Magistratura democratica
Osservatorio internazionale
CGUE su Xylella Fastidiosa, l’Italia è venuta meno ai suoi obblighi di contenimento e monitoraggio del fenomeno
di Francesco Buffa* e Salvatore Centonze**
*consigliere della Corte di cassazione
**avvocato del foro di Lecce
Brevi note a commento della sentenza del 5 settembre 2019, Causa C−443/18

Sentenza della Cgue (Quinta Sezione) del 5 settembre 2019, Causa C−443/18

Commissione/Italia (batterio Xylella fastidiosa)

Tipo di procedimento: ricorso per inadempimento ex art. 258 TFUE

Oggetto: Inadempimento di uno Stato – Protezione sanitaria dei vegetali – Direttiva 2000/29/CE – Decisione di esecuzione (UE) 2015/789 – Misure per impedire l’introduzione e la diffusione nell’Unione della Xylella fastidiosa – Misure di contenimento –Obbligo di monitoraggio – Misure di eradicazione – Inadempimento costante e generale

***

La Xyilella Fastidiosa (per brevità, Xf o Xylella) è un batterio che si è manifestato nel 2013 in Puglia, e in particolare nel sud Salento, nella provincia di Lecce, e che colpisce le piante di olivo, provocandone rapidamente la morte per disseccamento. Stando alle stime di Coldiretti di Lecce, il batterio − che è in grado di spostarsi di circa 100 metri in 12 giorni − ha ad oggi infettato circa 21 milioni di piante, causando il crollo della produzione di olio del 73%, con un danno patrimoniale di circa 1,2, miliardi di euro.

Per combattere il fenomeno, nel 2015 la Commissione imponeva misure di eradicazione della XF consistenti nell’obbligo di abbattimento immediato di tutte le piante ospiti situate nel raggio di 100 metri dalle piante di cui fosse accertato l’avvenuto contagio.

Sennonché, preso atto che l’abbattimento non era più possibile a causa della diffusione del batterio da oltre due anni in diverse parti della Puglia, nel 2016 la Commissione introduceva misure di contenimento meno radicali. In particolare, la Commissione ordinava all’Italia, da una parte, di abbattere immediatamente le sole piante infette, e dall’altro la onerava di effettuare un monitoraggio mediante ispezioni annuali del territorio interessato, al fine di impedire la diffusione della Xf. La zona interessata dagli interventi veniva individuata in una fascia di 20 km che attraversa le province di Brindisi e Taranto, da Est ad Ovest (zona di contenimento). Il termine per porre in essere gli interventi veniva fissato nel 14 settembre 2017.

Nel 2018 la Commissione ricorreva per inadempimento alla Corte, lamentando che l’Italia era venuta meno ai propri obblighi sanciti dall’art. 7, par. 2 c) e 7, della decisione di esecuzione (UE) 2015/789 della Commissione, come modificata dalla decisione di esecuzione (UE) 2016/764 della Commissione, in ragione della mancata attuazione delle due misure prescritte sopra richiamate, ed in particolare la rimozione delle piante malate e il monitoraggio sull’avanzamento della malattia.

Con la sentenza in commento, la Corte rileva, anzitutto, che alla scadenza del termine del 14 settembre 2017 l’Italia aveva rimosso solo il 22% delle piante infette nella fascia interessata, e che perciò risultava inadempiente all’obbligo imposto dalla Commissione, a nulla rilevando la causa del ritardo fosse da attribuire agli intoppi di carattere burocratico e giudiziario interni; era infatti onere dell’Italia di rimuovere rapidamente ogni ostacolo di tale natura in ossequio alla supremazia del diritto dell’Unione.

Quanto alla seconda contestazione, la Corte constata che il nostro Paese effettivamente non ha garantito il monitoraggio nella zona di contenimento della presenza della Xf mediante, ispezioni annuali effettuate al momento opportuno durante l’anno, specialmente in primavera, stagione di volo dell’insetto vettore della Xylella (a poco o a nulla rilevando i controlli effettuati durante l’inverno, dal momento che le piante a foglie caduche non hanno foglie che possano rivelare i sintomi dell’infezione). Di talché anche sotto questo aspetto, l’Italia risulta essere inadempiente.

29 settembre 2019
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
di Lucia Tria
Nel presente intervento si illustrano sinteticamente gli aspetti positivi del dialogo e della collaborazione fra giuristi di Paesi civil law e giuristi di Paesi di common law – a partire dai giuristi britannici – quali finora si sono avuti in ambito europeo, confidando, per il dopo Brexit, nell’europeismo giuridico che si è manifestato dopo il Protocollo n. 30 del Trattato di Lisbona, pur con le debite differenze
11 ottobre 2019
Secondo trimestre 2019
di Francesco Buffa* e Salvatore Centonze**
Le più interessanti pronunce della Corte del Lussemburgo emesse nel secondo trimestre 2019
11 settembre 2019
Conseguenze della condanna penale del rifugiato secondo la sentenza della Cgue del 14 maggio 2019
di Francesco Buffa* e Salvatore Centonze**
La commissione di reati gravi sul territorio nazionale non fa dell’immigrato un soggetto privo del tutto di protezione e di diritti, spettandogli comunque i diritti salvaguardati per tali ipotesi dalla Convenzione di Ginevra e tutti i diritti spettanti allo straniero e non presupponenti una sua residenza regolare
14 giugno 2019
di Mariarosaria Guglielmi
Non è immaginabile una cultura giuridica europea senza la giurisprudenza in tema di libertà e di diritti delle Corti europee che rappresentano la garanzia di uno strumento di verifica del rispetto dei diritti: il discorso sui diritti comprende una capacità di visione attraverso una lente in grado di cogliere uno spettro più ampio di prospettive, in un’ottica non puramente nazionale. Non vi è giudice nei confini dell’Europa che oggi non si senta giudice europeo, che non avverta il senso di un percorso irreversibile che la giurisdizione deve continuare a compiere verso l’effettiva realizzazione di un spazio comune di Giustizia
21 maggio 2019
Primo trimestre 2019
di Francesco Buffa* e Salvatore Centonze**
Le più interessanti pronunce della Corte del Lussemburgo emesse nel primo trimestre 2019
17 maggio 2019
Il diritto all’assistenza sociale dei rifugiati. Riflessioni a partire da Corte di giustizia, sentenza 21 novembre 2018 (C-713/17)
di Francesca Biondi Dal Monte
La Corte di giustizia afferma che l’art. 29 della “direttiva qualifiche” obbliga gli Stati membri a riconoscere la parità di trattamento dei beneficiari di protezione internazionale nell’accesso all’assistenza sociale ed è norma produttiva di effetti diretti
8 aprile 2019
La sentenza n. 20/2019 della Corte costituzionale italiana verso un riavvicinamento all’orientamento della Corte di giustizia?
di Giuseppe Bronzini
Nuovo intervento, dopo l’obiter della n. 269/2017, della Corte costituzionale sul tema dell’applicabilità diretta della Carta di Nizza quando la norma interna viola anche le disposizioni costituzionali. Le precisazioni della Corte sembrano scongiurare una rotta di collisione con l’orientamento della Corte di giustizia, ma a prezzo di una più estesa limitazione della discrezionalità dei giudici comuni
4 marzo 2019
L’europeismo giudiziario: notazioni a margine di una sentenza del giudice del lavoro di Trento
di Ilario Nasso
In una fase storica in cui l’opinione pubblica e una certa politica demolitrice guardano all’Unione europea come alla causa di tutti i mali, una sentenza del giudice del lavoro di Trento, chiaramente intercetta numerosi temi particolarmente attuali: il contributo offerto dalla normativa UE alla salvaguardia dei diritti, la missione istituzionale della Corte di giustizia, il ruolo degli Stati membri nella regolamentazione del mercato
27 febbraio 2019
Dicembre 2018
di Alice Pisapia
Le più interessanti pronunce della Corte del Lussemburgo emesse a dicembre 2018
22 febbraio 2019
Novembre 2018
di Alice Pisapia
Le più interessanti pronunce della Corte del Lussemburgo emesse a novembre 2018
8 febbraio 2019