Magistratura democratica
cinema e letteratura

La costola di Adamo

di Giovanni Zaccaro
Giudice del Tribunale di Bari
La violenza di genere fra gli scaffali delle librerie
La costola di Adamo

Una folla di investigatori occupa gli scaffali delle librerie!

Spicca, per qualità degli intrecci o forse solo per l’esotica ambientazione aostana (ancora di più esotica, se si bada alla romanità del protagonista), Rocco Schiavone, figlio della penna di Antonio MANZINI.

Politicamente scorretto, dalla canna mattutina fino all’invocare ripetutamente e puntigliosamente il suo grado di vicequestore a fronte dei tanti , vittime delle suggestioni vigatesi, che si ostinano a chiamarlo commissario.

Dopo La pista nera (Sellerio 2013) ed un po’ di racconti, è la volta de La costola di Adamo (Sellerio 2014).

Non sta bene svelare la fine di un giallo.

Ma, qualunque cosa si nasconda nelle ultime pagine, è una storia di violenza in danno di una donna.

Del resto, il titolo del romanzo già elegantemente annuncia il suo probabile epilogo.

Un tema di grande attualità, come bene ha compreso il legislatore che si è affannato a seguire i drammi della cronaca.

Ed un tema che è cresciuto nell’immaginario collettivo.

Se nel mito di Barbablù l’attenzione era centrata sul crudele assassinio seriale, nella narrativa pop contemporanea la donna vittima guadagna dignità di eroina letteraria.

I maggiori successi letterari del XXI secolo riflettono storie di donne che si vendicano.

Lisbeth Salender nella trilogia di STIEG LARSSON svela al grande pubblico le storie della tratta di ragazze dall’Est, in una (volontaria?) spietata critica della socialdemocrazia svedese che non sa tutelare i soggetti deboli.

Del resto, anni prima e con minore eco commerciale, il tema della violenza di genere affiorava in molti “gialli” scandinavi, dalla prolifica coppia SJÖWALL – WAHLÖÖ al norvegese NESSER.

La Aomane di 1Q84 di Murakami HARUKI, ad una latitudine opposta, rompe l’ipocrisia che circonda la società giapponese, facendosi aguzzina dei maschi violenti.

In Italia, già più di dieci anni fa, in Ad occhi chiusi, CAROFIGLIO spiegava ai non addetti ai lavori il profilo dello stalker, poi divenuto oggetto preferito delle rubriche televisive pomeridiane.

Negli ultimi mesi, per la collana Stile Libero di Einaudi, Massimo CARLOTTO e Marco VIDETTA hanno presentato Le vendicatrici.

Quattro storie di donne che si ribellano ai maschi e rovesciano gli stereotipici di genere.

Siano lontani dal cinismo dell’Alligatore dei tempi passati.

Qui le protagoniste sono eroine, le cui avventure attingono a pieni mani alla (narrativamente) saccheggiata mitologia della criminalità romana. Fra sbirri corrotti, cravattari cattivissimi, neofascisti amici dei mafiosi, poliziotti irregolari e generone romano sono oramai tantissimi i romanzi criminali dopo il primo, era il secolo scorso!, dell’avv. Bruio.

Ma torniamo alla Costola di Adamo, il cui merito è raccontare una storia normale, di una famiglia normale, ambiente fertile per la violenza di genere.

Nessuna eroina, nessun contesto sociale criminogeno, nessuna vendetta alla Kill Bill.

Solo persone normali, eppure bisogna stare “attenti all’amore degli uomini comuni: il loro è un amore che mira alla mediocrità”.

 

16/02/2014
Altri articoli di Giovanni Zaccaro
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
"Future. Il domani narrato dalle voci di oggi"

La recensione al volume curato da Igiaba Scego e edito da effequ (Firenze, 2019)

17/10/2020
Messa alla prova, quasi un romanzo di formazione
Ennio Tomaselli, per anni magistrato a Torino soprattutto in ambito minorile, è autore di numerose pubblicazioni, tra cui Giustizia e ingiustizia minorile. Tra profonde certezze e ragionevoli dubbi (FrancoAngeli, 2015). Messa alla prova (Manni editore, 2018) è il suo primo romanzo che, non per caso, ruota (anche, ma non solo) attorno al mondo della giustizia minorile. I personaggi: un cancelliere di tribunale, un giudice minorile e un ragazzo con alle spalle un’adozione fallita. Li accomuna un desiderio insoddisfatto di giustizia
22/09/2018
“Con i piedi nel fango. Conversazioni su politica e verità”
In questo libro-intervista, Gianrico Carofiglio parte da un valore che poi non abbandona: ogni soggetto politico deve essere consapevole del proprio agire e responsabile delle scelte che fa. Infatti «l’imperturbabilità» davanti al male «può essere una buona tecnica per il benessere personale ma non è un valore», mentre la sofferenza altrui, le discriminazioni, i grandi problemi del mondo dovrebbero essere sempre all’attenzione del politico e del cittadino, provocando in loro una «forma controllata di disagio» che li porta a scelte anche «compromissorie» pur di ottenere il risultato di attenuare quel male.
21/04/2018
Per Alessandro Leogrande
In ricordo di un intellettuale e scrittore che continuerà a essere un punto di riferimento per Magistratura democratica. Oltre al brano di Giancarlo, troverete il video dell'incontro di “Parole di giustizia 2016”. Un dialogo su frontiere, paure, sicurezza tra Alessandro Leogrande e Livio Pepino
29/11/2017
La memoria e il desiderio
Note in margine al libro di Piero Curzio, Quasi saggio (Cacucci, Bari, 2017), in occasione della sua presentazione pubblica al Municipio di Capri, il 13 ottobre 2017
24/11/2017
Quando l’infanzia genera vittime e carnefici. Recensione a Bambinate, l’ultimo romanzo di Piergiorgio Paterlini (Einaudi, 2017)
L’autore è da sempre attento alla ricchezza e alle fragilità della gioventù. Nel suo nuovo libro ci fa incontrare un gruppo di bambini, come tanti, senza edulcorarne però i tratti più feroci. Li ritroviamo poi adulti, ormai schermati dai propri ruoli sociali rassicuranti, ma non per questo meno crudelmente inconsapevoli
21/10/2017
La ricchezza dell’esserci per davvero
Una proposta di lettura di “Eccomi” (Guanda, 2016) di Jonathan Safran Foer
01/10/2016
Una semplicità niente affatto banale
Recensione a Michela Murgia, “Futuro interiore”, Einaudi, Torino 2016
24/09/2016