Magistratura democratica
Giurisprudenza e documenti / giurisprudenza di merito
La responsabilità civile dei magistrati alla Consulta
Il Tribunale di Verona, con ordinanza 12 maggio 2015, investe la Corte Costituzionale sulla legge n. 18 del 2015

Questione Giustizia pubblica la prima ordinanza di rimessione alla Corte costituzionale avente ad oggetto la nuova disciplina della responsabilità civile dei magistrati. Essa proviene da un giudice civile chiamato a pronunciarsi in un giudizio di opposizione a decreto ingiuntivo, ed in particolare a decidere sulla richiesta di concessione della provvisoria esecuzione.

Il rimettente ne trae spunto, per denunciare a tutto tondo profili di legittimità costituzionale della normativa sopravvenuta.

L’ordinanza è evidentemente la spia del disagio e dell’allarme che la legge n. 18 del 2015 ha progressivamente diffuso presso i Tribunali. Esso ha infatti indotto il giudice a quo a formulare le questioni, benché non pendesse alcun giudizio risarcitorio avente ad oggetto i fatti di causa, e benché esso non possa ritenersi, allo stato, neppure ipotizzabile.

È evidente che tale particolarità comporta un problema sul piano dell’ammissibilità, poiché a prima vista le norme non devono trovare applicazione innanzi al rimettente.

Naturalmente, quest’ultimo non manca di addurre un precedente che a prima lettura parrebbe militare nella direzione dell’ammissibilità, ovvero la sentenza n. 18 del 1989, con cui la Corte costituzionale giudicò il merito di taluni dubbi di costituzionalità proposti da rimettenti, innanzi ai quali non si celebrava il giudizio di responsabilità civile.

È tuttavia discutibile che tale pronuncia serva allo scopo. In quell’occasione, infatti, alla Corte veniva posti quesiti che avevano indiscussa rilevanza nei giudizi a quibus (i criteri di manifestazione e verbalizzazione del dissenso da parte dei componenti degli organi giurisdizionali collegiali), ovvero che investivano direttamente ed esclusivamente l’an stesso della soggezione del magistrato alla “potenziale” azione di responsabilità, in termini generali (un’ordinanza del TAR), ovvero con riferimento al grado di responsabilità dei componenti di un collegio, dei membri laici di sezioni specializzate e commissioni tributarie, del giudice onorario.

La Corte, pur già estendendo al massimo grado possibile la nozione di rilevanza (rispetto ad una giurisprudenza solitamente assai più severa), fu così in grado di porre le norme impugnate sul medesimo piano delle disposizioni normative attinenti allo status del giudice, le quali sono, per così dire, attivate unitamente a qualsivoglia controversia (non a caso vennero richiamati precedenti attinenti a dubbi di costituzionalità relativi ai requisiti di indipendenza degli organi giudiziari, che accompagnano di per sè l’esercizio della funzione giurisdizionale e sono per ciò stesso “rilevanti” nei processi).

E’ facilmente intuibile la differenza che corre tra queste ipotesi ed una puntuale e dettagliata impugnazione delle specifiche modalità con cui è stata costruita la responsabilità civile, dall’oggetto di essa (il travisamento dei fatti) all’obbligatorietà dell’azione di rivalsa fino alla soppressione del filtro.

Naturalmente, nessuno può prevedere quale risposta la Corte darà, anche sul piano dell’ammissibilità, a simili questioni, che parrebbero da formulare più propriamente nell’ambito del giudizio risarcitorio. Non si può escludere che se il giudice costituzionale fosse sommerso da analoghe rimessioni, possa “strappare” sulla rilevanza, pur di dare una risposta pronta. Vero è, però, che sul piano dei principi ciò apparirebbe discutibile.

Forse, non è il caso di avere troppa fretta: la legge è efficace da poco tempo, e non ne è ancora stata chiarita esattamente la portata interpretativa. Fervono gli incontri di studio, e da essi già emergono vie di contenimento e di risoluzione, in fase interpretativa, dei dubbi di costituzionalità.

Sono strumenti propri della funzione giurisdizionale, che i Tribunali deputati a valutare un’azione risarcitoria potranno applicare con la necessaria prudenza, anche alla luce dell’impatto che le nuove norme producono effettivamente.

Chiamare la Corte ad intervenire “a bocce ferme” raramente è cosa opportuna, perché si corre il rischio che proprio l’astrattezza delle disposizioni normative, sottratte al test di verifica della pratica applicativa, conduca a risposte che non soddisfano.

18 maggio 2015
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
Responsabilità civile del magistrato per inosservanza di orientamento giurisprudenziale consolidato?
di Enrico Scoditti
È stata rimessa alle Sez. unite della Cassazione la questione della responsabilità civile del magistrato per inosservanza di orientamento giurisprudenziale consolidato. Nello scritto si propone di interpretare «violazione manifesta della legge» in termini di travisamento linguistico della disposizione o di fatto accertato ma rimasto privo di effetti giuridici nonostante l’esistenza di previsione legislativa
10 dicembre 2018
di Federico Sorrentino
La sentenza della Corte costituzionale n. 164 del 2017, che ha ritenuto infondata la questione di legittimità costituzionale sull’abrogazione (ad opera della legge 27 febbraio 2015, n. 18) del procedimento di ammissibilità (cd. filtro) delle domande risarcitorie in tema di responsabilità civile del magistrato, non si è invece pronunziata su altre questioni coinvolgenti le modifiche apportate alla legge n. 117 del 1988. Tra queste, si esamina quella concernente l’attenuazione della cd. clausola di salvaguardia (posta a garanzia della funzione giurisdizionale), per vagliarne i possibili esiti alla luce del quadro normativo interno, costituzionale ed eurounitario
27 giugno 2018
La decisione del Tribunale di Messina sulla responsabilità civile del pubblico ministero per omessa perquisizione. Un punto di vista di parte
di Giuseppe Cascini* e Paolo Ielo**
La decisione del Tribunale di Messina, che ha riconosciuto la responsabilità civile del pubblico ministero per la mancata adozione di iniziative idonee ad impedire l'omicidio di una donna da parte dell'ex-compagno, ha suscitato ampia discussione, all'interno e all'esterno della magistratura. L'articolo che pubblichiamo, scritto da due pubblici ministeri di lungo corso, analizza criticamente la decisione dall'angolo visuale del pubblico ministero ed esprime le preoccupazioni di molti magistrati per i rischi derivanti da un eccessivo ampliamento del giudizio di responsabilità civile dei magistrati
5 luglio 2017
La responsabilità civile del pubblico ministero per omessa perquisizione: la sottile linea fra percezione e valutazione
di Enrico Scoditti
La responsabilità civile del magistrato riguarda non l’interpretazione della legge o la valutazione del fatto, le quali connotano la funzione giudiziaria, ma l’errore percettivo sulla disposizione legislativa quale enunciato linguistico o sugli elementi del fatto. La sentenza del Tribunale di Messina, che ha riconosciuto la responsabilità civile del pubblico ministero per omessa perquisizione, rappresenta un caso paradigmatico anche per i riferimenti al problema del nesso di causalità ed alle peculiarità della figura del pubblico ministero
26 giugno 2017
Indipendenza come e indipendenza da chi
di Luigi Marini
Un confronto con le condizioni in cui operano le magistrature degli altri Paesi consente di comprendere l'importanza delle garanzie dell'ordinamento italiano
13 giugno 2016
La nuova legge sulla responsabilità civile dei magistrati: il dibattito culturale dalla legge Vassalli alla legge n. 18 del 2015. Le prospettive future
di Ezia Maccora
Le nuove norme consegnano alla magistratura un compito gravoso e indispensabile: investire sul concetto di forte professionalità del magistrato, per evitare che nel futuro il punto di equilibrio tra responsabilità da un lato, e autonomia e indipendenza dall'altro, si sposti ulteriormente a danno dei secondi
5 ottobre 2015
La riforma della responsabilità civile dei magistrati
di Ezia Maccora
L'11 e il 12 giugno si è tenuto, presso la sede del Csm, un seminario sulla disciplina della responsabilità civile, promosso assieme alla Scuola della Magistratura: due giornate coinvolgenti e stimolanti
3 luglio 2015
Il deficit culturale della nuova disciplina della responsabilità civile dei magistrati
di Marco Bignami
Risolvere un problema eminentemente di diritto pubblico, ossia di teoria generale dello Stato, attraverso lo strumento civilistico dell’azione risarcitoria denuncia tutto il deficit culturale di questa legge
21 maggio 2015