home search menu
CEDU, pillole di luglio
Osservatorio internazionale
CEDU, pillole di luglio
di Alice Pisapia
Prof. a contratto in Diritto dell’UE per l’impresa, Università degli Studi dell’Insubria
Prof. a contratto in Diritto europeo della concorrenza, Università degli Studi dell’Insubria
Avvocato Foro di Milano
Le più interessanti pronunce della Corte Edu emesse a luglio 2018

La Corte Edu si pronuncia sul Caso Politkovskaja

Sentenza della Corte Edu (Sezione Terza), 17 luglio 2018, rich. n. 15086/07, Case Of Mazepa and others v. Russia

Oggetto: violazione art. 2 Cedu – diritto alla vita – indagine efficace – uccisione su commissione di un giornalista investigativo

La sentenza in rassegna verte sull’omicidio di Anna Politkovskaya, la nota giornalista investigativa assassinata a Mosca nel 2006. Benché il mandante dell’omicidio non sia mai stato scoperto, nel 2014 cinque persone sono state condannate per l’omicidio della giornalista. Il Tribunale di Mosca ha accertato che l’omicidio è stato commesso da un gruppo organizzato a pagamento in relazione all’esercizio delle funzioni professionali e civiche della vittima, che, come noto, si occupava di inchieste concernenti la violazione dei diritti umani nella Repubblica cecena ed era molto critica della politica del presidente Putin.

Secondo Corte Edu, l’indagine condotta dalle autorità nazionali ha portato a risultati tangibili poiché ha determinato la condanna di cinque persone direttamente responsabili dell’uccisione. Tuttavia, quando si indagava su un omicidio su commissione, a giudizio della Corte, è necessario compiere sforzi investigativi al fine di identificare anche l’autore intellettuale del crimine, cioè la persona o le persone che avevano commissionato l’assassinio. Sotto questo profilo, la Corte osserva che le indagini delle autorità si erano concentrate su un’ipotesi riguardante l’identità della persona che aveva commissionato l’omicidio, vale a dire «un noto ex politico russo a Londra» deceduto nel 2013. Tuttavia, lo Stato convenuto non aveva spiegato perché l’inchiesta aveva scelto di concentrarsi per un considerevole numero di anni su quella singola linea di indagine, che era rimasta peraltro non supportata da prove tangibili. Inoltre, dato il lavoro di Anna Politkovskaya sul conflitto in Cecenia, le autorità investigative avrebbero dovuto esplorare le presunte implicazioni dei funzionari del Servizio di sicurezza federale o dell’amministrazione della Repubblica cecena. Ciò non è avvenuto e l’indagine sull’omicidio di Anna Politkovskaya non aveva integrato il requisito dell’adeguatezza.

Alla luce delle considerazioni sopra riportate, la Corte Edu ha quindi condannato la Russia per non aver «attuato le opportune misure investigative per identificare gli sponsor dell’omicidio» della giornalista. Più in particolare, lo Stato non ha adempiuto agli obblighi relativi all’efficacia e alla durata dell’indagine ai sensi della Cedu.

***

La Corte Edu si pronuncia in tema di sfruttamento della prostituzione

Sentenza della Corte Edu (Sezione Prima) 19 luglio 2018, rich. n.  60561/14, S.M. v. Croazia

Oggetto: violazione art. 4 Cedu – tratta esseri umani – sfruttamento della prostituzione – mancanza di un’indagine efficace

La ricorrente, la sig.ra S.M., è una cittadina croata nata nel 1990 che ha presentato una denuncia penale nel settembre 2012, sostenendo che un uomo l’aveva costretta a prostituirsi per diversi mesi a metà del 2011. Ha affermato che l’uomo, un ex agente di polizia, l’aveva spinta a incontrare i clienti, l’aveva obbligata a dargli metà dei soldi che aveva guadagnato fornendo servizi sessuali e l’aveva minacciata di punirla se non avesse rispettato le sue richieste. Alla fine del 2012 l’uomo è stato incriminato e alla ricorrente è stato ufficialmente riconosciuto lo status di vittima della tratta di esseri umani. All’esito dell’indagine, l’uomo è tuttavia stato assolto, in quanto i tribunali hanno ritenuto che la testimonianza della ricorrente fosse incoerente e inaffidabile. Hanno quindi concluso che l’accusa non aveva fornito prove sufficienti per una condanna e che la ricorrente aveva prestato volontariamente i servizi sessuali.

Dopo aver riconosciuto che la tratta delle donne e lo sfruttamento della prostituzione rientrano nell’ambito di applicazione dell’art. 4 della Convenzione, la Corte si è soffermata sull’indagine condotta a seguito della denuncia della ricorrente, ravvisandone diverse carenze. Invero, le autorità non avevano intervistato alcuni testimoni chiave, compresi i clienti della ricorrente e altri individui che avrebbero potuto testimoniare sulla vera natura della sua relazione con l’imputato. Né avevano fatto alcun serio tentativo di indagare sulla accusa di minacce. Infine, non avevano valutato il possibile impatto del trauma psicologico sulla capacità di esporre in modo chiaro e coerente le circostanze del suo sfruttamento, etichettando la sua testimonianza come inaffidabile. Inoltre, accertando che la ricorrente aveva prestato volontariamente i servizi sessuali e non era stata coartato, i tribunali nazionali non avevano preso in considerazione il diritto internazionale in materia di tratta di esseri umani, compresa la Convenzione anti-tratta del Consiglio d’Europa, secondo cui il consenso della vittima è irrilevante. 

Alla luce dei rilievi esposti, la Corte ha concluso che le autorità nazionali competenti non hanno adempiuto agli obblighi procedurali ai sensi dell’art. 4 della CEDU e ha condannato la Croazia a pagare alla ricorrente 5.000 euro a titolo di danno non patrimoniale.

16 novembre 2018
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
CEDU, pillole di ottobre
CEDU, pillole di ottobre
di Alice Pisapia
Le più interessanti pronunce della Corte Edu emesse a ottobre 2018
17 gennaio 2019
La sentenza della Cedu Brazzi c. Italia: sono arbitrarie le perquisizioni disposte dall’Autorità giudiziaria?
La sentenza della Cedu Brazzi c. Italia: sono arbitrarie le perquisizioni disposte dall’Autorità giudiziaria?
di Daniela Cardamone
La pronunzia della Corte di Strasburgo affronta la questione della mancanza nel sistema processuale italiano di un controllo giurisdizionale ex ante e di un rimedio ex post con riferimento all’inviolabilità del domicilio, in caso di provvedimento di perquisizione domiciliare non seguito da sequestro
15 gennaio 2019
Principio di non discriminazione e norme speciali per le minoranze. La legge sacra islamica di fronte alla Cedu
Principio di non discriminazione e norme speciali per le minoranze. La legge sacra islamica di fronte alla Cedu
di Marika Ikonomu
La Corte analizza la questione alla luce sia delle fonti interne sia della normativa europea e internazionale, al fine di individuare il corretto bilanciamento tra la protezione del particolarismo religioso e la protezione dei diritti fondamentali
10 gennaio 2019
L’eccidio dei Limmari, una strage mai dimenticata *
di Guido Raimondi
Se oggi la Corte Edu esiste e assolve il compito di proteggere i diritti fondamentali in tutta Europa, lo si deve alla reazione della società europea di fronte alle indicibili atrocità che hanno segnato la storia della Seconda guerra mondiale
2 gennaio 2019
CEDU, pillole di settembre
CEDU, pillole di settembre
di Alice Pisapia
Le più interessanti pronunce della Corte Edu emesse a settembre 2018
7 dicembre 2018
Tanto rumor per nulla
Tanto rumor per nulla
Dopo quasi sei anni di attesa, la Corte Edu radia dal ruolo il caso Berlusconi c. Italia
27 novembre 2018
Provenzano c. Italia, la Corte Edu condanna l’Italia per violazione dell’articolo 3 Cedu
Provenzano c. Italia, la Corte Edu condanna l’Italia per violazione dell’articolo 3 Cedu
Anticipiamo una sintesi del contenuto della decisione cui seguiranno i necessari commenti e approfondimenti. Nella motivazione del provvedimento che ha esteso il 41-bis non si è fatto un accertamento approfondito del deterioramento delle capacità cognitive del detenuto
25 ottobre 2018
Gestation pour autrui: la prima richiesta di parere consultivo alla Cedu
Gestation pour autrui: la prima richiesta di parere consultivo alla Cedu
di Francesco Buffa
Il nuovo istituto del parere consultivo alla Cedu, introdotto dal Protocollo addizionale n. 16, è stato attivato per la prima volta dalla Corte di cassazione francese, che ha richiesto un doppio parere in materia del cd. utero surrogato, in relazione alla trascrizione di atti dello stato civile formati all’estero ed al procedimento di adozione
11 ottobre 2018
Il dialogo fra le Corti e le sorti (sembra non magnifiche, né progressive) dell’integrazione europea
Il dialogo fra le Corti e le sorti (sembra non magnifiche, né progressive) dell’integrazione europea
di Antonello Cosentino
Il giudice comune nazionale ha sempre avuto con la Cgue relazioni più fluide rispetto a quelle intrattenute con la Cedu. A partire dalla sentenza 14 dicembre 2017 n. 269 della Corte costituzionale, però, lo schema dell’applicazione diretta del diritto euro-unitario da parte del giudice nazionale sembra essere stato rimesso in discussione. La Corte costituzionale ha rivendicato la propria centralità nella dialettica tra giudice comune, giudice costituzionale e Cgue. Dagli equilibri che si raggiungeranno in tale dialettica dipenderà grande parte del ruolo che il giudice nazionale giocherà nel futuro dell’integrazione europea
1 ottobre 2018
La Corte Edu attaccata, ieri e oggi. Di chi è la colpa?
La Corte Edu attaccata, ieri e oggi. Di chi è la colpa?
di Roberto Conti
La vicenda dell’evacuazione del campo rom di Camping River, attuata nonostante la sospensione disposta dalla Corte Edu in via d’urgenza, è l’occasione per una riflessione su una cultura giuridica sovranista che dimentica le ragioni che hanno portato gli Stati a creare una Corte europea pace di tutelare i diritti umani anche davanti ad azioni delle autorità nazionali. Un campanello d’allarme e un invito a cambiar strada
28 luglio 2018
Newsletter


Fascicolo 2/2018
Giustizia e disabilità

La riforma spezzata.
Come cambia
l’ordinamento penitenziario
Osservatorio internazionale
Ci sarà un giudice ad Islamabad!
Ci sarà un giudice ad Islamabad!
di Francesco Florit
La recente decisione sul caso di Asia Bibi, la donna di fede cristiana condannata per blasfemia in Pakistan e detenuta per nove anni in attesa di decisione finale, aveva fatto credere che anche per il Paese asiatico potesse valere la granitica certezza del mugnaio di Potsdam (Ci sarà un giudice a Berlino!). Ma gli sviluppi successivi sembrano togliere ogni illusione…
22 gennaio 2019
CEDU, pillole di ottobre
CEDU, pillole di ottobre
di Alice Pisapia
Le più interessanti pronunce della Corte Edu emesse a ottobre 2018
17 gennaio 2019
La sentenza della Cedu Brazzi c. Italia: sono arbitrarie le perquisizioni disposte dall’Autorità giudiziaria?
La sentenza della Cedu Brazzi c. Italia: sono arbitrarie le perquisizioni disposte dall’Autorità giudiziaria?
di Daniela Cardamone
La pronunzia della Corte di Strasburgo affronta la questione della mancanza nel sistema processuale italiano di un controllo giurisdizionale ex ante e di un rimedio ex post con riferimento all’inviolabilità del domicilio, in caso di provvedimento di perquisizione domiciliare non seguito da sequestro
15 gennaio 2019
Principio di non discriminazione e norme speciali per le minoranze. La legge sacra islamica di fronte alla Cedu
Principio di non discriminazione e norme speciali per le minoranze. La legge sacra islamica di fronte alla Cedu
di Marika Ikonomu
La Corte analizza la questione alla luce sia delle fonti interne sia della normativa europea e internazionale, al fine di individuare il corretto bilanciamento tra la protezione del particolarismo religioso e la protezione dei diritti fondamentali
10 gennaio 2019
L’eccidio dei Limmari, una strage mai dimenticata *
di Guido Raimondi
Se oggi la Corte Edu esiste e assolve il compito di proteggere i diritti fondamentali in tutta Europa, lo si deve alla reazione della società europea di fronte alle indicibili atrocità che hanno segnato la storia della Seconda guerra mondiale
2 gennaio 2019
Cepej, adottata la prima Carta etica europea sull'uso dell'intelligenza artificiale (AI) nei sistemi giudiziari
Cepej, adottata la prima Carta etica europea sull'uso dell'intelligenza artificiale (AI) nei sistemi giudiziari
di Clementina Barbaro (a cura)
L'auspicio è che questi principi diventino un punto di riferimento per i professionisti del diritto, le istituzioni e gli attori politici che si trovano ad affrontare la sfida di integrare le nuove tecnologie basate sull' IA nelle politiche pubbliche o nel loro lavoro quotidiano
7 dicembre 2018