home search menu
La riforma della responsabilità civile dei magistrati
Leggi e istituzioni
La riforma della responsabilità civile dei magistrati
di Ezia Maccora
Giudice del Tribunale di Bergamo
L'11 e il 12 giugno si è tenuto, presso la sede del Csm, un seminario sulla disciplina della responsabilità civile, promosso assieme alla Scuola della Magistratura: due giornate coinvolgenti e stimolanti

L’11 ed il 12 giugno si è tenuto a Roma presso la sede del Consiglio Superiore della Magistratura un convegno sulla Disciplina della Responsabilità Civile dei Magistrati promosso dalla VI Commissione del Consiglio Superiore e dalla Scuola Superiore della Magistratura.

Degna di particolare considerazione la scelta effettuata dalle due Istituzioni di progettare, programmare e gestire unitariamente un momento formativo per i magistrati su un tema così sensibile.

Una occasione preziosa in cui si è concretamente realizzata quella sinergia tra Consiglio Superiore e Scuola della Magistratura da sempre auspicata per avere una formazione da un lato efficace, innovativa e pluralista dall’altro rispettosa dei principi di autonomia ed indipendenza della magistratura sanciti dall’art. 105 della Costituzione .

Una collaborazione indispensabile se si considera che La Magna Charta dei Giudici, adottata nel 2010 dal Consiglio consultivo dei giudici europei, recependo un principio condiviso nell'ambito dei diversi ordinamenti europei, pose l'accento sul nesso indissolubile tra la formazione dei magistrati e la loro indipendenza : “La formazione iniziale e permanente è, per il giudice, un diritto ed un dovere. Essa deve essere organizzata sotto la supervisione della magistratura. La formazione è un importante elemento di garanzia dell’indipendenza dei giudici, nonché della qualità e dell’efficacia del sistema giudiziario”.

Con questo spirito molti rappresentanti delle Istituzioni presenti hanno auspicato che la strada imboccata con la realizzazione di questo comune momento formativo sia l’avvio di un metodo di collaborazione che nel prossimo futuro consentirà nuovi ed importanti traguardi condivisi.

Rilevante anche il tema posta al centro dell’incontro, che rappresenta la positiva concretizzazione di quanto è stato indicato nelle linee programmatiche sulla formazione e l’aggiornamento professionale dei magistrati per l’anno 2016 varate dal Consiglio nella delibera approvata in data 4 giugno 2015.

In quella sede il Consiglio ha sottolineato la necessità di “Un impegno specifico da riservare al tema dell’etica e della deontologia professionale. Nella specie, si tratta essenzialmente di offrire ad ogni magistrato tutti gli strumenti per cogliere appieno gli effetti dei propri comportamenti, pubblici e privati, anche quando essi siano irrilevanti dal punto di vista penale, civile e disciplinare. E’ auspicabile che la formazione si dedichi, in primo luogo, all’interpretazione delle opzioni legislative in materia disciplinare. …..

Una sessione dell’incontro, nel più ampio panorama del rapporto tra professionalità e deontologia dei magistrati, è stata infatti dedicata alla legge sulla responsabilità civile dei magistrati e ai rapporti con il sistema disciplinare e le valutazioni di professionalità.

Sono stati evidenziati i punti di maggiore problematicità del nuovo dato normativo che risiedono nell’abolizione del filtro (art. 5 L. 11771988) e nella limitazione della clausola di salvaguardia (art. 2 comma 2 L. 117/1988), ed è stata sottolineato come la legge nella sua nuova formulazione non raggiunge un giusto equilibrio fra i diversi interessi tutelati: garantire un ristoro alla parti lese dall’attività gravemente negligente dei magistrati (art. 28 Cost.) e preservare l’attività giurisdizionale da ogni indebito condizionamento esterno (art.li 101,104,105, 107 e 111 Cost).

Partendo da questa premessa tre le considerazioni più ricorrenti:

  • Vi sono profili di costituzionalità della legge che spettano al Giudice della Legge. Una strada considerata percorribile in relazione all’abolizione del filtro, alla luce delle argomentazioni già espresse dalla Corte Costituzionale quando ha valutato il filtro come una misura adeguata per attuare quel bilanciamento fra opposti interessi sopra richiamato (a partire dalla sentenza n. 2 del 1968 per venire a quelle n. 18 del 1989 e n. 468 del 1990)
  • Non bisogna attribuire alla responsabilità civile del magistrato la funzione impropria di indurre o ricondurre il magistrato ai suoi doveri ed in tal senso occorre non avallare interpretazioni giurisprudenziali che consentano di utilizzare l’azione di responsabilità come una ulteriore impugnazione del provvedimento del giudice da parte di chi è stato soccombente nel processo. Una interpretazione corretta del nuovo dato normativo da parte della giurisprudenza consentirà di allontanare il rischio di una tendenza al conformismo, alla giurisprudenza difensiva, ed a quella “indifferenza burocratica” che il Presidente Mattarella ha ricordato essere uno dei più gravi pericoli che in una democrazia può colpire i giudici.
  • La magistratura deve cogliere e non sottovalutare quel sentimento di diffusa insoddisfazione che vive il cittadino rispetto all’operato della magistratura, capirne le ragioni e cercare possibili soluzioni. Occorre quindi investire ancora di più sul concetto di “professionalità del magistrato” per arginare gli impropri tentativi di utilizzo dello strumento della responsabilità civile quale mezzo di condizionamento della sua attività di interpretazione della norma e di valutazione autonoma del fatto e delle prove. La professionalità è l’unica strada per mantenere il consenso e la legittimazione sociale che costituiscono il principale baluardo a tutela dell’indipendenza della funzione giudiziaria.

 

Di particolare importanza si è anche rivelato il contributo apportato dai colleghi della Procura Generale della Cassazione che hanno esposto un “primo” tentativo di inquadramento generale operato dal loro ufficio in ordine ai rapporti che intercorrono tra azione di responsabilità civile e procedimento disciplinare.

Due forme di responsabilità che mantengono una ratio propria ed una reciproca autonomia strutturale e procedimentale.

Riporto, per l’importanza che assumono, alcune conclusioni tratte dalla relazione integrale (SCARICABILE QUI):

1) "La trasmissione della notizia della pendenza di una controversia civile di danno ex art. 2 legge n. 117/1988 non costituisce un obbligo a carico dei capi degli uffici, rilevante a norma dell'ari. 2, comma 1, lettera dd), del d.lgs. n. 109/2006".

2) "Non è necessario istituire un raccordo istituzionale tra la Procura generale e gli uffici (giudicanti) di merito ai fini disciplinari; tuttavia può essere utile prefigurare canali informativi a fini di rilevazione statistica e di applicazione della legge n. 18/2015".

3) "L'acquisizione, in qualsiasi modo, della notizia della proposizione di un giudizio civile di danno ex lege n. 117/1988 non autorizza come tale l'esercizio dell'azione disciplinare per i fatti che vi hanno dato causa".

4) "L'acquisizione della notizia della proposizione di un giudizio civile di danno autorizza l'iscrizione di un procedimento predisciplinare e lo svolgimento della relativa sommaria indagine a norma dell'art. 15 del d.lgs. n. 109/2006".

5) "II procedimento predisciplinare non è di regola soggetto a sospensione per pregiudizialità (art. 15, comma 8, lettera d-bis, d.lgs. n. 109/2006) rispetto alla causa civile di danno verso lo Stato, vi sia o non vi sia in quest'ultima l'intervento volontario del magistrato, o rispetto al giudizio di rivalsa".

6) "All'esito della sommaria indagine predisciplinare, il Procuratore generale "deve" esercitare l'azione disciplinare solo in quanto i fatti che hanno dato causa all'azione civile di danno e che sono stati comunicati all'Ufficio integrino gli estremi di una ipotesi disciplinare tipizzata a norma dell'art. 2 del d.lgs. n. 109/2006, indipendentemente dalla valutazione che sia data ai fatti in ambito civile".

7) "II procedimento in fase disciplinare non è di regola soggetto a sospensione per pregiudizialità della causa civile di danno o del giudizio di rivalsa".

8) "E' possibile la trasmissione di atti del procedimento predisciplinare o disciplinare per l'acquisizione nel giudizio civile di rivalsa, solo se pervenuto alla fase del giudizio (e con gli eventuali limiti di pubblicabilità/divulgabilità degli stessi); l'acquisizione di atti relativi alle fasi del procedimento predisciplinare o disciplinare nella causa civile non è regolata dalla legge n. 18/2015 ed è soggetta alle regole e ai limiti generali di pubblicabilità".

9) "La definizione, con pronuncia passata in giudicato, della causa civile di danno o del giudizio di rivalsa non ha efficacia nel processo disciplinare".

 

Due giornate di formazione di alto profilo, coinvolgenti e stimolanti.

Concludo osservando che in fondo il tema della responsabilità civile, della responsabilità disciplinare e della professionalità ci riporta ad una domanda antica che mantiene intatto il carattere dell’attualità:

Quale Responsabilità? Quale Magistrato? Funzionario o professionista? Occorre scegliere la risposta ed adottare comportamenti conseguenti. 

3 luglio 2015
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
Responsabilità civile del magistrato per inosservanza di orientamento giurisprudenziale consolidato?
Responsabilità civile del magistrato per inosservanza di orientamento giurisprudenziale consolidato?
di Enrico Scoditti
È stata rimessa alle Sez. unite della Cassazione la questione della responsabilità civile del magistrato per inosservanza di orientamento giurisprudenziale consolidato. Nello scritto si propone di interpretare «violazione manifesta della legge» in termini di travisamento linguistico della disposizione o di fatto accertato ma rimasto privo di effetti giuridici nonostante l’esistenza di previsione legislativa
10 dicembre 2018
Sull’attenuazione della clausola di salvaguardia in materia di responsabilità civile del magistrato: questioni ancora aperte? *
di Federico Sorrentino
La sentenza della Corte costituzionale n. 164 del 2017, che ha ritenuto infondata la questione di legittimità costituzionale sull’abrogazione (ad opera della legge 27 febbraio 2015, n. 18) del procedimento di ammissibilità (cd. filtro) delle domande risarcitorie in tema di responsabilità civile del magistrato, non si è invece pronunziata su altre questioni coinvolgenti le modifiche apportate alla legge n. 117 del 1988. Tra queste, si esamina quella concernente l’attenuazione della cd. clausola di salvaguardia (posta a garanzia della funzione giurisdizionale), per vagliarne i possibili esiti alla luce del quadro normativo interno, costituzionale ed eurounitario
27 giugno 2018
La nuova circolare del Csm sulle procure
La nuova circolare del Csm sulle procure
di Antonello Ardituro
Pubblichiamo la circolare approvata oggi, all'unanimità, dal Csm sulle procure accompagnata da una nota illustrativa di Antonello Ardituro, componente del Csm. Auspichiamo ulteriori interventi volti ad approfondire i temi che la circolare affronta. Questione Giustizia ha già programmato per il n. 1 del 2018 della Rivista trimestrale un obiettivo sul pubblico ministero
16 novembre 2017
La decisione del Tribunale di Messina sulla responsabilità civile del pubblico ministero per omessa perquisizione. Un punto di vista di parte
La decisione del Tribunale di Messina sulla responsabilità civile del pubblico ministero per omessa perquisizione. Un punto di vista di parte
di Giuseppe Cascini* e Paolo Ielo**
La decisione del Tribunale di Messina, che ha riconosciuto la responsabilità civile del pubblico ministero per la mancata adozione di iniziative idonee ad impedire l'omicidio di una donna da parte dell'ex-compagno, ha suscitato ampia discussione, all'interno e all'esterno della magistratura. L'articolo che pubblichiamo, scritto da due pubblici ministeri di lungo corso, analizza criticamente la decisione dall'angolo visuale del pubblico ministero ed esprime le preoccupazioni di molti magistrati per i rischi derivanti da un eccessivo ampliamento del giudizio di responsabilità civile dei magistrati
5 luglio 2017
La responsabilità civile del pubblico ministero per omessa perquisizione: la sottile linea fra percezione e valutazione
La responsabilità civile del pubblico ministero per omessa perquisizione: la sottile linea fra percezione e valutazione
di Enrico Scoditti
La responsabilità civile del magistrato riguarda non l’interpretazione della legge o la valutazione del fatto, le quali connotano la funzione giudiziaria, ma l’errore percettivo sulla disposizione legislativa quale enunciato linguistico o sugli elementi del fatto. La sentenza del Tribunale di Messina, che ha riconosciuto la responsabilità civile del pubblico ministero per omessa perquisizione, rappresenta un caso paradigmatico anche per i riferimenti al problema del nesso di causalità ed alle peculiarità della figura del pubblico ministero
26 giugno 2017
La mancata tutela della vittima e la responsabilità dei pubblici ministeri per colpa grave
L’evoluzione del sistema della responsabilità civile ed i danni punitivi
Intercettazioni, le linee guida del CSM
Intercettazioni, le linee guida del CSM
La delibera approvata dal Consiglio superiore della magistratura nella seduta plenaria del 29 luglio
29 luglio 2016
Il parere del Csm sulla riforma della giustizia minorile: un compromesso alto, un impegno per tutti
Indipendenza come e indipendenza da chi
Indipendenza come e indipendenza da chi
di Luigi Marini
Un confronto con le condizioni in cui operano le magistrature degli altri Paesi consente di comprendere l'importanza delle garanzie dell'ordinamento italiano
13 giugno 2016
Newsletter


Fascicolo 1/2019
Populismo e diritto
Leggi e istituzioni
Libere di prostituirsi? Commento alla sentenza n. 141/2019 della Corte costituzionale
Libere di prostituirsi? Commento alla sentenza n. 141/2019 della Corte costituzionale
di Giulia Marzia Locati
Nell'affrontare il tema della prostituzione, e delle condotte di sfruttamento e favoreggiamento che da sempre la circondano e la accompagnano, la sentenza esamina i diversi modelli che nel corso del tempo e nei diversi Paesi sono stati utilizzati per regolamentare il fenomeno. Può esistere, e a che condizioni, una prostituzione veramente libera? O la scelta è sempre frutto di coartazione?
25 giugno 2019
A proposito del decreto sicurezza-bis
A proposito del decreto sicurezza-bis
di Andrea Natale
Il contributo analizza le principali novità introdotte dal cd. decreto sicurezza-bis e riflette su possibili frizioni tra quelle disposizioni e alcune previsioni normative poste a garanzia di diritti fondamentali
20 giugno 2019
Il salario minimo fissato per legge
Il salario minimo fissato per legge
di Enzo Martino
Il disegno di legge n. 658 ha l'indiscutibile pregio di demandare la definizione del «trattamento complessivo economico minimo» ai contratti nazionali di lavoro sottoscritti dalle associazioni sindacali più rappresentative a livello nazionale, e di prevedere in via meramente residuale un trattamento complessivo minimo di 9 euro lordi l'ora: la proposta, pur con qualche limite, va comunque nella direzione di garantire ai più deboli quell'esistenza libera e dignitosa che i padri costituenti immaginarono anche per loro
18 giugno 2019
Reddito di cittadinanza: assistenza alla povertà o governo penale dei poveri?
Reddito di cittadinanza: assistenza alla povertà o governo penale dei poveri?
di Roberto Riverso
L’intreccio di funzioni operato nella legge sul reddito di cittadinanza (RDC) ha prodotto un vasto programma normativo ispirato dalla logica combinatoria del Contratto che regge l’impianto di Governo. Nella delineazione del sistema sanzionatorio si evidenzia la marcata accentuazione dell’aspetto della condizionalità e dell’intransigenza punitiva, non priva di elementi di irrazionalità ed asimmetrie, a scapito degli obbiettivi della solidarietà e del sostegno al reddito nelle more della ricollocazione lavorativa
6 giugno 2019
Inquinamento mafioso della politica e legge penale
Inquinamento mafioso della politica e legge penale
di Piergiorgio Morosini
L’inquinamento mafioso della politica rappresenta un serio pericolo per economia, diritti e democrazia. Ma le recentissime innovazioni introdotte dal legislatore in tema di “scambio elettorale politico mafioso” − e cioè l’estensione dell’area dei “patti” penalmente rilevanti ai sensi dell’art. 416-ter e l’aumento consistente dei carichi sanzionatori − meritano una attenta riflessione critica
5 giugno 2019
La privatizzazione della gestione dei servizi no core delle strutture penitenziarie: il caso dell’erigendo carcere di Bolzano
La privatizzazione della gestione dei servizi no core delle strutture penitenziarie: il caso dell’erigendo carcere di Bolzano
di Claudio Sarzotti
Il progetto di costruzione del nuovo carcere di Bolzano utilizza il modello del project financing non solo per l’edificazione dell’istituto, ma anche per la gestione dei servizi no core per i successivi 17 anni. Si tratta di una soluzione che, debitamente applicata e implementata, può scardinare le logiche dell’istituzione totale
31 maggio 2019