Magistratura democratica
Editoriali

Il senso di una iniziativa. La ricerca sulla giovane magistratura svolta dall’Università di Torino su incarico di Questione giustizia

L'editoriale al fascicolo 4/2023 di Questione giustizia trimestrale

Il presente numero della Rivista, n.4 del 2023, costituisce il frutto di un ambizioso progetto di ricerca che la Redazione di Questione giustizia ha maturato prima, e concretamente realizzato poi, lungo un arco di tempo sicuramente non breve, a partire dal 2019 e comunque da epoca precedente la pandemia da Covid – 19 che ovviamente ha contribuito alla diluizione dei tempi: la stessa gestazione del tema oggetto di esplorazione, concernente la cultura giuridica e gli approcci alla professione da parte della cd. “giovane magistratura”, ha coinvolto l’intero gruppo redazionale in una appassionata discussione che prima di tutto ha riguardato le ragioni che potessero rendere utile una tale indagine. E’ giusto darne conto qui, in esordio del fascicolo, perché mai come in questo caso, le risposte che si vanno cercando sono condizionate dalle domande da cui si è partiti.

Da sempre abbiamo cercato di dimostrare, più nei fatti che con le parole, che l’originalità, la specificità, di una Rivista come Questione giustizia non sta certo nella pretesa di costituire terreno di competizione e di confronto con l’accademia e in generale, con il campo degli studi giuridici: ciò che continua ad unire il gruppo di magistrati che vi lavora è l’ambizione di rappresentare una voce dall’interno della magistratura italiana, sicuramente ispirata ad un comune orientamento progressista, ma in generale capace di restituire al variegato mondo dei lettori un’immagine quanto più autentica e genuina della realtà professionale dell’ordine giudiziario. Sta qui il nucleo più originale e stimolante di una Rivista che trova continuo motivo di rinnovamento (e di attenzione dall’esterno, sempre crescente e sempre molto viva) proprio nel saper dare conto dall’interno di ciò che muove il corpo della magistratura, le correnti critiche che la agitano, i suoi orientamenti culturali e ideali.

Per continuare a dare corso a questa ambizione, è evidente, occorre compiere uno sforzo conoscitivo ulteriore, che investa la realtà che si pretende di rappresentare, o quanto meno, nella quale si tenta di mantenere saldamente piantati i piedi se solo si immagina di proporre una elaborazione critica con qualche ambizione di credibilità e di aderenza al contesto in cui ci si muove. 

E’ noto che negli ultimi anni si è registrato un massiccio rinnovamento dei ranghi dell’ordine giudiziario, con l’ingresso di  2720 magistrati a seguito della conclusione di numerosi concorsi che si sono susseguiti negli anni dal 2013 al 2023: un potente flusso di accessi che d’altronde ha corrisposto con la simmetrica, corposa, e comunque fisiologica, messa in congedo per ragioni di età di molti magistrati, alcuni dei quali da un lato hanno impersonificato le voci più note e più autorevoli dell’associazionismo giudiziario dopo il Congresso di Gardone dell’ANM del 1965,  dall’altro hanno svolto un ruolo da protagonisti nella giurisdizione, in particolare nel contrasto dei fenomeni più gravi e minacciosi per il sistema dello Stato repubblicano, quali terrorismo rosso e nero, eversione e stragismo, mafia e criminalità organizzata, criminalità economica e politico-amministrativa (per limitarsi solo al settore della giustizia penale). Un ricambio generazionale che implica evidentemente che ad una stagione, a noi più consona per avervi preso parte direttamente per ragioni di età, ne stia succedendo un’altra, di cui saranno appunto interpreti e protagonisti i giovani magistrati nati negli ultimi decenni del secolo scorso, quando appunto “quella” storia stava evolvendo. In questi anni, recenti e meno, come questa Rivista ha sempre cercato di documentare e di analizzare criticamente, sono intervenute molte riforme, ordinamentali, processuali, di diritto sostanziale, che ovviamente impongono che anche di esse si tenga conto nel tentare di comprendere il cambiamento: basti pensare che i magistrati interpellati dalla ricerca sono tutti passati attraverso un concorso cd. di secondo grado, formula oggi fortunatamente superata, ciò che non può non avere inciso non solo sull’età soggettiva[1], ma anche sul tipo di aspettative e di consapevolezza dei propri bisogni di vita. Soprattutto, è cambiata la società italiana, ad esempio attraverso l’aumento della presenza delle donne nel mondo del lavoro, tendenza che per la magistratura ha significativamente rappresentato, nell’arco di non molti decenni, il superamento numerico della componente femminile rispetto a quella maschile, a partire dal 1963, anno di svolta e di inizio del travolgente sovvertimento innescato[2].

Si è così approdati all’idea di investire del compito di fotografare l’attualità, chi della ricerca “sul campo” ha fatto il suo terreno di studio e di pratica concreta: la Rivista ha dunque incaricato un gruppo di ricerca del Dipartimento di Giurisprudenza dell’Università di Torino, diretto da Claudio Sarzotti, che già in passato ha avuto occasione di occuparsi di amministrazione giudiziaria e di cultura giuridica della magistratura, in particolare nell’ambito penalistico,  di svolgere il non facile compito di “esplorare” il terreno della giovane magistratura: che, convenzionalmente, si è voluto delimitare a coloro che non hanno conseguito la seconda valutazione di professionalità, andando a coinvolgere magistrati che hanno fatto il loro ingresso nella professione tra il 2013 ed il 2021. 

La ricerca, condotta in particolare dalla dott.ssa Costanza Agnella che ha svolto le interviste individuali e seguito personalmente i tre focus groups in cui si è dipanata l’indagine, ha riguardato una serie di temi che insieme con la Redazione erano stati individuati come particolarmente significativi, e che in particolare hanno riguardato il percorso formativo e professionale antecedente al concorso in magistratura; le motivazioni alla base della decisione di intraprendere tale percorso; l’inserimento in ruolo e l’immissione nelle funzioni svolte al momento dell’intervista; l’esperienza sin lì vissuta, con particolare riferimento al momento del concorso per l’ingresso in magistratura e alla formazione universitaria ricevuta; la formazione – iniziale e permanente – presso la Scuola superiore della magistratura; le opinioni e le percezioni relative all’attività dell’organo di autogoverno della magistratura; il rapporto con l’associazionismo della magistratura; per concludere con le personali aspettative sul futuro professionale. 

Il complesso delle risposte è stato assemblato in modo ragionato nel rapporto pubblicato in esordio a questo fascicolo, “Una ricerca sulla cultura giuridica dei giovani magistrati” [che qui sotto ripubblichiamo, n.d.r.] in cui in particolare l’Autrice delle interviste, la dott.ssa Agnella, ha dato dettagliatamente conto delle metodologie seguite, anche per l’individuazione del campione. Il documento contiene, come è facile immaginare, elementi di straordinario interesse, da cui emerge un quadro variegato, composito, molto vivace, di dati di conoscenza acquisiti direttamente dagli interpellati: e se nelle loro risposte pare di cogliere per molti versi elementi di continuità e di conferma rispetto a quello che è il “comune sentire” dei magistrati in relazione alla loro professione, dalle stesse emergono spunti nuovi e significativi in ordine ad una diversa sensibilità, ad una più acuta percezione di temi quali quelli dell’organizzazione del lavoro giudiziario e del ruolo fondamentale della dirigenza che sono in gran parte il portato delle riforme degli ultimi decenni, e che paiono ancora al centro delle prospettive di riforma.

Ai dati che sono emersi dalla ricerca compiuta sul territorio (semmai aggiungere specificazioni, numeri delle interviste e dei partecipanti, dislocazione per territorio e per ufficio, rappresentazione di genere) seguono poi le osservazioni dei ricercatori che hanno costituito il gruppo di lavoro universitario: accanto alle riflessioni del Prof. Sarzotti, sono pubblicate quelle degli altri componenti del suo gruppo di lavoro, i dottori Blengino, De Robertis, Miravalle, Torrente, Ronco, oltre alla già nominata dott. Agnella. Un caleidoscopio composito e vivace che ha consentito di scandagliare nel profondo i risultati della consultazione, per restituire alla comunità dei lettori un quadro se non esaustivo, quantomeno molto significativo, e soprattutto molto originale, del “modo di sentire” dei magistrati che da pochi anni hanno assunto le funzioni. Un “punto di vista esterno” particolarmente qualificato, che guarda alla magistratura con l’occhio delle scienze sociali, deputate all’analisi ed alla riflessione su quello che è pur sempre un segmento non marginale e indifferente della contemporanea condizione della società italiana: un segmento sul quale, va detto, da anni infuria la polemica, il più delle volte del tutto strumentale e superficiale, e sganciata da ogni sforzo di conoscenza e di approfondimento del dato di realtà.

Lo sguardo esterno si completa doverosamente dei contributi di soggetti che rappresentano professioni “contigue” al mondo della magistratura, quale l’avvocatura (Avv. Alessia Giaccari), l’università (Prof. Arturo Capone), il giornalismo (Giuseppe Salvaggiulo).

Infine, le riflessioni dei magistrati, in particolare di quelli più giovani, se non appartenenti alla fascia interessata dalla ricerca, almeno generazionalmente contigui, dotati di un’esperienza lavorativa molto vicina se non sovrapponibile a quella degli intervistati, che tutti svolgono funzioni di primo grado, ed in particolare lavorano in sedi, per lo più medie o piccole, al Sud, ciò che rappresenta un angolo visuale spesso non rappresentato, e non debitamente considerato, non solo presso l’opinione pubblica, ma addirittura presso le stesse istanze rappresentative dei magistrati. Accanto al quadro d’insieme offerto dall’articolo di Ottavia Civitelli, sul “lavoro” del magistrato, la Rivista ospita i contributi di Pina Porchi, Giulia Locati, Valentina Maisto, Stefania Ciervo, Enrico Contieri, Emanuele de Franco, Ilario Nasso e Davide Lucisano, ognuno dei quali dedicato ad uno degli specifici profili oggetto di indagine.

In definitiva, con il presente numero monografico Questione giustizia offre alla discussione il panorama complessivo degli esiti della ricerca e la serie di riflessioni che ne è scaturito: un risultato che non ha, e che non ha mai preteso di avere, il carattere delle definitività ma che, muovendo dai dati di conoscenza raccolti sulla scorta di un lavoro di indagine svolto da un soggetto terzo, professionalmente qualificato, può costituire un utile strumento per una necessaria riflessione sul tema della giovane, e non solo, magistratura del terzo millennio. I contenuti che il lettore troverà in questo fascicolo vogliono essere quindi non tanto la risposta definita agli interrogativi che il tema può suscitare, ma il punto di partenza di una riflessione più vasta che, partendo dalle voci degli stessi interessati, ci sospinga e ci incoraggi nel difficile compito di continuare a riflettere sui tanti risvolti di una funzione centrale per la stessa identità della forma democratica della società in cui viviamo, e soprattutto in cui vivranno le nuove generazioni.


 
[1] L’età media di ingresso in magistratura è progressivamente cresciuta. Sino al 1993 essa si è attestata attorno ai 27-28 anni sia per le donne sia per gli uomini; dal 1994 al 2004 è salita a 30 anni per divenire da ultimo stabile attorno ai 36 anni per entrambi i generi.

[2] Al 6 Marzo 2023 i magistrati presenti in Italia ammontavano a 9.534 unità, includendo in tale numero sia i magistrati fuori ruolo a qualsiasi titolo, sia i Magistrati ordinari in Tirocinio (MOT). La distribuzione secondo il genere (Tabella 1 e Grafico 1) mostra la prevalenza del numero di donne: 4.213 magistrati di sesso maschile e 5.321 magistrati di sesso femminile (pari al 56% circa). L’età media di queste ultime (49) è più bassa di quella degli uomini (52) di tre anni. Esattamente un anno fa la percentuale complessiva di donne presenti era del 55%: in particolare tra i magistrati in ruolo a marzo 2022 le donne erano il 55,2%, tra i fuori ruolo il 47,7% e tra i tirocinanti il 61,6% (Donne in magistratura - analisi e studi - CSM). 

12/02/2024
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
Riflessioni sul concorso in magistratura tra passato e presente

La questione del reclutamento del personale della magistratura è al centro di un dibattito assai ampio. Si discute, sin dagli anni ottanta, sull’esclusività dell’accesso mediante concorso, sull’efficacia e affidabilità delle prove, sul livello e sulla tipologia delle conoscenze richieste. Nella formazione post-universitaria si consolidano diversi modelli di giurista. Temi assai attuali, considerato che la recente delega per la riforma dell’ordinamento giudiziario prevede una rivisitazione dell’accesso in magistratura.

17/02/2024
Associazionismo e autogoverno. Appunti e riflessioni per una rinnovata fiducia

L’autogoverno e l’associazionismo giudiziario scontano al giorno d’oggi una forte sfiducia e una crisi di legittimazione nel corpo della magistratura, soprattutto di quella più giovane. Molteplici sono le cause del fenomeno, alcune esogene ed altre da ricercare nelle dinamiche interne alla magistratura stessa. Nelle righe a seguire proveremo a illustrare la nostra percezione del fenomeno e a individuare una possibile strada da percorrere per incidere sullo stato delle cose.

16/02/2024
I tempi della giustizia. Avvocatura, magistratura e società. Riflessioni su «Una ricerca sulla cultura giuridica dei giovani magistrati»

Il contributo – partendo dal rapporto di ricerca sulla cultura giuridica dei giovani magistrati, che compone il fascicolo n. 4/2023 della Rivista trimestrale – esplora due delle principali cause dei lunghi tempi della giustizia in Italia: un eccessivo carico di lavoro dei magistrati, ulteriormente gravato da un arretrato “patologico”, e un elevato turnover. I rimedi non vanno tanto cercati in una nuova riforma del processo, né tantomeno in un contenimento della domanda giudiziaria, quanto piuttosto in una soluzione che coinvolga tutti gli stakeholder del settore giustizia, puntando su potenziamento dell’organico, tecnologia e innovazione.

15/02/2024
La scrittura e la giurisprudenza. Considerazioni sul ruolo della tesi di laurea nella formazione universitaria dei giuristi

La tesi di laurea ha un ruolo fondamentale per l’acquisizione della capacità di scrivere e ragionare di diritto. Nel testo si enunciano i molti pregi di tale occasione formativa, inspiegabilmente ignorati quando si tratta di valutare obiettivamente la didattica del corso di laurea in giurisprudenza. In chiusura, si lamenta tuttavia la tendenza al disimpegno della classe docente.

14/02/2024
Il lavoro del magistrato, il rifiuto di un approccio burocratico e la sfida della responsabilità

Il lavoro concreto e quotidiano del magistrato, con le sua criticità e le dinamiche relazionali negli uffici giudiziari, costituiscono ambiti centrali della riflessione sulla magistratura per comprenderne lo stato di salute rispetto alla sua funzione istituzionale di tutela della persona e di gestione dei conflitti, e ai principi costituzionali di autonomia e indipendenza che ne sono a presidio. A tali ambiti della riflessione è dedicato il presente contributo, partendo dallo sguardo della giovane magistratura.

13/02/2024
Tra giurisdizionalizzazione e politicizzazione. La percezione dei magistrati della riforma dell’ordinamento giudiziario

Obiettivo del presente contributo è fornire una lettura socio-giuridica sulle riflessioni emerse dalla ricerca in merito ad alcuni aspetti della riforma dell’ordinamento giudiziario. Il dibattito attorno alla riforma, oltre a riscuotere ampia risonanza mediatica, è un tema particolarmente rilevante per i magistrati stessi, sia per via delle ricadute sulla quotidianità lavorativa, sia, più in generale, per l’impatto sulla rappresentazione sociale di tale ruolo. Il processo di riforma tocca infatti alcune questioni sostanziali in tema di organizzazione giudiziaria, con effetti sulla separazione dei poteri, sull’autonomia del magistrato stesso e, in termini più generali, sul rapporto tra magistrati e politica.

02/11/2023