home search menu
In ricordo di Ermanno Rea
Magistratura e società / cinema e letteratura
In ricordo di Ermanno Rea
di Alfredo Guardiano
Consigliere della Corte di cassazione
"L'idea che sia impensabile un comunismo allegro, umano, garbato, perfino 'leggero', fa il paio con l'idea che non possa esistere in natura il napoletano silenzioso, ordinato, malinconico, legalitario fino all'ossessione. Il fatto è che certi luoghi comuni sicuramente facilitano la vita, però non la spiegano"

Mi sono sempre chiesto perché l’articolo con cui si ricordano la vita e le opere di personaggi noti al pubblico, per commemorarne la morte, debba chiamarsi “coccodrillo”.

Alcuni sostengono che l’espressione derivi da “versare lacrime di coccodrillo”, perché l’articolo non appare la manifestazione di un sincero cordoglio, essendo stato freddamente preparato con grande anticipo, in attesa della possibile fine di colui al quale è dedicato, evento che gli organi di informazione non possono permettersi di “bucare”, facendosi cogliere impreparati dalla Morte, che non regola i suoi tempi sugli orari dei notiziari o sulle uscite dei quotidiani.

Nel “coccodrillo”, tuttavia, a volte si legge un’ipocrisia più sottile: la glorificazione postuma di chi, in vita, non ha ricevuto gli onori ed i giudizi lusinghieri, che gli vengono riservati da morto.

Cosa c’entra tutto questo con la morte del romanziere, saggista, giornalista e fotografo napoletano Ermanno Rea?

Non può certo dirsi che egli sia stato poco apprezzato o che sia stato un paria nel mondo delle lettere italiane.

I suoi romanzi (se non lo avete fatto, mi permetto di consigliarvi di leggere, quanto meno, Mistero napoletano; La dismissione e La comunista. Due storie napoletane) e le sue inchieste giornalistiche hanno vinto premi importanti (il Campiello ed il Viareggio) e sono stati pubblicati dalle più prestigiose case editrici italiane (Einaudi, Rizzoli, Feltrinelli).

Nonostante ciò, egli, nelle sue scelte (non solo) narrative, rimase sempre un vero eretico, molto distante dai modelli di intellettuale “organico” in voga in Italia, sicché non appare del tutto convincente il tentativo di riappropriazione di Rea all’establishment culturale, che si sta svolgendo sotto i nostri occhi in questi giorni sulle pagine dei grandi quotidiani di informazione (con l’unica eccezione, forse, del bell’articolo scritto da Corrado Stajano per il “Corriere”).

L’eresia di Rea si svolge lungo tre assi portanti.

Innanzitutto essa si rivolge contro una rappresentazione conformistica di Napoli: uomo dalla fisionomia ispida, urticante, a tratti antipatico, remotissimo dallo stereotipo del napoletano piacente e compiacente, in lui prendeva corpo il lato pessimistico e melanconico di quell’intelligenza meridionale, così ben descritta da Sciascia.

Pessimismo, tuttavia, che non si risolveva nell’accidia deprecata da Leopardi, ma nella convinzione, fondata sulla lezione vichiana secondo cui il mondo della storia è costruito dall’uomo con le sue azioni concrete, che il napoletano, al pari di tutti gli altri uomini, non è ontologicamente vittima del male, potendo, anzi dovendo, scegliere da che parte stare.

E la parte di Rea era quella del socialismo, che vedeva nei lavoratori e nel partito comunista gli elementi portanti della Repubblica nata dalle ceneri del fascismo, contro il quale egli aveva combattuto da ragazzo come componente della brigata garibaldina “Gino Menconi”, e che lo portò a frequentare la redazione napoletana dell’Unità, nella storica sede dell’Angiporto Galleria, insieme tra alcune delle energie intellettuali più vivide della Napoli del dopoguerra, tra cui spiccava la figura di Enzo Striano.

Ma anche il suo rapporto con il P.C.I. fu contrassegnato dall’eresia

Attraverso la dolorosa vicenda umana e politica della militante comunista Francesca Spada, protagonista assoluta di Mistero napoletano, morta suicida (come il grande matematico napoletano Renato Caccioppoli, altro esempio di intellettuale trasgressivo, inviso ai burocrati del partito), con il fantasma della quale lo scrittore immagina di dialogare in La comunista, Rea denuncia la violenza “stalinista” e l’ottusità del gruppo dirigente del Pci napoletano degli anni ’50, incapace di tollerare qualsiasi forma di dissenso al suo interno.

Tema che verrà ripreso in un’altra opera di grande importanza storica e sentimentale, Il caso Piegari, in cui Rea ricorda la “scandalosa liquidazione del gruppo Gramsci, attivo a Napoli tra la fine degli anni ’40 e il 1954”, il cui leader, Guido Piegari, venne espulso dal Pci, all’esito di una vera e propria campagna diffamatoria condotta nei suoi confronti per iniziativa dei vertici del partito, che, alla visione gramsciana, propugnata da Piegari, di un meridionalismo vissuto come “questione nazionale”, fondato “sull’integrazione politica dell’Italia nel segno dell’egemonia operaia alleata ai contadini e ai sottoproletari meridionali”, preferirono sostenere il modello del Movimento per la Rinascita di Giorgio Amendola, di cui lo stesso Piegari ed il suo stretto sodale del tempo, l’avvocato Gerardo Marotta, futuro creatore dell’Istituto per gli studi filosofici, dove sopravvisse lo spirito del “gruppo Gramsci”, denunciarono invano la deriva regionalistica e salveminiana.

Napoli ritorna nel romanzo La dismissione, come lente attraverso la quale rappresentare la perdita di centralità del mondo del lavoro manifatturiero, attraverso la narrazione di Vincenzo Buonocore, espressione di un’aristocrazia operaia ormai perduta, che, sia pure a malincuore, onorerà al meglio delle sue capacità l’ultimo compito che gli viene affidato: smontare le apparecchiature della fabbrica siderurgica di Bagnoli, acquistate dai cinesi; ed ancora in Napoli Ferrovia, dove ad accompagnare lo scrittore in un viaggio contemporaneo all’interno degli inferi della città partenopea è Caracas, un venezuelano dal cranio rasato e razzista, che sta per convertirsi all’Islam.

E Napoli, infine, chiude il percorso esistenziale di Rea nella sua ultima opera, che verrà pubblicata postuma il 13 ottobre, Nostalgia, in cui a parlare sarà il quartiere dove Rea è nato, la Sanità, una delle zone a più alta densità criminale della città, dove a fronteggiare le bande criminali della camorra provvedono soprattutto i sacerdoti di diverse parrocchie e le organizzazioni di volontari che ad essi fanno capo.

Una Chiesa, quella degli Zanotelli, dei Loffredo, diversa dalla Santa Romana Chiesa, istituzione ecclesiastica, contro cui Rea lancia gli strali della sua acuminata intelligenza, nel suo saggio La fabbrica dell’obbedienza, individuando nell’opera della Controriforma e del suo braccio armato, il Tribunale dell’Inquisizione, l’artefice di quell’abito (im)morale del tipo italiano, contraddistinto da servilismo e complicità nei confronti del potere, qualunque veste esso assuma, e dall’assenza di ogni etica della responsabilità.

La scelta di Rea è stata, dunque, quella di narrare, partendo dalla sua città, secondo la lezione di Eduardo, le storie degli sconfitti, dei perdenti, senza nessuna commiserazione, mosso da una mai doma volontà di andare alla ricerca della giustizia, ovunque fosse rintracciabile, che lo spinse, ultraottantenne, a candidarsi generosamente con la lista Tsipras alle ultime elezioni europee.

Napoli, però, non lo ha mai sentito sino in fondo come suo figlio, perché troppo eterodosso ed ispido.

Ora si assiste ad un tentativo di recupero, sicuramente apprezzabile, ma che, per essere davvero convincente, dovrà superare il doppio pregiudizio ed i luoghi comuni ai quali Rea faceva riferimento in una bella intervista ad Antonio Gnoli.

"L'idea che sia impensabile un comunismo allegro, umano, garbato, perfino 'leggero', fa il paio con l'idea che non possa esistere in natura il napoletano silenzioso, ordinato, malinconico, legalitario fino all'ossessione. Il fatto è che certi luoghi comuni sicuramente facilitano la vita, però non la spiegano".

                          

17 settembre 2016
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
Incubi da giorni qualunque
Incubi da giorni qualunque
di Massimo Ferro
Recensione al libro di Bruno Capponi, Esi, Napoli 2016
8 ottobre 2016
La ricchezza dell’esserci per davvero
La ricchezza dell’esserci per davvero
di Fabio Gianfilippi
Una proposta di lettura di “Eccomi” (Guanda, 2016) di Jonathan Safran Foer
1 ottobre 2016
Una semplicità niente affatto banale
Una semplicità niente affatto banale
di Luigi Marini*
Recensione a Michela Murgia, “Futuro interiore”, Einaudi, Torino 2016
24 settembre 2016
"Sfrattati": entro nella vita delle persone per farle uscire di casa
di Bruno Capponi
Recensione al libro di Giuseppe Marotta, Corbaccio, Milano, 2015
20 luglio 2015
Magistrati e Resistenza: storie da non dimenticare
Magistrati e Resistenza: storie da non dimenticare
di Carlo Brusco
In occasione del settantesimo anniversario della liberazione un ricordo dei magistrati uccisi dai nazifascisti
25 aprile 2015
L'uomo che schioccava le dita di Fariba Hachtroudi
L'uomo che schioccava le dita di Fariba Hachtroudi
di Maria Giuliana Civinini
Un manifesto contro la tortura, un canto all'amore
12 aprile 2015
Massimo Ferro,
Massimo Ferro, "Non avrai le mie parole"
di Donatella Salari
Recensione di un romanzo rigoglioso di parole vive
11 aprile 2015
Bruno Capponi, l'umorista post-moderno
di Umberto Apice
Recensione a Chi nasce quadro può morire tondo, Novecento Editore, 2013
8 febbraio 2015
La regola dell'equilibrio
di Linda D'Ancona
Il ritorno dell'avvocato Guerrieri nell'ultimo romanzo di Gianrico Carofiglio
18 gennaio 2015
“Il concorso” di Bruno Capponi
fra sentimento e giustizia
di Elena Zucconi Galli Fonseca
Recensione a B. Capponi, Il concorso, Novecento Editore, Milano, 2014
11 gennaio 2015
Newsletter


Fascicolo 3/2016
La giustizia tributaria
La riforma della magistratura onoraria
Magistratura e società
Lion, la strada verso casa
Lion, la strada verso casa
di Carla Spagnuolo
La ricchezza del film sta nel trattare in modo non didascalico il tema del diritto alla conoscenza delle origini, il valore della fratria, il significato delle adozioni
21 gennaio 2017
In laudationem di Edmondo Bruti Liberati, riflessioni su Magistratura e società
In laudationem di Edmondo Bruti Liberati, riflessioni su Magistratura e società
di Domenico Pulitanò
Nella sua vita di magistrato Bruti Liberati non ha cercato il “cursus honorum” tradizionale del giudice giurista che culmina nella Corte suprema di Cassazione ma si è impegnato, da magistrato di sorveglianza prima e da pubblico ministero poi, nelle funzioni più calate nei fatti
16 gennaio 2017
“La paranza dei bambini”<br>
La Google Generation di Gomorra
“La paranza dei bambini”
La Google Generation di Gomorra
di Marcello Ravveduto
L’universo simbolico di Saviano prende forma con le parole dei suoi personaggi. Un universo condiviso con il pubblico delle sue opere, costituito da giovani e appassionati spettatori di crime-fiction e mafia-movies, videogiochi strategici e letteratura noir. La Napoli di Saviano è claustrofobica. L’Italia è una terra straniera, odiata, che cattura e snatura i “fratelli” più deboli, incapaci di farsi spazio nel magma della metropoli
14 gennaio 2017
I prodromi e i volti della violenza di genere. Come riconoscerli, prevenirli, arginarli
I prodromi e i volti della violenza di genere. Come riconoscerli, prevenirli, arginarli
di Fabrizio Filice
Relazione tenuta all’Aula Magna del Tribunale di Torino per il convegno sul tema della violenza di genere organizzato il 25 novembre 2016, in occasione della «Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne»
10 gennaio 2017
Il 2016 di Questione Giustizia
Il filo delle tutele nel dedalo d'Europa
Il filo delle tutele nel dedalo d'Europa
di Stefano Montaldo
Recensione al volume a cura di Elena Falletti e Valeria Piccone (Napoli, Editoriale Scientifica, 2016)
17 dicembre 2016