Magistratura democratica
giurisprudenza costituzionale

Questione di costituzionalità art. 35 ter ordinamento penitenziario

Pubblichiamo l'ordinanza che solleva la questione di legittimità costituzionale della norma nella parte in cui non si applica agli ergastolani
Questione di costituzionalità art. 35 ter ordinamento penitenziario

Pubblichiamo l'ordinanza del magistrato di sorveglianza presso l'Ufficio di Padova che solleva questione di legittimità costituzionale dell'art. 35 ter dell'ordinamento penitenziario nella parte in cui non si applica agli ergastolani.

 

 

24/04/2015
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
Carcere e tortura: la “lezione” di Parma
Commento al provvedimento con il quale la Procura di Parma ha richiesto l'archiviazione del procedimento per i reati di abuso di autorità, lesioni volontarie, abuso di mezzi di disciplina e calunnia ipotizzati a carico di alcuni agenti e ispettori del corpo di Polizia penitenziaria
08/04/2016
Contro una pena inutile. Fassone letto da un magistrato di sorveglianza
Un libro che diventa l’occasione per "fermarsi ai bordi della strada e, dopo la catarsi che segue il dramma, riprendere il cammino ancor più consapevoli del sentiero da imboccare"
09/01/2016
L’orizzonte delle interpretazioni in materia di rimedi compensativi alla disumanità della pena
Dopo un anno di vigenza dell'art.35 ter o.p. l'intricata matassa delle questioni interpretative appare ben lontana dal dipanarsi, come emerge dalle decisioni commentate
03/08/2015
Questione carcere. Un’introduzione
Un’introduzione per passare in rassegna le reti di significato e i fili ideali che si intrecciano in questo approfondimento monografico, tra passato e presente, bilanci e prospettive
08/07/2015
ARCHIVIO / La macchina "ingolfata" della giustizia penale, il processo e la pena"
L’immagine della crisi della giustizia penale è quella di una macchina “ingolfata” che gira a vuoto. Sino ad oggi i rimedi sono stati cercati – senza successo – sul piano processuale. Il fatto è che il cuore del problema è la perdita di legittimazione della pena detentiva. La macchina gira a vuoto perché il suo prodotto finale, la pena detentiva, rimasta sostanzialmente immutata per due secoli, non trova più consenso. Una profonda riforma è ormai improcrastinabile, ma essa non può che muovere dalla pena
05/07/2015
N’afè Drôla: ovvero la stranezza dell’ordinaria legalità
Un altro carcere è possibile: l'esperienza rugbistica nell'istituto penitenziario di Torino
17/06/2015