Magistratura democratica
cinema e letteratura

L'eco delle città vuote

di Armando Spataro
Procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Torino
Nel libro di Madeleine Thien la storia di due sopravvissuti che, a un certo punto della loro vita, non resistono al senso di colpa e tornano nella Cambogia dilaniata dalla follia dei 'Khmer Rouge'
L'eco delle città vuote

“Fin dall’inizio ci vengono consegnate molte vite che conserviamo dentro di noi. Dal primo all’ultimo mattino lottiamo per portarle con noi fino alla fine”.

E’ Mei, bambina cambogiana che a 11 anni lascia il suo paese dilaniato dalla follia dei Khmer Rouge, la protagonista di “L’eco delle città vuote” (66thA2ND,2013), un libro scritto con linguaggio potente ed elegante da Madeleine Thien (nella foto), 40 anni, canadese di origini orientali.

Ci sono voluti 5 anni per scrivere la storia di due sopravvissuti che ad un certo punto della loro vita non resistono al senso di colpa e tornano in Cambogia per cercare parenti scomparsi e dar corpo a ricordi confusi: lo fa Mei, finita a Vancouver dove, grazie a genitori adottivi, è diventata Janie, brillante elettrofisiologa.

E lo fa il giapponese Hiroy, uno scienziato suo amico, per ritrovare il fratello medico.

A Janie l’Angkar ha strappato 30 anni prima non solo i genitori, ma anche il fratellino Sopfham, diventato bambino-soldato e torturatore prima di scomparire per sempre.

Nell’aprile del 1975, quando gli uomini di Pol Pot entrarono in Phnom Penh, “la città alla confluenza dei fiumi”, sembravano i vincitori di una guerra giusta ma la verità era un’altra: volevano azzerare tutto, compresa la memoria delle vite precedenti: “Non appartieni a nessuno e nessuno ti appartiene - dice l’Angkar – l’attaccamento al mondo è un reato”.

Due o tre milioni di morti, però, non furono sufficienti: nel gennaio del 1979 i vietnamiti li cacciarono da Phnom Penh ma per molti anni ancora, grazie all’ipocrisia dell’Occidente, furono i Khmer a rappresentare la Cambogia nelle N.U. Janie ritornerà al marito Navin e al figlio Kiri lasciati in Canada solo dopo essersi riappropriata di radici e identità.

Fangosi campi di sterminio ed ossa sparse ovunque, ma anche amicizia e generosità popolano le pagine di questo intenso libro e così la storia di una donna e di un uomo si confonde con quella di un popolo, il sogno con la realtà, in un groviglio magico e inestricabile.

L’ultima immagine che ho della Cambogia è oscurità, è il suono di una quarantina di vagabondi muti, di preghiere silenziose. Ho chiuso gli occhi...Voltati a guardare indietro un’ultima volta, ha detto mia madre”.

02/11/2014
Altri articoli di Armando Spataro
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
"Future. Il domani narrato dalle voci di oggi"

La recensione al volume curato da Igiaba Scego e edito da effequ (Firenze, 2019)

17/10/2020
Messa alla prova, quasi un romanzo di formazione
Ennio Tomaselli, per anni magistrato a Torino soprattutto in ambito minorile, è autore di numerose pubblicazioni, tra cui Giustizia e ingiustizia minorile. Tra profonde certezze e ragionevoli dubbi (FrancoAngeli, 2015). Messa alla prova (Manni editore, 2018) è il suo primo romanzo che, non per caso, ruota (anche, ma non solo) attorno al mondo della giustizia minorile. I personaggi: un cancelliere di tribunale, un giudice minorile e un ragazzo con alle spalle un’adozione fallita. Li accomuna un desiderio insoddisfatto di giustizia
22/09/2018
“Con i piedi nel fango. Conversazioni su politica e verità”
In questo libro-intervista, Gianrico Carofiglio parte da un valore che poi non abbandona: ogni soggetto politico deve essere consapevole del proprio agire e responsabile delle scelte che fa. Infatti «l’imperturbabilità» davanti al male «può essere una buona tecnica per il benessere personale ma non è un valore», mentre la sofferenza altrui, le discriminazioni, i grandi problemi del mondo dovrebbero essere sempre all’attenzione del politico e del cittadino, provocando in loro una «forma controllata di disagio» che li porta a scelte anche «compromissorie» pur di ottenere il risultato di attenuare quel male.
21/04/2018
Per Alessandro Leogrande
In ricordo di un intellettuale e scrittore che continuerà a essere un punto di riferimento per Magistratura democratica. Oltre al brano di Giancarlo, troverete il video dell'incontro di “Parole di giustizia 2016”. Un dialogo su frontiere, paure, sicurezza tra Alessandro Leogrande e Livio Pepino
29/11/2017
La memoria e il desiderio
Note in margine al libro di Piero Curzio, Quasi saggio (Cacucci, Bari, 2017), in occasione della sua presentazione pubblica al Municipio di Capri, il 13 ottobre 2017
24/11/2017
Quando l’infanzia genera vittime e carnefici. Recensione a Bambinate, l’ultimo romanzo di Piergiorgio Paterlini (Einaudi, 2017)
L’autore è da sempre attento alla ricchezza e alle fragilità della gioventù. Nel suo nuovo libro ci fa incontrare un gruppo di bambini, come tanti, senza edulcorarne però i tratti più feroci. Li ritroviamo poi adulti, ormai schermati dai propri ruoli sociali rassicuranti, ma non per questo meno crudelmente inconsapevoli
21/10/2017
La ricchezza dell’esserci per davvero
Una proposta di lettura di “Eccomi” (Guanda, 2016) di Jonathan Safran Foer
01/10/2016
Una semplicità niente affatto banale
Recensione a Michela Murgia, “Futuro interiore”, Einaudi, Torino 2016
24/09/2016