home search menu
di Donatella Stasio
Zuccaro e le Ong, quell’insostenibile <i>deficit</i> di cultura della comunicazione
Zuccaro e le Ong, quell’insostenibile deficit di cultura della comunicazione
La cronaca conferma che la Giustizia ha un problema di comunicazione, anche se soltanto il 13,8% dei magistrati ne ha consapevolezza. Csm e Scuola devono colmare questa lacuna culturale, che si ritorce contro la trasparenza e la credibilità dell’istituzione

Perché questa rubrica

27 aprile 2017

Inizia oggi, con il primo articolo della nuova rubrica Controcanto, la collaborazione di Questione Giustizia e di Magistratura democratica con Donatella Stasio, una delle voci più autorevoli del giornalismo italiano (cronista di politica giudiziaria per più di 30 anni a Il Sole24Ore) e più significative del dibattito politico-culturale sui temi della giustizia e della politica giudiziaria.

continua

«Tutto il nostro lavoro di magistrati è comunicazione e noi dobbiamo saperlo», ricordava una presidente di Corte d’appello della Romania ai colleghi italiani il 9 ottobre 2015 a Roma, durante un seminario su Giustizia e comunicazione organizzato da Csm, Scuola della magistratura e Ordine dei giornalisti. «Anche se siamo una democrazia giovane, non come la vostra, sul problema della comunicazione siamo un po’ più avanzati di voi» esordì la giudice, mettendo il dito sulla piaga del deficit di cultura della comunicazione tra le toghe italiane. In effetti, a differenza di altri Paesi tra i quali, evidentemente, anche la Romania, da noi non è affatto «basic che i magistrati studino comunicazione». Il che non è privo di ricadute sulla credibilità e sulla fiducia nella giustizia.

Anche il caso Zuccaro – il procuratore della Repubblica di Catania finito nella polemica per alcune sue dichiarazioni sulle Ong e il traffico di migranti – è la conferma che la Giustizia italiana ha un problema di comunicazione e che il problema non si risolve pensando che i capi delle procure siano comunque in grado di far fronte a questo compito; che, cioè, diano la garanzia di una comunicazione corretta. Inoltre: può sembrare una provocazione ma il caso Zuccaro è anche la conferma che la cultura del riserbo – almeno per com’è stata troppo spesso veicolata e recepita – nuoce alla Giustizia perché non la allena ad una comunicazione corretta, esponendola così al rischio di gaffe, fraintendimenti, errori, strumentalizzazioni, e a volte anche narcisismi, che poi si ritorcono, appunto, contro la credibilità e la fiducia nell’istituzione.

Chi conosce il procuratore della Repubblica di Catania lo descrive come «uomo di grande valore» e «magistrato competente, serio, onesto», nonché «riservato». «Forse proprio per questo – si aggiunge – non ha saputo gestire la comunicazione». Insomma, talmente abituato a tacere, che ha sbagliato per inesperienza. Con l’effetto paradossale, tra l’altro, di essere stato dipinto come una sorta di «sceriffo del mare», nemico delle Ong che cercano di soccorrere i migranti nel Mediterraneo; proprio lui che ai migranti ha riservato sempre «attenzione e sensibilità», che ha conseguito «straordinari risultati» investigativi e «ottenuto decine di condanne per i capi delle organizzazioni criminali nonché riconoscimenti anche internazionali (Onu, Commissione europea) del proprio lavoro». 

Certo, se è vero che il suo obiettivo era soltanto denunciare con forza «la mancanza di strumenti investigativi adeguati contro il traffico di migranti di fronte a un’Europa che se ne frega», allora Zuccaro ha davvero sbagliato tutto, a cominciare dalla sottovalutazione di un’inevitabile (e puntuale) strumentalizzazione politica delle sue parole, confuse e contraddittorie. 

Come ricordò in quel seminario del 2015 Antonello Mura, sostituto procuratore generale presso la Cassazione, esperto di relazioni internazionali, un aspetto importante segnalato dal Consiglio consultivo dei procuratori europei è anche la capacità del pubblico ministero di fornire «informazioni inequivoche, che quindi non tendano ad influenzare ma a chiarire».

Ebbene, al di là del merito, le esternazioni di Zuccaro non hanno certo avuto il dono della chiarezza ma semmai il difetto dell’oscurità. Tipico, forse, di chi ritiene (a torto) che il proprio ruolo consenta di spargere sospetti generici, incurante di chi finirà nel tritacarne politico-mediatico «senza alcuna prova». Questo non è consentito a un procuratore della Repubblica. E non ha niente a che vedere con l’analisi argomentata di fenomeni sociali conosciuti grazie all’esperienza maturata sul campo, certamente consentita a un magistrato e, anzi, spesso utile e necessaria.

Inoltre, quand’anche la sortita mediatica di Zuccaro fosse stata decisa sulla base di una precisa strategia investigativa, l’oscurità del suo messaggio – per di più travolto da polemiche politiche che non ne hanno agevolato la comprensione – ha finito per delegittimare la fonte e per rendere inefficace quella stessa strategia.

Ecco, se tutto questo è davvero il frutto di una scarsa frequentazione della comunicazione in ossequio al sacro principio del riserbo, allora c’è qualcosa di malinteso in questo principio che condanna la Giustizia al mutismo. Peraltro, detto per inciso, l’idea di una Giustizia muta non trova riscontro neppure nella mitologia, dove Dike è rappresentata con la benda sugli occhi ma mai imbavagliata.    

Comunicare – in modo corretto – è un dovere della Giustizia. E se il pericolo paventato è quello di un eccesso di “protagonismo” delle toghe, è però difficile non vedere i danni provocati da quella malintesa cultura del riserbo che demonizza la comunicazione giudiziaria e gerarchizza la cultura della comunicazione riservandola ai procuratori della Repubblica, spesso “inesperti” ma uniche voci legittimate dall’Ordinamento giudiziario. Tanto che in Italia, a differenza di altri Paesi, soltanto una piccola percentuale della magistratura considera essenziale acquisire questa specifica competenza.

Dall’indagine conoscitiva su Identità, ruolo e immagine sociale dei magistrati italiani – commissionata dalla Scuola della magistratura ai professori Nadio Delai e Stefano Rolando, e pubblicata nella collana Diritto e società di Franco Angeli – risulta infatti che solo il 13,8% dei magistrati intervistati chiede di imparare queste competenze, relegate così all’ultimo posto della classifica sulle richieste formative. 

La nomina di Zuccaro alla guida della Procura di Catania risale a circa un anno fa. Non sappiamo se, tra le sue attitudini, l’organo di autogoverno della magistratura abbia riscontrato e valutato positivamente anche quelle “comunicative”, come avrebbe dovuto fare visto che ai “capi” spetta la responsabilità della comunicazione. Né sappiamo se Zuccaro faccia parte di quella esigua percentuale di magistrati interessati ad acquisire competenze comunicative ed abbia quindi frequentato i corsi della Scuola della magistratura o se li abbia invece ritenuti inutili, come molti dei suoi colleghi.

Siamo invece certi che il Csm ne avrà apprezzato il “riserbo”, anche se oggi – quando non è trascorso neanche un anno da quella “promozione” – si trova nella paradossale situazione di “processarlo” proprio per mancanza di riserbo (perché di processo si tratta, al di là che si apra o meno un procedimento disciplinare o una pratica per incompatibilità).

Forse questa vicenda dovrebbe trasformarsi in un’occasione per cambiare passo e riprendere il filo di un progetto non ancora realizzato: creare le condizioni per sviluppare nella magistratura una vera cultura della comunicazione. Che, al di là di attribuzioni specifiche, è un dovere istituzionale “diffuso”, come peraltro riconobbe il vicepresidente Giovanni Legnini proprio in quel seminario del 2015.

«La mia personale opinione è che comunicare la Giustizia costituisca un dovere. Lo dico con l’aspirazione di poterlo far dire al Csm nei modi e nei tempi possibili» disse allora Legnini, augurandosi che la magistratura e l’autogoverno «assumano questo impegno, questo principio. E cioè, che comunicare bene, in modo tempestivo e completo, costituisce un dovere istituzionale».

È dunque il momento di recuperare il ritardo accumulato, dando a tutti i magistrati gli strumenti necessari per gestire la comunicazione in modo consapevole e responsabile. Perché la fiducia nella giustizia non ha bisogno né di bavagli né di megafoni ma piuttosto della capacità di comunicare in modo trasparente e responsabile.

Donatella Stasio

3 maggio 2017
Regole e principi per un buon giornalismo non per un giornalismo buono: la nuova edizione delle Linee guida della Carta di Roma
Regole e principi per un buon giornalismo non per un giornalismo buono: la nuova edizione delle Linee guida della Carta di Roma
di Paola Barretta
L’Associazione Carta di Roma è stata fondata nel dicembre 2011 per dare attuazione al protocollo deontologico per una informazione corretta sui temi dell’immigrazione, siglato dal Consiglio nazionale dell’Ordine dei giornalisti (CNOG) e dalla Federazione nazionale della stampa italiana (FNSI) nel giugno del 2008
15 ottobre 2018
L’etica costituzionale come antidoto al conflitto tra legge e giustizia e alla disgregazione sociale
L’etica costituzionale come antidoto al conflitto tra legge e giustizia e alla disgregazione sociale
di Donatella Stasio
Piero Calamandrei spiegava che nei “grandi trapassi storici” il dissidio tra legge e giustizia si scarica sulla seconda e sulla motivazione dei suoi provvedimenti, con effetti negativi sulla fiducia dei cittadini. Anche oggi si profila un’analoga “crisi della giustizia” ma, come osserva Elvio Fassone, è l’etica costituzionale, ed il suo riconoscimento, che consente di ricomporre legge e giustizia
9 ottobre 2018
Lo sguardo che manca alla giustizia
Lo sguardo che manca alla giustizia
di Donatella Stasio
Il film «Sulla mia pelle», che racconta la vicenda di Stefano Cucchi, sollecita molte riflessioni tra cui quella sull’impersonalità (brutale) delle istituzioni, compresa la giustizia, e sulle sue ricadute negative nel rapporto di fiducia con i cittadini. Un problema antico ma ricorrente e cruciale nella vita delle istituzioni, di cui i magistrati devono farsi carico con i loro comportamenti. Secondo Piero Calamandrei, bisogna che «anche nel processo circoli questo senso di fiducia, di solidarietà e di umanità, che è in tutti i campi lo spirito animatore della democrazia»
18 settembre 2018
L’utopia di Riace, città invisibile dove si respira la cittadinanza costituzionale
L’utopia di Riace, città invisibile dove si respira la cittadinanza costituzionale
di Donatella Stasio
Modello esemplare di accoglienza, riconosciuto e studiato in tutto il mondo, il piccolo borgo della Locride è una comunità multietnica dove attualmente convivono 1700 riacesi con 400 migranti, e dove si respira un vero sentimento di appartenenza e di condivisione ai valori della solidarietà, dell’uguaglianza e del rispetto della dignità umana. Un esempio tangibile di “cittadinanza costituzionale”. Eppure, dalla fine del 2016 il Ministero dell’interno e la Prefettura di Reggio Calabria hanno bloccato i fondi per i rifugiati sulla base di presunte “criticità” rilevate da alcune ispezioni (al contrario di altre di segno positivo), che hanno comportato l’apertura di un’indagine penale, ma che sembrerebbero parzialmente superate dalla riattivazione, proprio nei giorni scorsi, dei finanziamenti relativi agli ultimi tre mesi del 2016. Intanto, ad agosto è partita una raccolta di fondi (aperta fino a dicembre) che in meno di un mese era già arrivata a 215mila euro
3 settembre 2018
Per la chiarezza di idee sul problema flussi migratori*
di Andrea Proto Pisani* e Giuliana Civinini**
Le grandi migrazioni determinate dalla guerra e dalla fame sono un fenomeno che interesserà tutta la nostra epoca e oltre. Per affrontarle ci vogliono chiarezza e umanità. Prioritario appare garantire l’asilo a chi ne ha diritto, riaprire i canali di migrazione regolare, evitare politiche che possono danneggiare i già precari Stati africani
26 luglio 2018
“Lunga vita alle correnti!”. La lezione di Gabriella Luccioli
“Lunga vita alle correnti!”. La lezione di Gabriella Luccioli
di Donatella Stasio
L’autrice di Diario di una giudice – vincitrice del premio Ripdico 2018-Scrittori per la giustizia – sfida l’impopolarità e rivendica il valore delle correnti come luoghi di elaborazione di principi e di visioni. Auspica un ritorno al «clima di Gardone», quando la magistratura cambiò passo e respiro sul proprio ruolo e sull’importanza del pluralismo interno, ma avverte una pericolosa distanza della magistratura, e delle donne magistrate, da quel patrimonio
19 luglio 2018
Le ong in acque agitate tra Sicilia orientale e Sicilia occidentale
Le ong in acque agitate tra Sicilia orientale e Sicilia occidentale
di Stefano Greco
Questo scritto non ha la pretesa e l’intenzione di risolvere un dibattito interessantissimo attualmente in corso tra i vari uffici giudiziari sul soccorso in mare e i possibili risvolti del favoreggiamento dell’immigrazione, ma vuole solo porre alcune questioni che sono rimaste in ombra ma necessitano di un maggiore approfondimento anche alla luce di quanto accade di ora in ora tra chiusure dei porti, navi che aspettano un luogo sicuro dove sbarcare i sopravvissuti, navi che vengono impedite alla partenza pur non essendo sotto sequestro
18 luglio 2018
La fuga delle donne dalla magistratura e l’impegno per recuperare fiducia, non per rincorrere il consenso
La fuga delle donne dalla magistratura e l’impegno per recuperare fiducia, non per rincorrere il consenso
di Donatella Stasio
A differenza degli uomini, per le donne aumenta il numero delle uscite prima dell’età pensionabile: su un totale di 298 dimissioni da ottobre 2014 (quasi 7 al mese), 109 riguardano le donne, soprattutto tra i 60 e i 65 anni. Molteplici le motivazioni, che impongono una maggiore presenza femminile nei luoghi del potere, come Csm e uffici direttivi, necessaria anche per uscire dalla pericolosa crisi di fiducia che investe la magistratura, il Csm, la giustizia
2 luglio 2018
Open Arms e Sea Watch, la richiesta di archiviazione della Procura di Palermo
Open Arms e Sea Watch, la richiesta di archiviazione della Procura di Palermo
Pubblichiamo, in attesa di commenti più approfonditi, la richiesta di archiviazione formulata dalla Procura della Repubblica di Palermo – accolta dal gip – in relazione ad un procedimento penale in cui si ipotizzava, a carico di ignoti, la commissione dei reati di associazione per delinquere (art. 416, comma 6, cp) e favoreggiamento dell’immigrazione irregolare sul territorio nazionale (art. 12, d.lgs n. 286/1998)
21 giugno 2018
Taglio dei Tribunalini, la voglia di tornare al passato e i silenzi dell’Anm
Taglio dei Tribunalini, la voglia di tornare al passato e i silenzi dell’Anm
di Donatella Stasio
Nel «contratto per il Governo del cambiamento» si dice che «occorre rivisitare la geografia giudiziaria, modificando la riforma del 2012». Ma dal 2014 ad oggi quella riforma ha fatto risparmiare 70 milioni di euro all’anno e ha contribuito a ridurre la durata delle cause civili da 478 giorni a 375, compresi i procedimenti per decreto ingiuntivo, senza i quali, invece, secondo il ministero della Giustizia si è comunque passati da 1044 giorni a 914. Perché l’Anm tace e non difende quella epocale riforma?
18 giugno 2018

Perché questa rubrica

27 aprile 2017

Inizia oggi, con il primo articolo della nuova rubrica Controcanto, la collaborazione di Questione Giustizia e di Magistratura democratica con Donatella Stasio, una delle voci più autorevoli del giornalismo italiano (cronista di politica giudiziaria per più di 30 anni a Il Sole24Ore) e più significative del dibattito politico-culturale sui temi della giustizia e della politica giudiziaria.

Con questa collaborazione Magistratura democratica e Questione Giustizia hanno scelto di aprire, sui siti on-line, una finestra sull’esterno dalla quale scorgere con più attenzione e consapevolezza cosa accade fuori dalla magistratura e dalla quale essere visti, osservati, criticati anche radicalmente.

In linea con le indicazioni venute dal congresso di Bologna del novembre 2016, abbiamo scelto, da un lato, di rivitalizzare un metodo di confronto ed elaborazione e, dall’altro, di arricchire il dibattito interno alla magistratura, tenendo viva l’attenzione verso le più complesse dinamiche della società in cui si inserisce l’intervento giudiziario. Siamo infatti consapevoli che solo questa attenzione può contrastare dinamiche di chiusura e di autoreferenzialità della magistratura, da ultimo riemerse anche nel confronto associativo.

 

continua

 

L’etica costituzionale come antidoto al conflitto tra legge e giustizia e alla disgregazione sociale
L’etica costituzionale come antidoto al conflitto tra legge e giustizia e alla disgregazione sociale
di Donatella Stasio
Piero Calamandrei spiegava che nei “grandi trapassi storici” il dissidio tra legge e giustizia si scarica sulla seconda e sulla motivazione dei suoi provvedimenti, con effetti negativi sulla fiducia dei cittadini. Anche oggi si profila un’analoga “crisi della giustizia” ma, come osserva Elvio Fassone, è l’etica costituzionale, ed il suo riconoscimento, che consente di ricomporre legge e giustizia
9 ottobre 2018
Lo sguardo che manca alla giustizia
Lo sguardo che manca alla giustizia
di Donatella Stasio
Il film «Sulla mia pelle», che racconta la vicenda di Stefano Cucchi, sollecita molte riflessioni tra cui quella sull’impersonalità (brutale) delle istituzioni, compresa la giustizia, e sulle sue ricadute negative nel rapporto di fiducia con i cittadini. Un problema antico ma ricorrente e cruciale nella vita delle istituzioni, di cui i magistrati devono farsi carico con i loro comportamenti. Secondo Piero Calamandrei, bisogna che «anche nel processo circoli questo senso di fiducia, di solidarietà e di umanità, che è in tutti i campi lo spirito animatore della democrazia»
18 settembre 2018
L’utopia di Riace, città invisibile dove si respira la cittadinanza costituzionale
L’utopia di Riace, città invisibile dove si respira la cittadinanza costituzionale
di Donatella Stasio
Modello esemplare di accoglienza, riconosciuto e studiato in tutto il mondo, il piccolo borgo della Locride è una comunità multietnica dove attualmente convivono 1700 riacesi con 400 migranti, e dove si respira un vero sentimento di appartenenza e di condivisione ai valori della solidarietà, dell’uguaglianza e del rispetto della dignità umana. Un esempio tangibile di “cittadinanza costituzionale”. Eppure, dalla fine del 2016 il Ministero dell’interno e la Prefettura di Reggio Calabria hanno bloccato i fondi per i rifugiati sulla base di presunte “criticità” rilevate da alcune ispezioni (al contrario di altre di segno positivo), che hanno comportato l’apertura di un’indagine penale, ma che sembrerebbero parzialmente superate dalla riattivazione, proprio nei giorni scorsi, dei finanziamenti relativi agli ultimi tre mesi del 2016. Intanto, ad agosto è partita una raccolta di fondi (aperta fino a dicembre) che in meno di un mese era già arrivata a 215mila euro
3 settembre 2018
“Lunga vita alle correnti!”. La lezione di Gabriella Luccioli
“Lunga vita alle correnti!”. La lezione di Gabriella Luccioli
di Donatella Stasio
L’autrice di Diario di una giudice – vincitrice del premio Ripdico 2018-Scrittori per la giustizia – sfida l’impopolarità e rivendica il valore delle correnti come luoghi di elaborazione di principi e di visioni. Auspica un ritorno al «clima di Gardone», quando la magistratura cambiò passo e respiro sul proprio ruolo e sull’importanza del pluralismo interno, ma avverte una pericolosa distanza della magistratura, e delle donne magistrate, da quel patrimonio
19 luglio 2018
La fuga delle donne dalla magistratura e l’impegno per recuperare fiducia, non per rincorrere il consenso
La fuga delle donne dalla magistratura e l’impegno per recuperare fiducia, non per rincorrere il consenso
di Donatella Stasio
A differenza degli uomini, per le donne aumenta il numero delle uscite prima dell’età pensionabile: su un totale di 298 dimissioni da ottobre 2014 (quasi 7 al mese), 109 riguardano le donne, soprattutto tra i 60 e i 65 anni. Molteplici le motivazioni, che impongono una maggiore presenza femminile nei luoghi del potere, come Csm e uffici direttivi, necessaria anche per uscire dalla pericolosa crisi di fiducia che investe la magistratura, il Csm, la giustizia
2 luglio 2018
Taglio dei Tribunalini, la voglia di tornare al passato e i silenzi dell’Anm
Taglio dei Tribunalini, la voglia di tornare al passato e i silenzi dell’Anm
di Donatella Stasio
Nel «contratto per il Governo del cambiamento» si dice che «occorre rivisitare la geografia giudiziaria, modificando la riforma del 2012». Ma dal 2014 ad oggi quella riforma ha fatto risparmiare 70 milioni di euro all’anno e ha contribuito a ridurre la durata delle cause civili da 478 giorni a 375, compresi i procedimenti per decreto ingiuntivo, senza i quali, invece, secondo il ministero della Giustizia si è comunque passati da 1044 giorni a 914. Perché l’Anm tace e non difende quella epocale riforma?
18 giugno 2018