home search menu
di Donatella Stasio
Taglio dei Tribunalini, la voglia di tornare al passato e i silenzi dell’Anm
Taglio dei Tribunalini, la voglia di tornare al passato e i silenzi dell’Anm
Nel «contratto per il Governo del cambiamento» si dice che «occorre rivisitare la geografia giudiziaria, modificando la riforma del 2012». Ma dal 2014 ad oggi quella riforma ha fatto risparmiare 70 milioni di euro all’anno e ha contribuito a ridurre la durata delle cause civili da 478 giorni a 375, compresi i procedimenti per decreto ingiuntivo, senza i quali, invece, secondo il ministero della Giustizia si è comunque passati da 1044 giorni a 914. Perché l’Anm tace e non difende quella epocale riforma?

Perché questa rubrica

27 aprile 2017

Inizia oggi, con il primo articolo della nuova rubrica Controcanto, la collaborazione di Questione Giustizia e di Magistratura democratica con Donatella Stasio, una delle voci più autorevoli del giornalismo italiano (cronista di politica giudiziaria per più di 30 anni a Il Sole24Ore) e più significative del dibattito politico-culturale sui temi della giustizia e della politica giudiziaria.

continua

Nel 2006 andai in Afghanistan per un reportage sulla giustizia di quel Paese, dove il diritto statale coesiste con il diritto islamico ma anche con regole tribali non scritte anteriori al Corano e dove dal 2001 l’Italia era in missione per riformare proprio il sistema giudiziario (con un investimento di svariate decine di milioni di euro).

Girai per i Tribunali e le Corti di Kabul, ma anche della provincia, e mi colpì vederli, sì, pitturati di fresco ma quasi tutti deserti, senza un’anima viva in circolazione. Un giorno mi spinsi fino alla provincia di Logar, a sud di Kabul, alla ricerca di un Consiglio degli anziani (Shura o Jirga), dove la giustizia, come in tutte le province dell’Afghanistan, è amministrata nel 90% dei casi secondo la Sharia. Lo trovai, ma per parlare con Sardagull, maestro di scuola nonché giudice anziano “capo” del Consiglio, fui costretta ad aspettare un bel po’ di tempo perché davanti alla Shura c’era una lunghissima fila di persone in attesa di una “sentenza” sul proprio caso giudiziario.

Quando finalmente mi fu possibile intervistare l’anziano giudice, gli chiesi subito come mai da una parte (la giustizia statale) ci fosse il deserto e dall’altra (la giustizia tribale) la folla. E lui mi rispose: «La giustizia statale è lenta, costosa e incerta; quella tradizionale è rapida, accessibile a tutti e dà risposte certe». Lo disse come se fosse un’ovvietà. E in effetti lo era.

Ovviamente, Sardagull non sapeva di aver appena messo il dito sulla piaga della giustizia italiana – tempi, accessibilità, certezza –, cioè del Paese che stava dando all’Afghanistan lezioni di diritto anche per costruire una giustizia efficiente. C’era da chiedersi quale ricetta potesse mai esportare l’Italia in Afghanistan visto che in casa propria l’efficienza era un’utopia…

Da allora sono trascorsi più di dieci anni ma soltanto negli ultimi sei la nostra politica giudiziaria ha imboccato in modo un po’ più convinto la strada dell’efficienza, seminando misure di scarso appeal mediatico e spesso impopolari, oltretutto destinate a produrre frutti solo nel medio-lungo periodo e quindi a beneficio dei Governi futuri. Il tutto a costo quasi zero, o comunque con investimenti finanziari molto limitati.

Una delle misure finalizzate all’obiettivo dell’efficienza (oltre che del risparmio) è stato il “famigerato” taglio dei cosiddetti Tribunalini, uffici minori sparsi nella penisola, di fatto improduttivi. Una riforma epocale ma impopolare, approvata nel 2012 tra proteste e polemiche, non a caso da un Governo tecnico perché quelli politici – pur considerandola fondamentale da almeno mezzo secolo per razionalizzare le (scarse) risorse esistenti e migliorare i tempi e la qualità della risposta giudiziaria su tutto il territorio nazionale – non avevano avuto la forza di realizzarla temendo di perdere consensi.

È stata una vera e propria battaglia. Un radicale “cambiamento”, tanto per usare una parola in voga di questi tempi.

Per mettere a punto la nuova geografia giudiziaria e renderla pienamente funzionante c’è voluto qualche altro anno; perciò sarebbe prematuro, e poco serio, pretendere già oggi di tirare le somme di quell’operazione di sottrazione e accorpamento di uffici. Al ministero della Giustizia, tuttavia, qualche conto lo hanno fatto. Per esempio, hanno calcolato che dal 2014 sono stati risparmiati – grazie alla nuova geografia giudiziaria – circa 70 milioni di euro all’anno. Inoltre, pur non essendo esclusivamente imputabile alla riforma dei Tribunalini, è un dato che dal 2014 si sia anche ridotta la durata delle cause civili: secondo i calcoli della Cepej (la Commissione per l’efficienza della giustizia del Consiglio d’Europa) siamo passati dai 478 giorni del 2014 ai 375 di adesso, calcolando anche i procedimenti per decreto ingiuntivo; senza questi ultimi, il ministero della Giustizia ha calcolato che siamo passati dai 1044 giorni del 2014 ai 914 di adesso.

Non sono numeri che si possono ignorare.

Ma allora, perché tornare indietro? Perché non difendere quella riforma, faticosamente realizzata, e semmai rafforzare gli uffici esistenti?

Sono interrogativi che nascono dalla lettura del contratto sul programma di Governo giallo/verde, quello del “cambiamento”. Al paragrafo 11, intitolato «Giustizia rapida ed efficiente», si legge, infatti: «Occorre una rivisitazione della geografia giudiziaria – modificando la riforma del 2012 che ha accentrato sedi e funzioni – con l’obiettivo di riportare tribunali, procure e uffici del giudice di pace vicini ai cittadini e alle imprese». Un cambiamento del cambiamento, insomma, proposto impugnando la bandiera della cosiddetta “giustizia di prossimità”, ovvero vicina (fisicamente) ai cittadini ma fonte di sprechi e inefficienze. Un ritorno al passato che non si giustifica alla luce dei, sia pur piccoli, risultati positivi registrati finora in termini di risparmi e di durata dei processi.

Un “cambiamento” declinato al passato, anche letteralmente, sul presupposto (palesemente sbagliato) che la giustizia funzionasse meglio prima (peraltro, non è l’unico punto del programma sulla giustizia in cui il cambiamento è un ritorno al passato: basti pensare al capitolo carceri).

Spetterà al neo ministro della Giustizia Alfonso Bonafede chiarire bene i termini di questo “cambiamento”, nella speranza che ne ridimensioni la portata, come del resto hanno già fatto alcuni suoi colleghi (vedi Tria sull’economia). Tanto più che, al netto di altre considerazioni, il ripristino di Tribunalini, Procurine e Uffici del giudice di pace avrebbe un impatto economico molto forte e al momento non si capisce dove potranno essere reperite le necessarie risorse.

Lega e 5Stelle sono sempre stati apertamente contrari al taglio dei Tribunalini, mentre altre forze politiche lo hanno ingoiato facendo più o meno buon viso a cattivo gioco (qualcuna ha anche cercato di recuperare nottetempo questo o quell’ufficio). Ecco perché sarebbe politicamente difficile fermare un eventuale ritorno al passato, nonostante i numeri suggeriscano di andare avanti. Fermamente contrari sono sempre stati gli avvocati, che con ogni mezzo hanno cercato di bloccare la riforma (anche con il ricorso alla Corte costituzionale), senza riuscirci, e che verosimilmente, quindi, si schiererebbero con il “governo del cambiamento”.

Favorevoli, invece, i magistrati. All’epoca (ma si può dire: da sempre) l’Anm ha con coraggio e coerenza difeso i tagli dei Tribunalini, sebbene avessero ripercussioni sulla vita professionale di molti magistrati, soprattutto dirigenti degli uffici soppressi. Perciò oggi stupisce il silenzio dell’Associazione nazionale magistrati, apparentemente più preoccupata di accreditarsi con il nuovo Governo che di tornare a battagliare in difesa di una riforma essenziale per migliorare la qualità della risposta giudiziaria. Stupisce che anche in questo caso – come in quello del carcere – l’Anm sia diventata improvvisamente afasica e abbia rinunciato a quel ruolo di interlocutrice, se non di protagonista, della politica giudiziaria attenta più ai cittadini che agli interessi di categoria. Ma stupisce ancora di più constatare che, quando esce dall’afasia, l’Anm lo fa per rimangiarsi tutto quello che per anni ha invece sostenuto e difeso (dal carcere alle intercettazioni). Eppure, in teoria, il momento storico politico dovrebbe farla sentire “al sicuro”, non più nel mirino di questa o quella forza politica di maggioranza, anche se il condizionale è d’obbligo se è vero che alcuni punti del programma di Governo tradiscono una sostanziale diffidenza, se non sfiducia, verso la magistratura, riducendone l’ambito di discrezionalità (si veda l’articolo di Luigi Ferrarella sul Corriere della Sera dell’8 giugno «Carcere e regole, i 5Stelle non si fidano più dei giudici»). In fin dei conti stupisce vedere una magistratura sempre più ripiegata su stessa e incapace di volare alto.

Per chi vede le cose da fuori e soprattutto per chi ha a che fare con la giustizia, la preoccupazione è che, tra annunci roboanti e afasie strategiche, non solo non cambi nulla ma vinca come sempre l’immobilismo. Sarebbe grave e pericoloso, perché l’immobilismo aumenta la sfiducia dei cittadini nella giustizia, indebolisce l’Istituzione e riduce il suo potere di controllo, anche rispetto alla politica.

Per questa via, rischiamo di avere tanti Tribunali e Tribunalini, ma tristemente vuoti.

Donatella Stasio

18 giugno 2018
Lo sguardo che manca alla giustizia
Lo sguardo che manca alla giustizia
di Donatella Stasio
Il film «Sulla mia pelle», che racconta la vicenda di Stefano Cucchi, sollecita molte riflessioni tra cui quella sull’impersonalità (brutale) delle istituzioni, compresa la giustizia, e sulle sue ricadute negative nel rapporto di fiducia con i cittadini. Un problema antico ma ricorrente e cruciale nella vita delle istituzioni, di cui i magistrati devono farsi carico con i loro comportamenti. Secondo Piero Calamandrei, bisogna che «anche nel processo circoli questo senso di fiducia, di solidarietà e di umanità, che è in tutti i campi lo spirito animatore della democrazia»
18 settembre 2018
Il giudice dei diritti
Il giudice dei diritti
di Marco Del Gaudio
La legittimazione autonoma della giurisdizione è un dato necessario che deriva dal suo ruolo di controllo sull’esercizio illegale del potere, a prescindere dalla “quantità di volontà popolare” che ha contribuito a legittimare quel potere di Governo. Nessun consenso rende lecito un atto di Governo contrario alle regole, ed è essenziale che la violazione sia accertata, riconosciuta e stigmatizzata in sede giurisdizionale. A maggior ragione nessun consenso, per quanto maggioritario o pressoché unanime, potrebbe rendere lecito un comportamento previsto dalla legge come reato
14 settembre 2018
L’utopia di Riace, città invisibile dove si respira la cittadinanza costituzionale
L’utopia di Riace, città invisibile dove si respira la cittadinanza costituzionale
di Donatella Stasio
Modello esemplare di accoglienza, riconosciuto e studiato in tutto il mondo, il piccolo borgo della Locride è una comunità multietnica dove attualmente convivono 1700 riacesi con 400 migranti, e dove si respira un vero sentimento di appartenenza e di condivisione ai valori della solidarietà, dell’uguaglianza e del rispetto della dignità umana. Un esempio tangibile di “cittadinanza costituzionale”. Eppure, dalla fine del 2016 il Ministero dell’interno e la Prefettura di Reggio Calabria hanno bloccato i fondi per i rifugiati sulla base di presunte “criticità” rilevate da alcune ispezioni (al contrario di altre di segno positivo), che hanno comportato l’apertura di un’indagine penale, ma che sembrerebbero parzialmente superate dalla riattivazione, proprio nei giorni scorsi, dei finanziamenti relativi agli ultimi tre mesi del 2016. Intanto, ad agosto è partita una raccolta di fondi (aperta fino a dicembre) che in meno di un mese era già arrivata a 215mila euro
3 settembre 2018
“Lunga vita alle correnti!”. La lezione di Gabriella Luccioli
“Lunga vita alle correnti!”. La lezione di Gabriella Luccioli
di Donatella Stasio
L’autrice di Diario di una giudice – vincitrice del premio Ripdico 2018-Scrittori per la giustizia – sfida l’impopolarità e rivendica il valore delle correnti come luoghi di elaborazione di principi e di visioni. Auspica un ritorno al «clima di Gardone», quando la magistratura cambiò passo e respiro sul proprio ruolo e sull’importanza del pluralismo interno, ma avverte una pericolosa distanza della magistratura, e delle donne magistrate, da quel patrimonio
19 luglio 2018
Salvini come Eichmann?*
di Alessandro Simoni
Il contratto di Governo e le esternazioni del ministro dell'Interno sembrano voler riproporre, a dieci anni esatti dall'”emergenza nomadi”, una presunzione di pericolosità su base etnica basata su grossolani stereotipi, ora riproposti anche in forme “eleganti” ammantate di “realismo” e “oggettività”. Per non farsi disorientare dal restyling di vecchie banalità, è importante aver presenti i termini effettivi del problema e gli antefatti storici
6 luglio 2018
La fuga delle donne dalla magistratura e l’impegno per recuperare fiducia, non per rincorrere il consenso
La fuga delle donne dalla magistratura e l’impegno per recuperare fiducia, non per rincorrere il consenso
di Donatella Stasio
A differenza degli uomini, per le donne aumenta il numero delle uscite prima dell’età pensionabile: su un totale di 298 dimissioni da ottobre 2014 (quasi 7 al mese), 109 riguardano le donne, soprattutto tra i 60 e i 65 anni. Molteplici le motivazioni, che impongono una maggiore presenza femminile nei luoghi del potere, come Csm e uffici direttivi, necessaria anche per uscire dalla pericolosa crisi di fiducia che investe la magistratura, il Csm, la giustizia
2 luglio 2018
La novella in materia di avocazione: un’occasione per riflettere sullo stato di salute della magistratura inquirente
La novella in materia di avocazione: un’occasione per riflettere sullo stato di salute della magistratura inquirente
di Stefano Musolino
Gli orizzonti prospettici dalla normativa primaria in materia di gestione delle indagini ed organizzazione degli uffici di procura, sembrano orientati verso una spiccata accentuazione dei profili di accentramento dei poteri in capo ai vertici organizzativi, con progressiva neutralizzazione dell’esercizio del cd. potere diffuso in capo ai singoli sostituti. Ma il Csm sembra consapevole dei rischi insiti in un assetto piramidale della magistratura inquirente ed in occasione della novella in tema di avocazione, coglie l’occasione per proporre − con la risoluzione del 16 maggio 2018 − interpretazioni e modelli culturali, ispirati alla condivisione sinergica tra gli uffici, invitando i dirigenti ad assumere scelte organizzative sostenibili e funzionali a garantire tempi ragionevoli per l’assunzione di scelte definitorie dei procedimenti incardinati.
21 giugno 2018
Tanti auguri alla Repubblica
Tanti auguri alla Repubblica
di Renato Rordorf
La festa della Repubblica coincide quest’anno con la grave crisi istituzionale provocata dalla mancata formazione del Governo auspicato dalle due forze politiche che hanno maggiormente beneficiato dell’esito della recente consultazione elettorale. Il rifiuto da parte del Capo dello Stato di avallare la nomina di uno dei ministri indicati da dette forze politiche ha innescato una polemica violentissima e persino la prospettata messa in stato d’accusa del presidente della Repubblica. La gravità della crisi non dipende dalla difficoltà di formare un Governo in grado di ottenere la fiducia del Parlamento, quanto piuttosto nella messa in discussione delle prerogative e dei poteri del Capo dello Stato, le cui decisioni possono essere criticate ma che non dovrebbe essere delegittimato in nome di una pretesa supremazia della volontà popolare impersonata dai partiti vittoriosi nelle elezioni. È in gioco la tenuta dell’assetto costituzionale. Occorre perciò davvero fare fervidi auguri il 2 giugno alla Repubblica, nel giorno del suo compleanno
30 maggio 2018
Carcere e recidiva, l'offensiva controle statistiche per fermareil cambiamento (vero)*
Carcere e recidiva, l'offensiva contro
le statistiche per fermare
il cambiamento (vero)*
di Donatella Stasio
La campagna contro il cambiamento maturato negli ultimi dieci anni sul carcere parte dalla recidiva, con il tentativo maldestro di delegittimare gli studi statistici, cioè uno degli argomenti più forti per una politica penitenziaria onesta, impostata su misure alternative e carcere aperto
28 maggio 2018
Monza e la Brianza scommettono sull’articolo 27 della Costituzione 
e investono sulla risocializzazione dei detenuti per migliorare la sicurezza
Monza e la Brianza scommettono sull’articolo 27 della Costituzione e investono sulla risocializzazione dei detenuti per migliorare la sicurezza
di Donatella Stasio
Contro la demagogia che ha portato alla paralisi della riforma penitenziaria, il 14 maggio, nel Tribunale di Monza, verrà firmato un Protocollo d’intenti tra giudici, pm, carcere, imprese, avvocati, commercialisti, Comune, Provincia, Prefettura, ufficio dei minorenni, per la creazione di una Rete che favorisca, attraverso formazione, lavoro, cultura, il reinserimento sociale di detenuti ed ex detenuti, anche minorenni.
11 maggio 2018

Perché questa rubrica

27 aprile 2017

Inizia oggi, con il primo articolo della nuova rubrica Controcanto, la collaborazione di Questione Giustizia e di Magistratura democratica con Donatella Stasio, una delle voci più autorevoli del giornalismo italiano (cronista di politica giudiziaria per più di 30 anni a Il Sole24Ore) e più significative del dibattito politico-culturale sui temi della giustizia e della politica giudiziaria.

Con questa collaborazione Magistratura democratica e Questione Giustizia hanno scelto di aprire, sui siti on-line, una finestra sull’esterno dalla quale scorgere con più attenzione e consapevolezza cosa accade fuori dalla magistratura e dalla quale essere visti, osservati, criticati anche radicalmente.

In linea con le indicazioni venute dal congresso di Bologna del novembre 2016, abbiamo scelto, da un lato, di rivitalizzare un metodo di confronto ed elaborazione e, dall’altro, di arricchire il dibattito interno alla magistratura, tenendo viva l’attenzione verso le più complesse dinamiche della società in cui si inserisce l’intervento giudiziario. Siamo infatti consapevoli che solo questa attenzione può contrastare dinamiche di chiusura e di autoreferenzialità della magistratura, da ultimo riemerse anche nel confronto associativo.

 

continua

 

Lo sguardo che manca alla giustizia
Lo sguardo che manca alla giustizia
di Donatella Stasio
Il film «Sulla mia pelle», che racconta la vicenda di Stefano Cucchi, sollecita molte riflessioni tra cui quella sull’impersonalità (brutale) delle istituzioni, compresa la giustizia, e sulle sue ricadute negative nel rapporto di fiducia con i cittadini. Un problema antico ma ricorrente e cruciale nella vita delle istituzioni, di cui i magistrati devono farsi carico con i loro comportamenti. Secondo Piero Calamandrei, bisogna che «anche nel processo circoli questo senso di fiducia, di solidarietà e di umanità, che è in tutti i campi lo spirito animatore della democrazia»
18 settembre 2018
L’utopia di Riace, città invisibile dove si respira la cittadinanza costituzionale
L’utopia di Riace, città invisibile dove si respira la cittadinanza costituzionale
di Donatella Stasio
Modello esemplare di accoglienza, riconosciuto e studiato in tutto il mondo, il piccolo borgo della Locride è una comunità multietnica dove attualmente convivono 1700 riacesi con 400 migranti, e dove si respira un vero sentimento di appartenenza e di condivisione ai valori della solidarietà, dell’uguaglianza e del rispetto della dignità umana. Un esempio tangibile di “cittadinanza costituzionale”. Eppure, dalla fine del 2016 il Ministero dell’interno e la Prefettura di Reggio Calabria hanno bloccato i fondi per i rifugiati sulla base di presunte “criticità” rilevate da alcune ispezioni (al contrario di altre di segno positivo), che hanno comportato l’apertura di un’indagine penale, ma che sembrerebbero parzialmente superate dalla riattivazione, proprio nei giorni scorsi, dei finanziamenti relativi agli ultimi tre mesi del 2016. Intanto, ad agosto è partita una raccolta di fondi (aperta fino a dicembre) che in meno di un mese era già arrivata a 215mila euro
3 settembre 2018
“Lunga vita alle correnti!”. La lezione di Gabriella Luccioli
“Lunga vita alle correnti!”. La lezione di Gabriella Luccioli
di Donatella Stasio
L’autrice di Diario di una giudice – vincitrice del premio Ripdico 2018-Scrittori per la giustizia – sfida l’impopolarità e rivendica il valore delle correnti come luoghi di elaborazione di principi e di visioni. Auspica un ritorno al «clima di Gardone», quando la magistratura cambiò passo e respiro sul proprio ruolo e sull’importanza del pluralismo interno, ma avverte una pericolosa distanza della magistratura, e delle donne magistrate, da quel patrimonio
19 luglio 2018
La fuga delle donne dalla magistratura e l’impegno per recuperare fiducia, non per rincorrere il consenso
La fuga delle donne dalla magistratura e l’impegno per recuperare fiducia, non per rincorrere il consenso
di Donatella Stasio
A differenza degli uomini, per le donne aumenta il numero delle uscite prima dell’età pensionabile: su un totale di 298 dimissioni da ottobre 2014 (quasi 7 al mese), 109 riguardano le donne, soprattutto tra i 60 e i 65 anni. Molteplici le motivazioni, che impongono una maggiore presenza femminile nei luoghi del potere, come Csm e uffici direttivi, necessaria anche per uscire dalla pericolosa crisi di fiducia che investe la magistratura, il Csm, la giustizia
2 luglio 2018
Carcere e recidiva, l'offensiva controle statistiche per fermareil cambiamento (vero)*
Carcere e recidiva, l'offensiva contro
le statistiche per fermare
il cambiamento (vero)*
di Donatella Stasio
La campagna contro il cambiamento maturato negli ultimi dieci anni sul carcere parte dalla recidiva, con il tentativo maldestro di delegittimare gli studi statistici, cioè uno degli argomenti più forti per una politica penitenziaria onesta, impostata su misure alternative e carcere aperto
28 maggio 2018
Monza e la Brianza scommettono sull’articolo 27 della Costituzione 
e investono sulla risocializzazione dei detenuti per migliorare la sicurezza
Monza e la Brianza scommettono sull’articolo 27 della Costituzione e investono sulla risocializzazione dei detenuti per migliorare la sicurezza
di Donatella Stasio
Contro la demagogia che ha portato alla paralisi della riforma penitenziaria, il 14 maggio, nel Tribunale di Monza, verrà firmato un Protocollo d’intenti tra giudici, pm, carcere, imprese, avvocati, commercialisti, Comune, Provincia, Prefettura, ufficio dei minorenni, per la creazione di una Rete che favorisca, attraverso formazione, lavoro, cultura, il reinserimento sociale di detenuti ed ex detenuti, anche minorenni.
11 maggio 2018