Magistratura democratica
Leggi e istituzioni
Intercettazioni e privacy: dalle circolari delle Procure di Roma, Torino e Napoli soluzioni utili per il legislatore
di Giuseppe Cascini
Sostituto procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Roma
Pubblichiamo le disposizioni emanate dai procuratori di Roma, Torino e Napoli: indicazioni efficaci che andrebbero recepite nel ddl governativo in discussione al Senato

In ogni occasione in cui un’inchiesta giudiziaria getta una luce su quel sottobosco di malaffare, di connivenze e di collusioni nella gestione di pubbliche funzioni, che purtroppo sembra essere una costante della nostra società, puntualmente si riaccende il dibattito politico sulla riforma delle intercettazioni e sulla necessità di garantire il diritto alla riservatezza dei cittadini.

E ogni volta sembra che il problema non sia la corruzione, con tutto quello che si porta dietro in termini di alterazione delle regole della libera concorrenza, lievitazione dei costi delle opere pubbliche, scarsa qualità dei servizi resi ai cittadini. Il problema sono le intercettazioni.

Il dramma del nostro Paese non è il degrado etico della pubblica funzione, ma sono le indagini che lo disvelano. Insomma il problema non è la malattia, ma è il medico che fa la diagnosi (o lo strumento tecnico che consente di farla).

I diversi disegni di legge discussi in questi anni in Parlamento dimostrano come l’esigenza di tutelare la privacy sia sempre stata in realtà solo un pretesto per incidere, limitandolo, sullo strumento investigativo delle intercettazioni.

E non si sottrae a questo rischio nemmeno il disegno di legge governativo attualmente in discussione in Senato, che pubblichiamo di seguito (IL DDL), il quale per la eccessiva genericità dei criteri direttivi si presta ad essere utilizzato, in sede di attuazione della delega, anche per interventi di limitazione nell’uso dello strumento investigativo.

Eppure non sarebbe stato difficile, per un legislatore che avesse davvero avuto a cuore la privacy dei cittadini coinvolti nelle intercettazioni, intervenire sul tema della diffusione delle intercettazioni non rilevanti per il processo secondo le indicazioni più volte offerte dalla Associazione Nazionale Magistrati.

Prova ne è che quelle indicazioni sono state, nei limiti del possibile a legislazione invariata, recepite dai procuratori della repubblica delle principali sedi italiane, che hanno emanato precise disposizioni ai magistrati dell’ufficio e alla polizia giudiziaria, dirette ad evitare la diffusione di materiale non rilevante per il processo e potenzialmente lesivo della privacy dei soggetti coinvolti.

Di seguito pubblichiamo le circolari emanate dal procuratore di Roma (una in tema di intercettazioni con i difensori e una in tema di tutela della privacy), dal procuratore di Torino e dal procuratore di Napoli.

Si tratta di testi differenti per stile e impostazione, ma che sostanzialmente offrono soluzioni analoghe, ed efficaci, per evitare la diffusione di conversazioni non rilevanti per il processo e potenzialmente lesive del diritto alla riservatezza delle persone.

Solo su un punto, peraltro non secondario, la soluzione di Napoli e Roma differisce parzialmente da quella di Torino.

Sulle intercettazioni non rilevanti per le indagini, infatti, le circolari di Napoli e Roma contengono una precisa direttiva alla polizia giudiziaria, la quale non dovrà inserirle nei verbali delle operazioni (i cd. brogliacci) né nelle annotazioni di polizia giudiziaria. In caso di dubbio in merito alla rilevanza la polizia giudiziaria dovrà riferirne, con nota autonoma, al pubblico ministero, che darà disposizioni al riguardo. La circolare di Torino non contiene, invece, direttive per la polizia giudiziaria, e prevede che le intercettazioni ritenute non rilevanti per le indagini (e lesive della privacy) siano distrutte, su iniziativa del pubblico ministero, con la procedura di cui all’art.269 c.p.p..

La prima soluzione, intervenendo, per così dire, a monte, ha il pregio di evitare che il contenuto di conversazioni non rilevanti per il processo sia inserito negli atti del procedimento e quindi riduce maggiormente il rischio di una loro diffusione. Ma paga il prezzo (in parte sempre inevitabile in questo campo) di affidare la selezione del materiale non rilevante alla polizia giudiziaria, con il rischio di pregiudicare la acquisizione di conversazioni utili alle indagini (o che si rivelino tali ex post).

La soluzione torinese, al contrario, ha il pregio di garantire un maggiore controllo dell’ufficio di procura sul contenuto delle intercettazioni, ma paga il prezzo, oltre che di una procedura un po’ macchinosa, di non evitare l’inserimento nei brogliacci e nelle annotazioni di materiale non rilevante e potenzialmente lesivo della privacy.

Ecco, un legislatore che fosse davvero interessato a garantire la riservatezza dei cittadini senza indebolire l’azione di contrasto all’illegalità diffusa, dovrebbe partire da qui, recependo le soluzioni adottate dalle procure, e inserendo le disposizioni normative utili a rafforzarne l’efficacia.

 

19 aprile 2016
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
La risoluzione del Parlamento europeo del 19 settembre 2019 sull'importanza della memoria europea per il futuro dell'Europa
di Giuseppe Battarino
Un testo che cumula ispirazioni e orientamenti differenti e che si espone al rischio di letture equidistanti di fenomeni politici non equiparabili
23 settembre 2019
di Luca Tescaroli
Nel partire dall’assunto che l’effettività della risposta sanzionatoria non dipende solo dalle norme incriminatrici ma anche dall’ampiezza e incisività degli strumenti investigativi a disposizione, la Legge n. 3 del 9 gennaio 2019 ha introdotto nuove ed eterogenee misure finalizzate ad accrescere sia l’efficacia repressiva che quella preventiva dell’azione di contrasto alla corruzione
9 settembre 2019
A proposito del decreto sicurezza-bis
di Andrea Natale
Il contributo analizza le principali novità introdotte dal cd. decreto sicurezza-bis e riflette su possibili frizioni tra quelle disposizioni e alcune previsioni normative poste a garanzia di diritti fondamentali
20 giugno 2019
Inquinamento mafioso della politica e legge penale
di Piergiorgio Morosini
L’inquinamento mafioso della politica rappresenta un serio pericolo per economia, diritti e democrazia. Ma le recentissime innovazioni introdotte dal legislatore in tema di “scambio elettorale politico mafioso” − e cioè l’estensione dell’area dei “patti” penalmente rilevanti ai sensi dell’art. 416-ter e l’aumento consistente dei carichi sanzionatori − meritano una attenta riflessione critica
5 giugno 2019
Il gip che emette i decreti di proroga delle intercettazioni non può tenere l’udienza preliminare
di Federico Piccichè
Nota a Cass. Pen., Sez. 2, Sent. 28 novembre 2018 (dep. 10 dicembre 2018), n. 55231, Pres. Gallo, Rel. Pazienza
11 aprile 2019
Il drafting legislativo e la riforma del codice civile
di Hadrian Simonetti
La qualità della legislazione è da tempo al centro della riflessione ed è stata oggetto di ripetuti moniti di Presidenti della Repubblica e Corte costituzionale. Il disordine delle fonti del diritto e l’ipertrofia normativa acuiscono il problema. L’ipotesi di revisione del codice civile, nel rispetto dell’unità e della certezza dell’ordinamento, esige un legislatore non affrettato e non sciatto
13 febbraio 2019
Accordi in forma (semi)semplificata, istanze di accesso civico e vulnus alla Costituzione
di Elisa Olivito
Il caso dell’accordo Italia-Niger dimostra come l’accesso civico si stia rivelando uno strumento utile e necessario per garantire la trasparenza ed il controllo democratico sulla politica estera del Governo in materia di immigrazione e asilo, stante la mancanza di strumenti e di volontà del Parlamento di salvaguardare le proprie prerogative come previsto dall’art. 80 Cost.
5 febbraio 2019
La richiesta di autorizzazione a procedere nel caso Diciotti
di Luca Masera
Chi fissa e quali sono i limiti all’azione politica del Governo in uno Stato democratico?
29 gennaio 2019
La modifica della disciplina sul rientro in ruolo dei componenti togati del Csm: una riforma poco trasparente
di Marco Dall'Olio
L'abrogazione dell'art. 30, comma 2, del dPR 26 settembre 1958 n. 916 − avvenuta a fine anno 2017 mediante inserimento di un comma all'interno della legge di bilancio dello scorso anno − ha privato i magistrati del necessario dibattito preventivo sull'argomento
12 novembre 2018