home search menu
Magistratura e società / cinema e letteratura
Le inutili vergogne
di Donatella Salari
giudice Tribunale di Roma
L'ultimo romanzo di Eduardo Savarese racconta, con toccante pudore, la storia di un’omossessualità nascosta, accompagnando il protagonista attraverso le sue sofferenze
Le inutili vergogne

Il tema emozionante dell’omosessualità ci apre una visione complessa e affascinante dalla quale l’eterossesuale rimane abbacinato.

Questa narrazione, quasi angelicata, tocca tante corde dell’immaginario e si rende capace di essere, ad un tempo, virilissima e paziente, impudica e mistica, ascetica e carnale.

Questo romanzo del collega Eduardo Savarese lambisce, con toccante pudore, la storia di un’omossessualità nascosta e, accompagna, dolente, il protagonista, attraverso le sue sofferenze, fino alla riscoperta della propria carnalità e dei propri desideri omosessuali verso una nuova spiritualità fatta di legami misteriosi ma ineludibili.

Per questo comprendiamo, alla fine della storia, il senso dell’inutilità della vergogna di Benedetto approdata, dopo incubi e nascondimento continui scanditi da noia e cupezza, al misticismo officiato, fin dall’infanzia del protagonista, dalla contemplativa zia Gilda, figura vibrante e malinconica tesa ad una rinuncia all’amore, trasfigurata dalla comunione con Dio, quella che annulla la distanza dall'altro e  apre il protagonista, attraverso il riconoscimento del proprio io più intimo, ad una  nuova identità.

Come Benedetto danzava da piccolo, con la zia Gilda sull’aria de La Cavalleria Rusticana, così il romanzo si apre e si chiude con una danza dove il protagonista riscopre il privilegio del corpo e celebra la sua nuova carnalità.  

E qui la danza –liberatoria- diviene luogo di rappresentazione dei sentimenti, ma anche una forma di preghiera e di ringraziamento.

E’ questa la storia di Benedetto cinquantenne di nobile famiglia e ginecologo rispettabile che nasconde, per anni, la propria omosessualità, prima dentro un fidanzamento impossibile e claustrofobico, poi in un’esistenza irreprensibile fatta anche d’impegno sociale. Così, fino all’incontro rivelatore con Gaetano proprio sul cammino mistico verso Santiago di Compostela.
 
Un incontro che si rivelerà totalizzante ed appagante della sessualità del protagonista soggiogato dall’amore di Gaetano, uomo semplice ed arrendevole che non ha affatto rinunciato ad esprimere la propria omosessualità fino al rischio della segregazione e dell’emarginazione sociale, a differenza di Benedetto.

Gaetano non prova vergogna, non dubita, non cerca appagamenti in feticci come la collezione di Barbie che, ossessivamente, Benedetto cura ed idolatra come un doppio improbabile di sé, di quel sé vergognoso che lo integra, paradossalmente, in una società che, con quella collezione di cose morte, lo giustifica e lo etichetta come collezionista raro di questi artificiali simulacri di femminilità.

Gaetano, invece, nella sua dionisiaca sessualità corre verso la disapprovazione sociale fino all’irreparabile violenza che Benedetto preferisce allontanare da sé impaurito e riluttante fino al rifiuto di un Gaetano perduto nella follia.

Benedetto si chiude, allora, nella sua casa nobile più somigliante ad una chiesa. "Lo sai dotto’ Pare una chiesa….”, esclama Nunziatina. Quasi luogo monastico un po’ contaminato da quella femminilità artificiale traslata sulle inespressive Barbie che lo circondano.

Ma chi è Nunziatina?

E’ una sciamana, una sacerdotessa delle trasformazioni sessuali, un transessuale che vuole essere assistito proprio da Benedetto per una gravidanza impossibile e quasi mistica: come le immacolate concezioni? S’interroga un esasperato Benedetto che la fugge, ma ne rimane, comunque, intrigato e turbato.

Invece sarà proprio la bizzarra, ma reale, Nunziatina a rendere possibile il cammino di riconoscimento di Benedetto verso il ricongiungimento con la propria identità sessuale attraverso la mistica dei corpi e l’accettazione della propria condizione verso una verità possibile di accettazione del proprio destino.

Mistica è anche la zia Gilda la quale, attraverso la propria esperienza di rinuncia ad un amore vero per paura e convenzione sociale, potrà illuminare la scelta di Benedetto e la rinuncia al feticismo e alla cupezza di incontri sessuali tristi e clandestini con persone di cui il protagonista non desidera condividere nulla oltre ad un appagamento meccanico e fugace.

Questi amori pesantissimi e problematici da Gilda a Benedetto, da Gaetano a Nunziatina, da Benedetto a Don Vittorio penetrano acri e difficili nell’emotività del lettore.

Ma la diversità sessuale traspare anche dai personaggi più insospettabili come il virilissimo e sportivo Jean-André futuro sposo dell’amatissima nipote che spinge Benedetto all’esasperazione di una scelta continuamente rimossa o nel sacerdote Don Vittorio che appare e scompare nella vita di Benedetto non si sa bene se vittima o complice di scelte mai fatte.

Benedetto si dibatte, stremato, tra il disincanto degli amori via chat e la superstiziosa collezione di Barbie, nei cui orpelli sintetici ha sepolto la propria identità sessuale sublimandola, finché ha potuto, nell’impegno sociale.

Pregare, darsi…scrive zia Gilda attraverso i simbolismi disseminati nelle apparizioni mistiche sullo specchio lasciato in eredità a Benedetto e che custodisce non solo un prezioso segreto, ma prefigura una scelta non più rinviabile.

Svelarsi e sfidare dice Nunziatina, transessuale depositaria di una verità resa possibile dalla sua ubiquità sessuale e dalle sue imprevedibili capacità divinatorie, di un futuro possibile scelto nella totalizzante misticità dell’amore, fino al colpo di scena finale.

Liberare, sciogliere e recidere nodi, danzare e pregare perché alla fine sarà la preghiera  e la spiritualità che libererà i corpi capaci ora di muoversi  sciolti dalla cupezza della rimozione e dall’immobilità funerea di quelle Barbie già morte da sempre, Nunziatina lo indovina, nel suo furore di Menade.

 

La tristezza chiude la porta del cielo, la preghiera apre le porte chiuse e la fede riesce a spezzare le muraglie (Baal Shem Tov.)

12 settembre 2014
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
Messa alla prova, quasi un romanzo di formazione
Messa alla prova, quasi un romanzo di formazione
di Andrea Natale
Ennio Tomaselli, per anni magistrato a Torino soprattutto in ambito minorile, è autore di numerose pubblicazioni, tra cui Giustizia e ingiustizia minorile. Tra profonde certezze e ragionevoli dubbi (FrancoAngeli, 2015). Messa alla prova (Manni editore, 2018) è il suo primo romanzo che, non per caso, ruota (anche, ma non solo) attorno al mondo della giustizia minorile. I personaggi: un cancelliere di tribunale, un giudice minorile e un ragazzo con alle spalle un’adozione fallita. Li accomuna un desiderio insoddisfatto di giustizia
22 settembre 2018
“Con i piedi nel fango. Conversazioni su politica e verità”
“Con i piedi nel fango. Conversazioni su politica e verità”
di Paola Perrone
In questo libro-intervista, Gianrico Carofiglio parte da un valore che poi non abbandona: ogni soggetto politico deve essere consapevole del proprio agire e responsabile delle scelte che fa. Infatti «l’imperturbabilità» davanti al male «può essere una buona tecnica per il benessere personale ma non è un valore», mentre la sofferenza altrui, le discriminazioni, i grandi problemi del mondo dovrebbero essere sempre all’attenzione del politico e del cittadino, provocando in loro una «forma controllata di disagio» che li porta a scelte anche «compromissorie» pur di ottenere il risultato di attenuare quel male.
21 aprile 2018
Per Alessandro Leogrande
Per Alessandro Leogrande
di Giancarlo De Cataldo
In ricordo di un intellettuale e scrittore che continuerà a essere un punto di riferimento per Magistratura democratica. Oltre al brano di Giancarlo, troverete il video dell'incontro di “Parole di giustizia 2016”. Un dialogo su frontiere, paure, sicurezza tra Alessandro Leogrande e Livio Pepino
29 novembre 2017
La memoria e il desiderio
La memoria e il desiderio
di Luigi Cavallaro
Note in margine al libro di Piero Curzio, Quasi saggio (Cacucci, Bari, 2017), in occasione della sua presentazione pubblica al Municipio di Capri, il 13 ottobre 2017
24 novembre 2017
Quando l’infanzia genera vittime e carnefici. Recensione a Bambinate, l’ultimo romanzo di Piergiorgio Paterlini (Einaudi, 2017)
Quando l’infanzia genera vittime e carnefici. Recensione a Bambinate, l’ultimo romanzo di Piergiorgio Paterlini (Einaudi, 2017)
di Fabio Gianfilippi
L’autore è da sempre attento alla ricchezza e alle fragilità della gioventù. Nel suo nuovo libro ci fa incontrare un gruppo di bambini, come tanti, senza edulcorarne però i tratti più feroci. Li ritroviamo poi adulti, ormai schermati dai propri ruoli sociali rassicuranti, ma non per questo meno crudelmente inconsapevoli
21 ottobre 2017
Incubi da giorni qualunque
Incubi da giorni qualunque
di Massimo Ferro
Recensione al libro di Bruno Capponi, Esi, Napoli 2016
8 ottobre 2016
La ricchezza dell’esserci per davvero
La ricchezza dell’esserci per davvero
di Fabio Gianfilippi
Una proposta di lettura di “Eccomi” (Guanda, 2016) di Jonathan Safran Foer
1 ottobre 2016
Una semplicità niente affatto banale
Una semplicità niente affatto banale
di Luigi Marini*
Recensione a Michela Murgia, “Futuro interiore”, Einaudi, Torino 2016
24 settembre 2016
In ricordo di Ermanno Rea
In ricordo di Ermanno Rea
di Alfredo Guardiano
"L'idea che sia impensabile un comunismo allegro, umano, garbato, perfino 'leggero', fa il paio con l'idea che non possa esistere in natura il napoletano silenzioso, ordinato, malinconico, legalitario fino all'ossessione. Il fatto è che certi luoghi comuni sicuramente facilitano la vita, però non la spiegano"
17 settembre 2016
"Sfrattati": entro nella vita delle persone per farle uscire di casa
di Bruno Capponi
Recensione al libro di Giuseppe Marotta, Corbaccio, Milano, 2015
20 luglio 2015
Newsletter


Fascicolo 2/2019
Famiglie e Individui. Il singolo nel nucleo

Il codice della crisi d’impresa e dell’insolvenza: idee e istituti
Magistratura e società
Né Antigone, né Creonte
Né Antigone, né Creonte
di Massimo Cuono
Pur riconoscendo in vari momenti l'irriducibilità della tensione tragica, Livio Pepino e Nello Rossi – nel volume Il potere e la ribelle. Creonte o Antigone? Un dialogo (Edizioni Gruppo Abele, 2019) – si appassionano talmente alla difesa del proprio personaggio d'elezione che, a tratti, sembra di sentir parlare di due drammi differenti
12 ottobre 2019
Verità storica e verità processuale *
di Paolo Borgna
C’è una similitudine di fondo tra il mestiere del giurista e quello dello storico: convincere attraverso lo sviluppo di un ragionamento
9 ottobre 2019
Giuristi del lavoro nel Novecento italiano
Giuristi del lavoro nel Novecento italiano
di Andrea Lassandari
Il libro del professor Romagnoli, ricostruendo la storia del diritto del lavoro italiano e la vicenda biografica ed intellettuale di studiosi di differenti generazioni, si presta a riflessioni sul contemporaneo universo di questa disciplina
21 settembre 2019
Carlo Maria Verardi, e l’attualità del suo esempio
Carlo Maria Verardi, e l’attualità del suo esempio
di Gianfranco Gilardi
L’esperienza professionale, culturale ed umana di Carlo Maria Verardi, che insieme ad altri grandi magistrati ha segnato la storia di Magistratura democratica e della magistratura italiana, rappresenta tuttora un punto di riferimento per chiunque abbia a cuore i diritti fondamentali e voglia concorrere concretamente alla loro realizzazzione e alla salvaguardia della dignità delle persone
16 settembre 2019
Gli stereotipi di genere tra prospettiva sociologica e codice rosso
Gli stereotipi di genere tra prospettiva sociologica e codice rosso
di Daniela Cardamone
La lettura del volume di Fabrizio Filice La violenza di genere (ed. Giuffré Francis Lefebvre) e la prospettiva sociologica che lo ispira, offre alcuni interessanti spunti di riflessione sull’approccio normativo e giudiziario ai reati di violenza di genere
14 settembre 2019
La grande vergogna. L’Italia delle leggi razziali, un libro completo e documentato
La grande vergogna. L’Italia delle leggi razziali, un libro completo e documentato
di Paola Perrone
Un volume importante quello di Carlo Brusco (Edizioni Gruppo Abele), bello soprattutto perché alimenta quel senso di responsabilità negli italiani che fa riconoscere oggi come proprie le storiche colpe dell’antisemitismo del periodo fascista
27 luglio 2019