home search menu
Magistratura e società / cinema e letteratura
Comandante
di Oscar Magi
Giudice Tribunale di Milano
Una recensione del film di Enrico Maisto vincitore del premio Aprile al "Milano Film Festival"
Comandante

Qualche giorno fa per la rassegna "Milano film festival" ho visto "Comandante" film scritto e diretto da Enrico Maisto, figlio di Franco Maisto e di Anna Conforti.

Sono rimasto veramente stupito, emozionato e coinvolto: vedere e sentire la storia dei "nostri" anni '70 raccontata attraverso gli occhi di un ragazzo di soli 26 anni (che si ha avuto la fortuna e l'occasione di conoscere) è stato un vero privilegio ed una sorpresa bellissima.

Il film è raccontato in prima persona da Enrico che, sempre fuori campo, insegue con la cinepresa un antico amico di famiglia, Felice, vecchio comunista, e suo padre Franco, in una sorta di continuo botta e risposta su cosa è accaduto molti anni prima che egli nascesse, in una Milano percorsa dalle violenze e dalle rivolte degli anni '70; in particolare Felice, meccanico e militante comunista, racconta la storia delle vite " difficili" di quegli anni, anni in cui si rischiava di venire arrestati solo per aver dato accoglienza a qualcuno, anni in cui molti scelsero la lotta armata "perché se tu chiedi una cosa giusta e nessuno ti risponde, e tu la chiedi una seconda volta ed una terza ed una quarta, alla fine c'è sempre qualcuno che .... "..; Felice non si nasconde dietro le parole e, sebbene affermi di non aver fatto sua quel tipo di scelta, fa capire di aver ben conosciuto il clima che si respirava in quegli anni e di averne, in qualche modo fatto parte.

Franco Maisto, incalzato dalle domande di Enrico, spiega il suo lavoro di magistrato di sorveglianza "di frontiera", racconta il suo essere un giudice " eretico", spiega cosa voleva dire far rispettare la Costituzione ed i diritti che dalla stessa nascevano in anni in cui molti facevano finta di non sentire o di non capire.

Franco e Felice erano (e sono ancora) amici e, forse ,fu in virtù di questa amicizia nata in una zona di confine tra la legalità e la rivolta, che Franco evitò di subire anche lui un attentato terrorista: forse, perchè , per una sorta di rigurgito di pudore, né Franco, né Felice ne parlano in modo aperto, ma solo per allusione.

Poi Franco parla della morte di Guido Galli, un "uomo con la u maiuscola", e del significato che la stessa ha avuto per lui e per la generazione di giovani magistrati di cui faceva parte.

Io credo che Enrico, con la sua profonda semplicità e con una energia insospettata, abbia fatto una cosa bellissima, di cui tutti noi (e parlo di "quelli degli anni '70") dobbiamo essergli grati: ha avuto il coraggio di fare delle domande, con una gentile implacabilità che è pari solo alla loro drammatica importanza; perché non sono solo le belle risposte di Franco e di Felice a fare il film, ma sono soprattutto le sue domande "come hai fatto a..." Perché...."Come è possibile che..."

Senza le domande, senza la voglia di Enrico di capire veramente, di prendere a metaforiche martellate il piedistallo di bronzo paterno, le risposte sarebbero state supponenti, saccenti, poco credibili.

Ma le domande le hanno rese chiare, semplici, importanti.

E siamo stati tutti trasportati su quella linea di confine che tanti di noi, in quegli anni, hanno frequentato, rischiando di prendere pallottole (e non solo figurate) sia da un lato che dall'altro, ma (come dice Franco in un momento cruciale del film) "rischiando", cercando anche noi delle risposte, ma non accontentandoci di quelle semplificatorie che vedevano tutto il bianco da una parte e tutto il nero dall'altra.

Un film, una storia, sul confine di noi stessi.

Un film, una storia, bellissima.

19 settembre 2014
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
La giornata particolare di una giuria popolare
La giornata particolare di una giuria popolare
di Oscar Magi
Una nuova recensione per La convocazione di Enrico Maisto, un film in cui l'autore passa con naturalezza dalla narrazione del registro intimo e quotidiano dei convocati a comporre la giuria a quello solenne del giuramento finale in un crescendo emotivo e intenso.
3 febbraio 2018
<i>La convocazione</i>, un film civile
La convocazione, un film civile
di Ilio Mannucci Pacini
La recensione al documentario di Enrico Maisto, un'opera in cui sensazioni ed emozioni esprimono il punto di vista dei cittadini comuni sull’istituzione giudiziaria e sulla giustizia
20 gennaio 2018
Quando le ombre del carcere si allungano sugli affetti
Quando le ombre del carcere si allungano sugli affetti
di Fabio Gianfilippi
Guardando le “Ombre della sera”, un film di Valentina Esposito
18 novembre 2017
Pio Amato: un nome tenero in una vicenda dura. Da ricordare, comunque
Pio Amato: un nome tenero in una vicenda dura. Da ricordare, comunque
di Ennio Tomaselli
Riflessioni su A Ciambra, il film di Jonas Carpignano prodotto da Martin Scorsese
28 ottobre 2017
<i>La Corte</i>, un film di Christian Vincent
“La vita in comune” di Edoardo Winspeare
“La vita in comune” di Edoardo Winspeare
di Simonetta Rubino
La recensione all'ultimo film del regista salentino presentato alla 74esima Mostra del cinema di Venezia
16 settembre 2017
Manchester by the sea
Manchester by the sea
di Isabella Mariani
La recensione al film di Kenneth Lonergan, vincitore di due premi Oscar: miglior sceneggiatura originale, miglior attore protagonista per Casey Affleck
18 marzo 2017
<i>Arrival</i>, un film di Denis Villeneuve
Arrival, un film di Denis Villeneuve
di Bruno Capponi
Il circolo e il tempo sono le chiavi di lettura di quest'opera presentata all'ultimo Festival di Venezia
5 febbraio 2017
Lion, la strada verso casa
Lion, la strada verso casa
di Carla Spagnuolo
La ricchezza del film sta nel trattare in modo non didascalico il tema del diritto alla conoscenza delle origini, il valore della fratria, il significato delle adozioni
21 gennaio 2017
La verità negata
La verità negata
di Patrizia Papa
Recensione a “Denial”, film del regista britannico Mick Jackson
26 novembre 2016
Newsletter


Fascicolo 4/2017
L’orgoglio dell’autogoverno
una sfida possibile per i 60 anni del Csm
Magistratura e società
La Scuola della magistratura e la memoria
La Scuola della magistratura e la memoria
di Luca Baiada
Con questo intervento, Questione Giustizia intende avviare una riflessione sul ruolo della giurisdizione nella cultura antifascista
13 aprile 2018
“Conflitti pratici. Quando il diritto diventa immorale”
“Conflitti pratici. Quando il diritto diventa immorale”
di Antonio Scalera
Cosa è un conflitto pratico? È quella situazione che si verifica quando chi agisce ha una ragione giuridica per tenere un comportamento che, tuttavia, è incompatibile con quello preteso da una ragione morale. Di conflitti pratici, argomento di particolare interesse per la filosofia del diritto, si occupa il recente libro di Damiano Canale (Laterza, 2017).
7 aprile 2018
La genesi della sentenza*
La genesi della sentenza*
di Marco Dell'Utri
Muovendo dallo spunto offerto dal libro di Pietro Rescigno e Salvatore Patti su “la genesi della sentenza”, lo scritto approfondisce la riflessione sul senso della crescente attenzione della cultura giuridica contemporanea per la figura e il lavoro del giudice, giungendo – attraverso l’impostazione storico-culturale del discorso – a prospettare taluni caratteri propri dell’evoluzione che ha investito il diritto (come fenomeno esistenziale e come prodotto della cultura e del potere) nel mondo contemporaneo, dei modi di praticarne l’incidenza sociale e degli studi che sono chiamati a coltivarlo quale autentica “arte dell’incontro”.
30 marzo 2018
“Tra legislazione e giurisdizione: nuove prospettive del diritto penale”
“Tra legislazione e giurisdizione: nuove prospettive del diritto penale”
La presentazione e il programma del quarto convegno annuale del Lapec (Roma, 20-21 aprile 2018)
25 marzo 2018
In ricordo di Eugenio Selvaggi
Parole che smuovono le pietre
Parole che smuovono le pietre
di Caterina Bubba
A tre anni dalla sua uscita, Fine pena: ora di Elvio Fassone − il libro che racconta il carteggio ultredecennale tra un ergastolano e il suo giudice − è diventato uno spettacolo teatrale. Le sue pagine continuano ad agitare le nostre coscienze, emozionandoci e ponendo questo quesito: «Come conciliare la domanda di sicurezza sociale e la detenzione a vita con il dettato costituzionale del valore riabilitativo della pena, senza dimenticare l’attenzione al percorso umano di qualsiasi condannato»? Un interrogativo che coinvolge il nostro Paese in un momento storico in cui la riforma penitenziaria è stata finalmente approvata dal Consiglio dei ministri il 16 marzo 2018, anche se il suo iter non si è ancora concluso.
17 marzo 2018