home search menu
CEDU, pillole di settembre
Osservatorio internazionale
CEDU, pillole di settembre
di Alice Pisapia
Prof. a contratto in Diritto dell’UE per l’impresa, Università degli Studi dell’Insubria
Prof. a contratto in Diritto europeo della concorrenza, Università degli Studi dell’Insubria
Avvocato Foro di Milano
Le più interessanti pronunce della Corte Edu emesse a settembre 2018

La Corte Edu condanna l’Italia per perquisizione arbitraria

Sentenza della Corte Edu (Sezione Prima) 27 settembre 2018, rich. nn. 57278/11 Brazzi v. Italy

Oggetto: Violazione dell’art. 8 par. 2 – perquisizione arbitraria

Il sig. Brazzi è nato in Italia e vive a Monaco di Baviera, risultando iscritto al registro degli italiani che vivono all’estero. Nel 2010 è stato sottoposto ad una verifica fiscale da parte della Guardia di Finanza di Mantova. Nell’ambito di tale procedimento amministrativo, il 6 luglio 2010, la Procura della Repubblica di Mantova ha autorizzato la Guardia di Finanza ad accedere alla casa italiana del ricorrente, al fine di ricercare e sequestrare tutti i documenti o altre prove di violazioni della legislazione fiscale. Con decisione del 13 luglio 2010, la Procura della Repubblica di Mantova ha aperto un’indagine penale nei confronti del ricorrente e ha emesso un mandato di perquisizione della casa del ricorrente per l’esistenza di gravi elementi di colpevolezza per il reato di evasione fiscale. Con il mandato di perquisizione, l’accusa ha ordinato la perquisizione e il sequestro di documenti contabili. Successivamente il pubblico ministero ha chiesto al giudice per le indagini preliminari di archiviare l’inchiesta senza ulteriori azioni e così è avvenuto. Nel frattempo, il ricorrente ha presentato ricorso per Cassazione, denunciando l’illegittimità dell’ordine di perquisizione del 13 luglio 2010, sostenendo che siffatta perquisizione aveva costituito una violazione ingiustificata al diritto al rispetto della sua vita privata, poiché, secondo lui, la verifica della sua situazione fiscale avrebbe potuto essere effettuata con altri mezzi. La Corte di cassazione ha tuttavia dichiarato il ricorso del ricorrente irricevibile.

La Corte Edu ritiene che non vi sia dubbio che la ricerca in questione costituisca «interferenza delle autorità pubbliche» nel diritto alla riservatezza della persona interessata. Tale ingerenza viola la Cedu se non soddisfa i requisiti di cui al par. 2 dell’art. 8. È quindi necessario stabilire se tale interferenza fosse «prevista dalla legge», perseguisse uno o più scopi legittimi e fosse «necessaria, in una società democratica». La Corte ricorda che per sua costante giurisprudenza, le parole «prevista dalla legge» implicano che l’interferenza con i diritti garantiti dall’art. 8 abbia un fondamento giuridico interno, che la normativa in questione sia sufficientemente accessibili e prevedibile, oltreché coerente con lo Stato di diritto.

La perquisizione in questione era basata sugli artt. 247 e ss. cpp. Tali disposizioni legislative non presentano alcun problema in punto accessibilità e prevedibilità. Per quanto riguarda l’ultima condizione qualitativa che deve soddisfare la legislazione nazionale, vale a dire la compatibilità con il principio dello Stato di diritto, la Corte ricorda che, nel contesto delle perquisizioni, viene richiesto che la legislazione nazionale preveda garanzie adeguate e sufficienti contro abusi e arbitrarietà.

Nel caso di specie, la perquisizione è stato ordinata dal procuratore, il giorno di apertura di un’indagine penale nei confronti del ricorrente, a seguito di un tentativo da parte delle autorità inquirenti di condurre ricerche, sempre nello stesso giorno, nell’ambito di una verifica fiscale amministrativa. La perquisizione è quindi stata disposta in una fase particolarmente iniziale del procedimento penale.

A tal proposito, la Corte ha già dichiarato che la perquisizione svolta in una tale fase dovrebbe essere circondata da garanzie adeguate ed efficaci per impedire che venga utilizzata per fornire alle autorità inquirenti elementi su persone non ancora identificate come sospettate di aver commesso un reato (Modestou c. Grecia, n. 51693/13, § 44, 16 marzo 2017).

La Corte rileva che la legge nazionale italiana non prevede un controllo giurisdizionale ex ante sulla legittimità e necessità di questo provvedimento istruttorio. In effetti, non si prevede che il rappresentante dell’accusa, nella sua qualità di magistrato incaricato delle indagini, debba richiedere l’autorizzazione di un giudice o che lo debba informare della decisione di ordinare una perquisizione.

A giudizio della Corte, l’assenza di un controllo giurisdizionale ex ante potrebbe essere sanato dalla realizzazione di un controllo giurisdizionale a posteriori sulla legittimità e necessità della misura. Tuttavia, non è questo il caso, atteso che il procedimento è stato archiviato dal giudice per le indagini preliminari, con la conseguenza che nessun giudice ha esaminato la legalità e la necessità del mandato di perquisizione.

La Corte ritiene pertanto che, in assenza di un controllo giurisdizionale preliminare o di un effettivo controllo ex post della misura controversa, le garanzie procedurali previste dalla legge italiana non sono sufficienti a prevenire il rischio di abuso di potere da parte delle autorità investigative.

La Corte quindi conclude che, anche se la misura contestata aveva una base legale nel diritto interno, il diritto nazionale non ha offerto al ricorrente garanzie sufficienti contro abusi ed arbitrarietà prima o dopo ricerca. Di conseguenza, il ricorrente non ha beneficiato di un «controllo effettivo» come previsto dallo Stato di diritto in una società democratica.

***

Le intercettazioni di massa del Regno Unito violano la Cedu

Sentenza della Corte Edu (Sezione Prima) 13 settembre 2018, rich. nn. 58170/13, 62322/14 e 24960/15 Big Brother Watch e altri v. Regno Unito

Oggetto: Regimi di sorveglianza − intercettazioni di massa − rispetto per la vita privata − libertà di espressione

La Corte Edu ha condannato il Regno Unito per il sistema di intercettazioni di massa disposto dalle autorità britanniche e rivelato da Edward Snowden ex consulente della NSA (National Security Agency) americana.

Diversi soggetti hanno fatto ricorso alla Corte Edu con riferimento al Regulation of Investigatory Powers Act, in vigore dal 2000 che costituisce la base giuridica dell’attività di sorveglianza. I ricorrenti hanno lamentato la violazione dell’art. 8 (rispetto della vita privata e familiare) dell’art. 10 (libertà di espressione in campo giornalistico) e dell’art. 6 (equo processo) della Cedu.

Più in particolare, la questioni sottoposte alla Corte sono state tre: 1) il generalizzato ed indiscriminato impiego di tecniche di intercettazione di dati; 2) la condivisione di tali dati tra governi; 3) la richiesta ai service providers di fornire dati sensibili dei propri clienti.

In riferimento all’art. 8, la Corte Edu ha ritenuto che, in via generale, le intercettazioni di massa non sono in sé contrarie alla Cedu, in particolare in ragione delle esigenze di sicurezza nazionale. Pur esistendo un margine di apprezzamento relativo agli schemi di sorveglianza che un governo può adottare, gli Stati parti della Cedu sono tenuti a rispettare i parametri fissati bel caso Weber and Saravia v. Germany. Pertanto, deve essere assicurata la supervisione di un organo indipendente e competente per la selezione delle intercettazioni e per il processo di ricerca A giudizio della Corte, nel caso di specie la selezione dei soggetti da sorvegliare non è stata caratterizzata da una valutazione indipendente ed adeguata.

Con riferimento al regime di condivisione di dati di intelligence con altri governi, i giudici di Strasburgo hanno invece escluso che, sulla scorta delle norme nazionali vigenti, abbia avuto luogo una violazione dell’art. 8 della Cedu.

Sotto il profilo del diritto alla libertà di espressione, la Corte ha riconosciuto che il Regulation of Investigatory Powers Act non contiene norme che proteggano adeguatamente le fonti giornalistiche e il materiale giornalistico riservato, che è quindi stato indiscriminatamente acquisito dai sistemi di intelligence. Più in particolare, la Corte ha evidenziato che anche se le intercettazioni non avevano l’obiettivo di rivelare le fonti dei giornalisti, esisteva un rischio potenziale sul mantenimento della confidenzialità delle fonti. L’acquisizione di materiale confidenziale ha implicato gravi ripercussioni sulla libertà di espressione, protetta dalla Cedu.

Infine, con riferimento alla dedotta violazione dell’art. 6 Cedu, la Corte, atteso che l’Investigatory Power Tribunal (IPT) − Tribunale creato appositamente dal Regulation of Investigatory Powers Act − agisce in piena autonomia ed indipendenza, ha escluso la violazione del diritto ad un equo processo.

7 dicembre 2018
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
Tanto rumor per nulla
Tanto rumor per nulla
Dopo quasi sei anni di attesa, la Corte Edu radia dal ruolo il caso Berlusconi c. Italia
27 novembre 2018
CEDU, pillole di luglio
CEDU, pillole di luglio
di Alice Pisapia
Le più interessanti pronunce della Corte Edu emesse a luglio 2018
16 novembre 2018
Provenzano c. Italia, la Corte Edu condanna l’Italia per violazione dell’articolo 3 Cedu
Provenzano c. Italia, la Corte Edu condanna l’Italia per violazione dell’articolo 3 Cedu
Anticipiamo una sintesi del contenuto della decisione cui seguiranno i necessari commenti e approfondimenti. Nella motivazione del provvedimento che ha esteso il 41-bis non si è fatto un accertamento approfondito del deterioramento delle capacità cognitive del detenuto
25 ottobre 2018
Gestation pour autrui: la prima richiesta di parere consultivo alla Cedu
Gestation pour autrui: la prima richiesta di parere consultivo alla Cedu
di Francesco Buffa
Il nuovo istituto del parere consultivo alla Cedu, introdotto dal Protocollo addizionale n. 16, è stato attivato per la prima volta dalla Corte di cassazione francese, che ha richiesto un doppio parere in materia del cd. utero surrogato, in relazione alla trascrizione di atti dello stato civile formati all’estero ed al procedimento di adozione
11 ottobre 2018
Il dialogo fra le Corti e le sorti (sembra non magnifiche, né progressive) dell’integrazione europea
Il dialogo fra le Corti e le sorti (sembra non magnifiche, né progressive) dell’integrazione europea
di Antonello Cosentino
Il giudice comune nazionale ha sempre avuto con la Cgue relazioni più fluide rispetto a quelle intrattenute con la Cedu. A partire dalla sentenza 14 dicembre 2017 n. 269 della Corte costituzionale, però, lo schema dell’applicazione diretta del diritto euro-unitario da parte del giudice nazionale sembra essere stato rimesso in discussione. La Corte costituzionale ha rivendicato la propria centralità nella dialettica tra giudice comune, giudice costituzionale e Cgue. Dagli equilibri che si raggiungeranno in tale dialettica dipenderà grande parte del ruolo che il giudice nazionale giocherà nel futuro dell’integrazione europea
1 ottobre 2018
La Corte Edu attaccata, ieri e oggi. Di chi è la colpa?
La Corte Edu attaccata, ieri e oggi. Di chi è la colpa?
di Roberto Conti
La vicenda dell’evacuazione del campo rom di Camping River, attuata nonostante la sospensione disposta dalla Corte Edu in via d’urgenza, è l’occasione per una riflessione su una cultura giuridica sovranista che dimentica le ragioni che hanno portato gli Stati a creare una Corte europea pace di tutelare i diritti umani anche davanti ad azioni delle autorità nazionali. Un campanello d’allarme e un invito a cambiar strada
28 luglio 2018
CEDU, pillole di maggio
CEDU, pillole di maggio
di Alice Pisapia
Le più interessanti pronunce della Corte Edu emesse a maggio 2018
24 luglio 2018
CEDU, pillole di aprile
CEDU, pillole di aprile
di Alice Pisapia
Le più interessanti pronunce della Corte Edu emesse ad aprile 2018
13 luglio 2018
Da Strasburgo via libera alla confisca urbanistica senza condanna
Da Strasburgo via libera alla confisca urbanistica senza condanna
di Marco Bignami
Viene commentata la sentenza della Grande Camera G.I.E.M. e altri c. Italia del 28 giugno 2018, attinente al regime della confisca urbanistica. Si sottolinea, in particolare, che deve ritenersi in linea di principio conforme alla Convenzione l’applicazione di tale sanzione, anche unitamente alla dichiarazione di estinzione del reato per prescrizione, a condizione che sia stata accertata incidentalmente la colpevolezza dell’imputato
10 luglio 2018
La Banca dati nazionale del Dna e la salvaguardia del diritto al rispetto della vita privata del singolo
La Banca dati nazionale del Dna e la salvaguardia del diritto al rispetto della vita privata del singolo
di Emilio Gatti
La raccolta a fini investigativi e la conservazione dei profili genetici pone delicati problemi di compatibilità delle esigenze investigative con il diritto al rispetto della vita privata e familiare previsto dall’art. 8 della Cedu soprattutto nei confronti di individui indagati ma poi assolti con sentenza definitiva. Il contributo ripercorre la giurisprudenza della Corte europea dei diritti dell’uomo, l’obbligo di creare una banca dati nazionale del Dna stabilito dal Trattato di Prüm e le soluzioni adottate dal legislatore italiano che paiono rispettose dei principi convenzionali e costituzionali, in attesa di verificare la correttezza delle prassi applicative
6 giugno 2018
Newsletter


Fascicolo 2/2018
Giustizia e disabilità

La riforma spezzata.
Come cambia
l’ordinamento penitenziario
Osservatorio internazionale
Cepej, adottata la prima Carta etica europea sull'uso dell'intelligenza artificiale (AI) nei sistemi giudiziari
Cepej, adottata la prima Carta etica europea sull'uso dell'intelligenza artificiale (AI) nei sistemi giudiziari
di Clementina Barbaro (a cura)
L'auspicio è che questi principi diventino un punto di riferimento per i professionisti del diritto, le istituzioni e gli attori politici che si trovano ad affrontare la sfida di integrare le nuove tecnologie basate sull' IA nelle politiche pubbliche o nel loro lavoro quotidiano
7 dicembre 2018
Tanto rumor per nulla
Tanto rumor per nulla
Dopo quasi sei anni di attesa, la Corte Edu radia dal ruolo il caso Berlusconi c. Italia
27 novembre 2018
CGUE, pillole di settembre
CGUE, pillole di settembre
di Alice Pisapia
Le più interessanti pronunce della Corte del Lussemburgo emesse a settembre 2018
23 novembre 2018
CEDU, pillole di luglio
CEDU, pillole di luglio
di Alice Pisapia
Le più interessanti pronunce della Corte Edu emesse a luglio 2018
16 novembre 2018
L’Apartheid e oltre. L’esperienza delle Legal Aid Clinics in Sudafrica
L’Apartheid e oltre. L’esperienza delle Legal Aid Clinics in Sudafrica
di Elettra Aldinio
Le Legal Aid Clinics in Sudafrica durante l’Apartheid furono uno spiraglio di luce nel naufragio dei diritti. Oggi svolgono il loro compito nella consapevolezza, segnata da Mandela, che l’arma più potente è l’educazione dei cittadini
13 novembre 2018
Lettere dalla Turchia
Lettere dalla Turchia
di Vito Monetti
Pubblichiamo la traduzione in italiano delle Lettere dalla Turchia edite in e-book da Medel in occasione del conferimento del premio Václav Havel per i diritti umani 2017 a Murat Arslan
3 novembre 2018