home search menu
Agenzie ambientali e funzioni di polizia giudiziaria
Giurisprudenza e documenti / giurisprudenza di legittimità
Agenzie ambientali e funzioni di polizia giudiziaria
di Giuseppe Battarino
Magistrato collaboratore della Commissione parlamentare d’inchiesta sulle ecomafie
Commento a Cass. sez. III sentenza n. 50352 del 3 - 28 novembre 2016

Grazie a una legge - per il presente e il futuro - e a una sentenza - per il passato e il presente - si avvia a soluzione la vexata quaestio dell’attribuzione della qualifica di ufficiale di polizia giudiziaria al personale delle Agenzie ambientali.

La Corte di Cassazione (Cass. Sez. III n. 50352 del 3 - 28 novembre 2016) ha assunto una posizione chiara sul tema per quanto riguarda le attività di polizia giudiziaria precedenti l’entrata in vigore della legge 28 giugno 2016 n. 132 (“Istituzione del Sistema nazionale a rete per la protezione dell’ambiente e disciplina dell’Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale).

Il problema, che assume particolare rilevanza anche rispetto all’impianto della legge 22 maggio 2015 n. 68, era quello del superamento dei residui dubbi sull’attribuzione di funzioni di polizia giudiziaria al personale delle Agenzie regionali e provinciali per la protezione dell’ambiente; la legge 132/2016 rende ora esplicita l’attribuzione, talora oggetto di contestazioni che in alcuni casi avevano trovato adito in pronunce di giudici di merito.

È evidente la rilevanza di poter attribuire agli appartenenti al personale delle Agenzie ambientali la qualifica di ufficiale di polizia giudiziaria: nell’immediatezza dell’intervento su reati ambientali e in corso di indagine essi possono procedere - senza necessità di coinvolgere altri operanti - al sequestro preventivo di cui all’art. 321, comma 3-bis, c.p.p., ad assunzione di sommarie informazioni ai sensi dell’art. 350 c.p.p., ad accertamenti e sequestri ai sensi dell’art. 354 c.p.p., allo svolgimento di attività delegate dal pubblico ministero, alla redazione di atti destinati alla piena utilizzabilità procedimentale e processuale; tutto ciò agendo con le competenze tecniche proprie della loro tipica funzione di tutela ambientale e dunque con significativa efficacia.

La sovrapposizione tra norme statali e norme regionali ha creato nel corso del tempo una situazione variegata, nella quale alcune Agenzie regionali hanno dipendenti investiti della qualifica di ufficiali di polizia giudiziaria, altre no; a questa differenza tra territori diversi - difficilmente accettabile in materia che incide su norme processuali penali - si associava il tentativo da parte di imputati di reati ambientali di vanificare le attività svolte dal personale dell’ARPA in fase di indagine, eccependo il difetto di ritualità degli atti, in genere chiedendone l’esclusione dal fascicolo.

Nel senso del riconoscimento della qualifica, con la conseguente validità degli atti di polizia giudiziaria (in quel caso un sequestro preventivo) compiuti da personale ARPA, si era espresso il Tribunale del Riesame di Firenze - ordinanza 17 febbraio 2014 in proc. n. 18293/13 rgnr - che con ampiezza di argomenti fondava la sua decisione sulla lettura coordinata dell’art. 57 c.p.p., del D.L. 4 dicembre 1993 n. 496 e del decreto del ministero della Salute 17 gennaio 1997 n. 58, costitutivo della qualifica di ufficiale di polizia giudiziaria per il tecnico della prevenzione operante con compiti ispettivi di vigilanza.

Dalla stessa sede giudiziaria trae origine il caso più di recente portato all’esame della Corte di Cassazione.

Con sentenza 14 agosto 2015 il giudice per le indagini preliminari di Firenze dichiarava non luogo a procedere nei confronti di un imputato dei reati di abbandono e deposito incontrollato di rifiuti e gestione di rifiuti non autorizzata.

La pronuncia costituiva una sorta di applicazione radicale della teoria dei “frutti dell’albero avvelenato”[1]: in questo caso non si sarebbe trattato di vizi dell’atto che si trasmettono ad acquisizioni probatorie successive, bensì della mancanza di un soggetto legittimato a compiere l’atto acquisitivo di elementi processualmente utilizzabili. Nessuna possibilità di “male captum bene retentum” perché l’accipiens / ufficiale di polizia giudiziaria non esisteva - secondo quel giudice - giuridicamente come tale.

Negare che gli atti compiuti dal personale ARPA provenissero da operanti di polizia giudiziaria implicava negare agli stessi il valore processuale che il pubblico ministero aveva invece loro conferito ai fini dell’esercizio dell’azione penale.

Dunque, essendo secondo il giudice “radicalmente inutilizzabili” gli atti compiuti dal personale dell’ARPA Toscana, il fatto, rimasto privo di prova alcuna, doveva dichiararsi insussistente.

Il ricorso del pubblico ministero contro la sentenza deduceva in principalità la violazione dell'articolo 57 c.p.p.: una norma sui soggetti, non una norma sulla dinamica procedimentale, che tuttavia su essa si riverbera.

La tesi del ricorrente, alla quale ha aderito il procuratore generale della Cassazione, è che la qualifica di ufficiale di polizia giudiziaria in capo agli operanti dell’ARPA discende direttamente dall'applicazione coordinata dell'articolo. 57 c.p.p. e dell’art. 1 DM 17 gennaio 1997, n. 58, norma regolamentare con la quale il Ministero della Sanità stabiliva che “il tecnico della prevenzione nell'ambiente e nei luoghi di lavoro, operante nei servizi con compiti ispettivi e di vigilanza è, nei limiti delle proprie attribuzioni, ufficiale di polizia giudiziaria”.

La Corte perviene all'annullamento con rinvio della sentenza sulla base di un’ancor più ampia ricognizione delle norme in materia, e con una consequenzialità tale da consentire il superamento di ogni residuo dubbio sull'attribuzione della discussa qualifica.

La sentenza della Corte di Cassazione[2] ricostruisce il quadro delle fonti normative a partire dal dato testuale dell’art. 57, terzo comma, c.p.p., secondo cui “sono altresì ufficiali e agenti di polizia giudiziaria, nei limiti del servizio cui sono destinate e secondo le rispettive attribuzioni, le persone alle quali le leggi e i regolamenti attribuiscono le funzioni previste dall'articolo 55”; funzioni descritte dalla norma richiamata come "prendere notizia dei reati, impedire che vengano portati a conseguenze ulteriori, ricercarne gli autori, compiere gli atti necessari per assicurare le fonti di prova e raccogliere quant'altro possa servire per l'applicazione della legge penale", nonché svolgere“ogni indagine e attività disposta o delegata dall'autorità giudiziaria”.

L’art. 21 della L. 23 dicembre 1978, n. 833, istitutiva del Servizio sanitario nazionale, prevede che “spetta al prefetto stabilire, su proposta del presidente della regione, quali addetti ai servizi di ciascuna unità sanitaria locale, nonché ai presidi e servizi di cui al successivo articolo 22 assumano ai sensi delle leggi vigenti la qualifica di ufficiale di polizia giudiziaria, in relazione alle funzioni ispettive e di controllo da essi esercitate relativamente all'applicazione della legislazione sulla sicurezza del lavoro”; la disposizione, riferita alla sola sicurezza sul lavoro, deve essere coordinata con il successivo D.L. 4 dicembre 1993, n. 496, convertito nella I. 21 gennaio 1994, n. 61 (Disposizioni urgenti sulla riorganizzazione dei controlli ambientali e istituzione dell’Agenzia nazionale per la protezione dell'ambiente), che trasferisce alle Agenzie ambientali regionali e provinciali il personale delle unità sanitarie locali, traslandone il regime alle “attività tecniche di prevenzione, di vigilanza e di controllo ambientale” (art. 3).

Il regolamento invocato dal pubblico ministero ricorrente (DM 17 gennaio 1997, n. 58) secondo la Suprema Corte viene a completare questo quadro, in quanto stabilisce che “il tecnico della prevenzione nell'ambiente e nei luoghi di lavoro, operante nei servizi con compiti ispettivi e di vigilanza è, nei limiti delle proprie attribuzioni, ufficiale di polizia giudiziaria”.

La Corte offre due ulteriori importanti affermazioni, sottolineando che quei richiami normativi di natura legislativa e regolamentare rivestono “carattere generale, relativo cioè all'intero territorio nazionale, come (implicitamente) richiesto dal citato art. 57 c.p.p. proprio in tema di attribuzione delle funzioni di polizia giudiziaria”[3]; e che il quadro normativo che impone di attribuire la qualifica di ufficiale di polizia giudiziaria attiene alle competenze attribuite a quel personale in ragione della rilevanza costituzionale del bene tutelato.

In sintesi, dunque: l’ambiente è un bene costituzionale la cui tutela penale esige un contesto processuale che anche nei suoi aspetti soggettivi è disciplinato in via esclusiva dalla legislazione statale.

Da questo punto di vista la sentenza della Corte di Cassazione è del tutto complementare alla recente scelta del legislatore che, nel riformare il Sistema nazionale per la protezione dell’ambiente con la citata legge 28 giugno 2016 n. 132, ha espressamente previsto (art. 14, settimo comma) che “il presidente dell’ISPRA e i legali rappresentanti delle Agenzie possono individuare e nominare, tra il personale di cui al presente articolo, i dipendenti che, nell’esercizio delle loro funzioni, operano con la qualifica di ufficiale di polizia giudiziaria”[4].

Ciò consente di superare l’attuale anomalia di soluzioni diverse tra regione e regione, determinate da scelte politiche locali legate anche a una maggiore o minore compliance degli organi politici nei confronti dell’autorità giudiziaria.

Il quadro costituzionale, in forza dell’art. 117, secondo comma, lettere l) e s), sembra chiaro sulle attribuzioni dello Stato nella materia qui esaminata; di talché pur essendo la gran parte delle disposizioni della legge 132/2016 - compreso l’articolo 14, ma solo nei commi primo secondo e terzo - già state oggetto di ricorso alla Corte Costituzionale (da parte della provincia autonoma di Bolzano, ricorso depositato il 21 settembre 2016), lo svolgimento delle funzioni di polizia giudiziaria non dovrebbe essere ulteriormente posto in dubbio; con l’auspicio che la legge 132/2016, importante elemento del nuovo sistema di tutela penale dell’ambiente, non abbia a soffrire della mancanza di una sede governativa di attuazione.

 


[1] La contrapposizione tra la teoria del “male captum bene retentum” e quella dei “frutti dell’albero avvelenato”, è stata oggetto di dibattito, in particolare in relazione al rapporto tra perquisizione e sequestro. Un primo orientamento (prevalente) nega la propagazione del vizio di un atto probatorio su quello successivo, non sussistendo vincolo di dipendenza giuridica; ad esso se ne contrappone un secondo, ispirato alla giurisprudenza statunitense (“fruits of poisoned tree”), in base al quale la violazione originaria delle forme dell’acquisizione probatoria si ripercuote sulle prove acquisite, “avvelenandole” a loro volta.

[2]È un caso in cui la dialettica tra giudice di merito e giudice di legittimità in materia di non luogo a procedere ha prodotto esiti del tutto condivisibili: sulla questione si rinvia alle puntuali osservazioni di Luca Semeraro

http://www.questionegiustizia.it/articolo/con-viva-e-vibrante-soddisfazione_14-12-2015.php

http://www.questionegiustizia.it/articolo/un-interpretazione-alternativa-dell-art_425-cpp_27-03-2014.php

[3] E dunque ritenendo inessenziale, nel caso di specie, il fatto che una legge regionale della Toscana (L.R. 22 giugno 2009, n. 30, modificata dalla L.R. 2 aprile 2013, n. 12) avesse attribuito al direttore generale dell'ARPAT la competenza a individuare il personale che, nell'ambito delle attività di ispezione e vigilanza, svolge funzioni di ufficiale di polizia giudiziaria

[4] La L. 132/2016 contiene altre significative disposizioni che interessano i procedimenti giudiziari: ci limitiamo in questa sede alla citazione degli artt. 3, primo comma, lett. d), i); 7, sesto comma; 12; 14, secondo comma; 15, quinto comma.

 

12 dicembre 2016
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
Ilva e il diritto alla salute. La Corte costituzionale ci ripensa?
Ilva e il diritto alla salute. La Corte costituzionale ci ripensa?
di Gianfranco Amendola
Il contributo che pubblichiamo ragiona sulla recente decisione n. 58 del 2018, con cui la Consulta torna ad occuparsi del tema della tutela della salute e sicurezza dei lavoratori negli stabilimenti dell’Ilva di Taranto. L’autore registra qualche non irrilevante mutamento di rotta nella giurisprudenza costituzionale rispetto alla precedente sentenza n. 85 del 2013 e rimarca con forza come il diritto alla salute non può soggiacere, se non a prezzo di qualche forzatura del dettato costituzionale, a bilanciamenti con altri interessi pur costituzionalmente rilevanti (essendo il diritto alla salute l’unico diritto che, non a caso, è definito fondamentale dalla nostra Costituzione).
10 aprile 2018
Reato di scarico di acque reflue industriali oltre i limiti tabellari: metodiche di campionamento e punto di prelievo
La salute, il lavoro, i giudici
La salute, il lavoro, i giudici
di Riccardo De Vito
Un breve commento alla sentenza (n. 58/2018) con la quale la Consulta ha dichiarato l’illegittimità costituzionale del cd. decreto Ilva. Vi si leggono parole chiare sul rapporto tra i diritti fondamentali della persona e iniziativa economica
24 marzo 2018
La bonifica dei siti contaminati tra disciplina amministrativa, tutela penale e norme sovranazionali (attese)
La bonifica dei siti contaminati tra disciplina amministrativa, tutela penale e norme sovranazionali (attese)
di Giulia Naldi
La questione delle bonifiche dei siti contaminati, di estrema rilevanza ambientale ed economica, viene affrontata sula base di norme nazionali stratificate, complesse, che rispondono a finalità diverse; mentre si attendono chiare norme europee per la tutela del suolo
12 dicembre 2017
“Terra dei fuochi”: la speranza è un diritto. Cronaca di una giornata particolare
“Terra dei fuochi”: la speranza è un diritto. Cronaca di una giornata particolare
di Donatella Stasio
Il presidente della Consulta Paolo Grossi “scende” ad Afragola e dialoga con 500 ragazzini di 43 scuole dei Comuni limitrofi. Voglia di fisicità tra il Paese reale e l’Istituzione
6 dicembre 2017
Sistema nazionale a rete per la protezione dell’ambiente e attività giurisdizionale
Sistema nazionale a rete per la protezione dell’ambiente e attività giurisdizionale
di Giuseppe Battarino
La legge 28 giugno 2016, n. 132, organizza il Sistema nazionale a rete per la protezione dell'ambiente, articolato in ISPRA e Agenzie ambientali regionali, e contiene norme che hanno riflessi anche sull'attività giurisdizionale. Si prefigurano opportunità che potranno diventare concrete con un’adeguata organizzazione del Sistema e una capacità di dialogo tra i diversi attori
5 dicembre 2017
L'interpretazione delle leggi compete alla magistratura non al Ministero dell'ambiente*
Normativa ambientale ed ecoreati. Quanta ipocrisia e demagogia
Normativa ambientale ed ecoreati. Quanta ipocrisia e demagogia
di Gianfranco Amendola
Fare leggi confuse con precetti penali generici e indeterminati può servire per larghe intese politiche che soddisfano maggioranza, opposizione e Confindustria, ma è inaccettabile fare del trionfalismo scaricando sulla Cassazione il compito di renderle comprensibili ed accettabili
13 marzo 2017
Relazione sull’attuazione della legge 22 maggio 2015 n. 68 in materia di delitti contro l’ambiente
La prima sentenza della Cassazione sul delitto di inquinamento ambientale
La prima sentenza della Cassazione sul delitto di inquinamento ambientale
di Gianfranco Amendola
La sentenza della suprema Corte, pur nella limitatezza della questione sottoposta, inizia a fornire i primi elementi su cui costruire l'interpretazione per l'applicazione dei nuovi delitti introdotti dalla legge n.68/2015
14 novembre 2016
Newsletter


Fascicolo 4/2017
L’orgoglio dell’autogoverno
una sfida possibile per i 60 anni del Csm
Giurisprudenza e documenti
Dissequestrata la nave Open Arms: soccorrere i migranti non è reato
Dissequestrata la nave Open Arms: soccorrere i migranti non è reato
di Marco Patarnello
Pur nella difficoltà di trovarsi al centro del Mediterraneo nel disinteresse molto interessato del resto d’Europa e nella preoccupazione di divenire la meta di ogni migrante, con la decisione del gip di Ragusa l’Italia si sforza di non interrompere il collegamento fra diritto e umanità.
19 aprile 2018
Processo Cappato, tra diritto di morire e reato di aiuto al suicidio. La questione è rimessa alla Corte costituzionale
Campi libici, l'inferno nel deserto. La sentenza della Corte di assise di Milano
Campi libici, l'inferno nel deserto. La sentenza della Corte di assise di Milano
La qualità delle indagini e della loro resa dibattimentale, insieme alla ritenuta credibilità delle dichiarazioni delle persone offese, ha confermato, secondo i giudici dell’assise, un contesto di privazione della libertà dei migranti e di violenze di ogni tipo che scolpisce una realtà che per la sorte dei diritti umani è fondamentale non ignorare.
3 aprile 2018
Il sequestro della nave Open Arms: è reato soccorrere migranti in pericolo di vita?
Il sequestro della nave Open Arms: è reato soccorrere migranti in pericolo di vita?
di Simone Perelli
Dopo l’intervento del gip di Catania che ha escluso il fumus dell’associazione per delinquere nei confronti degli appartenenti alla ong Open Arms, è importante interrogarsi sulla sussistenza del reato di cui all’art. 12, comma 3, d.lgs 286/98: è configurabile nei confronti dei volontari che partecipano alle operazioni di soccorso se non concorrono nelle azioni delittuose dei trafficanti che caricano i migranti sui gommoni? La risposta negativa è preferibile per l’operatività della causa di giustificazione.
31 marzo 2018
Reato di scarico di acque reflue industriali oltre i limiti tabellari: metodiche di campionamento e punto di prelievo
Concorrenza tra banche e diffusione di informazioni denigratorie e vere
Concorrenza tra banche e diffusione di informazioni denigratorie e vere
di Aldo Angelo Dolmetta
Prendendo spunto da un caso contenzioso, in cui una banca aveva agito per ottenere il risarcimento del danno derivante dalla condotta di una sua concorrente, che aveva diffuso in una propria pubblicazione periodica il suggerimento di non partecipare all’aumento di capitale della prima (comportamento che la banca attrice qualificava come atto di concorrenza sleale ex art. 2598 cc), il contributo analizza la rilevanza attuale dell’exceptio veritatis quale presupposto di liceità della diffusione al pubblico, da parte di un’impresa, di informazioni denigratorie su un proprio concorrente. In particolare, lo scritto evidenzia la progressiva apertura del diritto vivente verso l’attribuzione di un effetto scriminante alla verità della notizia denigratoria; apertura che però continua a intendere il fatto denigratorio tra concorrenti come dotato di rilevanza meramente negativa (come elemento, cioè di esclusione dell’antigiuridicità di una condotta in sé disapprovata), e non già – ciò che invece si auspica – come dinamica fisiologica e approvata dall’ordinamento, nella prospettiva della promozione di un superiore livello di trasparenza del sistema finanziario.
26 marzo 2018