home search menu
Il debito tedesco e un convegno necessario
Magistratura e società
Il debito tedesco e un convegno necessario
di Luca Baiada
Magistrato della Corte d'appello militare di Roma
Sembra prendere terreno un uso anomalo della storia, una torsione culturale a sfondo politico, uno spettacolo di beneficenza. Si confeziona una memoria furba che circonda di rispettabilità lo Stato responsabile di gravi crimini e lo ringrazia per la presa d’atto della sola colpa morale. È una linea che tende a sostituire alla responsabilità giuridica la riparazione o il lenimento. La memoria diventa un surrogato della giustizia, cioè una maschera dell’ingiustizia

A Pistoia, capitale della cultura 2017, il prossimo 5 maggio – l’anniversario della liberazione del Lager di Mauthausen – si svolge un convegno organizzato dall’Istituto storico della Resistenza e dell’età contemporanea: La responsabilità economica tedesca per stragi e deportazioni in Italia: il risarcimento e la memoria. Se ne sente il bisogno, perché certe letture dei crimini nazifascisti sono astratte, catalogali, sempre prive di conseguenze.

Malgrado le atrocità commesse dal 1943 al 1945, oltre ventimila morti e quasi un milione di deportati, la Germania non ha mai risarcito le famiglie italiane colpite. Nel 2012 una sentenza sconcertante della Corte internazionale di giustizia dell’Aia ha rovesciato la storia, dichiarando l’Italia colpevole di aver solo provato a tutelare i suoi cittadini, permettendo alla magistratura qualche passo in direzione della realizzazione dei loro diritti. Il legislatore si è subito adeguato, con norme scritte contro le vittime. Nel 2014, una coraggiosa sentenza della Corte costituzionale ha spazzato via quelle leggi, ha fermato gli effetti della pronuncia della Corte dell’Aia e ha riaperto la strada alle condanne patrimoniali dello Stato tedesco. Da allora i processi civili sono ricominciati, e malgrado le lettere dell’ambasciata tedesca ai magistrati italiani, stigmatizzate anche dalla Corte di cassazione a sezioni unite civili, sono state emesse nuove condanne, che però faticano ad avere esecuzione.

Nel frattempo, sulla base di intese fra la Germania, il Ministero degli esteri e altri enti italiani, lo Stato tedesco ha finanziato con somme modestissime alcune iniziative culturali, per lo più di incerto spessore, come l’Atlante delle stragi, e a volte al limite della beffa (inaugurazioni di lapidi con nomi sbagliati, restauri di edifici preunitari senza legame con la guerra di Liberazione, finanziamenti di mostre che non si svolgono neppure in Italia). Alcune di queste iniziative sono state contestate dai sopravvissuti ai massacri e ai Lager.

Sembra prendere terreno un uso anomalo della storia, una torsione culturale a sfondo politico, uno spettacolo di beneficenza. Si confeziona una memoria furba che circonda di rispettabilità lo Stato responsabile di gravi crimini e lo ringrazia per la presa d’atto della sola colpa morale. È una linea che tende a sostituire alla responsabilità giuridica, quindi ai diritti economici delle vittime, la riparazione o il lenimento. La memoria diventa un surrogato della giustizia, cioè una maschera dell’ingiustizia.

Il tema è così indicibile, così scomodo, che il discorso pubblico è diventato ubbidiente. In 1984, George Orwell immagina lo stopreato come «una forma di stupidità protettiva», che comprende anche il provare noia o ripulsa di fronte a qualsiasi pensiero articolato che porterebbe a posizioni eretiche. Così la sentenza della Corte costituzionale, la n. 238 del 2014, di solito non viene nominata (eppure, fra i giudici che fecero parte del collegio c’era l’attuale capo dello Stato). L’inadempimento tedesco è dato per ineluttabile. Chi insiste per il risarcimento è visto come un fossile o un seccatore, quando non come un nemico della pace, della riconciliazione, dell’Europa. La responsabilità della Germania è così nobilmente e intrinsecamente morale, immensamente solenne e celeste, che ci si guarda bene dal proporne una prosaica quantificazione in denaro, anche approssimativa. Simmetricamente, le iniziative culturali spesate da Berlino hanno un valore scientifico fuori discussione, anche quando contengono errori vistosi, e sono soddisfacenti per le vittime anche se queste, forse, le potranno vedere in fotografia. Soprattutto, sul loro costo effettivo si tace, perché confrontarlo col debito produrrebbe effetti di umorismo nero negli osservatori, o forse di agitazione motoria in chi ha avuto fra i suoi cari un morto o un deportato.

Tutto questo non è diatriba su vicende superate, e neppure riguarda solo la Seconda guerra mondiale. È di poche settimane fa l’ennesima strage di civili in Medio Oriente. Dichiarazioni di politici, sdegno di intellettuali, proteste di gente dello spettacolo. Ma se chi ha commesso quel delitto avesse tempo di dare un’occhiata all’Europa, forse progetterebbe di fare tra settant’anni iniziative culturali in ricordo delle vittime di oggi, con poca spesa per lo Stato responsabile, senza pagare i danni e ricevendo ringraziamenti per aver fatto «i conti col passato».

Il convegno di Pistoia proverà a spezzare silenzi, a ridimensionare il senso comune della ragion di Stato, a ricomporre i tasselli di un mosaico difficile.

*In copertina, un fotogramma tratto dal film L'uomo che verrà di Giorgio Diritti (2009)

24 aprile 2017
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
Newsletter


Fascicolo 3/2017
A cosa serve la Corte di cassazione?
Le banche, poteri forti e diritti deboli
Magistratura e società
<i>La convocazione</i>, un film civile
La convocazione, un film civile
di Ilio Mannucci Pacini
La recensione al documentario di Enrico Maisto, un'opera in cui sensazioni ed emozioni esprimono il punto di vista dei cittadini comuni sull’istituzione giudiziaria e sulla giustizia
20 gennaio 2018
È possibile un diritto senza (o con meno) giudici?
È possibile un diritto senza (o con meno) giudici?
di Antonio Scalera
La recensione al volume A che cosa serve il diritto di Vincenzo Di Cataldo (Il Mulino, 2017)
13 gennaio 2018
Mafie di mezzo
Mafie di mezzo
di Costantino Visconti
Il metodo che il sociologo Vittorio Martone impiega nel volume Le mafie di mezzo. Mercati e reti criminali a Roma e nel Lazio (Donzelli, 2017) è figlio di un serio lavoro collettivo. Opere come queste possono fungere da grandangolo, aiutando il giurista a valutare la questione criminale in un contesto più ampio e problematico, senza l’assillo di strozzare l’interpretazione dei fatti nell’ottica della loro qualificazione giuridica.
9 dicembre 2017
Vite di mafia. In movimento*
Vite di mafia. In movimento*
di Marcello Ravveduto
Nel suo Vita di mafia (Einaudi, 2017), Federico Varese compie un’analisi policentrica e multidimensionale su Cosa Nostra, mafia russa, Triadi e Yakuza. Una comparazione affascinante in cui l’uso dell’io narrativo non è quello del romanzo ma quello del ricercatore che conduce la sua analisi compenetrandosi in fatti e persone
2 dicembre 2017
Stefano Rodotà e Magistratura democratica
Stefano Rodotà e Magistratura democratica
di Franco Ippolito
Stefano Rodotà è stato per tutta la vita attento osservatore e lucido analista della giurisdizione, della magistratura e dell’associazionismo giudiziario. Al suo rapporto privilegiato con Magistratura democratica ha dedicato uno spazio di attenzione l’intenso convegno La vita prima delle regole. Idee ed esperienze di Stefano Rodotà, organizzato dall’editore Giuseppe Laterza a Montecitorio il 27 novembre 2017.
30 novembre 2017
Per Alessandro Leogrande
Per Alessandro Leogrande
di Giancarlo De Cataldo
In ricordo di un intellettuale e scrittore che continuerà a essere un punto di riferimento per Magistratura democratica. Oltre al brano di Giancarlo, troverete il video dell'incontro di “Parole di giustizia 2016”. Un dialogo su frontiere, paure, sicurezza tra Alessandro Leogrande e Livio Pepino
29 novembre 2017