Magistratura democratica
Magistratura e società
Il traditore, un film per (ri)guardare un pezzo della nostra storia repubblicana
di Patrizia Rautiis
sostituto procuratore generale presso la Corte di appello di Bari
Il film di Marco Bellocchio, presentato all'ultimo Festival di Cannes, visto con lo sguardo di un magistrato
<i>Il traditore</i>, un film per (ri)guardare un pezzo della nostra storia repubblicana

«Io non sono un traditore... Sono loro che hanno tradito...». Lo dice Tommaso Buscetta nell’aula della Corte di assise all’apertura del primo maxiprocesso alla mafia della storia repubblicana.

È l’essenza del film! Nessun collaboratore di giustizia vuole sentirsi un traditore, per la ragione che la sua più forte identità culturale, spesso l’unica che egli abbia, è quella della fedeltà a Cosa Nostra, al patto di sangue stretto con l’organizzazione criminale. Nessuno può rinnegare sé stesso e l’intera propria esistenza senza prima ripercorrerla tutta... ma in senso inverso. Lo spiega sempre lui, Buscetta, al giudice Falcone nel corso della travagliata scelta che lo portò alla decisione di collaborare con la giustizia. E lì, in quel momento delicatissimo in cui la vita di una persona deve trovare la forza di riavvolgersi su sé stessa come fosse la pellicola di un film da buttare via, che il rapporto tra il criminale e il magistrato diventa la chiave di volta.

Il film, per il quale Bellocchio sceglie un linguaggio che è a metà tra il documentario e il romanzo biografico, raccontando fedelmente la vicenda di cronaca, ci mette di fronte a un pezzo della nostra storia. Una vicenda che in particolare tocca noi magistrati non in quanto parte di una categoria professionale, ma come persone e come giuristi.

Il racconto comincia con una festa nella sontuosa villa di Stefano Bontade. Buscetta è tra gli invitati, con la sua terza moglie, interpretata dalla bellissima Maria Fernanda Candido, e i figli di primo e secondo letto. Tra questi c’è Benedetto, giovanissimo ragazzo già consumato dall’eroina, che in quegli anni a Palermo scorre a fiumi, insieme a quelli di danaro che inondano le famiglie mafiose.

È l’epoca della guerra e delle finte paci tra l’emergente clan dei corleonesi comandato dal sanguinario Totò Rina e i “palermitani”, di cui don Masino Buscetta fa parte. Egli è già uno dei ricercati più importanti, ripara in Brasile, dove può godersi la vita con la bella moglie e alcuni degli otto figli; perché lui ama la bella vita, le donne (ne ha avute tante ed amate tre), i suoi bambini. Non ha mai voluto diventare un capo mandamento, perché questo lo avrebbe inchiodato dentro un ruolo di responsabilità che lo avrebbe costretto a privarsi di questi piaceri. Lo spiega sempre lui al giudice Falcone. Ma in Brasile dovrà assistere inerme all’uccisione del fratello e dei nipoti... poi verrà anche il tempo in cui toccherà a due dei suoi figli.

Viene arrestato ed estradato in Italia. Incontra il giudice Falcone. Decide di parlare e, grazie alle sue dichiarazioni, Falcone porterà alla sbarra la cupola mafiosa (470 persone circa a processo) e lo Stato metterà a segno il suo primo grosso colpo alla più potente organizzazione criminale del mondo. Ma soprattutto dimostrerà che la mafia non è invincibile. Quell’incontro cambierà totalmente la vita di Buscetta, ma è qui che il film non riesce a perscrutare “dietro la cronaca” e a guardare a quel rapporto tra i due uomini che cambierà la vita dell’uno e segnerà il destino dell’altro.

È qui che il grande regista non sa “immaginare” quello che non è rimasto scritto nei verbali del processo e nelle cronache dell’epoca!

E nemmeno è aiutato dalla scelta dell’attore che, al contrario del bravissimo Pierfrancesco Favino nei panni di Buscetta, non riesce ad esprimere quell’empatia naturale che era un tratto tipico di Giovanni Falcone. Ignora forse Bellocchio che alla base di ogni “pentimento giudiziario” sta quasi sempre l’interazione che si crea tra l’accusato e il suo “giudice”, tra la volontà di salvezza del primo e la capacità di afferrarne la mano del secondo.

Ecco... è il sorriso di Falcone che manca in questo film! quel sorriso dal quale traspariva la nobiltà dell’animo e l’amore per la vita che, nonostante tutto, doveva essere molto simile all’amore per la vita che in cuor suo ed a modo suo nutriva Tommaso Buscetta e che, probabilmente, fu la chiave dell’incontro e della vicenda che ne scaturì.

31 maggio 2019
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
Ergastolo ostativo, la Corte di Strasburgo condanna l’Italia
Per la Cedu, violato l'articolo 3 della Convenzione nel caso Viola c. Italia
13 giugno 2019
Inquinamento mafioso della politica e legge penale
di Piergiorgio Morosini
L’inquinamento mafioso della politica rappresenta un serio pericolo per economia, diritti e democrazia. Ma le recentissime innovazioni introdotte dal legislatore in tema di “scambio elettorale politico mafioso” − e cioè l’estensione dell’area dei “patti” penalmente rilevanti ai sensi dell’art. 416-ter e l’aumento consistente dei carichi sanzionatori − meritano una attenta riflessione critica
5 giugno 2019
Il colpevole–The guilty, un film di Gustav Möller
di Paola Perrone
L'opera prima del regista danese è un thriller coinvolgente, drammatico e ricco di scelte estreme che però non stancano mai lo spettatore
11 maggio 2019
Cafarnao-Caos e miracoli, un film di Nadine Labaki
di Patrizia Rautiis
Zain, il piccolo protagonista dell'opera premio della Giuria a Cannes 2018, viene elevato a “manifesto” dei mali del mondo, offrendo ai nostri occhi la mostruosità di un’infanzia già troppo violata, cercando di coinvolgere un’umanità che rimane sempre troppo distante, inerme e colpevole
4 maggio 2019
Il tragico romanzo dell'Italia occulta
di Paola Perrone
Cosa è accaduto in Italia tra il 1978 e il 1980, quando la nostra Repubblica fu esposta a rischi di involuzione eversiva? Giuliano Turone ce lo racconta in questo volume (ed. Chiarelettere) con la curiosità del giudice istruttore e la brillantezza dello storico
6 aprile 2019
Il verdetto-The children act, un film di Richard Eyre
di Paola Perrone
La recensione all'opera tratta da La ballata di Adam Henry, un romanzo di Ian McEwan
10 novembre 2018
La vendita dei beni confiscati? In questo modo, no grazie
di Francesco Gianfrotta
Per risolvere il problema dei beni confiscati che non trovano un fruttuoso utilizzo, il dl sicurezza punta alla vendita: con rischi gravi che i mafiosi tornino in possesso di quanto loro sottratto, usando prestanomi. Cautele ridicole e inviti all’ottimismo: queste le nuove frontiere della lotta alle mafie e alle più gravi forme di illegalità che ci riserva il Governo in carica
29 ottobre 2018
Opera senza autore, un film di Florian Henckel von Donnersmarck
di Paola Perrone
Come ne Le vite degli altri, anche in quest'opera l’autore riesce a dipingere, attraverso la storia di singole persone, la Storia di un’intera nazione dilaniata e stravolta dalle leggi dittatoriali passate da quelle naziste a quelle filosovietiche
27 ottobre 2018
Lo sguardo che manca alla giustizia
di Donatella Stasio
Il film «Sulla mia pelle», che racconta la vicenda di Stefano Cucchi, sollecita molte riflessioni tra cui quella sull’impersonalità (brutale) delle istituzioni, compresa la giustizia, e sulle sue ricadute negative nel rapporto di fiducia con i cittadini. Un problema antico ma ricorrente e cruciale nella vita delle istituzioni, di cui i magistrati devono farsi carico con i loro comportamenti. Secondo Piero Calamandrei, bisogna che «anche nel processo circoli questo senso di fiducia, di solidarietà e di umanità, che è in tutti i campi lo spirito animatore della democrazia»
18 settembre 2018
La confusione dei crediti erariali dopo la confisca di prevenzione
di Luigi Petrucci
La risoluzione n. 114/E emanata dall’Agenzia delle entrate il 31 agosto 2017 detta l’interpretazione dell’art. 50, comma 2, d.lgs n. 159/2011 in tema di confusione dei crediti erariali alla quale si dovranno attenere gli uffici finanziari. Pur essendo un atto formalmente volto all’interpretazione della normativa vigente, il modo innovativo in cui affronta molte delle questioni che si erano poste nella prassi e nei commenti dottrinali lo rende un atto sostanzialmente innovativo dell’ordinamento, destinato ad incidere in modo profondo nell’amministrazione dei beni in sequestro e nella fase di verifica e pagamento dei crediti sorti ante e post sequestro. L’articolo si propone di illustrare le novità in materia e le ricadute sugli adempimenti fiscali dell’amministratore giudiziario in continuità con un precedente intervento dell'Autore su questa Rivista*
15 giugno 2018