Magistratura democratica
cinema e letteratura

Trash, il film vincitore del Festival di Roma

di Donatella Salari
Ufficio del Massimario Corte di Cassazione
Stephen Daldry già noto per il celebre Billy Eliot e per il film The Hours, si è ispirato al romanzo di Andy Mulligan, su sceneggiatura di Richard Curtis, pure noto per Quattro matrimoni e un funerale
Trash, il film vincitore del Festival di Roma

Vince, perciò, Trash e non a caso, perché al Festival del Cinema di Roma la spazzatura - senza alcuna ironia - è stata la grande protagonista.

Mai come in questo momento, infatti, si sentiva il bisogno di rappresentare il declino dei legami sociali devastati dalla spazzatura reale e metaforica.

I rifiuti-simbolo della mancanza di senso possono condannare all’impossibilità di ogni relazione con l’altro, come nel tragico film Lulu di Luis Ortega, classe 1980 (anche questo film in concorso), che comincia e finisce in mezzo alla spazzatura, oppure creare nuove possibilità di vita come accade ai coraggiosi ragazzini di Trash.

I rifiuti che si accumulano, in un mondo dominato dal corpo, mimano bene il disperato vuoto di un’umiliazione sociale che si riempie di spazzatura, ossia degli scarti di un’improbabile comunità cittadina fatta di recinti e di emarginazione, insomma un immenso sprawl urbano a cui aggiungere slums e favelas.

Se ci pensiamo bene la spazzatura è anche la protagonista del dramma campano della Terra dei fuochi, come scommessa della società civile, ma anche come riemersione del malaffare continuamente rimosso e celato, ossia sepolto.

La spazzatura, perciò, può narrare ogni cosa di persone e di mondi e può fare emergere segreti e verità inconfessabili che diventano vera rappresentazione di conflitti sociali e di livelli di vita.

Se è così, in Trash i rifiuti rappresentano anche un registro possibile di racconti dell’emarginazione sociale con finale difficile, ma ottimista. Perché la spazzatura è segreto, ma è anche cosa viva che si trasforma e riscatta, come una scintilla di senso.

Così un ragazzino di una favela di Rio de Janeiro trova un portafoglio nella montagna di spazzatura dove lavora e nella quale abita. La visione apocalittica di questo universo di sporcizia e di scarti fa ammutolire e ci riporta alla mente alla vigilia dei Mondiali di calcio 2014 gli sgomberi forzati e violenti di questi luoghi d’incredibile povertà da parte dell’incontrollabile Polizia militare brasiliana.

Perciò in quel portafoglio c’è tutto: non solo denaro, non solo la prova di una corruzione politica, ma anche simbolismo religioso e riscatto etico. Al protagonista Rafael si uniscono altri due ragazzini Gardo e Gabriel detto Rato, hanno tutti 14 anni e sembrano non solo gli eroi delle favelas ma anche gli eredi letterari del Gavroche del Victor Hugo de “I miserabili”.

E’ lui il monello abbandonato in strada senza un legame familiare preciso, ma che riesce a vivere incontaminato nella sporcizia e nella fame e che dorme nella statua a forma di elefante allora situata a Parigi, in Place de la Bastille, per poi morire sulle barricate per un ideale di libertà.

Il ritmo narrativo di Trash è repentino e spiazzante, molto simile ad un videogioco o ad un giro vorticoso su di un ottovolante. Ma il godimento è assicurato non solo per gli occhi, ma anche per la dimensione simbolica di alcuni snodi narrativi: in una Bibbia che i ragazzi sottraggono all’inseguimento della Polizia emerge prepotente e vitale, attraverso l’uso di un sistema criptato di segni e numeri, la risposta ad un desiderio insopprimibile di giustizia in una città che sa ben distinguere tra ricchi e poveri e che la modernità ci consegna, insieme a quella mancanza di senso, che diventa ..appunto spazzatura.

09/11/2014
Altri articoli di Donatella Salari
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
Il traditore, un film per (ri)guardare un pezzo della nostra storia repubblicana
Il film di Marco Bellocchio, presentato all'ultimo Festival di Cannes, visto con lo sguardo di un magistrato
31/05/2019
Il colpevole–The guilty, un film di Gustav Möller
L'opera prima del regista danese è un thriller coinvolgente, drammatico e ricco di scelte estreme che però non stancano mai lo spettatore
11/05/2019
Cafarnao-Caos e miracoli, un film di Nadine Labaki
Zain, il piccolo protagonista dell'opera premio della Giuria a Cannes 2018, viene elevato a “manifesto” dei mali del mondo, offrendo ai nostri occhi la mostruosità di un’infanzia già troppo violata, cercando di coinvolgere un’umanità che rimane sempre troppo distante, inerme e colpevole
04/05/2019
Il verdetto-The children act, un film di Richard Eyre
La recensione all'opera tratta da La ballata di Adam Henry, un romanzo di Ian McEwan
10/11/2018
Opera senza autore, un film di Florian Henckel von Donnersmarck
Come ne Le vite degli altri, anche in quest'opera l’autore riesce a dipingere, attraverso la storia di singole persone, la Storia di un’intera nazione dilaniata e stravolta dalle leggi dittatoriali passate da quelle naziste a quelle filosovietiche
27/10/2018
Lo sguardo che manca alla giustizia
Il film «Sulla mia pelle», che racconta la vicenda di Stefano Cucchi, sollecita molte riflessioni tra cui quella sull’impersonalità (brutale) delle istituzioni, compresa la giustizia, e sulle sue ricadute negative nel rapporto di fiducia con i cittadini. Un problema antico ma ricorrente e cruciale nella vita delle istituzioni, di cui i magistrati devono farsi carico con i loro comportamenti. Secondo Piero Calamandrei, bisogna che «anche nel processo circoli questo senso di fiducia, di solidarietà e di umanità, che è in tutti i campi lo spirito animatore della democrazia»
18/09/2018
Dogman, una scellerata storia di periferia
Matteo Garrone, ispirato dalla vicenda romana del Canaro, torna con la sua macchina da presa sul litorale campano per tratteggiare un universo di violenza e degrado in cui Bene e Male finiscono per mescolarsi, perdendo i propri confini
02/06/2018
La casa sul mare, un film di Robert Guédiguian
Il regista francese ci regala una storia di straordinaria bellezza, raccontata con delicatezza e asciuttezza. Un'opera in cui la trama si dipana perché ciascun personaggio possa riappropriarsi della sua storia e della vita. Mentre il treno sullo sfondo continuamente va e poi ritorna. Perché la vita non può fermarsi
26/05/2018
La giornata particolare di una giuria popolare
Una nuova recensione per La convocazione di Enrico Maisto, un film in cui l'autore passa con naturalezza dalla narrazione del registro intimo e quotidiano dei convocati a comporre la giuria a quello solenne del giuramento finale in un crescendo emotivo e intenso.
03/02/2018