Magistratura democratica
MEDEL

Lettera della Platform for an Independent Judiciary in Turkey sul caso Murat Arslan *

a cura di Mariarosaria Guglielmi
vicepresidente di MEDEL

La Platform for an Independent Judiciary in Turkey, costituita dopo i tragici eventi del luglio 2016 da MEDEL  (Magistrats Européens pour la Démocratie et les Libertés) e le associazioni AEAJ (Association of European Administrative Judges), EAJ (European Association of Judges), Judges for Judges, richiama ancora una volta l’attenzione delle istituzioni europee sulla violazione dei diritti fondamentali e l’assenza di un sistema giudiziario indipendente in Turchia.

La Corte di Cassazione turca ha confermato lo scorso novembre la condanna a dieci anni di reclusione per Murat Arslan, giudice e Presidente dell’associazione giudiziaria YARSAV, accusato di appartenere a un’organizzazione terroristica (FETÖ/PDY).

Murat Arslan è stato un testimone non silenzioso della fine dello stato di diritto in Turchia e ha pagato in prima persona il prezzo del suo impegno nel denunciare costantemente e pubblicamente i segnali della deriva culminata dopo il tentativo di colpo di stato nel luglio 2016 nella repressione, con destituzioni e arresti di massa  di avvocati magistrati e professori universitari[1].

Murat Arslan, destituito dall’ordine giudiziario, è stato arrestato il  19 ottobre 2016 ed è tuttora detenuto. 

L’associazione YARSAV, membro di MEDEL,  con circa 1800 iscritti era la più grande associazione di giudici e pubblici ministeri in Turchia e Murat Arslan, eletto  il 14 marzo 2011, era al suo terzo mandato di  presidente. YARSAV è stata sciolta con il primo decreto del Governo annunciato dopo la dichiarazione dello stato di emergenza il 23 luglio 2016.

Il processo in primo grado iniziato il 2 novembre 2017 è stato celebrato da una Corte speciale composta da giudici fedeli a Erdoğan e, come denunciato più volte da MEDEL  e dalla Platform che ne ha monitorato lo svolgimento[2], è stato condotto in  violazione di tutte le essenziali ed elementari garanzie del giusto processo.

La vicenda di Murat Arslan testimonia che – come affermato dalla Rete dei Consigli  di Giustizia l’8 dicembre 2020- senza un Consiglio che protegga e garantisca l’esercizio indipendente della giurisdizione, rimane poca speranza per lo Stato di diritto in Turchia in generale, e per l’accesso da parte di tutti coloro che vi di rivolgono, inclusi o cittadini turchi, a tribunali indipendenti, giusti ed imparziali.

***

Lettera della Platform for an Independent Judiciary in Turkey (MEDEL, EAJ, AEAJ and Judges for Judges) pubblicata il 4 gennaio 2021

 

Mrs. Ursula Von der Leyen, Presidente della  Commissione  Europea 

Ms. Vera Jourova, Vice Presidente della Commissione Europea Valori e Trasparenza

Mr. Didier Reynders, Commissario europeo Giustizia

Mr. Josep Borrell Fontelles, Alto Rappresentante dell’Unione Europea 

Mr. Olivér Várhelyi, Commissario europeo  Vicinato e Allargamento 

Ms. Marija Pejčinović Burić, Segretaria Generale del Consiglio d’Europa 

Ms. Dunja Mijatović, Commissaria per i Diritti Umani ( Consiglio d’Europa)

 

Con la sentenza del 3 novembre 2021, la Corte di Cassazione turca ha confermato  la condanna a 10 anni di reclusione inflitta per appartenenza all'organizzazione terroristica armata (FETÖ/PDY) a Murat Arslan, giudice e presidente di YARSAV, Associazione indipendente di giudici e pubblici ministeri turchi.

Murat Arslan è stato destituito dall’ordine giudiziario nel luglio del 2016, in seguito al tentativo di colpo di stato, è stato arrestato nell'ottobre del 2016 e da allora è in stato in detenzione.

Non solo Murat Arslan in quanto presidente di  YARSAV, ma anche molti altri giudici turchi hanno dimostrato di essere dalla parte della piena tutela dei diritti fondamentali nell'esercizio delle loro funzioni e hanno resistito alla pressione in costante aumento negli anni sul sistema giudiziario da parte dei leader politici turchi.

Per i suoi contributi alla difesa dei diritti umani, Murat Arslan ha ricevuto il premio Václav Havel per i diritti umani del 2017 dall'Assemblea parlamentare del Consiglio d'Europa.

Nel procedimento penale a sfondo politico che ha subito,  monitorato dalle nostre associazioni, Murat Arslan è stato accusato di essere un membro attivo dell'organizzazione terroristica FETÖ/PDY e di averla sostenuta. Nel corso del processo penale, lo sforzo principale è stato quello di dimostrare che FETÖ/PDY è un'organizzazione terroristica il cui scopo è quello di infiltrarsi nelle istituzioni statali, compreso il sistema giudiziario, e soprattutto di provare e che l'Associazione indipendente dei giudici e procuratori turchi YARSAV – con la presidenza di  Murat Arslan - ha avuto un ruolo in questa opera di infiltrazione.

Vogliamo evidenziare che il Relatore Speciale delle Nazioni Unite per l'indipendenza dei giudici e degli avvocati -Diego Garcia-Sayán-  dopo la sentenza del Tribunale di primo grado di Ankara del 18 gennaio 2019, ha affermato che  Murat Arslan è stato condannato in violazione dei principi e delle garanzie del giusto processo[3].

Complessivamente, il procedimento penale contro Murat Arslan non può considerarsi “equo processo” ai sensi dell'art. 6 della CEDU, per mancanza di Tribunali indipendenti chiamati a decidere sull’ accusa, e perchè si è trattato di un giudizio intenzionalmente condotto in violazione dei principi di parità fra accusa e difesa.

La sentenza è stata confermata in appello il 18 ottobre 2019 e -come detto- con la pronuncia del 3 novembre 2021 della Corte di Cassazione turca è diventata definitiva.

Purtroppo, la distorsione della Giustizia nel caso di Murat Arslan non è un caso isolato, e abbiamo la prova di simili sentenze stereotipate in molti altri casi riguardanti ex giudici. Per questo, altre  centinaia di ricorsi per le detenzioni e le condanne penali contro la Turchia sono già pendenti (e molti altri sono attesi) dinanzi alla Corte europea dei diritti dell'uomo (vedi anche, con riguardo alla violazione dell'articolo 5 della CEDU, il caso di Turan e altri contro la Turchia, del 23 novembre 2021 -par. 98)

La Commissione Europea afferma nel suo Rapporto UE sulla Turchia del 2021 che il grave arretramento dello Stato di diritto, osservato per quanto riguarda il funzionamento del sistema giudiziario dal 2016, è andato avanti e che permangono le preoccupazioni, in particolare per la sistematica mancanza di indipendenza della magistratura e per l'indebita pressione su giudici e pubblici ministeri.

Noi siamo consapevoli che c'è un rimedio legale ancora disponibile per Murat Aslan, rappresentato da un ricorso diretto alla Corte costituzionale. Ma sappiamo anche  come questa Corte ha agito finora in casi simili, e per questo sarebbe probabilmente ingenuo attendersi in questo specifico  caso un qualunque riscontro,  in linea con la protezione dei principi del giusto processo e dei diritti umani.

Considerando l'importanza del potere giudiziario in una democrazia governata dai principi dello Stato di diritto, e il fatto che una protezione di questo tipo è concessa a giudici e procuratori non per il loro vantaggio personale ma per salvaguardare l'esercizio indipendente delle loro funzioni, sembra giusto dire che la Turchia ha raggiunto la fase in cui i diritti del giusto processo per  giudici e procuratori, riguardanti la loro detenzione e le condanne penali emesse all'indomani del tentato colpo di stato del 2016 , non sono più tutelati né tutelabili attraverso i rimedi interni.

Per questo motivo, riteniamo sia  nostro dovere richiamare nuovamente la vostra attenzione e chiedere  il vostro intervento per indurre la Turchia, primo membro del Consiglio d'Europa dal 1950, a fare i necessari passi per ripristinare lo stato di diritto, a porre fine alla sua caccia alle streghe contro i giudici iniziata dopo gli eventi del  luglio  2016, e a creare un contesto politico e giuridico che permetta alle istituzioni giudiziarie a svolgere i propri compiti in modo indipendente ed imparziale, nel rispetto degli standard europei;

ci richiamiamo agli impegni da voi ripetutamente assunti per il garantire i valori universali e gli  standard di  tutela dei diritti umani universalmente accettati;

facciamo appello alla vostra convinzione circa la necessità di non ignorare gravi violazioni dei diritti umani in ragione di un dichiarato beneficio per gli interessi economici o strategici;

sollecitiamo infine tutti i leader di governo e i Parlamenti a sostenere la Turchia nel ripristino dello stato di diritto e nel dare attuazione ai propri obblighi  di rispettare dei diritti umani fondamentali.

 

Edith Zeller, President of the Association of European Administrative Judges (AEAJ)

Duro Sessa, President of the European Association of Judges (EAJ) 

Tamara Trotman, President of Judges for Judges 

Filipe César Marques, President of Magistrats Européens pour la Democratie et les Libertés (MEDEL) 

 

 

 

 

photo credits: Sara Cocchi

 
[1] Su QG online si può leggere il suo articolo, pubblicato il 4 giugno 2014, sui gravi segnali di involuzione in atto nel paese e sul tentativo dell’esecutivo di accrescere il suo controllo sul sistema giudiziario (https://www.questionegiustizia.it/articolo/turchia-il-segnale-d-allarme-della-sentenza-della-_04-06-2014.php). Il 3 agosto 2015 Murat è stato rimosso dal suo incarico di giudice assistente presso la Corte costituzionale, ed assegnato alla Corte dei conti, assegnazione annunciata sui giornali con il titolo «Esiliato alla Corte dei conti».

[2] https://medelnet.eu/images/2019/Statement-of-Platform-_EAJ-AEAJ-MEDEL-and-J4J_-Murat-Arslan-1.pdf

[3] https://www.ohchr.org/en/NewsEvents/Pages/DisplayNews.aspx?NewsID=24140&LangID=E; qui è richiamata la versione italiana https://www.magistraturademocratica.it/articolo/md-sul-processo-a-murat-arslan_2969.php 

 

[*]

Traduzione dall'originale inglese a cura di Mariarosaria Guglielmi

11/01/2022
Altri articoli di Mariarosaria Guglielmi
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
Lettera della Platform for an Independent Judiciary in Turkey sul caso Murat Arslan

La Platform for an Independent Judiciary in Turkey, costituita dopo i tragici eventi del luglio 2016 da MEDEL  (Magistrats Européens pour la Démocratie et les Libertés) e le associazioni AEAJ (Association of European Administrative Judges), EAJ (European Association of Judges), Judges for Judges, richiama ancora una volta l’attenzione delle istituzioni europee sulla violazione dei diritti fondamentali e l’assenza di un sistema giudiziario indipendente in Turchia.

11/01/2022
Un tribunale per la Turchia. Turkey Tribunal

In allegato a questo articolo, scritto da Luca Perilli, magistrato italiano ed esperto indipendente dell’Unione europea in Turchia dal 2007 al 2015, Questione Giustizia pubblica il suo rapporto su Indipendenza della magistratura e accesso alla Giustizia in Turchia, redatto per un Tribunale internazionale istituto dalla società civile, Turkey Tribunal.
Il rapporto è stato approvato dall’Associazione europea dei giudici (European Association of Judges – EAJ) e da Medel (Magistrats européens pour la démocratie et les libertés) ed è stato presentato pubblicamente in una conferenza on-line del 16 marzo 2021, cui hanno partecipato i Presidenti delle due associazioni e lo special rapporteur dell’Ufficio del Commissario dei diritti umani delle Nazioni Unite. La conferenza è stata seguita, su varie piattaforme on-line, da oltre quattromila persone.

15/09/2021
Lettera di MEDEL all'UNHCR in merito all'attuale situazione in Afghanistan e comunicato di MD in sostegno alle donne afghane

Di fronte al drammatico aggravarsi della crisi umanitaria in Afghanistan, e all’escalation di violenze contro civili inermi e contro coloro che in questi anni hanno operato per rafforzare lo stato di diritto e le istituzioni, l’unica risposta all’altezza dei valori della democrazia è la mobilitazione per mettere in salvo ed accogliere tutte le persone a rischio, e per difendere le libertà e i diritti fondamentali di tutti, a cominciare dalle donne e dai bambini. 
E’ questo il richiamo venuto in questi giorni dai numerosi interventi della magistratura associata, in ambito nazionale ed internazionale, e dalla comunità dei giuristi.
Pubblichiamo di seguito la lettera di Medel all’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i rifugiati e l’intervento di Magistratura Democratica.

23/08/2021
La tutela dei diritti umani in Turchia ai tempi del Sultano

Per comprendere il concreto impatto della deriva in corso in Turchia occorre prescindere da semplificazioni che non tengano conto delle specificità del contesto culturale e della presenza di molteplici istituzioni nazionali formalmente chiamate alla tutela dei diritti fondamentali. La drammatica situazione del paese, all’ombra delle formule standardizzate dei rapporti internazionali, è riassunta in uno sguardo complessivo alla luce di due separate esperienze, a distanza di qualche anno, di quotidiana interazione con giuristi, funzionari e semplici cittadini turchi di un consulente della UE.

04/05/2021
La decisione della Turchia e della Polonia di non far parte della Convenzione di Istanbul e le conseguenze per la tutela del diritto umano fondamentale delle donne a una vita libera dalla violenza

La Turchia ha revocato la propria partecipazione alla Convenzione di Istanbul contro la violenza sulle donne e dalla Polonia provengono spinte dirette al ritiro ufficiale dalla Convenzione. In entrambi i casi, il testo della Convenzione viene additato come esempio della “ideologia gender” che minerebbe i valori della famiglia tradizionale. L’analisi della giurisprudenza europea evidenzia, invece, che nel sistema convenzionale di tutela dei diritti fondamentali non viene propugnata una determinata idea di famiglia ma che vi è una costante attenzione alle tradizioni costituzionali degli Stati membri. Ne consegue che la revoca della partecipazione alla Convenzione di Istanbul si traduce in un ulteriore atto di limitazione di diritti fondamentali che, questa volta, colpisce il diritto delle donne a una vita libera dalla violenza.

24/04/2021
Turchia: l’indipendenza di avvocati e magistrati tra diritto e potere. Ricordando Ebru Timtik

Il 27 agosto 2020 Ebru Timtik è morta dopo 238 giorni di sciopero della fame.

Il 13 novembre 2020 la Fondazione Scuola Forense Alto Tirreno ha dedicato alla sua memoria e alla lezione da trarre da questa tragica vicenda un Forum: Diritto di difesa. Il caso turco: avvocati e magistrati. 

Vi hanno preso parte avvocati (Cerri e Menzione), magistrati (Civinini e Patrone), professori (Greco e Dal Canto). Vi è stato spazio per il ricordo appassionato di chi aveva conosciuto questa avvocata coraggiosa, per la riflessione giuridica e quella politica. E' stato analizzato il significato dello sciopero della fame fino alla morte come strumento estremo di lotta per il diritto e la verità.  Un'attenzione particolare è stata dedicata al ruolo della Corte Europea dei Diritti dell'Uomo che, in quei giorni di fine estate, ha respinto la richiesta di misure urgenti per Timtik e Ünsal e, nella persona del suo Presidente, ha visitato le istituzioni turche. La riflessione sulla violazione dei precetti di base dello stato di diritto, sul processo equo, sull'esercizio libero dei diritti della difesa, sull'indipendenza e imparzialità della giurisdizione e di chi l'attua dalla Turchia si è estesa ai Paesi dell'Unione Europea per divenire un forte monito: separazione dei poteri, avvocatura libera, magistratura indipendente non sono mai acquisizioni permanenti ed è dovere dei giuristi agire ogni giorno per la loro difesa.

26/03/2021
Una lettera a MD

Yavuz Aydın, già magistrato, fondatore di Justice for Rule of Law ASBL, scrive alla Segretaria generale di Magistratura democratica, ai colleghi italiani e al grande popolo di Medel, ricordando ed onorando quanti sono morti nelle prigioni turche per testimoniare il loro desiderio di libertà e quanti lottano  per giorni migliori nel loro Paese.

20/03/2021
La lunga storia della magistratura turca

Le recenti vicende che hanno interessato la magistratura turca dopo il tentato colpo di Stato del 15 luglio 2016, nel racconto di un giudice che ne è stato testimone

18/03/2021