Magistratura democratica
Giurisprudenza e documenti / giurisprudenza di merito
Prima applicazione della messa alla prova per adulti
di Giovanni Zaccaro
Giudice Tribunale di Bari
Pubblichiamo il primo provvedimento in materia di messa alla prova
Prima applicazione della messa alla prova per adulti

Il Tribunale di Torino mette alla prova la "messa alla prova".

Due imputate hanno chiesto la sospensione per "messa alla prova", inducendo il Tribunale torinese a chiedere all'UEPE la formulazione del relativo programma.

La decisione appare importante perchè ha affrontato i temi più spinosi relativi ai primi giorni di applicazione dell'istituto.

Dopo averne definito la natura di istituto di diritto sostanziale (giustamente, trattandosi- in caso di esito positivo della prova- di una causa di estinzione del reato), i giudici torinesi hanno precisato che la norma si applica anche ai processi in corso, al fine di consentire a tutti l'accesso ad un regime più favorevole.

Al fine di superare le preclusioni processuali stabilite dal legislatore (che - si ricorda- sono le stesse previste per i riti alternativi), il Tribunale di Torino ha "rimesso in termini" le imputate, evidentemente già in una fase processuale in cui l'istituto le sarebbe stato inibito.

Altra decisione, di estremo interesse ed inevitabilmente foriera di polemica, è quella di consentire la "messa alla prova parziale", ossia solo per alcuni dei reati contestati, con necessario stralcio degli altri.

Come è noto, tale soluzione non è consentita dalla giurisprudenza maggioritaria nel caso di richiesta di "patteggiamento parziale". In effetti, applicare la pena solo per alcuni reati e procedere in forma ordinaria per gli altri sarebbe contrario alle esigenze deflattive, proprie del rito ex art. 444 cpp.

Proprio la ratio della "messa alla prova" dovrebbe guidare la decisione per i casi, come quelli decisi a Torino.

Se si ritiene, come sembrerebbe dal tenore complessivo delle norme, che lo scopo del legislatore sia stato puramente deflattivo, inevitabilmente decisioni come quella oggi pubblicata non sono condivisibili. Invero, "riaprire" i termini per la "messa alla prova", anche in caso di istruttorie dibattimentali in stato avanzato od addirittura in grado di appello, sarebbe contrario all'esigenza di ridimensionare il carico giudiziario. Lo stesso vale per la decisione di disporre la "messa alla prova" solo per alcuni reati e procedere per gli altri, soluzione che evidentemente non comporta alcuna economia processuale.

Se invece si intede valorizzare la "messa alla prova" come esperimento di giustizia riparativa e come esperienza rieducativa dell'imputato, ogni decisione che ne estenda la portata è condivisibile. Del resto, nel rito minorile, ove la funzione educativa è preminente, non vi sono preclusioni processuali per la "messa alla prova", nè limiti ai reati per i quali è concedibile.

Da ultimo, si evidenzia che la decisione di continuare con l'istruttoria dibattimentale, nel tempo necessario all'UEPE per elaborare il progetto di "messa alla prova", appare una "buona prassi" per prevenire richieste dilatorie, sicuramente avvantaggiate dalla circostanza che il termine prescrizionale non si sospende con la richiesta di "messa alla prova" ma solo con l'ordinanza con la quale, vagliata la richiesta, si dispone la "messa alla prova".

 

Leggi anche: G. Zaccaro, "La messa alla prova per gli adulti"

---------------------------------

22 maggio 2014
Altri articoli di Giovanni Zaccaro
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
Messa alla prova e tenuità del fatto nella giurisprudenza di legittimità
di Giovanni Zaccaro
Una ricognizione sui principali approdi interpretativi in materia di messa alla prova e tenuità del fatto
6 ottobre 2016
Messa alla prova e decreto penale di condanna
di Federico Piccichè
Corte Costituzionale, Sentenza 6 luglio 2016 (dep. 21 luglio 2016), n. 201, Pres. Grossi, Rel. Lattanzi
5 settembre 2016
Messa alla prova e sanzioni amministrative accessorie
di Federico Piccichè
Cass. Pen., Sez. IV, Sent. 23 giugno 2016, n. 29639, Pres. Romis, Rel. Gianniti
27 luglio 2016
La Cassazione decide su messa alla prova in seguito a opposizione a decreto penale
di Federico Piccichè
Cass. Pen., Sez. I, Sent. 3 febbraio 2016 (dep. 22 giugno 2016), n. 25867, Pres. Vecchio, Rel. Cavallo
29 giugno 2016
La messa alla prova per adulti alla Consulta
di Federico Piccichè
Nota a Corte Costituzionale, sentenza 7 ottobre 2015 (dep. 26 novembre 2015), n. 240, Pres. Criscuolo, Rel. Lattanzi
10 febbraio 2016
Un punto sull'applicazione della messa alla prova per adulti
di Giuliano Valer
In vista del primo anno di applicazione del nuovo istituto, una panoramica delle questioni interpretative e delle prime soluzioni giurisprudenziali
27 aprile 2015
Individuazione, ricognizione
ed identificazione di persone
di Carlo Spagna
Una sentenza della Corte di Assise di Napoli consente di ricostruire i meccanismi gnostici che portano all'individuazione di persona e lo statuto probatorio del "riconoscimento di persona"
30 ottobre 2014
La scommessa “culturale” della sospensione con messa alla prova alla verifica delle aule di tribunale
di Alessandra Salvadori e Roberto Arata
Per far sì che la messa alla prova sia effettiva e funzioni e per evitare che essa sia una vuota declamazione di principio è indispensabile costruire "ponti" tra giurisdizione, uffici esecuzione penale esterna e soggetti della società civile. In questo contributo si delinea un possibile percorso che non ignora le criticità che si presentano a chi vuol far funzionare le cose
17 ottobre 2014