home search menu
Magistratura e società / cinema e letteratura
Comandante
di Oscar Magi
Giudice Tribunale di Milano
Una recensione del film di Enrico Maisto vincitore del premio Aprile al "Milano Film Festival"
Comandante

Qualche giorno fa per la rassegna "Milano film festival" ho visto "Comandante" film scritto e diretto da Enrico Maisto, figlio di Franco Maisto e di Anna Conforti.

Sono rimasto veramente stupito, emozionato e coinvolto: vedere e sentire la storia dei "nostri" anni '70 raccontata attraverso gli occhi di un ragazzo di soli 26 anni (che si ha avuto la fortuna e l'occasione di conoscere) è stato un vero privilegio ed una sorpresa bellissima.

Il film è raccontato in prima persona da Enrico che, sempre fuori campo, insegue con la cinepresa un antico amico di famiglia, Felice, vecchio comunista, e suo padre Franco, in una sorta di continuo botta e risposta su cosa è accaduto molti anni prima che egli nascesse, in una Milano percorsa dalle violenze e dalle rivolte degli anni '70; in particolare Felice, meccanico e militante comunista, racconta la storia delle vite " difficili" di quegli anni, anni in cui si rischiava di venire arrestati solo per aver dato accoglienza a qualcuno, anni in cui molti scelsero la lotta armata "perché se tu chiedi una cosa giusta e nessuno ti risponde, e tu la chiedi una seconda volta ed una terza ed una quarta, alla fine c'è sempre qualcuno che .... "..; Felice non si nasconde dietro le parole e, sebbene affermi di non aver fatto sua quel tipo di scelta, fa capire di aver ben conosciuto il clima che si respirava in quegli anni e di averne, in qualche modo fatto parte.

Franco Maisto, incalzato dalle domande di Enrico, spiega il suo lavoro di magistrato di sorveglianza "di frontiera", racconta il suo essere un giudice " eretico", spiega cosa voleva dire far rispettare la Costituzione ed i diritti che dalla stessa nascevano in anni in cui molti facevano finta di non sentire o di non capire.

Franco e Felice erano (e sono ancora) amici e, forse ,fu in virtù di questa amicizia nata in una zona di confine tra la legalità e la rivolta, che Franco evitò di subire anche lui un attentato terrorista: forse, perchè , per una sorta di rigurgito di pudore, né Franco, né Felice ne parlano in modo aperto, ma solo per allusione.

Poi Franco parla della morte di Guido Galli, un "uomo con la u maiuscola", e del significato che la stessa ha avuto per lui e per la generazione di giovani magistrati di cui faceva parte.

Io credo che Enrico, con la sua profonda semplicità e con una energia insospettata, abbia fatto una cosa bellissima, di cui tutti noi (e parlo di "quelli degli anni '70") dobbiamo essergli grati: ha avuto il coraggio di fare delle domande, con una gentile implacabilità che è pari solo alla loro drammatica importanza; perché non sono solo le belle risposte di Franco e di Felice a fare il film, ma sono soprattutto le sue domande "come hai fatto a..." Perché...."Come è possibile che..."

Senza le domande, senza la voglia di Enrico di capire veramente, di prendere a metaforiche martellate il piedistallo di bronzo paterno, le risposte sarebbero state supponenti, saccenti, poco credibili.

Ma le domande le hanno rese chiare, semplici, importanti.

E siamo stati tutti trasportati su quella linea di confine che tanti di noi, in quegli anni, hanno frequentato, rischiando di prendere pallottole (e non solo figurate) sia da un lato che dall'altro, ma (come dice Franco in un momento cruciale del film) "rischiando", cercando anche noi delle risposte, ma non accontentandoci di quelle semplificatorie che vedevano tutto il bianco da una parte e tutto il nero dall'altra.

Un film, una storia, sul confine di noi stessi.

Un film, una storia, bellissima.

19 settembre 2014
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
La verità negata
La verità negata
di Patrizia Papa
Recensione a “Denial”, film del regista britannico Mick Jackson
26 novembre 2016
Io, Daniel Blake
Io, Daniel Blake
di Simonetta Rubino
Recensione al film di Ken Loach, vincitore della Palma d'oro al Festival di Cannes 2016
19 novembre 2016
La verità sta in cielo. Ma non per tutti
La verità sta in cielo. Ma non per tutti
di Andrea Meccia
Per adesso, il lavoro di Faenza sulla vicenda di Emanuela Orlandi, desaparecida a Roma un pomeriggio d’estate del 1983, è “soltanto” un dignitoso film, cinematograficamente non entusiasmante, ma onesto, prezioso e carico di passione
15 ottobre 2016
Indivisibili
Indivisibili
di Donatella Salari
Recensione al film sulle gemelle siamesi di Edoardo De Angelis (Mostra del Cinema di Venezia 2016, Toronto International Film Festival, BFI London Film Festival)
9 ottobre 2016
Un Fiore nel carcere minorile
Un Fiore nel carcere minorile
di Ennio Tomaselli
Riflessioni sul recente film di Claudio Giovannesi e non solo
24 luglio 2016
Ettore Scola, il cinema come dubbio
Ettore Scola, il cinema come dubbio
di Andrea Meccia
Da conservare c'è la sua idea di settima arte, di un cinema che "non deve dare soluzioni" ma ha il dovere di "essere dubitativo, non affermativo"
20 gennaio 2016
«Chiamatemi Francesco - Il Papa della gente»
«Chiamatemi Francesco - Il Papa della gente»
di Donatella Salari
Il film con cui Daniele Luchetti ha ricostruito la vita di Jorge Mario Bergoglio
12 dicembre 2015
“Senza il lavoro si puzza”
“Senza il lavoro si puzza”
di Simonetta Rubino
"Gli ultimi saranno ultimi" di Massimiliano Bruno
5 dicembre 2015
Recensione a
Recensione a "Mia madre", di Nanni Moretti
di Bruno Capponi
Le assenze più laceranti sono quelle che non vengono dalla morte, ma da come abbiamo deciso di vivere
10 maggio 2015
Mia madre
Mia madre
di Donatella Salari
La recensione dell’ultimo film di Nanni Moretti in cui un evento luttuoso induce a fare, con dolore e sorpresa, un percorso all’indietro
9 maggio 2015
Newsletter


Fascicolo 1/2017
Il diritto di Crono
Il multiculturalismo e le Corti
Magistratura e società
Il debito tedesco e un convegno necessario
Il debito tedesco e un convegno necessario
di Luca Baiada
Sembra prendere terreno un uso anomalo della storia, una torsione culturale a sfondo politico, uno spettacolo di beneficenza. Si confeziona una memoria furba che circonda di rispettabilità lo Stato responsabile di gravi crimini e lo ringrazia per la presa d’atto della sola colpa morale. È una linea che tende a sostituire alla responsabilità giuridica la riparazione o il lenimento. La memoria diventa un surrogato della giustizia, cioè una maschera dell’ingiustizia
24 aprile 2017
Stato e Chiesa nell'età dei diritti
Stato e Chiesa nell'età dei diritti
di Nicola Colaianni
Pubblichiamo un estratto dell'introduzione dell'ultimo libro di Nicola Colaianni "La lotta per la laicità. Stato e Chiesa nell'età dei diritti" (Cacucci editore, Bari)
22 aprile 2017
“Vergogna ed esclusione. L’Europa di fronte alla sfida dell’emigrazione”
“Vergogna ed esclusione. L’Europa di fronte alla sfida dell’emigrazione”
di Mariarosaria Guglielmi
Pubblichiamo l'intervento tenuto a Padova lo scorso 27 marzo, in occasione della presentazione del volume curato da Umberto Curi (Castelvecchi)
20 aprile 2017
L'editoriale del n. 1/2017
L'editoriale del n. 1/2017
di Renato Rordorf
Due i temi al centro di questo numero: il tempo e il multicuralismo
19 aprile 2017
Coscienza costituzionale, garantismo e strategia dei diritti 
nella modernità del pensiero di Adolfo Gatti
Coscienza costituzionale, garantismo e strategia dei diritti nella modernità del pensiero di Adolfo Gatti
di Antonio Gialanella
Riflessioni sul libro “Scritti dell’avvocato Adolfo Gatti”, a cura di Giovanna Corrias Lucente. Prefazioni di Paola Severino e Giovanna Corrias Lucente (Aracne editrice)
8 aprile 2017
Quasi saggio
Quasi saggio
di Piero Curzio
Pubblichiamo “Il bambino e lo scriba” uno dei brani che compongono la raccolta “Quasi saggio” di Piero Curzio (Cacucci Editore)
1 aprile 2017