Magistratura democratica
giudici e PM in Europa e nel mondo

A rischio la democratizzazione
del sistema giudiziario in Turchia

di Gualtiero Michelini
Consigliere Corte d’Appello di Roma e rappresentante italiano in MEDEL
Presentazione dell'intervista del Presidente di MEDEL, Antonio Cluny
A rischio la democratizzazione<br>del sistema giudiziario in Turchia

Le molte notizie rimbalzate sui media negli ultimi mesi sulle tensioni sociali e le riforme legislative e istituzionali in Turchia hanno portato molti osservatori a lanciare l'allarme sulla concreta minaccia in essere per le regole dello Stato di diritto, come nell'intervista di Antonio Cluny, presidente di Medel, qui segnalata.

In quel grande paese mediterraneo, membro della NATO, che chiese di entrare nell'allora CEE nel 1987, che ottenne lo status di paese candidato nel 1999con il quale sono stati aperti i negoziati per l’adesione all’UE nel 2005, negli ultimi mesi si sono registrati scontri di piazza, indagini e processi che hanno coinvolto membri del governo loro familiari, progetti di legge limitativi della libertà di espressione, rimozione di ufficiali di polizia e pubblici ministeri impegnati in complesse investigazioni, progetti di legge diretti a riformare il Consiglio superiore della magistratura (HSYK).

Il Consiglio superiore turco é attualmente alla prima consiliatura con elezione diretta di metà dei membri da parte dei magistrati in servizio, mentre in precedenza era composto di diritto dai soli vertici delle giurisdizioni superiori.

Il Consiglio è presieduto dal Ministro della giustizia, circostanza considerata non in linea con gli standard europei espressi in particolare nelle pertinenti raccomandazioni ed opinioni del Consiglio d'Europa e del CCJE, ed i progetti di riforma tendono ad ulteriormente incrementare il ruolo del Ministro in tale organo, sia con riferimento a disciplina e carriera dei magistrati, sia con riferimento all'esercizio dell'azione penale;  disegno di riforma al momento sospeso anche per le reazioni internazionali (oltre a Medel, il CCJE ha stigmatizzato in un proprio comunicato del 12.2 u.s. leccessiva concentrazione di poteri consiliari in capo alMinistro della giustizia e la limitazione dell'autonomia didattica della Scuola per la magistratura contenuti nei progetti di riforma).

In questa, come in altre materie, il rapporto delle istituzioni turche con l’UE è ambivalente: se la riforma del Consiglio della magistratura turco con l'introduzione di un organo elettivo (con elettorato attivo di tutti giudici) ha rappresentato uno straordinario elemento di democratizzazione, il ruolo del Ministro della giustizia quale componente del Governo, ancor più se ulteriormente accentuato in base ai progetti di riforma, resta un elemento di arretramento; inoltre la Turchia non ha dato corso all'istituzione di un sistema con doppio grado di giudizio ed apertura di Corti d’appello come richiesto dall’UE, e continua ad avere regole sulla detenzione preventiva e sui reati di opinione decisamente critiche, come spesso evidenziato dalla Corte Europea dei Diritti Umani

Nel suo ultimo Progress report del 2013, la Direzione generale Allargamento della Commissione europea segnalava la necessità per la Turchia di completare il processo di democratizzazione del sistema giudiziario, di restringere la portata e l'ambito di applicazione dei reati di terrorismo (che spesso coinvolgono giornalisti per le loro pubblicazioni), la necessità di consolidare indipendenza ed imparzialità del sistema giudiziario (anche attraverso un migliore equilibrio di genere, in generale e nei posti direttivi).

Raccomandazioni che, sembra, devono essere accompagnate da un realistico progresso e da una prospettiva credibile nei negoziati di adesione per potere avere una significativa influenza sulla situazione in evoluzione.

L'eccellente intervento di Antonio Cluny sulla situazione della giustizia in Turchia, diffuso da TV5 Monde è visibile di seguito.

Questione Giustizia ringrazia MEDEL per aver acconsentito alla diffusione

17/03/2014
Altri articoli di Gualtiero Michelini
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
Un tribunale per la Turchia. Turkey Tribunal

In allegato a questo articolo, scritto da Luca Perilli, magistrato italiano ed esperto indipendente dell’Unione europea in Turchia dal 2007 al 2015, Questione Giustizia pubblica il suo rapporto su Indipendenza della magistratura e accesso alla Giustizia in Turchia, redatto per un Tribunale internazionale istituto dalla società civile, Turkey Tribunal.
Il rapporto è stato approvato dall’Associazione europea dei giudici (European Association of Judges – EAJ) e da Medel (Magistrats européens pour la démocratie et les libertés) ed è stato presentato pubblicamente in una conferenza on-line del 16 marzo 2021, cui hanno partecipato i Presidenti delle due associazioni e lo special rapporteur dell’Ufficio del Commissario dei diritti umani delle Nazioni Unite. La conferenza è stata seguita, su varie piattaforme on-line, da oltre quattromila persone.

15/09/2021
Lettera di MEDEL all'UNHCR in merito all'attuale situazione in Afghanistan e comunicato di MD in sostegno alle donne afghane

Di fronte al drammatico aggravarsi della crisi umanitaria in Afghanistan, e all’escalation di violenze contro civili inermi e contro coloro che in questi anni hanno operato per rafforzare lo stato di diritto e le istituzioni, l’unica risposta all’altezza dei valori della democrazia è la mobilitazione per mettere in salvo ed accogliere tutte le persone a rischio, e per difendere le libertà e i diritti fondamentali di tutti, a cominciare dalle donne e dai bambini. 
E’ questo il richiamo venuto in questi giorni dai numerosi interventi della magistratura associata, in ambito nazionale ed internazionale, e dalla comunità dei giuristi.
Pubblichiamo di seguito la lettera di Medel all’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i rifugiati e l’intervento di Magistratura Democratica.

23/08/2021
La tutela dei diritti umani in Turchia ai tempi del Sultano

Per comprendere il concreto impatto della deriva in corso in Turchia occorre prescindere da semplificazioni che non tengano conto delle specificità del contesto culturale e della presenza di molteplici istituzioni nazionali formalmente chiamate alla tutela dei diritti fondamentali. La drammatica situazione del paese, all’ombra delle formule standardizzate dei rapporti internazionali, è riassunta in uno sguardo complessivo alla luce di due separate esperienze, a distanza di qualche anno, di quotidiana interazione con giuristi, funzionari e semplici cittadini turchi di un consulente della UE.

04/05/2021
La decisione della Turchia e della Polonia di non far parte della Convenzione di Istanbul e le conseguenze per la tutela del diritto umano fondamentale delle donne a una vita libera dalla violenza

La Turchia ha revocato la propria partecipazione alla Convenzione di Istanbul contro la violenza sulle donne e dalla Polonia provengono spinte dirette al ritiro ufficiale dalla Convenzione. In entrambi i casi, il testo della Convenzione viene additato come esempio della “ideologia gender” che minerebbe i valori della famiglia tradizionale. L’analisi della giurisprudenza europea evidenzia, invece, che nel sistema convenzionale di tutela dei diritti fondamentali non viene propugnata una determinata idea di famiglia ma che vi è una costante attenzione alle tradizioni costituzionali degli Stati membri. Ne consegue che la revoca della partecipazione alla Convenzione di Istanbul si traduce in un ulteriore atto di limitazione di diritti fondamentali che, questa volta, colpisce il diritto delle donne a una vita libera dalla violenza.

24/04/2021
Turchia: l’indipendenza di avvocati e magistrati tra diritto e potere. Ricordando Ebru Timtik

Il 27 agosto 2020 Ebru Timtik è morta dopo 238 giorni di sciopero della fame.

Il 13 novembre 2020 la Fondazione Scuola Forense Alto Tirreno ha dedicato alla sua memoria e alla lezione da trarre da questa tragica vicenda un Forum: Diritto di difesa. Il caso turco: avvocati e magistrati. 

Vi hanno preso parte avvocati (Cerri e Menzione), magistrati (Civinini e Patrone), professori (Greco e Dal Canto). Vi è stato spazio per il ricordo appassionato di chi aveva conosciuto questa avvocata coraggiosa, per la riflessione giuridica e quella politica. E' stato analizzato il significato dello sciopero della fame fino alla morte come strumento estremo di lotta per il diritto e la verità.  Un'attenzione particolare è stata dedicata al ruolo della Corte Europea dei Diritti dell'Uomo che, in quei giorni di fine estate, ha respinto la richiesta di misure urgenti per Timtik e Ünsal e, nella persona del suo Presidente, ha visitato le istituzioni turche. La riflessione sulla violazione dei precetti di base dello stato di diritto, sul processo equo, sull'esercizio libero dei diritti della difesa, sull'indipendenza e imparzialità della giurisdizione e di chi l'attua dalla Turchia si è estesa ai Paesi dell'Unione Europea per divenire un forte monito: separazione dei poteri, avvocatura libera, magistratura indipendente non sono mai acquisizioni permanenti ed è dovere dei giuristi agire ogni giorno per la loro difesa.

26/03/2021
Una lettera a MD

Yavuz Aydın, già magistrato, fondatore di Justice for Rule of Law ASBL, scrive alla Segretaria generale di Magistratura democratica, ai colleghi italiani e al grande popolo di Medel, ricordando ed onorando quanti sono morti nelle prigioni turche per testimoniare il loro desiderio di libertà e quanti lottano  per giorni migliori nel loro Paese.

20/03/2021
La lunga storia della magistratura turca

Le recenti vicende che hanno interessato la magistratura turca dopo il tentato colpo di Stato del 15 luglio 2016, nel racconto di un giudice che ne è stato testimone

18/03/2021