Magistratura democratica
Magistratura e società
Cafarnao-Caos e miracoli, un film di Nadine Labaki
di Patrizia Rautiis
sostituto procuratore generale presso la Corte di appello di Bari
Zain, il piccolo protagonista dell'opera premio della Giuria a Cannes 2018, viene elevato a “manifesto” dei mali del mondo, offrendo ai nostri occhi la mostruosità di un’infanzia già troppo violata, cercando di coinvolgere un’umanità che rimane sempre troppo distante, inerme e colpevole
Cafarnao-Caos e miracoli, un film di Nadine Labaki

L’odissea di un bambino, anzi due. Meglio, quella di milioni di bambini. Quelli vissuti e che ancora vivono o passano da quell’immenso campo profughi che è il Libano, ma che assomiglia molto più all’Inferno in terra di qualsiasi altra cosa la mente umana riesca a figurarsi.

Cafarnao significa caos e miracoli. Il nome sembra derivare da quello di un antico villaggio della Galilea che all’arrivo di Gesù entrò in subbuglio. Del passaggio di Cristo in questo angolo della Terra rimane molto poco, ma da allora, il termine è diventato sinonimo di confusione assoluta.

Ma è necessario procedere con ordine nell’analisi di quest’opera, perché il caos fisico, morale e mentale regna sovrano al suo interno, durante e dopo la visione.

Zain è un bambino dodicenne cresciuto in un quartiere povero di Beirut. Non va a scuola, è utilizzato dai genitori per racimolare quotidianamente i pochi spiccioli che servono ad andare avanti. La famiglia è assai numerosa e lo sfortunato protagonista è costretto a vivere in un’indigenza così tragica e profonda capace di desertificare i cuori e le menti delle due figure genitoriali. La mamma e il papà, un giorno, arrivano addirittura a cedere in “sposa” la loro figlia undicenne, nella disperazione della stessa.

Zain si ribella a questo gesto straziante andando via di casa. Incontra Rahil, una donna etiope, anch’essa clandestina, priva di documenti e perciò costretta a nascondere il suo bambino poco più che neonato. Con loro Zain stabilisce una relazione di istintiva solidarietà e affetto. Anche questa esperienza finisce però drammaticamente con il forzoso distacco prima dalla donna e poi anche dal bambino.

Zain torna a casa e scopre che la sorellina “ceduta” è morta a causa dei maltrattamenti subiti. Reagisce accoltellando lo “sposo”. Va in carcere e di lì, in modo assolutamente improbabile, intenta un processo contro i suoi genitori per “averlo messo al mondo”.

Va così in scena un processo alla genitorialità insensata, incontrollata, egoista.

Difficile però immaginare che in una simile realtà un bambino possa far sentire la propria voce in un tribunale ed avere persino un avvocato a sua difesa.

È solo un espediente narrativo − si dirà − che però mal si concilia con lo stile documentaristico che è la cifra più leggibile del film.

Non ne racconterò la fine, per cercare invece un ordine nel cafarnao della vicenda e della vita di questo bambino che di primo acchito, e senza tema di errore, eleviamo a simbolo dei milioni di bambini vittime delle guerre, dell’odio, delle migrazioni epocali, della miseria che ancora domina così tanta parte del Pianeta.

Non c’è che da sentire il cuore ebbro della pietà che il volto sofferente del bravissimo attore-bambino tiene viva per tutta la durata del film, nonostante la narrazione spietata e asciutta che ne fa l’abile mano della regista Nadine Labaki.

Lunghe riprese ad altezza di bambino alternate a quelle aeree della infernale bidonville che dalle opposte prospettive mettono sotto gli occhi dello spettatore il Dolore del mondo nel suo paradigma essenziale.

Poco dopo i titoli di coda però si avverte una peculiare sensazione di straniamento. Sappiamo che quella sofferenza è vera, enorme e disperante. Sappiamo che non c’è innocenza e non c’è innocente per quelle ferite, che il nostro mondo opulento e democratico ne è, prima di altri, responsabile e che noi tutti portiamo la responsabilità dell’indifferenza che avvolge e tutela il ricco Occidente di cui siamo parte. Un universo lontano anni luce da quello in cui è immersa la storia di Zain e degli altri protagonisti del film.

Eppure a mano a mano che ci si allontana dai titoli di coda, e solo dopo una fase di dolore, si fa strada dentro la propria anima uno straniante senso della manipolazione, della suggestione emotiva che mai è garantita come nei momenti in cui si manovra sulla vita dei bambini. Il piccolo protagonista, bellissimo quanto a tratti improbabile, elevato a “manifesto” dei mali del mondo, ripreso dalla telecamera in un ultimo (magari questa volta commendevole) intento utilitaristico, offre ai nostri occhi la mostruosità di un’infanzia già troppo violata, cercando di coinvolgere un’umanità che rimane sempre troppo distante, inerme e colpevole. Ed in questo cafarnao, l’unico miracolo è il sorriso finale di Zain che rimane fisso sullo schermo prima dello scorrere dei titoli di coda.

Se qualcuno vuole un giudizio finale non lo avrà da questa mia riflessione: non a caso il film è un cafarnao, quello che lascia nell’animo dello spettatore!

4 maggio 2019
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
Maternità surrogata e tutela del rapporto di filiazione
di Silvia Albano
La famiglia tutelata dall’ordinamento si identifica sempre più con il luogo degli affetti, perdendo di rilevanza il legame genetico tra i componenti. (Dalla Relazione tenuta il 10 settembre 2019 al corso della Scuola Superiore della Magistratura)
19 ottobre 2019
Almarina: due donne, Nisida, un futuro possibile per entrambe
di Ennio Tomaselli
La recensione all'ultimo romanzo di Valeria Parrella (Einaudi), pagine utili per sensibilizzare l’opinione pubblica su temi come il carcere minorile, questioni che altrimenti rischiano di restare confinate nell’ambito degli addetti ai lavori
20 luglio 2019
Il traditore, un film per (ri)guardare un pezzo della nostra storia repubblicana
di Patrizia Rautiis
Il film di Marco Bellocchio, presentato all'ultimo Festival di Cannes, visto con lo sguardo di un magistrato
31 maggio 2019
Il colpevole–The guilty, un film di Gustav Möller
di Paola Perrone
L'opera prima del regista danese è un thriller coinvolgente, drammatico e ricco di scelte estreme che però non stancano mai lo spettatore
11 maggio 2019
Messa alla prova… 30 anni dopo!
di Cristina Maggia
La messa alla prova minorile per reati gravi: una sfida che vale la pena raccogliere. Il libro di Joseph Moyersoen raccoglie voci diverse, con un focus particolare sulla commissione di reati associativi in diversi contesti geografici
13 aprile 2019
La forza di un abbraccio
di Salvatore Casabona
I ristretti in regime di 41-bis ord. pen. alla prova della giurisprudenza minorile di Reggio Calabria
12 aprile 2019
Bambini a processo? Siamo sicuri che serva?
di Cristina Maggia
La proposta di abbassare l’età imputabile del minore (da 14 a 12 anni) parte da una visione distorta della criminalità minorile in Italia, e trascura ogni proposta che favorisca la prevenzione attraverso l’inclusione
19 febbraio 2019
Il verdetto-The children act, un film di Richard Eyre
di Paola Perrone
La recensione all'opera tratta da La ballata di Adam Henry, un romanzo di Ian McEwan
10 novembre 2018
Opera senza autore, un film di Florian Henckel von Donnersmarck
di Paola Perrone
Come ne Le vite degli altri, anche in quest'opera l’autore riesce a dipingere, attraverso la storia di singole persone, la Storia di un’intera nazione dilaniata e stravolta dalle leggi dittatoriali passate da quelle naziste a quelle filosovietiche
27 ottobre 2018
Il diritto a conoscere le proprie origini può essere esercitato anche nei confronti delle sorelle e dei fratelli biologici dell’adottato?
di Alice Giurlanda
La Corte di cassazione, con la sentenza n. 6963 del 20 marzo 2018 enuncia il seguente principio di diritto: «L’adottato ha diritto, nei casi di cui all’art. 28 c. 5 L. 184 del 1983, di conoscere le proprie origini accedendo alle informazioni concernenti, non solo l’identità dei propri genitori biologici, ma anche quella delle sorelle e fratelli biologici adulti, previo interpello di questi mediante procedimento giurisdizionale idoneo ad assicurare la massima riservatezza ed il massimo rispetto della dignità dei soggetti da interpellare, al fine di acquisirne il consenso all’accesso alle informazioni richieste o di costatene il diniego, da intendersi impeditivo dell'esercizio del diritto»
26 settembre 2018