home search menu
La vendita dei beni confiscati? In questo modo, no grazie
Leggi e istituzioni
La vendita dei beni confiscati? In questo modo, no grazie
di Francesco Gianfrotta
Fondazione Osservatorio Agromafie
Per risolvere il problema dei beni confiscati che non trovano un fruttuoso utilizzo, il dl sicurezza punta alla vendita: con rischi gravi che i mafiosi tornino in possesso di quanto loro sottratto, usando prestanomi. Cautele ridicole e inviti all’ottimismo: queste le nuove frontiere della lotta alle mafie e alle più gravi forme di illegalità che ci riserva il Governo in carica

La confisca dei beni e aziende appartenuti ai mafiosi è un istituto della nostra legislazione penale molto apprezzato all’estero. Da parte sua, il legislatore italiano ha dimostrato di credere fortemente nella utilità, per una effettiva affermazione della legalità, del contrasto all’accumulazione di ricchezze di origine illecita, estendendo sequestro e confisca dai reati di mafia ad altri gravi reati, quali ad esempio la grande evasione fiscale e quelli contro la pubblica amministrazione.

Tutto bene, allora? Non proprio. I numeri potrebbero giustificare giudizi ampiamente positivi. Dal sito internet dell’Agenzia nazionale per i beni sequestrati e confiscati (Anbsc), l’ente che, dal momento della confisca disposta dal giudice d’appello gestisce beni e aziende fino alla loro destinazione, risulta che, alla data del 26 settembre 2018, gli immobili in gestione erano 17.882; gli immobili destinati, 14.381; le aziende in gestione, 3.013; le aziende destinate, 937; gli immobili destinati nel 2018, 1.140; le aziende destinate nel 2018, 50 (gli ultimi due dati sono aggiornati al 3 settembre 2018). Numeri che dimostrano il fortissimo impegno dello Stato (organi investigativi e giudiziari) nel dare attuazione alla scelta strategica del legislatore, ma che fanno pensare ad una inevitabile fatica dell’Anbsc nel far fronte ai suoi compiti istituzionali, pur dopo gli aumenti di organico dei quali essa è stata destinataria.

Quali le conseguenze? Una prima, paradossale. Una legislazione che è al centro di una consapevole scelta di contrasto alle più gravi forme di illegalità diffuse nel nostro Paese presenta ampie zone di ineffettività. Intendiamoci. Numerosi sono i casi di immobili sottratti ai mafiosi, che ospitano ad esempio centri di assistenza per anziani o per il recupero di tossicodipendenti; e di aziende, una volta in mano alle mafie, oggi gestite da cooperative che ad esempio stanno sul mercato e sono impegnate, tra l’altro, nella diffusione dell’agricoltura della biodiversità. Ciò dimostra che la scelta operata nel 1996, della destinazione a finalità sociali dei beni confiscati, fu giusta e, a distanza di anni, va difesa senza riserve. E però numerosi sono anche i casi di beni che, rimanendo in sequestro, deperiscono prima della confisca definitiva, che giunge all’esito di tre gradi di giudizio; oppure di altri che, dopo la confisca e, perfino dopo il provvedimento di destinazione al comune, attendono a lungo prima di diventare luogo di attività di interesse sociale o di natura istituzionale (caserme delle forze di polizia o delle forze armate). Per non parlare di tante aziende, rapidamente declinanti fino alla decozione. In questi casi, occorre essere impietosi nel giudizio: si tratta di casi di sconfitta per lo Stato. L’affermazione della legalità non può ritenersi realizzata con il semplice intervento repressivo, quale è l’apposizione dei sigilli conseguenti al sequestro, e neppure con il provvedimento di confisca che definisce il procedimento giudiziario. Se a quei provvedimenti segue una lunga fase di abbandono, è probabile che, in seguito, non ci saranno risorse sufficienti da spendere per far partire attività utili sul piano sociale o istituzionale, o da investire per far rinascere una impresa che sia capace di produrre sviluppo e occupazione nella legalità. Il risultato che sempre una efficace lotta alle mafie ed alle altre forme di illegalità dovrebbe assicurare, e cioè il consenso per l’azione dello Stato, viene ad essere pregiudicato: si dirà da parte di molti che si stava meglio quando si stava peggio!

Anche di queste problematiche si occupa il recente decreto-legge del Governo in materia di sicurezza [1]. Lo fa prevedendo che, nei casi in cui si rivelino impraticabili le altre forme di destinazione previste dal codice antimafia, si proceda alla vendita dell’immobile confiscato al migliore offerente. Si tratta di una soluzione che certamente avrebbe il pregio di sbloccare molte situazioni in fase di stallo [2]. E però, per il modo in cui essa si configura nel testo del decreto legge, è lecito non solo avanzare al riguardo critiche, ma lanciare un vero e proprio allarme. Il Governo stesso mostra di darsi carico di un pericolo: che, profittandosi della nuova opportunità costituita dalle procedure di vendita ai privati, dei beni confiscati tornino in possesso i mafiosi ai quali essi erano stati sottratti, o persone a loro vicine, oppure loro prestanomi, o comunque soggetti in rapporto con ambienti criminali. Sarebbe, all’evidenza, una beffa per lo Stato e per i cittadini onesti, da evitare senza incertezze. Tuttavia, pur esplicitando questa preoccupazione, il Governo mostra di volere apprestare una cautela la cui inadeguatezza è clamorosa. È infatti previsto che, per contrastare quel rischio, si applicheranno le norme già in vigore sulla informativa antimafia [3]. Ora, sono due le osservazioni imposte dalla lettura della modifica normativa proposta dal Governo. La prima. L’informativa antimafia, costituita da certificati e auto-certificazioni, pensata da sempre per evitare che appalti e forniture pubbliche finiscano ai mafiosi, pur dopo le modifiche più recenti, continua ad essere un’arma spuntata: dà fastidio agli imprenditori onesti, che debbono misurarsi con i tempi della burocrazia per svolgere la loro attività, ma non fa paura ai mafiosi, che riescono ad eluderla, ad esempio, con il meccanismo dei sub-appalti. Figuriamoci se ci si possa accontentare di questa documentazione se, ad esempio, si voglia verificare, come sarebbe doveroso per evitare i rischi che il Governo dice di volere evitare, se uno studio professionale di Milano o Torino intenda acquistare un bene confiscato non per sé, ma per conto di una cosca ’ndranghetista o di un clan camorristico o di Cosa Nostra! Per evitare ciò occorrerebbe ben altro: sarebbero necessarie indagini penetranti, in grado di accertare rapporti, clienti, affari, di soggetti certamente privi di precedenti e pendenze giudiziarie; indagini proiettate sul presente e sul futuro, che non potrebbero essere sostituite da documenti per loro natura muti su questo versante. Né può rassicurare la possibilità di ricorrere ad un nuovo sequestro, qualora l’acquirente, in seguito, risulti essere chi non avrebbe dovuto essere, stando a quanto lo stesso decreto legge vorrebbe evitare: non ci si può, davvero, permettere il lusso di ricominciare da capo ciò che già una volta è costato lavoro difficile e risorse pubbliche. Senza contare che un efficace deterrente rispetto all’eventualità che i mafiosi coltivino il progetto di tornare in possesso di quanto è stato loro sottratto potrebbe essere rappresentato da norme precise e stringenti sulla destinazione a finalità sociali o istituzionali del ricavato delle vendite. Difficile che i mafiosi ci provino, sapendo che, in quel modo, potrebbero dare − allo Stato − i mezzi per aprire un’altra stazione dei Carabinieri in un territorio, oppure − ad una associazione di giovani determinati a sfidarne il potere − le risorse per fare antimafia sociale e culturale.

Fin qui le riserve sul decreto sicurezza per ragioni di merito. Ma c’è una riserva da formulare, forse ancora più importante, in quanto relativa al metodo scelto. Solo con un artificio retorico, ispirato da esigenze di propaganda, si possono mettere insieme, nell’unico calderone del bisogno di sicurezza, questioni assai diverse: dalla estensione del Daspo, ai permessi per i rifugiati; dall’armamento delle forze di polizia, allo sgombero degli alloggi di proprietà pubblica [4]. E pare davvero arduo affiancare concettualmente a queste materie le problematiche della gestione e destinazione dei beni e aziende confiscate. Con due ulteriori riflessioni da fare. La prima. Il decreto-legge, specie se intervenga in materie cosi eterogenee, non si presta per nulla ad una disamina approfondita della tematica qui affrontata, dovendosi rispettare il termine previsto dalla Costituzione (60 giorni), di conversione in legge da parte delle Camere. Se non se ne stralcia questa parte, è facile immaginare il ricorso alla solita questione di fiducia per salvare un risultato politico al quale si tiene, così superando qualche eventuale maldipancia della maggioranza di governo e comunque strozzando ogni discussione. Eppure, in tema di lotta alla mafia, l’esperienza dimostra che il più largo consenso sulle iniziative da realizzare è un valore da perseguire per dare loro forza e stabilità. Qui è la seconda riflessione. Sulle ipotesi di vendita ai privati dei beni confiscati che non si riesca a destinare diversamente, non manca nella società civile qualche riserva di principio. In questi casi c’è una sola cosa da fare: sviluppare una discussione non astratta, ma che si misuri su proposte specifiche. Per esempio, potrebbe essere utile a far ritenere la vendita a privati non una bestemmia, una norma che ne disciplinasse in modo serio la procedura, includendovi – quale condizione vincolante − l’esito di indagini che accertassero l’assenza di quei pericoli dei quali si è detto. Bisognerebbe discuterne in modo approfondito. È disponibile il Governo a farlo? In un recente workshop svoltosi sul tema nel Villaggio Coldiretti di Roma, allo scrivente che rappresentava l’inidoneità dell’informativa antimafia ad evitare che i beni confiscati tornassero ai mafiosi, il Ministro dell’agricoltura ha ritenuto di rispondere che, nella lotta alla mafia, occorre avere «ottimismo»! Proprio così. Ottimismo fondato su cosa? Sulle capacità dei nostri investigatori? Certo che sì. Peccato che nel decreto-legge si parli d’altro. Sull’utilità dell’informativa antimafia? Un po’ poco per rassicurare gli onesti e creare consenso sulle soluzioni pensate e messe in campo.



[1] Ci si riferisce al decreto legge 4 ottobre 2018, n. 113, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 231, del 4 ottobre 2018.

[2] Cfr. l’art. 36 del decreto legge cit., intitolato: Razionalizzazione delle procedure di gestione e destinazione dei beni confiscati.

[3] La norma citata sub 2, al terzo comma, modifica i commi 5-6-7 dell’art. 48 del decreto legislativo 6 settembre 2011, n. 159 (cd. codice antimafia).

[4] Il decreto legge citato si intitola: Disposizioni urgenti in materia di protezione internazionale e immigrazione, sicurezza pubblica, nonché' misure per la funzionalità del Ministero dell'interno e l'organizzazione e il funzionamento dell'Agenzia nazionale per l'amministrazione e la destinazione dei beni sequestrati e confiscati alla criminalità organizzata.

29 ottobre 2018
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
La modifica della disciplina sul rientro in ruolo dei componenti 
togati del Csm: una riforma poco trasparente
La modifica della disciplina sul rientro in ruolo dei componenti togati del Csm: una riforma poco trasparente
di Marco Dall'Olio
L'abrogazione dell'art. 30, comma 2, del dPR 26 settembre 1958 n. 916 − avvenuta a fine anno 2017 mediante inserimento di un comma all'interno della legge di bilancio dello scorso anno − ha privato i magistrati del necessario dibattito preventivo sull'argomento
12 novembre 2018
Luci ed ombre di una riforma a metà: i decreti legislativi 123 e 124 del 2 ottobre 2018
Luci ed ombre di una riforma a metà: i decreti legislativi 123 e 124 del 2 ottobre 2018
di Marcello Bortolato
Il 10 novembre 2018, entra in vigore la riforma dell’Ordinamento penitenziario. Anticipiamo dal numero 3/2018 di Questione Giustizia Rivista trimestrale questo analitico commento dei decreti legislativi che hanno coagulato il vasto programma di riforma avviato dall’esperienza degli Stati generali dell’esecuzione penale. Punti di forza (pochi) e punti di debolezza (tanti) di un testo legislativo con cui gli interpreti (magistrati, avvocati, operatori del penitenziario) dovranno confrontarsi
9 novembre 2018
Il sorteggio dei candidati Csm, una riforma incostituzionale, irrazionale, dannosa
Il sorteggio dei candidati Csm, una riforma incostituzionale, irrazionale, dannosa
di Valerio Savio
Una proposta in grado di distruggere il ruolo rappresentativo ed istituzionale del Csm. Una pubblica umiliazione/delegittimazione per la magistratura e i singoli magistrati. Una riforma cui l’Anm deve opporsi con forza, unitariamente
24 ottobre 2018
Il giudice dei diritti
Il giudice dei diritti
di Marco Del Gaudio
La legittimazione autonoma della giurisdizione è un dato necessario che deriva dal suo ruolo di controllo sull’esercizio illegale del potere, a prescindere dalla “quantità di volontà popolare” che ha contribuito a legittimare quel potere di Governo. Nessun consenso rende lecito un atto di Governo contrario alle regole, ed è essenziale che la violazione sia accertata, riconosciuta e stigmatizzata in sede giurisdizionale. A maggior ragione nessun consenso, per quanto maggioritario o pressoché unanime, potrebbe rendere lecito un comportamento previsto dalla legge come reato
14 settembre 2018
Salvini come Eichmann?*
di Alessandro Simoni
Il contratto di Governo e le esternazioni del ministro dell'Interno sembrano voler riproporre, a dieci anni esatti dall'”emergenza nomadi”, una presunzione di pericolosità su base etnica basata su grossolani stereotipi, ora riproposti anche in forme “eleganti” ammantate di “realismo” e “oggettività”. Per non farsi disorientare dal restyling di vecchie banalità, è importante aver presenti i termini effettivi del problema e gli antefatti storici
6 luglio 2018
La novella in materia di avocazione: un’occasione per riflettere sullo stato di salute della magistratura inquirente
La novella in materia di avocazione: un’occasione per riflettere sullo stato di salute della magistratura inquirente
di Stefano Musolino
Gli orizzonti prospettici dalla normativa primaria in materia di gestione delle indagini ed organizzazione degli uffici di procura, sembrano orientati verso una spiccata accentuazione dei profili di accentramento dei poteri in capo ai vertici organizzativi, con progressiva neutralizzazione dell’esercizio del cd. potere diffuso in capo ai singoli sostituti. Ma il Csm sembra consapevole dei rischi insiti in un assetto piramidale della magistratura inquirente ed in occasione della novella in tema di avocazione, coglie l’occasione per proporre − con la risoluzione del 16 maggio 2018 − interpretazioni e modelli culturali, ispirati alla condivisione sinergica tra gli uffici, invitando i dirigenti ad assumere scelte organizzative sostenibili e funzionali a garantire tempi ragionevoli per l’assunzione di scelte definitorie dei procedimenti incardinati.
21 giugno 2018
Taglio dei Tribunalini, la voglia di tornare al passato e i silenzi dell’Anm
Taglio dei Tribunalini, la voglia di tornare al passato e i silenzi dell’Anm
di Donatella Stasio
Nel «contratto per il Governo del cambiamento» si dice che «occorre rivisitare la geografia giudiziaria, modificando la riforma del 2012». Ma dal 2014 ad oggi quella riforma ha fatto risparmiare 70 milioni di euro all’anno e ha contribuito a ridurre la durata delle cause civili da 478 giorni a 375, compresi i procedimenti per decreto ingiuntivo, senza i quali, invece, secondo il ministero della Giustizia si è comunque passati da 1044 giorni a 914. Perché l’Anm tace e non difende quella epocale riforma?
18 giugno 2018
La confusione dei crediti erariali dopo la confisca di prevenzione
La confusione dei crediti erariali dopo la confisca di prevenzione
di Luigi Petrucci
La risoluzione n. 114/E emanata dall’Agenzia delle entrate il 31 agosto 2017 detta l’interpretazione dell’art. 50, comma 2, d.lgs n. 159/2011 in tema di confusione dei crediti erariali alla quale si dovranno attenere gli uffici finanziari. Pur essendo un atto formalmente volto all’interpretazione della normativa vigente, il modo innovativo in cui affronta molte delle questioni che si erano poste nella prassi e nei commenti dottrinali lo rende un atto sostanzialmente innovativo dell’ordinamento, destinato ad incidere in modo profondo nell’amministrazione dei beni in sequestro e nella fase di verifica e pagamento dei crediti sorti ante e post sequestro. L’articolo si propone di illustrare le novità in materia e le ricadute sugli adempimenti fiscali dell’amministratore giudiziario in continuità con un precedente intervento dell'Autore su questa Rivista*
15 giugno 2018
Tanti auguri alla Repubblica
Tanti auguri alla Repubblica
di Renato Rordorf
La festa della Repubblica coincide quest’anno con la grave crisi istituzionale provocata dalla mancata formazione del Governo auspicato dalle due forze politiche che hanno maggiormente beneficiato dell’esito della recente consultazione elettorale. Il rifiuto da parte del Capo dello Stato di avallare la nomina di uno dei ministri indicati da dette forze politiche ha innescato una polemica violentissima e persino la prospettata messa in stato d’accusa del presidente della Repubblica. La gravità della crisi non dipende dalla difficoltà di formare un Governo in grado di ottenere la fiducia del Parlamento, quanto piuttosto nella messa in discussione delle prerogative e dei poteri del Capo dello Stato, le cui decisioni possono essere criticate ma che non dovrebbe essere delegittimato in nome di una pretesa supremazia della volontà popolare impersonata dai partiti vittoriosi nelle elezioni. È in gioco la tenuta dell’assetto costituzionale. Occorre perciò davvero fare fervidi auguri il 2 giugno alla Repubblica, nel giorno del suo compleanno
30 maggio 2018
Benessere organizzativo e tutela della genitorialità, i rischi di una disciplina a metà
Benessere organizzativo e tutela della genitorialità, i rischi di una disciplina a metà
di Emanuele Mancini
In molti ci siamo chiesti quali effetti potesse avere l’inserimento nella nuova Circolare tabelle per il triennio 2017/2019 di un titolo specifico sul tema in esame senza un adeguato coordinamento con la parte relativa al funzionamento del servizio ed all’organizzazione in senso stretto degli uffici. Il caso trattato nel presente articolo costituisce probabilmente la risposta sbagliata ad un tema delicato cui occorre trovare soluzioni slegate da logiche particolari, ma nell’esclusivo interesse del bene comune del migliore servizio di giustizia da garantire ai cittadini.
5 marzo 2018
Newsletter


Fascicolo 2/2018
L’ospite straniero.
La protezione internazionale
nel sistema multilivello di tutela
dei diritti fondamentali
Leggi e istituzioni
Luci ed ombre di una riforma a metà: i decreti legislativi 123 e 124 del 2 ottobre 2018
Luci ed ombre di una riforma a metà: i decreti legislativi 123 e 124 del 2 ottobre 2018
di Marcello Bortolato
Il 10 novembre 2018, entra in vigore la riforma dell’Ordinamento penitenziario. Anticipiamo dal numero 3/2018 di Questione Giustizia Rivista trimestrale questo analitico commento dei decreti legislativi che hanno coagulato il vasto programma di riforma avviato dall’esperienza degli Stati generali dell’esecuzione penale. Punti di forza (pochi) e punti di debolezza (tanti) di un testo legislativo con cui gli interpreti (magistrati, avvocati, operatori del penitenziario) dovranno confrontarsi
9 novembre 2018
Al centro, il Giudice. La Corte costituzionale ed il Jobs act
Al centro, il Giudice. La Corte costituzionale ed il Jobs act
di Rita Sanlorenzo* e Anna Terzi**
Con la sentenza n. 194/2018, che dichiara l’illegittimità costituzionale dell’art. 3, comma 1, del decreto legislativo 4 marzo 2015, n. 23 (cd. Jobs act) relativamente alla previsione di un automatismo collegato all’anzianità di servizio per la liquidazione dell’indennità in caso di licenziamento illegittimo, la Corte costituzionale riafferma l’ineludibilità del potere discrezionale del giudice nell’individuare il punto di equilibrio nel bilanciamento tra i diversi principi costituzionali
9 novembre 2018
Il ddl Pillon: adultocentrismo e conflitti tra generi e generazioni
Il ddl Pillon: adultocentrismo e conflitti tra generi e generazioni
di Stefano Celentano
Le premesse a corredo del ddl rendono “plastica” l’emersione di una “impostazione culturale” sulla regolamentazione della crisi delle famiglie differenziata, rispetto al passato, da svilenti categorie di pensiero. La pericolosa tendenza adultocentrica che imbriglia i minori in logiche di dominio e prevaricazione, rende il testo di legge in discussione un rigido manuale d’uso che burocratizza l’alta funzione genitoriale e riduce il minore ad un oggetto di contesa
8 novembre 2018
Costituzione e “trattamenti” penitenziari differenziati *
di Davide Galliani
Una riflessione originale e radicale sul 41-bis, sui trattamenti differenziati, sui loro presupposti e sui “decisori” effettivi, con la Costituzione antropocentrica a fare da bussola
7 novembre 2018
Ddl “Anticorruzione” e riforma della prescrizione: l’importanza di un confronto a difesa delle garanzie e di tutti i principi costituzionali del giusto processo
Ddl “Anticorruzione” e riforma della prescrizione: l’importanza di un confronto a difesa delle garanzie e di tutti i principi costituzionali del giusto processo
di Eriberto Rosso
Le riforme proposte per il contrasto alla corruzione e per l’arresto della prescrizione dopo la sentenza di primo grado ripropongono una visione giustizialista del processo penale, incentrata sull’inasprimento delle pene e realizzata con l’abbattimento delle garanzie. L’Avvocatura, impegnata nella difesa e nella promozione dei valori del diritto penale liberale e del giusto processo, chiama al confronto tutta la comunità degli operatori del diritto per impedire che finisca all’angolo la cultura dei diritti e delle garanzie
4 novembre 2018
Il modello inclusivo di Riace e la nostra identità costituzionale ed europea