Magistratura democratica
Prassi e orientamenti / Protocolli
Una gestione efficace, umana e rispettosa delle amministrazioni di sostegno: il caso Reggio Emilia
Progetto "Non più soli" e sportello per l'amministrazione di sostegno
Una gestione efficace, umana e rispettosa delle amministrazioni di sostegno: il caso Reggio Emilia

Invecchiamento della popolazione, allungamento della durata della vita media, introduzione di un istituto flessibile e di una procedura semplificata per l'assistenza a persone che si trovano nell'impossibilità, anche parziale o temporanea di provvedere ai propri interessi hanno portato ad una vera "esplosione" dei ricorsi per la nomina di amministratori di sostegno, cui seguono percorsi di autorizzazione al compimento dì atti di varia natura (dalla compravendita di beni alla gestione di pensioni, dall'autorizzazione di interventi medici e sanitari all'introduzione di procedimenti di separazione o divorzio), attività di controllo e rendiconto.

Per la sua natura e per il carattere non professionale dell'amministratore, il procedimento richiede agli operatori dell'ufficio del Giudice Tutelare, dal giudice stesso al commesso, un approccio in cui elementi giuridici, capacità di individuare le soluzioni corrette, capacità di ascolto e di indirizzo si mescolano in un contesto in cui il rispetto per la persona umana e la sua dignità fanno da necessaria cornice.

L'istituto ha creato nuove esigenze organizzative e nuovi moduli operativi cui vari Uffici giudiziari tentano di dare innovative soluzioni.

Un esempio di grande rilievo, per la qualità del risultato, è  il Progetto ADS attuato dal Tribunale di Reggio Emilia.

Lo presentiamo attraverso le parole del Presidente del Tribunale, che il progetto ha fortemente voluto e realizzato, e di uno dei due Giudici Tutelari che il progetto hanno messo in pratica.

Di seguito si offrono i vari documenti esplicativi del progetto, che saranno certamente fonte di ispirazione per altri Uffici Giudiziari:

 

L’amministratore di sostegno trova casa: in Tribunale

di Francesco M.A. Caruso
Presidente del tribunale di Reggio Emilia

Sull’esperienza dei volontari dello Sportello per amministratori di sostegno di Reggio Emilia

 
 

La difficile sfida delle amministrazioni di sostegno

di Luca Ramponi
Giudice Tutelare presso il Tribunale di Reggio Emilia

Reggio Emilia. Bilancio e prospettive di un progetto di collaborazione con le pubbliche amministrazioni locali e col volontariato

 

 

30 gennaio 2014
Altri articoli di Maria Giuliana Civinini
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
Considerazioni di politica giudiziaria sulla tutela dei diritti delle persone fragili
di Enrico Manzon
Questo scritto non propone l’ennesima analisi tecnico giuridica della L. n. 6/2004, istitutiva dell’ amministrazione di sostegno. Vuole piuttosto esserne una lettura, costituzionalmente orientata, in chiave di politica giudiziaria e dell’organizzazione giudiziaria in particolare. Dunque, sulla base di un’esperienza pratica pluriennale, essenzialmente vuole prospettare una re-interpretazione, costituzionalmente orientata, del ruolo della magistratura nell’attuazione di questa legge fondamentale per la tutela concreta dei diritti delle persone fragili
12 maggio 2015
La difficile sfida delle amministrazioni di sostegno
di Luca Ramponi
Reggio Emilia. Bilancio e prospettive di un progetto di collaborazione con le pubbliche amministrazioni locali e col volontariato
30 gennaio 2014