home search menu
Giurisprudenza e documenti
L’incostituzionalità della Fini-Giovanardi. Non solo “accademia”
di Andrea Natale
Giudice del Tribunale di Torino
A margine della direttiva del Procuratore della Repubblica di Lanciano
L’incostituzionalità della Fini-Giovanardi. Non solo “accademia”

Come noto, con la sentenza n. 32/2014 (pubblicata sulla G.U., 1^ serie speciale del 5 marzo 2014), la Corte costituzionale ha dichiarato l’illegittimità costituzionale delle modifiche apportate all’art. 73 D.P.R. n. 309/1990 dalla legge n. 49/2006. È anche certamente noto che la sentenza della Consulta ha determinato la «reviviscenza» delle disposizioni in vigore prima dell’entrata in vigore della c.d. legge Fini-Giovanardi. Ma è altrettanto noto che la questione si complica di molto, dovendo considerare le modifiche che – successive all’entrata in vigore della c.d. Fini-Giovanardi – non risultano affette dai vizi propri di quella novella censurata dalla Corte costituzionale. Tra esse – primariamente, ma non solo – la recente modifica dell’art. 73, comma 5, D.P.R. n. 309/1990, introdotta con d.l. n. 146/2013 (poi convertito con legge n. 10/2014).

La sentenza avrà verosimilmente un impatto estremamente rilevante sui destini giudiziari di molte persone, tuttora sottoposte a giudizio e, forse (ma la questione, tecnicamente si presenta molto delicata), anche sui destini - in sede di esecuzione penale - di molte persone già giudicate con sentenza irrevocabile.

Ragionare sugli effetti della sentenza della Consulta, dunque, non è operazione di pura speculazione accademica.

Pubblichiamo allora – per il rilievo del documento – l’amplissima nota predisposta da Francesco Menditto, Procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Lanciano, in cui si affrontano molte delle questioni rilevanti e in cui si propongono le conseguenti linee guida operative (il documento – per esplicita indicazione – è una “prima versione”, frutto del confronto tra Procuratore della Repubblica ed i colleghi sostituti procuratori di quell'Ufficio ed è dichiaratamente aperta a rimeditazioni e adeguamenti ai futuri sviluppi giurisprudenziali e, eventualmente, legislativi).

Nel documento allegato si ragiona sull’impatto della sentenza della Corte sui processi pendenti; sulle conseguenti questioni di individuazione della disciplina concretamente applicabile nel processo; sui riflessi relativi alle vicende cautelari; sulle conseguenze processuali che si possono determinare sulle imputazioni già formulate; sulla questione della disciplina applicabile per i fatti di lieve entità aventi ad oggetto cd. droghe leggere per fatti commessi successivamente all’entrata in vigore del decreto legge. In esso sono comprese anche utili tabelle, capaci di dare un’immagine immediatamente comprensibile delle possibili soluzioni proposte. Ma nel documento si ragiona altresì del possibile impatto sui processi già definiti con sentenza irrevocabile.

Prima di rimandare – direttamente e senza ulteriori commenti – alla lettura dell’analisi effettuata dal Procuratore della Repubblica di Lanciano, è però il caso di svolgere un’ultima considerazione. Il documento che leggerete in allegato è una manifestazione – frutto di una scelta della riforma dell’ordinamento giudiziario risalente al 2006 – del c.d. potere gerarchico che ciascun procuratore capo può esercitare per “governare” l’attività della procura da lui diretta.

Ma – leggendo il documento – si comprende nitidamente che esso – più che esercizio di un potere  – costituisce esercizio della responsabilità istituzionale che il Procuratore della Repubblica avverte: impartire linee guida, per rendere omogenea “l’azione” dell’Ufficio di Procura, onde governare con razionalità le modalità di esercizio dell’azione penale (con evidenti ricadute, dunque, sull’eguaglianza di trattamento degli imputati).

Ma – e qui è il dato che si intende valorizzare – il documento in esame, pur assunto dal Procuratore (e, dunque, espressione della sua responsabilità direttiva), è il frutto di un confronto e di un approfondimento che il procuratore ha attivato con tutti i colleghi dell’Ufficio.

È una piccola traccia di un dato culturale che, però, è di grande rilievo. Al dirigente di un Ufficio giudiziario sono assegnati grandi poteri. Possono esservi dirigenti che li esercitano come tali (come nudo potere); vi sono dirigenti che “interpretano e vivono” quei poteri come esercizio di responsabilità, assunta all’esito di un confronto collettivo (come si suol dire, di gestione partecipata degli uffici giudiziari). E questo è un modello nel quale ci piace riconoscerci.

Buona lettura!

 

8 marzo 2014
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
La coltivazione di cannabis tra tipicità e offensività. Commento a Cass., Sez. 3, 22 febbraio 2017, n. 36037
La coltivazione di cannabis tra tipicità e offensività. Commento a Cass., Sez. 3, 22 febbraio 2017, n. 36037
di Giulia Caveglia
Mentre la giurisprudenza di legittimità discute sulla legittimità o meno delle condotte di detenzione e cessione della cannabis sativa L (cannabis light), ritornare a questa sentenza appare importante per ripercorrere tutti gli orientamenti in materia di coltivazione non autorizzata e, più in genere, di offensività penale nel campo delle sostanze stupefacenti
21 febbraio 2019
I dubbi di legittimità costituzionale della disciplina sanzionatoria in materia di sostanze stupefacenti
I dubbi di legittimità costituzionale della disciplina sanzionatoria in materia di sostanze stupefacenti
di Davide Barbagiovanni
L'autore ripercorre le tappe che hanno delineato una disciplina sanzionatoria che appare il frutto non di scelte consapevoli del legislatore, bensì della stratificazione di interventi del legislatore e della Consulta che sollevano delicate questioni di compatibilità con alcuni principi costituzionali
7 febbraio 2017
Tipicità e offensività in concreto nella coltivazione di cannabis
I limiti ponderali per il riconoscimento del quinto comma dell'art.73 testo unico stupefacenti
Alla Consulta il trattamento sanzionatorio in materia di stupefacenti
I problemi dell'incostituzionalità della Fini-Giovanardi: il catalogo è questo. Forse...
di Andrea Natale
Un primo commento sui temi affrontati – in quattro decisioni – dalle Sezioni unite all’udienza del 26.2.2015, di cui sono oggi note solo le informazioni provvisorie. Alcuni problemi sono forse risolti, ma nuovi problemi interpretativi si affacciano all’orizzonte
28 febbraio 2015
Le Sezioni Unite tornano a pronunciarsi sugli effetti della sentenza della Corte costituzionale n. 32/2014 sulla legislazione vigente
di Luigi Barone e Matilde Brancaccio
La sentenza n.44895, Pinna, esclude l’incidenza “ora per allora” sui termini cautelari di fase della declaratoria di incostituzionalità della disciplina sugli stupefacenti risalente al d.l. n. 272 del 2005, aderendo alla tesi del rapporto cautelare a struttura frazionata
18 novembre 2014
Ancora sulle conseguenze dell'incostituzionalità della Fini-Giovanardi: incidenti di esecuzione e sentenze di patteggiamento
Un intervento del Tribunale di Torino in ordine alla possibilità e alle modalità di rideterminazione della pena applicata in relazione al delitto di cui all'art.73, comma 5, D.P.R. n. 309/1990
14 ottobre 2014
Newsletter


Fascicolo 2/2019
Famiglie e Individui. Il singolo nel nucleo

Il codice della crisi d’impresa e dell’insolvenza: idee e istituti
Giurisprudenza e documenti
La trasparenza negata. Commento a Tar Lazio n. 5714/2019
La trasparenza negata. Commento a Tar Lazio n. 5714/2019
di Salvatore Messineo
Il potere di archiviazione pre-disciplinare del P.G. è libero da controlli e gli atti di archiviazione sono inconoscibili con lo strumento dell’accesso civico generalizzato
7 ottobre 2019
CTU, svolta in primo grado e vaglio di ammissibilità dell’appello ai sensi dell’art. 342 cpc nella più recente giurisprudenza della Cassazione
CTU, svolta in primo grado e vaglio di ammissibilità dell’appello ai sensi dell’art. 342 cpc nella più recente giurisprudenza della Cassazione
di Isabella Mariani
Prendendo spunto dalla recente ordinanza della Cassazione, sezione VI, n. 97/2019, l’autrice esamina la giurisprudenza di legittimità in ordine al rapporto tra la sentenza di primo grado che fa proprie le conclusioni nel merito della consulenza tecnica di ufficio e il contenuto dell’atto di appello che censura la decisione, alla stregua dei principi dettati dall’art. 342 cpc e interpretati dalla giurisprudenza della SC, in tema di ammissibilità dell’appello
23 settembre 2019
Ancora sull’esecuzione su beni di Stato estero
Ancora sull’esecuzione su beni di Stato estero
di Luca Baiada
Brevi note a Cassazione Civile, III Sezione, 25 giugno 2019, n. 21995
20 settembre 2019
Fecondazione post mortem: il figlio nato a seguito del ricorso a tecniche di pma dopo la morte del padre ha diritto al cognome paterno
Fecondazione post mortem: il figlio nato a seguito del ricorso a tecniche di pma dopo la morte del padre ha diritto al cognome paterno
di Federica Panno
Nota a Cassazione Civile, I Sezione, 15 marzo 2019 (dep. 15 maggio 2019), n. 13000, Pres. M. Acierno, Rel. E. Campese
13 settembre 2019
Le Sezioni unite sulla cannabis light. Una prima lettura
Le Sezioni unite sulla cannabis light. Una prima lettura
di Davide Barbagiovanni
La cannabis light tra legge, giudici, principio di offensività in astratto e in concreto e alcune occasioni mancate
24 luglio 2019
Licenziamenti disciplinari e contrattazione collettiva tra realtà e immaginazione
Licenziamenti disciplinari e contrattazione collettiva tra realtà e immaginazione
di Alberto Piccinini
Note critiche a proposito della sentenza Cass., Sezione Lavoro, n. 12365 del 9 maggio 2019
23 luglio 2019