home search menu
<i>Contre l'état d'urgence</i>, un saggio di Paul Cassia
Magistratura e società / cinema e letteratura
Contre l'état d'urgence, un saggio di Paul Cassia
di Alberto Perduca
Procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Asti
A quattordici mesi dalla tragica sera degli attentati di Parigi, lo stato di emergenza resta in vigore, e lo rimarrà fino al 15 luglio 2017. In forza delle quattro proroghe che l’Assemblea nazionale ha deciso con leggi approvate a larghissima maggioranza
<i>Contre l'état d'urgence</i>, un saggio di Paul Cassia

A Parigi, nella sera del 13 novembre 2015 alcuni gruppi di terroristi seminano morte e dolore con esplosioni di ordigni allo Stade de France e con fucilazioni di massa in tre ristoranti ed in una sala di concerto nel X ed XI Arrondissement. L’orrore, che viene rivendicato dall’Isis, dura meno di mezz’ora ma contabilizza 130 vittime ed oltre 400 feriti.

Poco prima di mezzanotte, mentre è in corso la gigantesca mobilitazione per bonificare la città e soccorrere gli scampati, il Presidente Hollande si rivolge ai francesi per comunicare «la terribile prova che, ancora una volta, ci ha assalito e per chiedere a tutti di reagire con compassione, solidarietà, unità e sangue freddo». Nel contempo, annuncia due immediate iniziative sul territorio nazionale: la chiusura delle frontiere e la decretazione dell’état d’urgence. Non tarda neppure la risposta militare quando, ad appena quarantotto ore dagli attentati, dieci aerei da caccia bombardano pesantemente le installazioni dell’IS a Raqqa in Siria, così intensificando la campagna che la Francia ha avviato già dal settembre 2015.

A quattordici mesi dalla tragica sera di Parigi l’état d’urgence resta in  vigore – e lo rimarrà fino al 15 luglio 2017– in forza delle quattro proroghe che l’Assemblea nazionale decide con leggi approvate a larghissima maggioranza il 19 febbraio, il 20 maggio, il 20 luglio ed il 14 dicembre 2016. Per tutto questo anno la Francia continua a subire attacchi terroristici, sempre rivendicati dall’IS: così il 13 giugno, a Magnanville, una coppia di funzionari di polizia viene uccisa all’arma bianca; il 14 luglio, a Nizza, un autocarro investe la folla abbattendo 86 persone e ferendone 434; il 26 luglio, nei pressi di Rouen, in una chiesa 5 fedeli sono sequestrati ed un sacerdote trucidato. E poi, sempre, nel 2016 – oltre alle molte centinaia di vittime degli attentati compiuti nel vicino e lontano Oriente nonché in Nord America – c’è il vicinissimo Belgio dove il 22 marzo due esplosioni all’aeroporto e nella metropolitana di Bruxelles provocano la morte di 32 persone ed il ferimento di 340. E nell’altrettanto prossima Germania il 20 dicembre, a Berlino, altre 12 persone perdono la vita e 48 rimangono ferite investite, di nuovo, da un camion omicida.  

In passato Questione Giustizia ha avuto modo di occuparsi dell’état d’urgence. Adesso, chi sia interessato ad approfondirlo (ed abbia familiarità con la lingua di Daniel Pennac ed Emmanuelle Carrère), può leggere il libro di Paul Cassia, Contre l’état d’urgence, pubblicato da Dalloz nell’ottobre 2016. Il titolo riflette fedelmente il giudizio radicalmente negativo che l’autore esprime nei confronti del dispositivo di controllo sociale affidato alle autorità amministrativa e di polizia dopo i fatti del Bataclan. Così, secondo il docente di Diritto pubblico all’Università Paris 1 Panthéon-Sorbonne, «l’unico valore aggiunto scientificamente apprezzabile dello stato di emergenza consiste nell’averne definitivamente dimostrato l’inefficacia in materia di prevenzione del turbamento grave all’ordine pubblico in generale, e del terrorismo in particolare». Lo scritto è percorso da robusta vis polemica, ma (ed è questo ciò che conta) la critica viene condotta con rigore e padronanza del  quadro normativo, del dibattito politico-istituzionale, delle peculiarità del terrorismo di stampo jihadista e dei risultati sin qui ottenuti con la messa in opera dello stato di emergenza. Non sorprende che molte delle pagine contro vengano dedicate alle due principali – e maggiormente intrusive – misure introdotte dall’état d’urgence, e cioè l’assignation à résidence e la perquisition administrative.

La prima misura viene applicata dal ministro dell’interno su proposta del prefetto nei confronti di persona la cui «condotta si rivela pericolosa per la sicurezza e l’ordine pubblico». Essa consiste nel soggiorno obbligato, suscettibile di essere aggravato da ulteriori obblighi tra cui quello di presentazione periodica alla polizia. Peraltro, Paul Cassia è perentorio nel negare alla assignation qualsiasi reale forza di prevenzione della minaccia terroristica. Persino scontata (ma difficile da controbattere) è la sua osservazione per cui chi intenda compiere atti con finalità di terrorismo non può certo venir dissuaso – e tantomeno impedito – da un provvedimento ammnistrativo che altro non può comportare se non la limitazione – e non l’annullamento – della libertà di movimento dell’individuo. Del resto le fitte statistiche con cui l’autore si confronta indicano che il ricorso al soggiorno obbligato, se raggiunge il picco di qualche centinaia di casi nel primo semestre dopo il 13 novembre 2015, declina nel periodo sucessivo per poi attestarsi su soli 82 nell’estate 2016. È dunque ragionevole inferire da questa curva al ribasso che lo stesso Ministero dell’interno faccia della misura un uso sempre meno convinto, consapevole che essa, sulla distanza, esaurisce inevitabilmente la capacità a produrre gli effetti sperati. Ed anzi il rischio è che se ne producano altri di segno contrario, come traspare dal richiamo a quanto esposto da magistrato di punta dell’anti-terrorismo che, di fronte alla Commissione d’inchiesta dell’Assemblea nazionale, ammette che «l’assignation lo inquieta in quanto applicandola ad un individuo perché non si hanno delle prove contro di lui – ché in tal caso verrebbe sottoposto a procedura giudiziaria - non lo si spinge nelle braccia dello Stato Islamico? Forse che tale misura renderà dei giovani che sono ancora in bilico meno ostili nei nostri confronti?».

Ancor più netta è l’opposizione espressa nel volume alla perquisition admministrative che i prefetti possono ordinare in luogo per cui «esistano delle serie ragioni per pensare che sia frequentato da persona il cui comportamento costituisca una minaccia per la sicurezza e l’ordine pubblico». Anche qui l’analisi viene svolta sul doppio registro del difetto di efficacia e di garanzia. Quanto al primo, la constatazione di partenza è che, dopo gli accadimenti di Parigi nel novembre 2015, di tale misura si faccia uso massiccio quale vero e proprio rimedio d’urto preventivo come attestato dai 3594 casi di applicazione nei primi 6 mesi. Peraltro, il dato che 3427 di essi siano concentrati nel primo periodo che va fino a tutto il febbraio 2016 – mentre i restanti 167 lo siano nel successivo trimestre – segnala come la (pretesa) efficacia della perquisition admministrative poggi in gran parte sull’effetto sorpresa, e ciò soprattutto a fronte di potenziali terroristi o fiancheggiatori che come tali non ignorano di certo le più elementari contromisure di clandestinità e dissimulazione. Ma se con il passare del tempo tale efficacia inevitabilmente decade, diventa allora priva di qualsiasi coerenza ed utilità la strategia di cronicizzare – con le ripetute proroghe – lo stato d’emergenza. Del resto, venendo ai risultati, non sfugge la loro modestia, tanto più se confrontata all’imponente impiego di risorse richiesto dall’esecuzione delle migliaia di perquisizioni amministrative. In particolare, colpisce che le quasi 3600 operazioni sopra menzionate abbiano portato al sequestro di appena 18 armi da guerra nonchè all’avvio di procedimenti conclusi con sole 67 condanne in tutto. Vale aggiungere che l’originaria disciplina della perquisition consente alle forze di polizia operanti di procedere – non al sequestro del materiale informatico ivi rinvenuto, ma - all’aspiration – e cioè alla copiatura – dei dati raccolti in tutti i dispositivi elettronici trovati sul posto, quale che ne sia il proprietario ed il contenuto – senza cioè che sia necessario un qualche collegamento con la minaccia terroristica. Sennonché nel febbraio 2016 questo peculiare elemento di forza della perquisizione – utile alla raccolta di quantità immense di informazioni – viene bruscamente meno in forza della decisione del Consiglio costituzionale che censura il Legislatore per non aver «previsto delle garanzie idonee a garantire la composizione equilibrata tra l’obbiettivo di rango costituzionale di tutela dell’ordine pubblico e il diritto al rispetto della vita privata».

Quanto al deficit di garanzia sofferto dalla perquisition administrative, Paul Cassia lo coglie (come prevedibile) nel fatto che la decisione di eseguirla sia sottratta a qualsivoglia controllo ex ante – o autorizzazione – da parte dell’autorità giudiziaria. E che essa sia suscettibile di rimedio ex post da parte della sola giustizia ammnistrativa, talora più sensibile alla nozione dell’interesse generale – ed alla «messa in sicurezza dell’azione dei pubblici poteri» – che non al principio di legalità.

Vigoroso nella critica, Paul Cassia mantiene comunque freddezza nel collocare l’état d’urgence in un contesto – non tanto di crisi della legalità quanto piuttosto – di legalità di crisi: lo stato di diritto non viene meno con lo stato di emergenza, ma è la sua qualità che muta in senso sfavorevole alle libertà individuali con l’irrobustimento – a fini di sicurezza – dei poteri amministrativi.

4 febbraio 2017
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
La revoca dell’immunità giurisdizionale agli Stati sponsor del terrorismoAnother brick off the wall?
La revoca dell’immunità giurisdizionale agli Stati sponsor del terrorismo
Another brick off the wall?
di Nicola Colacino
Nonostante le forti perplessità suscitate, il Justice Against Sponsor of Terrorism Act presenta più di un aspetto meritevole di considerazione
18 gennaio 2017
Il 2016 di Questione Giustizia
Associazione terroristica e suoi requisiti
Associazione terroristica e suoi requisiti
di Federico Piccichè
Nota a Cass. Pen., Sez. V, Sent. 14 luglio 2016 (dep. 14 novembre 2016), n. 48001, Pres. Lapalorcia, Rel. Zaza
30 novembre 2016
Uno sguardo comparatistico sul bilanciamento tra libertà delle comunicazioni ed esigenze della sicurezza nazionale ed internazionale
Il contrasto al terrorismo in Europa. Che cosa (non) fa e che cosa dovrebbe fare l’Unione europea*
Terrorismo internazionale. Politiche della sicurezza. Diritti fondamentali: il ruolo del diritto e l’impegno dei magistrati
Stato di diritto e stato d'emergenza in Francia
Conoscere il terrorismo jihadista: strumenti e tecniche di indagine
Conoscere il terrorismo jihadista: strumenti e tecniche di indagine
di Giovanni Salvi
L'intervento di Giovanni Salvi al nostro seminario di Pisa: "Terrorismo internazionale. Politiche della sicurezza. Diritti Fondamentali"
23 marzo 2016
Due ordini di politiche e di garanzie in tema di lotta al terrorismo
Due ordini di politiche e di garanzie in tema di lotta al terrorismo
di Luigi Ferrajoli
Il contributo di Luigi Ferrajoli al nostro seminario: "Terrorismo internazionale. Politiche della sicurezza. Diritti fondamentali" (Pisa, 11-12 marzo 2016)
7 marzo 2016
Terrorismo internazionale. Politiche della sicurezza. Diritti fondamentali
Newsletter


Fascicolo 1/2019
Populismo e diritto
Magistratura e società
Magistratura democratica di ieri e di oggi ed il pastiche romano
Magistratura democratica di ieri e di oggi ed il pastiche romano
di Nello Rossi, Vincenza (Ezia) Maccora, Rita Sanlorenzo
«Uno scambio epistolare del passato stimola riflessioni sull'Md di oggi. Un gruppo di magistrati che nelle tre ultime consiliature non opera nella diretta gestione della discrezionalità amministrativa del Csm ma è principalmente impegnato sul versante delle prassi e della cultura della giurisdizione. E proprio per questo continuo bersaglio di attacchi, spesso provenienti da chi, a parole, rimpiange le antiche “correnti delle idee”. Un paradosso rivelatore della vitalità del gruppo. Forse sta commettendo un errore chi immagina che Md morirà per inedia…»
4 giugno 2019
Il traditore, un film per (ri)guardare un pezzo della nostra storia repubblicana
Il traditore, un film per (ri)guardare un pezzo della nostra storia repubblicana
di Patrizia Rautiis
Il film di Marco Bellocchio, presentato all'ultimo Festival di Cannes, visto con lo sguardo di un magistrato
31 maggio 2019
Il romanzo popolare della Costituzione e dei cittadini nell'Italia repubblicana
Il romanzo popolare della Costituzione e dei cittadini nell'Italia repubblicana
di Giovanni Palombarini
Nel volume edito da Castelvecchi, Giuseppe Cotturri riprende la riflessione sulla legge fondamentale, registrando come, pur nella confusione della comunicazione pubblica che ha allontanato tanti dalla politica e dalla democrazia, «una cultura politica diversa avanza sulle gambe di quel che si chiama cittadinanza attiva»
25 maggio 2019
Unione camere penali italiane, il “Manifesto del diritto penale liberale e del giusto processo”
Unione camere penali italiane, il “Manifesto del diritto penale liberale e del giusto processo”
Pubblichiamo il documento dell'Ucpi per avviare una discussione nella magistratura, con l’avvocatura e l’accademia sulla fisionomia del diritto penale e sulle prospettive di riforma
13 maggio 2019
Il colpevole–The guilty, un film di Gustav Möller
Il colpevole–The guilty, un film di Gustav Möller
di Paola Perrone
L'opera prima del regista danese è un thriller coinvolgente, drammatico e ricco di scelte estreme che però non stancano mai lo spettatore
11 maggio 2019
Radio Radicale, il comunicato del Consiglio direttivo dell’AIPDP
Radio Radicale, il comunicato del Consiglio direttivo dell’AIPDP
Pubblichiamo e rilanciamo l'appello dell'Associazione Italiana dei Professori di Diritto penale che esprime al meglio l’assoluta necessità di non chiudere quei microfoni
6 maggio 2019