Magistratura democratica
Magistratura e società
La casa sul mare, un film di Robert Guédiguian
di Patrizia Papa
consigliere della Corte di appello di Bari
Il regista francese ci regala una storia di straordinaria bellezza, raccontata con delicatezza e asciuttezza. Un'opera in cui la trama si dipana perché ciascun personaggio possa riappropriarsi della sua storia e della vita. Mentre il treno sullo sfondo continuamente va e poi ritorna. Perché la vita non può fermarsi
La casa sul mare, un film di Robert Guédiguian

La Côte d’Azur di inverno, con i raggi del sole obliqui e senza l’azzurro intenso del cielo. Il volto del padre che porta i segni di un profondo dolore, mai superato, mai condiviso ed elaborato con sua figlia. La scenica terrazza della villa (“come una spilla di una donna”) sul porticciolo della calanque di Méjean, poche barche, l’acqua inquieta del mare: fa freddo, però. Joseph e Angèle, i due fratelli tornati al padre da altrove, hanno lunghi cappotti in cui si stringono e Armand, il fratello che è rimasto alla villa, ha un pullover pesante. Questo l’inizio de La casa sul mare (La villa, il titolo originale), il film di Robert Guédiguian all’ultimo festival del cinema di Venezia.

Ciascuno dei tre fratelli ha una storia di delusione, di perdita, di dolore profondo, di legami e di fratture, tra loro, con questo padre e con questo luogo. Ciascuno dei tre fratelli è cresciuto con speranze e utopie poi divenute disillusioni.

Joseph ha “il cuore che sanguina ancora”, perché, nonostante i principi del padre, non è mai riuscito ad elaborare il passaggio dalla classe sociale da cui proveniva al mondo intellettuale in cui è transitato. Entrato in fabbrica per solidarietà con gli operai, dopo aver scelto di abbandonare gli studi, ha imparato che “gli operai veri non scelgono di essere lì”.

Angèle è divenuta un’attrice teatrale di successo, ma ha il cuore congelato, perché ha perso sua figlia proprio in un incidente in quella casa sul mare, la figlia affidata a suo padre. Dopo l’incidente, anche il suo compagno è andato via e così, Angèle non è tornata alla casa sul mare per oltre vent’anni, perché non voleva “il lutto dei miei desideri, dei miei sogni, delle mie gioie, delle mie pene, né dei miei paesaggi”.

Armand è rimasto alla villa, continua a cucinare le ricette di famiglia nel ristorante da cui non vuole guadagnare e tiene i “prezzi bassi perché tutti possano andarci”.

In questa luttuosa nostalgia, il sopraggiunto stato catatonico del padre (“potrebbe durare per anni”) sembrerebbe fissare il dolore e la frattura ed escludere la possibilità di passaggio, di vita.

Anche gli anziani vicini, Martin e Suzanne non possono più uscire dalla fissità del loro passato, del loro forte affiatamento e non riescono neppure ad accettare che il loro figlio sia cresciuto e possa ora occuparsi di loro. Piuttosto, è meglio fermare la vita.

Eppure, qualcosa può succedere e succede, quando si ritrova “il centro del mondo”.

Benjamin, il giovane pescatore che non è mai andato via da questo luogo “immobile”, continua ad uscire in barca, al mattino presto e porta indietro la sua pesca. Conosce a memoria Paul Claudel e può recitarlo insieme ad Angèle che egli ama “immemorialmente” da quando è andato a vederla in città, a Marsiglia, dove un teatro c’è.

Berangère, la giovanissima compagna di Joseph, che sa di non poter amare soltanto “per pietà”, può continuare a lavorare anche nella piccola calanque, collegandosi con il suo pc e andare a correre oltre le curve della strada tortuosa e impervia.

Poi, qualcuno arriva da oltre il mare. Qualcuno estraneo, ma che ha imparato che occorre occuparsi l’uno dell’altro per (soprav)vivere.

Con delicatezza e asciuttezza, allora, la trama si dipana perché ciascun personaggio possa riappropriarsi della sua storia e della vita, mentre il treno sullo sfondo continuamente va e poi ritorna, perché la vita non può fermarsi: perfino, “dove sei sepolto”, anche lontano dalla terra in cui sei nato, comunque “metti radici”, per far rinascere qualcosa.

Una storia di straordinaria bellezza e consapevolezza, in cui è nell’apertura all’altro la possibilità di rinnovare il presente e di ricucirlo continuamente con il passato, perché, utilizzando parole altrui, vivre c'est trahir continûment son passé e perché la vita non torna indietro e non si ferma a ieri.

Questa apertura all’altro comincia dagli affetti e dalle relazioni vicine, dal “centro del mondo”, ma poi si realizza e porta appieno il suo frutto proprio grazie a chi proviene da oltre il mare, ha perduto tutto, ha una storia sconosciuta e non parla neppure una lingua comune: un messaggio pronunciato piano, senza retorica.

26 maggio 2018
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
Il traditore, un film per (ri)guardare un pezzo della nostra storia repubblicana
di Patrizia Rautiis
Il film di Marco Bellocchio, presentato all'ultimo Festival di Cannes, visto con lo sguardo di un magistrato
31 maggio 2019
Il colpevole–The guilty, un film di Gustav Möller
di Paola Perrone
L'opera prima del regista danese è un thriller coinvolgente, drammatico e ricco di scelte estreme che però non stancano mai lo spettatore
11 maggio 2019
Cafarnao-Caos e miracoli, un film di Nadine Labaki
di Patrizia Rautiis
Zain, il piccolo protagonista dell'opera premio della Giuria a Cannes 2018, viene elevato a “manifesto” dei mali del mondo, offrendo ai nostri occhi la mostruosità di un’infanzia già troppo violata, cercando di coinvolgere un’umanità che rimane sempre troppo distante, inerme e colpevole
4 maggio 2019
Il verdetto-The children act, un film di Richard Eyre
di Paola Perrone
La recensione all'opera tratta da La ballata di Adam Henry, un romanzo di Ian McEwan
10 novembre 2018
Opera senza autore, un film di Florian Henckel von Donnersmarck
di Paola Perrone
Come ne Le vite degli altri, anche in quest'opera l’autore riesce a dipingere, attraverso la storia di singole persone, la Storia di un’intera nazione dilaniata e stravolta dalle leggi dittatoriali passate da quelle naziste a quelle filosovietiche
27 ottobre 2018
Lo sguardo che manca alla giustizia
di Donatella Stasio
Il film «Sulla mia pelle», che racconta la vicenda di Stefano Cucchi, sollecita molte riflessioni tra cui quella sull’impersonalità (brutale) delle istituzioni, compresa la giustizia, e sulle sue ricadute negative nel rapporto di fiducia con i cittadini. Un problema antico ma ricorrente e cruciale nella vita delle istituzioni, di cui i magistrati devono farsi carico con i loro comportamenti. Secondo Piero Calamandrei, bisogna che «anche nel processo circoli questo senso di fiducia, di solidarietà e di umanità, che è in tutti i campi lo spirito animatore della democrazia»
18 settembre 2018
Dogman, una scellerata storia di periferia
di Patrizia Rautiis
Matteo Garrone, ispirato dalla vicenda romana del Canaro, torna con la sua macchina da presa sul litorale campano per tratteggiare un universo di violenza e degrado in cui Bene e Male finiscono per mescolarsi, perdendo i propri confini
2 giugno 2018
La giornata particolare di una giuria popolare
di Oscar Magi
Una nuova recensione per La convocazione di Enrico Maisto, un film in cui l'autore passa con naturalezza dalla narrazione del registro intimo e quotidiano dei convocati a comporre la giuria a quello solenne del giuramento finale in un crescendo emotivo e intenso.
3 febbraio 2018
La convocazione, un film civile
di Ilio Mannucci Pacini
La recensione al documentario di Enrico Maisto, un'opera in cui sensazioni ed emozioni esprimono il punto di vista dei cittadini comuni sull’istituzione giudiziaria e sulla giustizia
20 gennaio 2018
Quando le ombre del carcere si allungano sugli affetti
di Fabio Gianfilippi
Guardando le “Ombre della sera”, un film di Valentina Esposito
18 novembre 2017