Magistratura democratica
giudici e PM in Europa e nel mondo

A rischio la democratizzazione
del sistema giudiziario in Turchia

di Gualtiero Michelini
Consigliere Corte d’Appello di Roma e rappresentante italiano in MEDEL
Presentazione dell'intervista del Presidente di MEDEL, Antonio Cluny
A rischio la democratizzazione<br>del sistema giudiziario in Turchia

Le molte notizie rimbalzate sui media negli ultimi mesi sulle tensioni sociali e le riforme legislative e istituzionali in Turchia hanno portato molti osservatori a lanciare l'allarme sulla concreta minaccia in essere per le regole dello Stato di diritto, come nell'intervista di Antonio Cluny, presidente di Medel, qui segnalata.

In quel grande paese mediterraneo, membro della NATO, che chiese di entrare nell'allora CEE nel 1987, che ottenne lo status di paese candidato nel 1999con il quale sono stati aperti i negoziati per l’adesione all’UE nel 2005, negli ultimi mesi si sono registrati scontri di piazza, indagini e processi che hanno coinvolto membri del governo loro familiari, progetti di legge limitativi della libertà di espressione, rimozione di ufficiali di polizia e pubblici ministeri impegnati in complesse investigazioni, progetti di legge diretti a riformare il Consiglio superiore della magistratura (HSYK).

Il Consiglio superiore turco é attualmente alla prima consiliatura con elezione diretta di metà dei membri da parte dei magistrati in servizio, mentre in precedenza era composto di diritto dai soli vertici delle giurisdizioni superiori.

Il Consiglio è presieduto dal Ministro della giustizia, circostanza considerata non in linea con gli standard europei espressi in particolare nelle pertinenti raccomandazioni ed opinioni del Consiglio d'Europa e del CCJE, ed i progetti di riforma tendono ad ulteriormente incrementare il ruolo del Ministro in tale organo, sia con riferimento a disciplina e carriera dei magistrati, sia con riferimento all'esercizio dell'azione penale;  disegno di riforma al momento sospeso anche per le reazioni internazionali (oltre a Medel, il CCJE ha stigmatizzato in un proprio comunicato del 12.2 u.s. leccessiva concentrazione di poteri consiliari in capo alMinistro della giustizia e la limitazione dell'autonomia didattica della Scuola per la magistratura contenuti nei progetti di riforma).

In questa, come in altre materie, il rapporto delle istituzioni turche con l’UE è ambivalente: se la riforma del Consiglio della magistratura turco con l'introduzione di un organo elettivo (con elettorato attivo di tutti giudici) ha rappresentato uno straordinario elemento di democratizzazione, il ruolo del Ministro della giustizia quale componente del Governo, ancor più se ulteriormente accentuato in base ai progetti di riforma, resta un elemento di arretramento; inoltre la Turchia non ha dato corso all'istituzione di un sistema con doppio grado di giudizio ed apertura di Corti d’appello come richiesto dall’UE, e continua ad avere regole sulla detenzione preventiva e sui reati di opinione decisamente critiche, come spesso evidenziato dalla Corte Europea dei Diritti Umani

Nel suo ultimo Progress report del 2013, la Direzione generale Allargamento della Commissione europea segnalava la necessità per la Turchia di completare il processo di democratizzazione del sistema giudiziario, di restringere la portata e l'ambito di applicazione dei reati di terrorismo (che spesso coinvolgono giornalisti per le loro pubblicazioni), la necessità di consolidare indipendenza ed imparzialità del sistema giudiziario (anche attraverso un migliore equilibrio di genere, in generale e nei posti direttivi).

Raccomandazioni che, sembra, devono essere accompagnate da un realistico progresso e da una prospettiva credibile nei negoziati di adesione per potere avere una significativa influenza sulla situazione in evoluzione.

L'eccellente intervento di Antonio Cluny sulla situazione della giustizia in Turchia, diffuso da TV5 Monde è visibile di seguito.

Questione Giustizia ringrazia MEDEL per aver acconsentito alla diffusione

17/03/2014
Altri articoli di Gualtiero Michelini
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
Lettere dai magistrati turchi
Il 23 maggio è la giornata di sensibilizzazione per l'indipendenza della giustizia in Europa. Pubblichiamo la traduzione in dodici lingue delle Letters from the Turkish Judiciary edite in e-book da Medel, impressionante testimonianza dell'incredibile accelerazione della caduta dello Stato di diritto in Turchia
23/05/2019
Non è immaginabile una cultura giuridica europea senza la giurisprudenza in tema di libertà e di diritti delle Corti europee che rappresentano la garanzia di uno strumento di verifica del rispetto dei diritti: il discorso sui diritti comprende una capacità di visione attraverso una lente in grado di cogliere uno spettro più ampio di prospettive, in un’ottica non puramente nazionale. Non vi è giudice nei confini dell’Europa che oggi non si senta giudice europeo, che non avverta il senso di un percorso irreversibile che la giurisdizione deve continuare a compiere verso l’effettiva realizzazione di un spazio comune di Giustizia
21/05/2019
Apocalisse dello Stato di diritto in Turchia
Con la sentenza del 16 aprile 2019, la Corte europea dei diritti umani dichiara arbitrario l’arresto del giudice costituzionale Alparslan Altan sulla base di sospetti non ragionevoli
22/04/2019
La tutela del dibattito politico al di là delle immunità
Con il ricorso all'articolo 18 Cedu la Corte di Strasburgo ha dato tutela al turco Demirtaş ed al russo Navalny, i principali oppositori ai confini orientali dell’Europa. La condanna di processi “a fine mascherato” evidenzia che la libertà del dibattito politico è il cuore della società democratica
20/02/2019
Lettere dalla Turchia
Pubblichiamo la traduzione in italiano delle Lettere dalla Turchia edite in e-book da Medel in occasione del conferimento del premio Václav Havel per i diritti umani 2017 a Murat Arslan
03/11/2018
Detenzione di giornalisti e repressione della libertà di espressione: da Strasburgo un chiaro messaggio alla Turchia, ma verrà ascoltato?
Con le due sentenze Şahin Alpay e Mehmet Hasan Altan del 20 marzo 2018, la Corte europea dei diritti dell’uomo dichiara la violazione da parte della Turchia del diritto alla libertà personale e alla libertà di espressione di due giornalisti posti in detenzione per aver espresso opinioni critiche nei confronti del governo. La Corte di Strasburgo va però oltre la vicenda dei due singoli ricorrenti, riconoscendo l’esistenza di gravi e diffusi problemi di rispetto dei diritti umani nell’ordinamento turco, soprattutto in riferimento alla libertà di esprimere il proprio dissenso, elemento che, si sottolinea con forza, rappresenta una caratteristica essenziale e irrinunciabile di una società democratica.
09/04/2018
Corte europea dei diritti dell'uomo, pubblicato il Rapporto 2017
Oggi a Strasburgo, si celebra l'inaugurazione dell'anno giudiziario. Tra gli ospiti il presidente della Corte di giustizia europea, Koen Lenaerts.
26/01/2018
All’ombra delle bandiere di Istanbul*
La Turchia che dimentichiamo. Impressioni sulle celebrazioni del 15 luglio nella prospettiva del nuovo conservatorismo nazionalista
17/07/2017
Il Giudice ed il Sultano
La vicenda del giudice internazionale Aydin Sefa Akay
09/05/2017