home search menu
Il caso De Luca: la sentenza di assoluzione
Giurisprudenza e documenti / giurisprudenza di merito
Il caso De Luca: la sentenza di assoluzione

Pubblichiamo – per l’evidente interesse pubblico che riveste – la sentenza depositata ieri dal Tribunale di Torino nel processo per istigazione a delinquere celebrato nei confronti di Erri De Luca, accusato di avere istigato pubblicamente al sabotaggio dell’opera TAV. All’esito del giudizio Erri De Luca è stato assolto.

Resterà deluso chi immagina di trovare – tra le righe della sentenza – una qualche prova di una decisione assunta da una magistratura ideologizzata.

La sentenza si limita a ribadire il delicato punto di equilibrio che la Consulta fissò – sin dagli anni 70 - tra «diritto alla parola» ed esigenze di tutela anticipata dell’ordine pubblico, pretendendo un’interpretazione dell’art. 414 c.p. in termini di delitto di pericolo concreto.

Di più: la sentenza – aderendo alla giurisprudenza oramai consolidata della Corte di cassazione – ha evidenziato come sia «indefettibile l’idoneità dell’azione a suscitare consensi e a provocare “attualmente e concretamente” – in relazione al contesto spazio-temporale ed economico-sociale ed alla qualità dei destinatari del messaggio – il pericolo di adesione al programma illecito».

In questa cornice teorica – tutt’altro che ideologizzata, ma, al contrario, fedele al dettato costituzionale – il Tribunale di Torino si è poi limitato a valutare le prove assunte in dibattimento. E ha ritenuto che le parole di DE LUCA «per il contesto ed il momento nel quale vengono pronunciate» [non] «possano ritenersi idonee ad istigare “attualmente e concretamente” qualcuno al compimento di reati…». Mancando la prova di tale pericolosità della parola manca un elemento costitutivo del reato. Sicché il fatto non sussiste. Tutto qui. Ciascuno, leggendo, si farà la sua opinione.

Il numero 4/2015 di Questione giustizia – Rivista trimestrale (in uscita oggi) dedica un obiettivo a “Il valore del dissenso”, con un approccio non limitato al solo diritto penale e con l’ambizione di andare oltre i temi sollevati dal processo nei confronti di Erri De Luca. Tuttavia, non poteva mancare – in un simile obiettivo – un contributo di taglio penalistico (cui si è dedicato Marco Pelissero: «La parola pericolosa. Il confine incerto del controllo penale del dissenso»).

E, pertanto, buona lettura (della sentenza e del numero 4/2015 di Questione Giustizia)!

 

 

19 gennaio 2016
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
Newsletter


Fascicolo 3/2017
A cosa serve la Corte di cassazione?
Le banche, poteri forti e diritti deboli
Giurisprudenza e documenti
Lesioni colpose stradali grave o gravissime: figura autonoma di reato o circostanza aggravante ad effetto speciale?
Lesioni colpose stradali grave o gravissime: figura autonoma di reato o circostanza aggravante ad effetto speciale?
di Federico Piccichè
Nota a Cass., Pen., Sez. IV, Sent. 16 maggio 2017 (dep. 15 settembre 2017), n. 42346, Pres. Bianchi, Rel. Ranaldi
15 novembre 2017
Breve commento all’ordinanza del Tribunale di sorveglianza di Bologna del 31 agosto 2017
Breve commento all’ordinanza del Tribunale di sorveglianza di Bologna del 31 agosto 2017
di Sabrina Bosi
Nella motivazione, il tribunale scevera diverse tematiche inerenti la materia delle misure di sicurezza
24 ottobre 2017
Il licenziamento nullo per illiceità della causa o frode alla legge
Il licenziamento nullo per illiceità della causa o frode alla legge
di Marco Vitali
Con la sentenza n. 687 del 4 novembre 2016, il Tribunale di Vicenza ha dichiarato la nullità di un licenziamento per giustificato motivo oggettivo poiché intimato in frode alla legge, ai sensi dell’art. 1344 cc, ed ha applicato la tutela reintegratoria prevista al comma 1 dell’art. 18 Statuto dei lavoratori, nel testo modificato dalla legge n. 92/2012. Il caso induce ad alcune riflessioni attorno alla novella introdotta con il d.lgs n. 23/2015 che ha elevato a regola la tutela indennitaria, escludendo del tutto la tutela reintegratoria per i licenziamenti per giustificato motivo oggettivo. Nonostante la restrizione delle tutele così attuata, le categorie civilistiche della nullità – in particolare l’illiceità della causa – devono ritenersi operanti nella materia dei licenziamenti
11 ottobre 2017
Discriminazioni per età: Cenerentola ha perso per sempre la sua scarpetta
Discriminazioni per età: Cenerentola ha perso per sempre la sua scarpetta
di Federico Grillo Pasquarelli
Con l’attesa sentenza sul caso Abercrombie la Corte di giustizia Ue ha dichiarato che il contratto di lavoro intermittente – che, in base all’art. 34 d.lgs 276/2003, poteva essere concluso “in ogni caso” con soggetti di età inferiore a 25 anni – e persino la sua cessazione automatica al compimento dei 25 anni, non contrastano con la Direttiva 2000/78 e con il principio di non discriminazione per ragioni di età: la sentenza, che trascura la precedente giurisprudenza della stessa Cgue, non convince sotto vari profili
2 ottobre 2017
L’“evoluzione” dell’assegno di divorzio. Una recente decisione della suprema Corte, tra nomofilachia e creazione giudiziaria del diritto
Ancora in tema di continuazione e particolare tenuità del fatto
Ancora in tema di continuazione e particolare tenuità del fatto
di Federico Piccichè
Nota a Cass. Pen., Sez. V, Sent. 31 maggio 2017 (dep. 19 luglio 2017), n. 35590, Pres. Palla, Rel. Gorjan
22 settembre 2017