home search menu
«Per favore, parlatevi!»
Prassi e orientamenti
«Per favore, parlatevi!»
di Roberto Braccialini
presidente di Sezione del Tribunale di Genova
presidente dell’Osservatorio genovese sulla giustizia genovese JusGenova
L’intervento all’inaugurazione dell’anno giudiziario, occasione di forte sprone e auspicio di un sempre migliore coordinamento tra Ministero della giustizia e Consiglio superiore della magistratura nell’esercizio delle rispettive attribuzioni in materia di organizzazione giudiziaria

Prendo la parola per l'Osservatorio genovese sulla giustizia civile e ringrazio per lo spazio discussivo che ci è stato accordato dalla Presidenza.

Anche quest'anno parliamo, con le necessarie semplificazioni imposte dai tempi degli interventi, dei problemi organizzativi legati a due assetti strategici che rimangono parzialmente al palo: la riforma della magistratura onoraria e la normativa sull'ufficio per il processo.

Si tratta di temi che abbiamo esaminato nel corso di un convegno pubblico promosso il 23 novembre scorso dal nostro Osservatorio e dalla Formazione distrettuale dei magistrati al quale hanno preso parte i due fondamentali interlocutori della materia, anche oggi qui degnamente rappresentati, cioè il Consiglio superiore della magistratura ed il Ministero della giustizia. Anzi, ne approfitto immediatamente per dare atto che la dottoressa Fabbrini e l’avvocato Cavanna si sono impegnati moltissimo, nei loro distinti ruoli dirigenziali e consiliari, per trovare soluzioni organizzative e ordinamentali che aiutassero la nostra città in questo difficile frangente per le ben note vicende ricordate nella relazione di esordio della presidentessa Bonavia.

Le conclusioni di questa iniziativa di studio del novembre scorso sono presto dette: un forte invito ai vertici del nostro “sistema bicefalo” della giustizia per un maggiore coordinamento delle rispettive iniziative statistico/organizzative in termini che, nel campo amministrativo, potremmo indicare con l’espressione «conferenza di servizi». Per dirla in una battuta: «Per favore, parlatevi!».

Solo l'aquila asburgica era un volatile bicefalo che per qualche secolo è riuscito a svolazzare; non si ha conoscenza di altri animali a due teste che abbiano goduto di miglior fortuna e che siano stati in grado di coordinarsi su dove andare e cosa fare.

Apprendiamo oggi con viva soddisfazione dalle relazioni dei due rappresentanti che è stato creato un tavolo permanente di concertazione tra Csm e Ministero. È un tavolo da tenere sempre in caldo, a cui ci permettiamo di indirizzare un forte invito alla discussione e all’ascolto reciproco: è infatti indispensabile che anche nelle nostre materie si realizzi un maggiore coordinamento tra le iniziative che partono dal centro romano.

Così, per esemplificare, ricordiamo che nell’ultimo biennio tanto il Ministero quanto il Csm hanno promosso un loro autonomo monitoraggio sulla costituzione e dotazione degli uffici del processo, all'insaputa l'uno dell'altro e con risultati che non coprivano tutto il ventaglio delle iniziative sperimentate negli uffici giudiziari se è vero che, per dirne una, il Tribunale di Genova non risultava censito tra le sedi munite di un ufficio per il processo: quando invece già con l'ordine di servizio 111 del maggio 2015 avevamo realizzato una compiuta analisi dei modelli organizzativi delle cancellerie definendo i compiti di assistenza al magistrato necessari per un effettivo miglioramento della struttura organizzativa; per non parlare della serie ininterrotta di otto bandi per tirocini formativi ex art. 73 dl 69/2013, che hanno coinvolto decine di stagisti e hanno dato in generale presso il Tribunale un apprezzabile risultato.

Un secondo esempio di non felice sovrapposizione di iniziative lo ritroviamo nelle verifiche funzionali contestuali che sono state richieste dal Csm, per quanto riguarda la relazione annuale ex articolo 37 della legge 111 del 2011, e dal Ministero, in sede di ispezione periodica degli uffici, attualmente in corso. Disamine quasi contemporanee, per le quali non si è minimamente tenuto conto delle ripercussioni giudiziarie dei drammi e difficoltà cittadine con le loro note appendici giudiziarie (e non parlo solo del Ponte Morandi perché sono pendenti diversi processi impegnativi); con una contestualità che in questo momento sta impegnando full time le cancellerie, presso le quali non esistono specifiche dotazioni e risorse dedicate esclusivamente alle funzioni statistiche e ammnistrative.

Questa non calibrata scelta dei momenti in cui chiedere verifiche di gestione, che sono diventate per i magistrati direttivi e semidirettivi degli autentici tormentoni degni degli incombenti di una società quotata in borsa, non sono senza ricadute sulla funzionalità del “servizio giustizia”, proprio perché in questo momento le nostre cancellerie − probabilmente consapevoli che, come si diceva un tempo parlando dei rapporti tra polizia giudiziaria e procuratore della Repubblica, “dai fulmini del superiore gallonato non la protegge la toga del magistrato” − sono dedite anima e corpo a soddisfare le richieste informative degli ispettori ministeriali, rallentando il corso della normale operatività giudiziaria, l'impegno nel disbrigo degli incombenti quotidiani e le esigenze statistiche anche interne all'ufficio.

Sia chiaro. Nessuno rifiuta momenti di verifica e controllo o auspica la felice anarchia organizzativa che caratterizzava il giudiziario prima che la cultura dell’organizzazione cominciasse a penetrarvi “per li rami” in una chiave che, negli ultimi tempi, è sempre più insofferente alla cultura dell’efficienza solo apparente e numerica ed è invece oggi più attenta al valore dell’organizzazione come presidio costituzionale, ex art. 110 Cost., dei diritti fondamentali e di quelli “quotidiani e spiccioli”. Si sta semplicemente dicendo di modulare nel tempo queste fasi di verifica, lasciando più spazio per tempi e qualità del lavoro ordinario, che dovrebbe essere la prima preoccupazione da portare al tavolo di concertazione Csm-Ministero.

Certo, vi sarebbe molto da dire sulla qualità dei dati informativi che vengono raccolti in queste occasioni e sull'utilità di questa continua richiesta da entrambi gli organi di vertice di relazioni ed analisi, se è vero che – sempre in via di esempio − da almeno tre anni vengono segnalate escrescenze numeriche ancora derivanti dalla migrazione al sistema SICID, che ogni anno troviamo ripetute nei prospetti statistici che riceviamo. Per non parlare dell’irrazionalità di un sistema statistico che viaggia con caposaldi cronologici dal 1° luglio di un certo anno al 30 giugno del successivo, invece di adottare il classico schema di esercizio sull'anno solare.

Ma v'è un particolare, un dettaglio forse marginale, che fa veramente temere sistemi di analisi del tutto autoreferenziali.

Come ricordato poc’anzi dal consigliere Cavanna, il Csm ha recentemente realizzato un'approfondita analisi dell'evoluzione del processo civile telematico, davvero pregevole, e l’ha inviata a vari uffici e destinatari. Vi è, tra essi, il Ministero genericamente inteso, ma è singolare che questa notevole relazione non abbia per prima e diretta destinataria DGSIA, la Direzione generale dei sistemi informativi automatizzati: proprio il principale interlocutore al quale varrebbe la pena di sottoporre tutti i puntuali interrogativi sulle sorti del PCT e soprattutto sulla qualità dell'assistenza tecnica prestata.

Un contraddittore-litisconsorte necessario, al quale rappresentare che tutti i giorni riceviamo gli alti lamenti dei magistrati che si picchiano letteralmente con la Consolle, pazientemente segnalano gli inconvenienti e non ricevono quasi mai risposte e rimedi. Quando poi basta aprire la Consolle delle esecuzioni e fallimenti e confrontarla con il programma Fallco, per capire quanto l’auspicabilissima strada della “reinternalizzazione delle risorse”, che il Consiglio superiore prefigura nelle sue conclusioni, sia in salita: al momento, un autentico sesto grado superiore; e quanto utile sarebbe invece riprendere il percorso delle sedi-laboratorio per l’evoluzione degli applicativi, a cui Genova aveva dato in passato un contributo decisivo.

Dicevamo che il nostro convegno di novembre si è concluso con un forte invito ad un maggiore raccordo tra amministrazione e giurisdizione per l'organizzazione di servizi amministrativi. In questa prospettiva, il Csm potrebbe fare degnamente la sua parte prevedendo la quadriennalità delle tabelle e la biennalità delle relazioni sull’art. 37. All’obiezione che la legge prevede la scadenza annuale per queste ultime, si potrebbe replicare prevedendo che la relazione annuale intermedia nel biennio sia ridotta a mera compilazione statistica.

Viene adesso il turno del Ministero. Il raccordo auspicato tra amministrazione e giurisdizione è indispensabile in primo luogo per quanto riguarda le sorti della magistratura onoraria, su cui tutti gli anni ci intratteniamo perché, dopo la generale riforma del 2016 e alla faccia dei vari tavoli tecnici e politici recentemente predisposti dalla nuova compagine governativa, non è ancora chiaro se la legge 57/2017 ed il d.lgs 116/2017 avranno o meno completo seguito: voci bene informate danno per sicuro solo un rinvio della scadenza del 21 agosto 2021.

Questa incertezza incide nuovamente sui tempi giudiziari e consiliari, in quanto siamo stati graziati dal Csm per quanto riguarda il termine di consegna delle variazioni tabellari inerenti l'ufficio per il processo; però la proroga accordataci al 30 giugno 2019 per tale integrazione tabellare diventerà abbastanza vuota di significato se, sempre secondo le ultime informate voci che ci vengono dai tavoli tecnici e politici convocati, la riforma delle competenze del giudice di pace sarà ulteriormente differita.

Premesso che noi condividiamo ancora il quadro a luci e ombre che della riforma della magistratura onoraria aveva tracciato la delibera del Csm del luglio 2017, non stiamo parlando di un problema teorico o secondario, perché l'effettivo decollo della legge 57 del 2016 alla fine del periodo transitorio comporta tutta una serie di ricadute organizzative fondamentali che devono avere riscontro, ad esempio, sulla distribuzione dell’aumento di organico di 600 unità di un magistrati (e anche più esteso del personale amministrativo) previsto dalla legge di bilancio.

Da più parti, alla buona notizia di questo prossimo incremento, si è fatta presente la necessità di potenziare le corti d'appello, che sono in questo momento lo snodo più delicato per quanto riguarda i tempi processuali. Ma ci si dimentica che se veramente nell'agosto 2021 partirà a regime la revisione della competenza per materia del primo grado, con il 60% delle sopravvenienze attribuite ai giudici onorari, allora anche le funzioni d'appello dei tribunali entreranno rapidamente in crisi.

Nell'ottica redistributiva dell'aumento di organico, non si possono inoltre dimenticare quelle sedi giudiziarie che sono state dotate di sezioni a competenza distrettuale, ma a parità di organico. Parliamo degli ultimi infelici frutti della stagione delle riforme a costo zero, che ha trasferito sui tribunali del capoluogo di distretto talune competenze prima “spalmate” su tutto il distretto, in un’ottica (per noi condivisibile) di specializzazione, ma a valore di investimento dei fichi secchi portati ad un matrimonio. Il che spiega il non casuale allungamento dei tempi processuali e decisionali che si registra nel nostro Tribunale in settori strategici, come la sezione specializzata imprese e quella per la protezione internazionale: quest’ultima, in particolare, vede un organico effettivo di 2,4 magistrati impegnati sul fronte di 100 ricorsi collegiali al mese.

Concludo. Mi rendo conto che parlare di questioni organizzative, di fronte alla descrizione delle “nubi oscure” che avvolgono la giurisdizione in Polonia appena tracciato dalla collega Frackowiak; sentite le condivisibili critiche di metodo del presidente del Consiglio dell’ordine forense sul percorso non condiviso delle riforme processuali e sostanziali in gestazione; e dopo aver ascoltato la preoccupata analisi del Procuratore generale sulla messa in discussione dei diritti fondamentali nel nostro, come in molti altri ordinamenti più o meno confinanti, può apparire un vezzo eccentrico e fuori luogo, quasi come servire uova al tegamino in un pranzo di gala. Non dobbiamo dimenticare però che tutti i diritti, fondamentali e non, fanno poi i conti con le risorse umane, tecniche, finanziarie che vengono messe a disposizione, per cui non ci pare inutile continuare ad intervenire ogni anno in questa Assemblea per rappresentare le criticità dell’amministrazione giudiziaria sul piano organizzativo. Confidiamo tenacemente che il nostro contributo di analisi e di proposta possa far funzionare meglio le cose, come da sempre nello spirito “costituzionale” di tutte le attività degli Osservatori che operano nella penisola.

4 aprile 2019
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
Intelligenza artificiale applicata alla giustizia: ci sarà un giudice robot?
Intelligenza artificiale applicata alla giustizia: ci sarà un giudice robot?
di Alessandro Traversi
L’intelligenza artificiale (IA) è ormai utilizzata nei settori più disparati. L’IA potrà trovare applicazione anche in ambito giudiziario e, in particolare, nell’ambito della cd. “giustizia predittiva” per formulare previsioni sull’esito di una causa, o anche, in un prossimo futuro, per affiancare il giudice nella fase decisoria?
10 aprile 2019
Basta aggettivi!
Basta aggettivi!
di Ilio Mannucci Pacini
Ancora a proposito di valutazioni periodiche di professionalità dei magistrati
20 marzo 2019
Il valore dell’indipendenza al tempo delle leggi razziali *
di Olimpia Monaco
L’esempio di Mario Fioretti. Combattere l’immobilismo e l’assoggettamento della giurisdizione alla deriva autoritaria del potere politico significa – ieri come oggi – uscire allo scoperto contro lo “spirito del tempo”, infrangere l’autoreferenzialità e rifondare il rapporto tra legalità e giustizia
13 dicembre 2018
La magistratura al tempo delle leggi razziali *
di Piergiorgio Morosini
In un ritorno ciclico, sempre possibile, dello scarto tra giustizia e neutralità, l’ombra lunga delle leggi antiebraiche impone una rinnovata attenzione per l’assetto e i valori costituzionali. Poteri esercitati “per decreto”, remissività istituzionale, dichiarazioni di (non) appartenenza razziale sono sintomi di un’eclissi della coscienza − civile e collettiva − che porta alla persecuzione delle vite. Una lezione per il magistrato contemporaneo
28 novembre 2018
La legalità del male*
di Pasquale Serrao d’Aquino
Monito aperto al futuro e carico di implicazioni attuali, la memoria dei Giusti ha un suo capitolo illustre nella vita di quei magistrati che, mentre la dittatura fascista traeva linfa dalla declinazione giuridica e culturale della razza, sottrassero la portata dei diritti umani alla superficie ermeneutica e al silenzio, in difesa della democrazia
22 novembre 2018
La modifica della disciplina sul rientro in ruolo dei componenti 
togati del Csm: una riforma poco trasparente
La modifica della disciplina sul rientro in ruolo dei componenti togati del Csm: una riforma poco trasparente
di Marco Dall'Olio
L'abrogazione dell'art. 30, comma 2, del dPR 26 settembre 1958 n. 916 − avvenuta a fine anno 2017 mediante inserimento di un comma all'interno della legge di bilancio dello scorso anno − ha privato i magistrati del necessario dibattito preventivo sull'argomento
12 novembre 2018
Il sorteggio dei candidati Csm, una riforma incostituzionale, irrazionale, dannosa
Il sorteggio dei candidati Csm, una riforma incostituzionale, irrazionale, dannosa
di Valerio Savio
Una proposta in grado di distruggere il ruolo rappresentativo ed istituzionale del Csm. Una pubblica umiliazione/delegittimazione per la magistratura e i singoli magistrati. Una riforma cui l’Anm deve opporsi con forza, unitariamente
24 ottobre 2018
Nomine dei “laici” al Csm e negli altri Consigli di garanzia: per la trasparenza delle procedure e il rispetto dell’art. 51 Cost.
Nomine dei “laici” al Csm e negli altri Consigli di garanzia: per la trasparenza delle procedure e il rispetto dell’art. 51 Cost.
di Tania Groppi
La lettera inviata dalle costituzionaliste ai Presidenti delle Camere pone il problema della elezione, da parte del Parlamento, di 21 uomini nelle 21 posizioni disponibili, in piena sintonia con l’esortazione del Capo dello Stato, che ha ricordato alla politica che il mondo «è composto da donne e da uomini, e non soltanto dal genere maschile»
25 luglio 2018
La novella in materia di avocazione: un’occasione per riflettere sullo stato di salute della magistratura inquirente
La novella in materia di avocazione: un’occasione per riflettere sullo stato di salute della magistratura inquirente
di Stefano Musolino
Gli orizzonti prospettici dalla normativa primaria in materia di gestione delle indagini ed organizzazione degli uffici di procura, sembrano orientati verso una spiccata accentuazione dei profili di accentramento dei poteri in capo ai vertici organizzativi, con progressiva neutralizzazione dell’esercizio del cd. potere diffuso in capo ai singoli sostituti. Ma il Csm sembra consapevole dei rischi insiti in un assetto piramidale della magistratura inquirente ed in occasione della novella in tema di avocazione, coglie l’occasione per proporre − con la risoluzione del 16 maggio 2018 − interpretazioni e modelli culturali, ispirati alla condivisione sinergica tra gli uffici, invitando i dirigenti ad assumere scelte organizzative sostenibili e funzionali a garantire tempi ragionevoli per l’assunzione di scelte definitorie dei procedimenti incardinati.
21 giugno 2018
Giustizia predittiva. La qualità della giustizia in due tempi
Giustizia predittiva. La qualità della giustizia in due tempi
di Claudio Castelli* e Daniela Piana**
La giustizia predittiva, di cui già oggi si discute in molti Paesi e che viene presentata come un Giano bifronte, un grande rischio di riduzione ad una gestione automatizzata degli small claims ovvero di una differenziazione delle risposte giudiziarie che ha profili di potenziale discriminazione, è un orizzonte non più soltanto futuribile anche nel nostro Paese. Discuterne, darsi gli strumenti conoscitivi e quindi di governance per potere volgere quella che è una opportunità di cambiamento in una reale condizione di potenziamento della prevedibilità della trasparenza e del coordinamento fra sedi giudiziarie, nel pieno rispetto delle garanzie costituzionali di autonomia del giudice, è una priorità che questo lavoro mette al centro del dibattito della magistratura italiana e di tutti i protagonisti del mondo della giustizia.
15 maggio 2018
Newsletter


Fascicolo 4/2018
Una giustizia (im)prevedibile?

Il dovere della comunicazione
Prassi e orientamenti
Intelligenza artificiale applicata alla giustizia: ci sarà un giudice robot?
Intelligenza artificiale applicata alla giustizia: ci sarà un giudice robot?
di Alessandro Traversi
L’intelligenza artificiale (IA) è ormai utilizzata nei settori più disparati. L’IA potrà trovare applicazione anche in ambito giudiziario e, in particolare, nell’ambito della cd. “giustizia predittiva” per formulare previsioni sull’esito di una causa, o anche, in un prossimo futuro, per affiancare il giudice nella fase decisoria?
10 aprile 2019
Tutela dei diritti e spirito del popolo
Tutela dei diritti e spirito del popolo
di Marco Patarnello
L’interpretazione creativa di diritti non è priva di costi. Talvolta essi sono chiari (ampliamento della sfera giuridica di un soggetto e riduzione di quella di un altro soggetto), talaltra non sono evidenti e compete ad un interprete accorto esplorarne tutte le implicazioni, soprattutto nell’ambito del processo penale
15 marzo 2019
Il problema della divulgazione delle notizie giudiziarie
Il problema della divulgazione delle notizie giudiziarie
di Piero Gaeta
La prospettiva filosofica è un'ulteriore faglia degna di attenzione di questa delicata questione. Non solo e non tanto nel tradizionale rapporto tra autorità ed individuo, quanto del senso filosofico odierno della comunicazione-evento e delle sue implicazioni antropologiche
7 marzo 2019
Per una riforma del processo penale all'insegna di una comune cultura della giurisdizione
Per una riforma del processo penale all'insegna di una comune cultura della giurisdizione
di Paolo Borgna
La giustizia ha bisogno di un organico intervento riformatore, preparato da un movimento culturale ampio e profondo, sostenuto da quella cultura della giurisdizione che accomuna avvocati e magistrati
18 febbraio 2019
La maledizione di Kirchmann, ovvero che ne sarà del danno differenziale
La maledizione di Kirchmann, ovvero che ne sarà del danno differenziale
di Marco Rossetti
La riforma introdotta con l’art. 1, comma 1126 della legge n.145 del 2018 altera i principi definiti dalle supreme Corti in tema di diritto al risarcimento del danno differenziale in caso di infortunio sul lavoro, sollevando concreti dubbi di costituzionalità
6 febbraio 2019
Il Protocollo di dialogo fra Alte corti italiane, Csm e Corte Edu a confronto con il Protocollo n. 16 annesso alla Cedu. Due prospettive forse inscindibili
Il Protocollo di dialogo fra Alte corti italiane, Csm e Corte Edu a confronto con il Protocollo n. 16 annesso alla Cedu. Due prospettive forse inscindibili
di Roberto Giovanni Conti
Un’analisi ragionata sul valore e l’efficacia dei Protocolli d’intesa conclusi fra le Alte Corti nazionali e la Corte Edu, prima dell’entrata in vigore del Protocollo n. 16 annesso alla Cedu, consente all’Autore di riflettere sulla portata dei diversi strumenti che vedono a vario titolo coinvolti i giudici nazionali e sovranazionali, oltre al Consiglio superiore della magistratura
30 gennaio 2019