Magistratura democratica
Editoriali

Il Giornale si scusa con Questione Giustizia e con Magistratura democratica

Questa la lettera di scuse che ci è stata inviata dalla Direzione del quotidiano Il Giornale

In relazione agli articoli pubblicati da Il Giornale il 14 agosto 2021 “Chiamata alla Rivolta. Golpe dei magistrati contro il Green Pass” e il 15 agosto 2021 “Magistrati contro ogni misura anti-virus. Così le toghe rosse volevano sabotare anche gli altri DPCM” relativi alla pubblicazione sulla rivista “Questione Giustizia” di un ampio saggio dal titolo “Sul dovere Costituzionale e comunitario di disapplicazione del c.d. decreto green pass”, diamo volentieri atto che:

a)    Il saggio non era a firma di magistrati ma di diversi professori universitari che facevano parte dell’“Osservatorio permanente per la legalità costituzionale” i quali esprimevano in termini strettamente giuridici le loro perplessità sulla costituzionalità della introduzione dell’onere di “green pass” per accedere a taluni luoghi ed attività.

b)    Pertanto le opinioni espresse dagli accademici non erano riferibili a Magistratura Democratica.

c)     Il saggio compariva all’interno di una rubrica denominata “Tribuna aperta”.

d)    Il saggio era stato preceduto da numerosi articoli favorevoli alla vaccinazione ed all’introduzione del green pass e immediatamente seguito da un editoriale del direttore di “Questione Giustizia”, Nello Rossi, il quale nel ribadire il fermo convincimento che la campagna di vaccinazione fosse uno strumento di liberazione dai più gravi timori per la salute individuale e collettiva e che fosse un naturale corollario dell’onere di vaccinarsi l’obbligo di esibire il “green pass”, riaffermava il principio che la Rivista dovesse ospitare, nel rispetto della libertà di pensiero, punti di vista diversi e confliggenti, come quello dell’“Osservatorio permanente per la legalità costituzionale”.

e)    Già l’8 agosto 2021, Magistratura democratica aveva manifestato il proprio punto di vista, qualificando la vaccinazione come «un onere il cui mancato adempimento può giustificare una serie di calcolate restrizioni e limitazioni, adottate nell’interesse collettivo in vari ambiti della vita sociale»; nella stessa occasione Magistratura democratica aveva sottolineato che l’imposizione di un dovere di attestare l’avvenuta vaccinazione può costituire una misura proporzionata e necessaria «per reintrodurre nell'esperienza sociale le condizioni di almeno relativa sicurezza e di tranquillità compromesse dalla prosecuzione dei contagi»; ciò nel rifiuto «di una idea di libertà individuale disgiunta dalla responsabilità collettiva e dalla realizzazione del bene comune».

Siamo pertanto dispiaciuti che l’esercizio del pluralismo informativo da parte di Questione Giustizia sia stato, ingiustamente, bollato come una manovra eversiva da parte della comunità di magistrati che si riconoscono in Magistratura democratica che, come tutti i magistrati, è quotidianamente, chiamata a rispettare ed applicare la Costituzione e la legge.

Nello scusarci per l’accaduto, siamo lieti che il contenzioso con “Questione Giustizia” e Magistratura Democratica sia stato così definito.

 

La Direzione de Il Giornale

 

14/01/2022
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
E' nata!

Breve storiella edificante su come è nato il logo di Magistratura Democratica

14/07/2022
Md e il caso Tortora. Ma l’errore interroga tutti i magistrati…
a cura di Nello Rossi

Nei suoi molteplici e tragici aspetti il caso Tortora ci dice “anche” che la magistratura italiana non è mai stata un monolite e che l’esistenza, nel suo seno, di scelte e pensieri diversi rappresenta il più efficace antidoto alle chiusure corporative ed all’intolleranza verso le critiche. Ripubblicare, a distanza di decenni, documenti che attestano le posizioni assunte da Md sulla vicenda giudiziaria di Enzo Tortora e le veementi reazioni che suscitarono nella corporazione concorre a ristabilire la verità sulle radici lontane del garantismo dei magistrati democratici. Questa “operazione verità” è indispensabile per contrastare una vulgata ingannevole, che dura sino ad oggi, sulla natura e sulla fisionomia di questo gruppo di magistrati. Ma ciò non significa che ci siano magistrati che si possano sentire estranei rispetto a quell’errore e agli altri che si sono verificati negli anni. L’errore giudiziario è un evento che inquieta e percuote anche coloro che non l’hanno commesso perché è sempre una sorta di errore collettivo, il frutto avvelenato della disattenzione, della superficialità, dello spirito burocratico con cui si accusa e si giudica. Caduta dalle terribili conseguenze - perché si ripercuote sulla libertà, sull’onore, sulla reputazione del cittadino - che nei limiti dell’umanamente possibile può essere evitata solo essendo consapevoli della drammaticità di ogni giudizio e applicando con scrupolo e intelligenza gli strumenti di lavoro di pubblici ministeri e giudici: rigore professionale, responsabilità sociale e cultura del dubbio. 

29/06/2022
Alcune riflessioni sparse a partire dalla cd. "vicenda Lucano"

La sentenza di condanna pronunciata dal Tribunale di Locri nei confronti di Domenico Lucano ed altri imputati ha sollevato forti reazioni nell’opinione pubblica, cui hanno fatto seguito variegate prese di posizione da parte di singoli magistrati e della magistratura associata: è l’occasione per svolgere alcune riflessioni in ordine sparso su critica ai provvedimenti giudiziari, comunicazione istituzionale, sensibilità culturali dei magistrati, senso della sanzione penale. Senza certezze precostituite, ma proponendo un punto di vista.

18/10/2021
Fiducia nei cittadini per riconquistarne la fiducia

Nell’intervento svolto al recente Congresso di Magistratura democratica Franco Ippolito svolge un duplice compito, di  analisi e di testimonianza. Lo fa gettando a fondo lo scandaglio sulle cause della caduta etica e della crisi democratica della magistratura e del suo governo autonomo e rilanciando le idee forti che, sole, possono consentire ai magistrati di recuperare la fiducia incrinata: costante assunzione di responsabilità nell’esercizio della giurisdizione e nella pratica dell’autogoverno, rifiuto di rinchiudersi nella cittadella corporativa, resa di un servizio giudiziario efficiente ed affidabile.

08/10/2021
Un mare di vergogna

Dai respingimenti informali all’omissione dei soccorsi: l’inabissarsi dei diritti fondamentali. Prende il via oggi 1 ottobre il convegno organizzato da Magistratura democratica in collaborazione con ASGI – Associazione per gli Studi Giuridici sull’Immigrazione

01/10/2021