solidarietà, insieme alle molte altre che, in magistratura, in politica, nelle professioni, hanno contribuito al successo di una giornata di riflessione sulla storia e le prospettive di una giurisdizione che, per fortuna, vede sempre piùcoinvolto “l’ingegno”  e “il saper fare” della donna.

 

18/07/2013
csm
Altri articoli di Matilde Brancaccio
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
Questione giustizia intervista Cinzia Barillà

Questione giustizia ha rivolto a dirigenti e candidati di Magistratura democratica alcune domande sulla situazione della magistratura all'indomani della tornata elettorale del CSM. Risponde Cinzia Barillà

04/11/2022
CSM, da un Porcellum al Marta-rellum: una prima lettura della nuova legge elettorale per il CSM

Una legge elettorale per tre quarti ad effetti maggioritari, frutto di compromesso tra logiche diverse. Dai possibili effetti in concreto i più diversi, a seconda della “tenuta” delle aggregazioni associative “storiche”. Con rilevanti criticità in particolare in punto di tutela della rappresentanza di genere e di una piena rappresentatività delle diverse sensibilità in Magistratura, ma nel contesto politico positiva espressione da un lato del rifiuto del sorteggio quale criterio base nella selezione dei candidati così come di sistemi maggioritari “puri”, e dall’altro della volontà di garantire comunque la formazione di un Consiglio Superiore sufficientemente pluralista. 

07/09/2022
Note minime in margine al decreto del Ministro di Giustizia sui collegi territoriali per le elezioni CSM

Unitamente al nuovo sistema di elezione dei membri togati del CSM sono stati adottati nuovi criteri per la formazione dei collegi elettorali. Tra la soluzione di collegi determinati una volta per tutte dal legislatore e quella di collegi determinati ogni quattro anni in occasione di ogni singola tornata elettorale il legislatore ha optato per la seconda soluzione. Nell’articolo vengono esaminate e discusse le ragioni di questa scelta e le modalità della sua realizzazione.

19/07/2022
Il valore dell’autogoverno come partecipazione collettiva all’organizzazione degli uffici giudiziari

Le sfide che ci attendono e le prospettive future alla luce delle recenti riforme viste attraverso l’esperienza maturata con il vissuto nella pratica quotidiana negli uffici, in consiglio giudiziario e quale presidente di sezione. Proposte di lavoro per il CSM che verrà, per il recupero della cultura di una magistratura orizzontale come disegnata dal legislatore costituente.

06/07/2022
Fugaci impressioni sul disegno di legge-non delega per la riforma dell'ordinamento giudiziario

Forte della sua lunga e ricca esperienza di professore universitario e delle conoscenze maturate sul campo come componente del Consiglio Superiore della magistratura, l’autore affronta il tema, dibattuto e controverso, delle valutazioni di professionalità alle quali, nei primi 28 anni della loro carriera, sono sottoposti gli appartenenti all'ordine giudiziario. E lo fa scegliendo di concentrare l’attenzione sulla composizione e sulle attività degli organi competenti a pronunciarsi nella fase istruttoria-consultiva e sui metodi correttamente utilizzabili ai fini delle valutazioni. 

02/05/2022
Il conferimento degli incarichi direttivi ai magistrati tra formale discrezionalità del Consiglio superiore della magistratura e sostanziale sindacato “sostitutivo” del giudice amministrativo

Il contributo, utilizzando come occasio alcune recenti e note decisioni dei giudici amministrativi, intende analizzare il tema del conferimento degli incarichi direttivi ai magistrati e il successivo, ricorrente sindacato giurisdizionale su tali deliberazioni. L’esame di questa problematica tiene conto, in primo luogo, del rinnovato e delicato contesto nel quale si colloca la questione, al fine di comprendere se la relazione tra chi conferisce l’incarico direttivo (il Csm) e chi giudica l’operato di quest’ultimo (il giudice amministrativo) sia correttamente bilanciata. Per capire appieno la concreta dinamica di questi rapporti, si è inteso isolare la prospettiva di intervento del Csm da quella del giudice amministrativo, con l’obiettivo finale di valutare le due sfere di competenza e approfondire la sostenibilità di possibili riforme.

16/03/2022