home search menu
Magistratura e società / cinema e letteratura
Morte di un uomo felice
di Angela Arbore* e Giovanni Zaccaro**
*consigliere Corte appello Bari
**giudice Tribunale di Bari
Due lettori hanno recensito per Questione Giustizia il libro di Giorgio Fontana, vincitore del premio Campiello
Morte di un uomo felice

Due lettori hanno recensito per Questione Giustizia il libro di Giorgio Fontana, fresco vincitore del premio Campiello. Ecco le loro impressioni:

----------------

1.

Il mio rapporto con i libri è quasi carnale, dettato spesso dall’empatia di un titolo, di un’edizione, di un’immagine di copertina. Chi me li dona lo sa bene.

Con i libri della Sellerio poi, la sensazione ogni volta è di trovarsi di fronte ad un piccolo scrigno da aprire, alla ricerca della sua essenza preziosa. Da Sellerio è appunto edito “Morte di un uomo felice”di Giorgio Fontana. Libro letto tutto d’un fiato, di corsa , certamente in prima battuta “condizionato” dal ruolo di magistrato del suo protagonista.

Infatti, siamo a Milano, estate 1981, stagione piena dei c.d. anni di piombo. Tutto ruota intorno alla figura di Giacomo Colnaghi, impegnato sul fronte delle indagini sulle organizzazioni terroristiche di quella stagione. Figura solitaria, ma non introversa,intrisa di una religiosità non bigotta, fermamente rispettoso delle regole, ma con l’intuizione fortemente innovativa della creazione di un lavoro di gruppo.

Figura malinconica, “tormentata” dal peso della scomparsa tragica di suo padre, che sembra voler vivere una dimensione quasi “totalizzante”, vocazionale, del suo lavoro, scegliendo di stare distante dalla famiglia, dagli affetti, rispetto ai quali vive una condizione di sofferta quasi non appartenenza. Uomo semplice, ma attanagliato dalla curiosità impellente di comprendere, di affrontare i “nodi“ di quel tempo, pronto ad immedesimarsi, con la stessa umanità che rivela nella conduzione dei suoi atti di indagine, nella quotidianità e nelle vite di una periferia quale quella milanese, ma che potrebbe essere una qualunque delle nostre.

Un filo di dolce e sottile malinconia avvolge, dunque, il lettore che accompagna la vicenda professionale, umana e storica di Colnaghi, fino al suo finale.

Evidente il richiamo a figure importanti della nostra storia italiana e delle storie professionali di tanti di noi, prima fra tutte quella di Guido Galli, ricordato appunto nella narrazione. Infine, la curiosità di una lettrice con la passione per i titoli: era felice Colnaghi?

Non so dare una risposta precisa a questo interrogativo. Le vite di tanti di noi così simili alla sua possono definirsi tali?

Buona, consigliatissima, lettura.

Angela Arbore

 
***********
 
2.

Ha tanti livelli di lettura l’ottimo “Morte di un uomo felice” di Giorgio Fontana, così come tanti ne aveva “Per legge superiore” che lo ha preceduto in libreria ma lo segue sull’asse temporale.

Sono romanzi di delitti e di investigazioni, con una precisione narrativa che tradisce la preparazione anche tecnica dell’autore. Tutti e due raccontano quartieri di una Milano, contemporanea e degli anni ’70, di periferia, pulsante di varia umanità, quasi provincia di quella della moda e degli aperitivi. Ma il palazzo di giustizia, con la sua imponente architettura, è protagonista di entrambi. Sono romanzi di crescita umana e culturale, a prescindere dall’età dei due protagonisti.

Entrambi si interrogano (con esiti diversi) sull’esistenza di una giustizia superiore, divina o umana, capace di ricomporre l’ordine rotto dal male. Sul ruolo del giudice, se debba essere sommo sacerdote della giustizia che si compie nelle aule o protagonista del processo che porta alla giustizia, anche per le strade.

Narrano dei rovelli dell’anima e delle mente di due magistrati, uno giovane, l’altro anziano. L’uno idealista, l’altro disincantato. L’uno che patisce per il mondo fuori dai fascicoli, l’altro che si rifugia nell’ascolto della musica. Il primo ossessionato dall’esigenza della comprensione del male, l’altro roso dal dubbio. Ma i rovelli non rimangono speculazione. Colnaghi, protagonista della “Morte di un uomo felice” vuole comprendere il perché del male - si tratta della follia omicida degli anni di piombo - perché solo così spera di prevenire altro, non essendo sufficiente comminare sempre più anni di carcere. Doni, sia pure stimolato da una giovane giornalista, accetta il dubbio per fare giustizia, nonostante le risultanze processuali.

I due romanzi dialogano fra loro, con una staffetta fra i protagonisti.

Il primo si concludeva con una proposta: per vivere felici, non bisogna agire, fare le cose per bene, andare per piccoli passi come una persona mediocre. Già il titolo del secondo annuncia lo sviluppo del tema. Forse, nemmeno la lettura dei due libri consente di capire se proprio questa è la strategia giusta per vivere felici.

Nel primo, la figlia, lontana, del protagonista lo stimola ad agire. Nel secondo, le parti sui rapporti fra padre figlio assumono un tono tragico. Il protagonista vive la sofferenza di essere stato figlio di un padre, morto partigiano troppo giovane, ed essere anche padre di un figlio, che non cura abbastanza perché assorbito dal lavoro di magistrato.

“Morte di un uomo felice” manifesta una maturità di scrittura sorprendente ed una sana consapevolezza degli snodi della storia nazionale. Gli anni di piombo sono ancora un argomento scottante. Ogni volta si riaprono le ferite delle stragi senza colpevoli, dei cattivi maestri, dei pezzi di Stato deviati.

Fontana rifugge dall’impostazione cronachistica, pure dimostrando di dominare le fonti storiche su quegli anni. Si sottrae pure alla pubblicistica di gran moda, che riporta il tema all’eterno complotto dei poteri forti contro la democrazia (si pensi alla trilogia di Simone Sarasso od al pur riuscito “La legge dell’odio” di Garlini).

Sceglie il tono crepuscolare della vita privata e professionale di un magistrato, che fra gli anni ’70 ed ’80 temeva che il vecchio corpo italiano non avesse anticorpi contro il terrorismo. Mentre gli anticorpi erano proprio quelli come lui che, pure non sentendosi eroi, hanno consentito al paese di superare quegli anni.

L’anti-eroismo di Colnaghi è proprio l’umanesimo che lo anima, quando si interroga sui motivi della violenza politica, incontra le vittime dei reati, discute con librai, teologhe, baristi.

E’ la passione civica che lo spinge ad aderire a Magistratura Democratica, non per fervore ideologico, ma per partecipare al processo di svecchiamento culturale della magistratura italiana. E’ la scommessa contro la violenza e per la democrazia e la giustizia, personificata da Generoso Petrella, che durante l’ assemblea fra magistrati dopo l’omicidio di Guido Galli, fra grida di vendetta, a basse voce, ammonisce che “noi non dobbiamo essere gli uomini dell’odio”. E’ il senso profondo e nuovo del suo essere giudice, che non tratta le persone “come parti nel gioco del processo”.

Deciderà il lettore se Colnaghi sia stato un uomo felice, di certo è stato un grande magistrato.

Giovanni Zaccaro

26 settembre 2014
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
“Con i piedi nel fango. Conversazioni su politica e verità”
“Con i piedi nel fango. Conversazioni su politica e verità”
di Paola Perrone
In questo libro-intervista, Gianrico Carofiglio parte da un valore che poi non abbandona: ogni soggetto politico deve essere consapevole del proprio agire e responsabile delle scelte che fa. Infatti «l’imperturbabilità» davanti al male «può essere una buona tecnica per il benessere personale ma non è un valore», mentre la sofferenza altrui, le discriminazioni, i grandi problemi del mondo dovrebbero essere sempre all’attenzione del politico e del cittadino, provocando in loro una «forma controllata di disagio» che li porta a scelte anche «compromissorie» pur di ottenere il risultato di attenuare quel male.
21 aprile 2018
Per Alessandro Leogrande
Per Alessandro Leogrande
di Giancarlo De Cataldo
In ricordo di un intellettuale e scrittore che continuerà a essere un punto di riferimento per Magistratura democratica. Oltre al brano di Giancarlo, troverete il video dell'incontro di “Parole di giustizia 2016”. Un dialogo su frontiere, paure, sicurezza tra Alessandro Leogrande e Livio Pepino
29 novembre 2017
La memoria e il desiderio
La memoria e il desiderio
di Luigi Cavallaro
Note in margine al libro di Piero Curzio, Quasi saggio (Cacucci, Bari, 2017), in occasione della sua presentazione pubblica al Municipio di Capri, il 13 ottobre 2017
24 novembre 2017
Quando l’infanzia genera vittime e carnefici. Recensione a Bambinate, l’ultimo romanzo di Piergiorgio Paterlini (Einaudi, 2017)
Quando l’infanzia genera vittime e carnefici. Recensione a Bambinate, l’ultimo romanzo di Piergiorgio Paterlini (Einaudi, 2017)
di Fabio Gianfilippi
L’autore è da sempre attento alla ricchezza e alle fragilità della gioventù. Nel suo nuovo libro ci fa incontrare un gruppo di bambini, come tanti, senza edulcorarne però i tratti più feroci. Li ritroviamo poi adulti, ormai schermati dai propri ruoli sociali rassicuranti, ma non per questo meno crudelmente inconsapevoli
21 ottobre 2017
Incubi da giorni qualunque
Incubi da giorni qualunque
di Massimo Ferro
Recensione al libro di Bruno Capponi, Esi, Napoli 2016
8 ottobre 2016
La ricchezza dell’esserci per davvero
La ricchezza dell’esserci per davvero
di Fabio Gianfilippi
Una proposta di lettura di “Eccomi” (Guanda, 2016) di Jonathan Safran Foer
1 ottobre 2016
Una semplicità niente affatto banale
Una semplicità niente affatto banale
di Luigi Marini*
Recensione a Michela Murgia, “Futuro interiore”, Einaudi, Torino 2016
24 settembre 2016
In ricordo di Ermanno Rea
In ricordo di Ermanno Rea
di Alfredo Guardiano
"L'idea che sia impensabile un comunismo allegro, umano, garbato, perfino 'leggero', fa il paio con l'idea che non possa esistere in natura il napoletano silenzioso, ordinato, malinconico, legalitario fino all'ossessione. Il fatto è che certi luoghi comuni sicuramente facilitano la vita, però non la spiegano"
17 settembre 2016
"Sfrattati": entro nella vita delle persone per farle uscire di casa
di Bruno Capponi
Recensione al libro di Giuseppe Marotta, Corbaccio, Milano, 2015
20 luglio 2015
Magistrati e Resistenza: storie da non dimenticare
Magistrati e Resistenza: storie da non dimenticare
di Carlo Brusco
In occasione del settantesimo anniversario della liberazione un ricordo dei magistrati uccisi dai nazifascisti
25 aprile 2015
Newsletter


Fascicolo 2/2018
L’ospite straniero.
La protezione internazionale
nel sistema multilivello di tutela
dei diritti fondamentali
Magistratura e società
Pier Amato Perretta. Una vita per la libertà
Pier Amato Perretta. Una vita per la libertà
di Giuseppe Calzati
Un magistrato impegnato nell’associazionismo delle origini, che previde la deriva autoritaria del fascismo e che ad esso si oppose fino alla scelta di abbandonare l’ordine giudiziario e fino al sacrificio della vita durante la Resistenza
14 settembre 2018
Il giudice dei diritti
Il giudice dei diritti
di Marco Del Gaudio
La legittimazione autonoma della giurisdizione è un dato necessario che deriva dal suo ruolo di controllo sull’esercizio illegale del potere, a prescindere dalla “quantità di volontà popolare” che ha contribuito a legittimare quel potere di Governo. Nessun consenso rende lecito un atto di Governo contrario alle regole, ed è essenziale che la violazione sia accertata, riconosciuta e stigmatizzata in sede giurisdizionale. A maggior ragione nessun consenso, per quanto maggioritario o pressoché unanime, potrebbe rendere lecito un comportamento previsto dalla legge come reato
14 settembre 2018
Il Forteto, storia, poco nota, di una comunità maltrattante
Il Forteto, storia, poco nota, di una comunità maltrattante
di Vittorio Borraccetti
Nella comunità del Forteto, in territorio toscano, molte persone affidate per ragioni di cura e sostegno sono state maltrattate e abusate per decenni. La lettura delle sentenze del processo conclusosi da poco in Cassazione, e anche di precedenti decisioni giudiziarie, ha fatto emergere non solo i fatti delittuosi ma anche i comportamenti negligenti se non corrivi di chi doveva vigilare
11 settembre 2018
Populismo e diritto. Un’introduzione
Populismo e diritto. Un’introduzione
di Enrico Scoditti
Populismo e diritto rinviano a forme di legame sociale antitetiche: il primo persegue la risoluzione della questione sociale e di quella identitaria senza alcuna mediazione e connessione di sistema, il secondo mira alla neutrale limitazione di ogni potere. Nel costituzionalismo del Novecento europeo si è avuta l’incorporazione nel diritto della questione sociale e di quella dell’appartenenza ad una comunità grazie alla mediazione della politica quale civilizzazione degli impulsi e addomesticamento di paure e angosce. Se la politica perde tale funzione emerge l’antitesi fra populismo e diritto e per i giuristi si apre un tempo di nuove responsabilità
10 settembre 2018
Per Graziana Calcagno
Per Graziana Calcagno
di Marco Bouchard
Ad un mese dalla sua scomparsa, il ricordo di una meravigliosa giudice, utopia vivente di un altro modo d’essere magistrato
6 settembre 2018
L’attacco alla giurisdizione come elemento della politica nazionalsocialista. Una questione contemporanea?
L’attacco alla giurisdizione come elemento della politica nazionalsocialista. Una questione contemporanea?
di Giuseppe Battarino
Dopo la vittoria elettorale e l'arrivo al governo i nazionalsocialisti avviano le “impercettibili transizioni” che porteranno a un regime totalitario, utilizzando tecniche di forzata riduzione della complessità ordinamentale, storicamente riproducibili ma riconoscibili da chi voglia tutelare la democrazia costituzionale
4 settembre 2018