Magistratura democratica
Magistratura e società / cinema e letteratura
Indivisibili
di Donatella Salari
Giudice del Massimario della Corte di Cassazione
Recensione al film sulle gemelle siamesi di Edoardo De Angelis (Mostra del Cinema di Venezia 2016, Toronto International Film Festival, BFI London Film Festival)
Indivisibili

Come dice David Grossman “C’è un momento in cui si compie un piccolo passo, si devia di un millimetro dalla solita via, a quel punto si è costretti a posare anche un secondo piede e d’un tratto si finisce su un percorso sconosciuto.”

Così avviene nell’equilibrio tormentato delle due gemelle Dasy e Viola due gemelle siamesi unite al bacino belle e canterine portatrici di un immagine che ha il fascino un po’ onirico di un quadro di De Chirico quando le due appaiono, fasciate in una sorta di tunica pieghettata colore di argento, sulla sabbia sconvolta dal degrado di Castevolturno.

Le rive del fiume e la spiaggia ingombra di ogni genere di rifiuto ed oggetto dismesso diventano anch’esse protagoniste come luogo piegato e sconfitto da un degrado ineluttabile che è lo stesso dei personaggi e, primi fra tutti, dei genitori delle inseparabili.

Questi adulti, la madre ignara e dolente e il padre musclé e avido sono quegli stessi che esibiscono la malformazione delle gemelle alle comunioni inguardabili delle figlie di qualche potente locale o facendole cantare alle fiere di paese.

Le gemelle brave e sensibili, sempre in bilico sulla catastrofe, sono costrette ad interpretare le canzoni scritte dal padre sfruttatore che diviene, suo malgrado, musa involontaria della ribellione delle due, le quali dall’indimenticabile canzone “Drin Drin “cornucopia universale di cultura telefonico-cellulare, sono liricamente traghettate verso un’umanità loro negata. Così, prima attraverso la musica di Janis Joplin, poi in un’ansia di libertà non più rinviabile, fuggono inseguendo il sogno possibile di un’operazione chirurgica che le possa separare e restituire ad un’altra e più dignitosa esistenza.

Il tema del doppio è sempre pieno di fascinazione, pensiamo al film Inseparabili (Dead Ringers) di David Cronenberg, e qui, ancora i gemelli c’intrigano, specialmente quando il doppio s’ intreccia con il tema del successo e dei simulacri, o meglio, delle copie che falsificano la realtà, quelle che fanno scomparire la vera immagine per sostituirla con un’altra irreale e manipolata, vero dramma della modernità, tema che ritorna nel film anche nelle immagini pagane della processione delle gemelle trasformate in martiri da un prete inquietante e viscido. 

Nel godibile parterre del film troviamo, perciò, la copia casertana di Amy Winehouse,  le gemelle di Diane Arbus, un nano e qualche altro essere deforme, tutte imbarcate sulla navicella Tortuga, dove il nocchiero è il turpe impresario che tenta di sedurre una delle indivisibili.

La barca, in un’atmosfera da Divina Commedia, naviga sul Volturno, carica di vizi e d’inquietanti presenze di copie abborracciate di una collezione mortifera alla quale le gemelle, con caparbio talento, si sottrarranno con un gesto disperato che le affranca dalla promessa di un successo oscuro somministrato con il viatico della loro somiglianza con Anna Tatangelo, miraggio possibile, ma compromettente e oscuro come la promessa mefistofelica al dottor Faust.

Anche da questa realtà un po’ oscena fuggono le inseparabili, capaci di gesti estremi e liberatori.

Risa e lacrime ..si ride, si balla e si strimpella, così come si piange (William Thackeray) e ci si riscatta nella grande commedia.

Assolutamente da vedere, in dialetto con sottotitoli e musica di Enzo Avitabile.

 

9 ottobre 2016
Altri articoli di Donatella Salari
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
Il traditore, un film per (ri)guardare un pezzo della nostra storia repubblicana
di Patrizia Rautiis
Il film di Marco Bellocchio, presentato all'ultimo Festival di Cannes, visto con lo sguardo di un magistrato
31 maggio 2019
Il colpevole–The guilty, un film di Gustav Möller
di Paola Perrone
L'opera prima del regista danese è un thriller coinvolgente, drammatico e ricco di scelte estreme che però non stancano mai lo spettatore
11 maggio 2019
Cafarnao-Caos e miracoli, un film di Nadine Labaki
di Patrizia Rautiis
Zain, il piccolo protagonista dell'opera premio della Giuria a Cannes 2018, viene elevato a “manifesto” dei mali del mondo, offrendo ai nostri occhi la mostruosità di un’infanzia già troppo violata, cercando di coinvolgere un’umanità che rimane sempre troppo distante, inerme e colpevole
4 maggio 2019
Il verdetto-The children act, un film di Richard Eyre
di Paola Perrone
La recensione all'opera tratta da La ballata di Adam Henry, un romanzo di Ian McEwan
10 novembre 2018
Opera senza autore, un film di Florian Henckel von Donnersmarck
di Paola Perrone
Come ne Le vite degli altri, anche in quest'opera l’autore riesce a dipingere, attraverso la storia di singole persone, la Storia di un’intera nazione dilaniata e stravolta dalle leggi dittatoriali passate da quelle naziste a quelle filosovietiche
27 ottobre 2018
Lo sguardo che manca alla giustizia
di Donatella Stasio
Il film «Sulla mia pelle», che racconta la vicenda di Stefano Cucchi, sollecita molte riflessioni tra cui quella sull’impersonalità (brutale) delle istituzioni, compresa la giustizia, e sulle sue ricadute negative nel rapporto di fiducia con i cittadini. Un problema antico ma ricorrente e cruciale nella vita delle istituzioni, di cui i magistrati devono farsi carico con i loro comportamenti. Secondo Piero Calamandrei, bisogna che «anche nel processo circoli questo senso di fiducia, di solidarietà e di umanità, che è in tutti i campi lo spirito animatore della democrazia»
18 settembre 2018
Dogman, una scellerata storia di periferia
di Patrizia Rautiis
Matteo Garrone, ispirato dalla vicenda romana del Canaro, torna con la sua macchina da presa sul litorale campano per tratteggiare un universo di violenza e degrado in cui Bene e Male finiscono per mescolarsi, perdendo i propri confini
2 giugno 2018
La casa sul mare, un film di Robert Guédiguian
di Patrizia Papa
Il regista francese ci regala una storia di straordinaria bellezza, raccontata con delicatezza e asciuttezza. Un'opera in cui la trama si dipana perché ciascun personaggio possa riappropriarsi della sua storia e della vita. Mentre il treno sullo sfondo continuamente va e poi ritorna. Perché la vita non può fermarsi
26 maggio 2018
La giornata particolare di una giuria popolare
di Oscar Magi
Una nuova recensione per La convocazione di Enrico Maisto, un film in cui l'autore passa con naturalezza dalla narrazione del registro intimo e quotidiano dei convocati a comporre la giuria a quello solenne del giuramento finale in un crescendo emotivo e intenso.
3 febbraio 2018
La convocazione, un film civile
di Ilio Mannucci Pacini
La recensione al documentario di Enrico Maisto, un'opera in cui sensazioni ed emozioni esprimono il punto di vista dei cittadini comuni sull’istituzione giudiziaria e sulla giustizia
20 gennaio 2018