Magistratura democratica
cinema e letteratura

Fuoristrada

di Donatella Salari
Giudice del Massimario della Corte di Cassazione
Un documentario di Elisa Amoruso su genere e sessualità
Fuoristrada

Le acque della cultura sono come quelle di un fiume si dividono, serpeggiano, tornano a unirsi.

(Ivan Illich)

Chissà che cosa avrebbe detto il filosofo Ivan Illich (Genere, per una critica storica dell’ugaglianza 1984) scomparso nel 2002, vedendo questo documentario recentissimo della regista Elisa Amoruso che racconta una storia vera.

Secondo Illich, infatti, la cultura evolve come una lingua e genera forme di comportamento indipendenti dalla programmazione genetica, nonché un livello di vita non traducibile in termini biologici.  

Questa idea della contemporaneità che evolve nelle questioni dell’identità di genere ci accompagna nel racconto -con la voce degli stessi protagonisti – in una storia vera che è quella di Pino sportivo e baffuto pilota di rally – ora titolare di un’autofficina nel quartiere romano di San Giovanni – che diviene, ad una svolta della sua vita, Beatrice.

Così Pino si racconta nella propria commozione, fuori di ogni auto compiacimento, fino alla scelta di divenire transessuale - senza operazioni demolitorie- tiene a precisare- per ricongiungersi con il proprio genere.

Pino, ormai Beatrice, incontra Mariana, badante rumena a servizio della madre di lui e se ne innamora.

In questo teatro delle metamorfosi non c’è retorica né estraneità perché non c’è alcuna solitudine nella scelta di genere fatta da Pino e da Mariana.

Pino/ Beatrice viene dalla sua famiglia presentato a Mariana già in abiti e attributi femminili.

Racconta Mariana, che oggi fa la sarta, con la sua stessa voce: “. mi dissero:  ti presento mio fratello.. prima non capivo poi lui mi ha detto così ..che si era innamorato.”

Proprio qui il segno della sessualità si ribalta nell’accudimento reciproco e nella tolleranza della piccola comunità che li vede vivere e che si racconta.

Seguiamo Pino/ Beatrice in officina, truccata ed abbigliata, svolgere lavori di fatica ed interloquire con i clienti nella vita di ogni giorno:

“Qualche cliente l’ho perso perché dopo la mia trasformazione si sentiva a disagio… pazienza, molti hanno capito…”

Ma ne percepiamo anche i gesti di tenerezza verso la compagna e verso il figlio di lei, ugualmente accolto- pur nelle difficoltà comunicative di questo ragazzino- nell’alveo di una famiglia aperta per scelta di un non giudizio e fortificata dai legami affettivi non sgretolati dalla metamorfosi di Pino.

Mariana convive con Pino e, come in un racconto di favola eroica, Pino/ Beatrice racconta della sua fuga in macchina alla guida di un fuoristrada Terrano (grande macchina….dice) per 600 chilometri tutti di fila, fatti con il cuore in gola per riprendere Mariana in Romania ritrovarla, riportarla in Italia e sposarla.

“E’ vero abbiamo avuto difficoltà, ma il sindaco doveva sposarci! Io sono un uomo e lei una donna. è tutto in regola”.

E le parole di Pino / Beatrice pongono altre domande e stimolano fantasie e rivelazioni.

La straordinaria accettazione di Mariana e della comunità ci intriga nella visione dei due protagonisti ambedue in abito da sposa e il racconto sfuma nelle immagini tenere della madre novantenne di Pino/Beatrice  che mormora in un’accettazione limpida e sorridente, mentre il figlio in minigonna e tacchi a spillo l’accudisce.. “Poi a Pino i baffi gli torneranno..”:

Così la storia di Pino e di Mariana diventa la storia stessa del corpo e della sua percezione nel mondo, in un possibile superamento dell’omologazione tra genere e sessualità, verso una verità di reale uguaglianza dei sessi e, soprattutto, verso l’assenza di quella paura di essere se stessi - che è la negazione della libertà –

Forse è davvero il caso di dire che la nostra contemporaneità, come dice Illich, va verso forme di evoluzione biologiche che fanno germogliare rami nuovi tra i quali non esiste una fecondazione incrociata, e questi rami, una volta consolidati, non si riuniranno mai più. 

12/04/2014
Altri articoli di Donatella Salari
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
Il traditore, un film per (ri)guardare un pezzo della nostra storia repubblicana
Il film di Marco Bellocchio, presentato all'ultimo Festival di Cannes, visto con lo sguardo di un magistrato
31/05/2019
Il colpevole–The guilty, un film di Gustav Möller
L'opera prima del regista danese è un thriller coinvolgente, drammatico e ricco di scelte estreme che però non stancano mai lo spettatore
11/05/2019
Cafarnao-Caos e miracoli, un film di Nadine Labaki
Zain, il piccolo protagonista dell'opera premio della Giuria a Cannes 2018, viene elevato a “manifesto” dei mali del mondo, offrendo ai nostri occhi la mostruosità di un’infanzia già troppo violata, cercando di coinvolgere un’umanità che rimane sempre troppo distante, inerme e colpevole
04/05/2019
Il verdetto-The children act, un film di Richard Eyre
La recensione all'opera tratta da La ballata di Adam Henry, un romanzo di Ian McEwan
10/11/2018
Opera senza autore, un film di Florian Henckel von Donnersmarck
Come ne Le vite degli altri, anche in quest'opera l’autore riesce a dipingere, attraverso la storia di singole persone, la Storia di un’intera nazione dilaniata e stravolta dalle leggi dittatoriali passate da quelle naziste a quelle filosovietiche
27/10/2018
Lo sguardo che manca alla giustizia
Il film «Sulla mia pelle», che racconta la vicenda di Stefano Cucchi, sollecita molte riflessioni tra cui quella sull’impersonalità (brutale) delle istituzioni, compresa la giustizia, e sulle sue ricadute negative nel rapporto di fiducia con i cittadini. Un problema antico ma ricorrente e cruciale nella vita delle istituzioni, di cui i magistrati devono farsi carico con i loro comportamenti. Secondo Piero Calamandrei, bisogna che «anche nel processo circoli questo senso di fiducia, di solidarietà e di umanità, che è in tutti i campi lo spirito animatore della democrazia»
18/09/2018
Dogman, una scellerata storia di periferia
Matteo Garrone, ispirato dalla vicenda romana del Canaro, torna con la sua macchina da presa sul litorale campano per tratteggiare un universo di violenza e degrado in cui Bene e Male finiscono per mescolarsi, perdendo i propri confini
02/06/2018
La casa sul mare, un film di Robert Guédiguian
Il regista francese ci regala una storia di straordinaria bellezza, raccontata con delicatezza e asciuttezza. Un'opera in cui la trama si dipana perché ciascun personaggio possa riappropriarsi della sua storia e della vita. Mentre il treno sullo sfondo continuamente va e poi ritorna. Perché la vita non può fermarsi
26/05/2018
La giornata particolare di una giuria popolare
Una nuova recensione per La convocazione di Enrico Maisto, un film in cui l'autore passa con naturalezza dalla narrazione del registro intimo e quotidiano dei convocati a comporre la giuria a quello solenne del giuramento finale in un crescendo emotivo e intenso.
03/02/2018