home search menu
La verità sta in cielo. Ma non per tutti
Magistratura e società / cinema e letteratura
La verità sta in cielo. Ma non per tutti
di Andrea Meccia
Giornalista e scrittore
Per adesso, il lavoro di Faenza sulla vicenda di Emanuela Orlandi, desaparecida a Roma un pomeriggio d’estate del 1983, è “soltanto” un dignitoso film, cinematograficamente non entusiasmante, ma onesto, prezioso e carico di passione

Se La verità sta in cielo fosse una docu-fiction targata Rai da mandare in prima serata, se al termine della visione, un giornalista armato di taccuino intervistasse il regista Roberto Faenza e i suoi collaboratori in uno studio TV, facendosi raccontare un po’ la genesi, lo sviluppo, la realizzazione, la tesi di questo interessante film, qualcos’altro si smuoverebbe intorno al caso di Emanuela Orlandi? Per adesso, il lavoro di Faenza sulla vicenda della cittadina vaticana desaparecida a Roma un pomeriggio d’estate del 1983, è “soltanto” un dignitoso film, cinematograficamente non entusiasmante, ma onesto, prezioso e carico di passione.

Il cinema italiano di inchiesta – di cui Francesco Rosi è stato maestro inarrivabile - ha sempre dato i suoi risultati migliori quando, reinventando i dolorosi eventi che hanno segnato la stagione repubblicana, non pretendeva di ricostruire didascalicamente i fatti e non offriva all’opinione pubblica verità facilmente digeribili. Quel tipo di cinema ha trionfato, quando sapeva dare allo spettatore ulteriori elementi di dubbio, quando scatenava domande alimentando la sete di verità. Laddove ha scelto di raccontare gli eventi partendo da tesi ben definite e chiaramente esplicitate, i film ne hanno sempre risentito dal punto di vista artistico, ma hanno avuto ragione di esistere anche in virtù della passione politico-civile che li accompagnava. Un esempio per tutti, il cinema militante di Giuseppe Ferrara.

La verità sta in cielo, figlio naturale e legittimo di questi tempi liquidi, non può che collocarsi a metà strada fra queste due tendenze. Per ragioni politiche da un lato, per scelte estetiche dall’altro. Con un linguaggio e una messa in scena poco cinematografica, Faenza si avvicina di più ai canoni e ai ritmi estetici di una buona Tv moderna. Non lo fa con eleganza e raffinatezza travolgenti, ma con una mano sicura, abile, che sa ciò che vuole, pronta a solcare un mare che può improvvisamente diventare tempestoso.

Faenza racconta la vicenda Orlandi con i piedi ben piantati nella contemporaneità. La questione “Mafia capitale”, le gesta di Massimo Carminati e il pontificato di Papa Francesco sono il punto di partenza di un flash-back di una storia iniziata trentatré anni fa, al crepuscolo della Guerra Fredda, nei primi anni di pontificato di Karol Woytila, mentre a Roma lo scettro del potere criminale è nelle mani deli ragazzi brutti, sporchi e cattivi della Banda della Magliana, gente di strada che sa dialogare con la politica e la finanza.

La verità sta in cielo è un film molto femminile. Di Emanuela Orlandi pochi fotogrammi, il famoso manifesto che ne denunciava la scomparsa e le immagini in super8 della sua infanzia.

Le protagoniste sono tre. Una giornalista italo-inglese (Maya Sansa) che viene in Italia per scoprire la verità sul caso Orlandi dopo lo scoppio di Mafia capitale. Una giornalista italiana (Valentina Lodovini) che ha a lungo indagato sulla sua scomparsa e che ha raccolto la testimonianza di Sabrina Minardi (la bravissima Greta Scarano), la compagna di Renatino De Pedis (Riccardo Scamarcio), il boss testaccino della Banda della Magliana.

Faenza dà grande spazio alla figura della Minardi e a quella del suo compagno, alle loro vicende di sesso e potere, alla pericolosa intimità intessuta con politici, faccendieri e uomini di Chiesa, culminata con la sepoltura di De Pedis nella Basilica di Sant’Apollinare. Fu lei a fornire nuove piste sulla scomparsa di Emanuela Orlandi. Ed è soprattutto lei che dialogando con la giornalista, scandisce i tempi e i contenuti della narrazione filmica.

Faenza non trascura nessun elemento del contesto di quei burrascosi anni ’80, musicalmente ricostruiti attraverso le canzoni di Toto Cutugno. Tiene dentro la politica (il senatore Vitalone e il fratello, avvocato di De Pedis), la finanza (Calvi, lo Ior, Monsignor Marcinkus), opachi faccendieri (Flavio Carboni), le vicende interne della Banda della Magliana, le perizie compiacenti ai boss (il professor Aldo Semerari) il terrorismo internazionale (Ali Ağca), la Polonia di Solidarność, le trame vaticane (la morte di Giovanni Paolo I), la figura di Giovanni Paolo II, la Curia Romana.

Per dare maggiore effetto di realtà utilizza molto materiale di repertorio televisivo, coinvolge Pietro Orlandi (il fratello di Emanuela) nel ruolo di se stesso e rende omaggio alla trasmissione Chi l’ha visto? che tanto si è dedicata alla ricerca di una verità che da qualche parte, in mezzo ai comuni mortali, sarà scritta e che Faenza, in un finale scenograficamente rarefatto, invita, chi di competenza, a continuare a cercare. 

 

15 ottobre 2016
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
Quando le ombre del carcere si allungano sugli affetti
Quando le ombre del carcere si allungano sugli affetti
di Fabio Gianfilippi
Guardando le “Ombre della sera”, un film di Valentina Esposito
18 novembre 2017
Pio Amato: un nome tenero in una vicenda dura. Da ricordare, comunque
Pio Amato: un nome tenero in una vicenda dura. Da ricordare, comunque
di Ennio Tomaselli
Riflessioni su A Ciambra, il film di Jonas Carpignano prodotto da Martin Scorsese
28 ottobre 2017
<i>La Corte</i>, un film di Christian Vincent
“La vita in comune” di Edoardo Winspeare
“La vita in comune” di Edoardo Winspeare
di Simonetta Rubino
La recensione all'ultimo film del regista salentino presentato alla 74esima Mostra del cinema di Venezia
16 settembre 2017
Manchester by the sea
Manchester by the sea
di Isabella Mariani
La recensione al film di Kenneth Lonergan, vincitore di due premi Oscar: miglior sceneggiatura originale, miglior attore protagonista per Casey Affleck
18 marzo 2017
<i>Arrival</i>, un film di Denis Villeneuve
Arrival, un film di Denis Villeneuve
di Bruno Capponi
Il circolo e il tempo sono le chiavi di lettura di quest'opera presentata all'ultimo Festival di Venezia
5 febbraio 2017
Lion, la strada verso casa
Lion, la strada verso casa
di Carla Spagnuolo
La ricchezza del film sta nel trattare in modo non didascalico il tema del diritto alla conoscenza delle origini, il valore della fratria, il significato delle adozioni
21 gennaio 2017
La verità negata
La verità negata
di Patrizia Papa
Recensione a “Denial”, film del regista britannico Mick Jackson
26 novembre 2016
Io, Daniel Blake
Io, Daniel Blake
di Simonetta Rubino
Recensione al film di Ken Loach, vincitore della Palma d'oro al Festival di Cannes 2016
19 novembre 2016
Indivisibili
Indivisibili
di Donatella Salari
Recensione al film sulle gemelle siamesi di Edoardo De Angelis (Mostra del Cinema di Venezia 2016, Toronto International Film Festival, BFI London Film Festival)
9 ottobre 2016
Newsletter


Fascicolo 3/2017
A cosa serve la Corte di cassazione?
Le banche, poteri forti e diritti deboli
Magistratura e società
Quando le ombre del carcere si allungano sugli affetti
Quando le ombre del carcere si allungano sugli affetti
di Fabio Gianfilippi
Guardando le “Ombre della sera”, un film di Valentina Esposito
18 novembre 2017
Le <i>sliding doors</i> dell’accoglienza*
Le sliding doors dell’accoglienza*
di Diana Genovese
Le plurime variabili che rendono imprevedibile, incerta e in defintiva diseguale la protezione internazionale dei rifugiati in Italia sono ben rappresentate nel recente rapporto Oxfam dall'emblematico titolo − La lotteria dell'accoglienza − che interroga prima di tutto gli addetti ai lavori
17 novembre 2017
Leggendo l’<i>ultimo</i> Lipari*
Leggendo l’ultimo Lipari*
di Roberto Conti
L’articolo offre al lettore alcune riflessioni maturate dopo la lettura dell’ultima opera di Nicolò Lipari − Il diritto civile tra legge e giudizio, Giuffrè, Milano, 2017 − cercando di cogliere conferme o smentite al pensiero dell’Autore in alcuni grandi arresti della giurisprudenza delle Sezioni Unite e di tratteggiare, soprattutto con riguardo al ruolo del giudice, alcuni orizzonti che non potranno essere trascurati per rispondere in maniera adeguata alle sempre più pressanti aspettative di giustizia.
11 novembre 2017
Sul riconoscimento di un diritto a morire in maniera degna e libera: riflessioni a margine di una giurisprudenza convenzionalmente orientata
Sul riconoscimento di un diritto a morire in maniera degna e libera: riflessioni a margine di una giurisprudenza convenzionalmente orientata
di Giulia Testa
Il diritto a morire dignitosamente viene consacrato alla stregua dei diritti fondamentali dell’uomo nelle pronunce della Corte di Strasburgo, che ha progressivamente riconosciuto l’esistenza del diritto di decidere come e quando morire a partire da una lettura sistematica della Convenzione, rimodellando la concezione della sacralità della vita umana, che viene privata del suo carattere assoluto facendo appello al rispetto della vita privata, in cui ricomprendere l’importanza dell’autonomia personale, intesa come quel diritto ad autodeterminarsi, che impone un recupero del governo sul corpo
8 novembre 2017
Scoprire o creare il diritto? A proposito di un recente libro
Scoprire o creare il diritto? A proposito di un recente libro
di Enrico Scoditti
Giudicare mediante il bilanciamento dei principi costituzionali o la concretizzazione di una clausola generale non corrisponde alla scoperta di un diritto preesistente, ma alla costruzione della disciplina del caso concreto; il giudice però assume la responsabilità del perseguimento della forma ideale di bilanciamento o dell’ideale di norma riposto nella clausola generale
7 novembre 2017
Il congresso nazionale del Lapec