home search menu
Prassi e orientamenti / Protocolli
Il rito partecipativo: un invito a «partecipare» per creare legami nuovi piuttosto che distruggere quelli vecchi
di Giuseppe Buffone* e Gloria Servetti**
*Giudice presso il Tribunale di Milano
**Presidente IX sezione civile Tribunale di Mialno
Un progetto della IX Sezione del Tribunale di Milano realizza un nuovo efficace approccio alla risoluzione giudiziale del conflitto familiare
Il rito partecipativo: un invito a «partecipare» per creare legami nuovi piuttosto che distruggere quelli vecchi

Il Diritto di famiglia è necessariamente un compromesso: perché è difficile introdurre regole certamente giuste per governare e disciplinare una materia delicata, come quella dei rapporti genitoriali, nel momento in cui la famiglia si disgrega.

L’approccio giurisdizionale al tema della risoluzione giudiziale del conflitto familiare dovrebbe, allora, muovere da una prospettiva diversa: ricercare, prima di decidere, l’accordo dei genitori, la condivisione di una soluzione del problema. Le norme, in realtà, ciò già prevedono, nella misura in cui impongono al giudice di tenere conto degli accordi raggiunti dai partners (v. art. 337-ter c.c.) e di promuovere una conciliazione (art. 185-bis c.p.c.), eventualmente mediante l’intervento dei mediatori familiari (337-octies c.c.) o civili (d.lgs. 28/2010).

Seguendo questa direttrice, il procedimento si spoglia della sua corteccia dura e indossa dei tessuti di comunicazione più morbidi, in cui il giudice non è solo colui che deve decidere dall’alto ma anche colui che può suggerire «tra pari», ma in modo autorevole.

Il processo non è, insomma, il terreno di battaglia in cui distruggere il vecchio rapporto ma l’ambiente in cui creare, inventare, nuovi legami, attingendo al “buono” che c’era in quelli terminati. E questo dovrebbe essere un imperativo: si può smettere di essere moglie e marito ma non si può smettere di essere padre e madre.E, allora, l’interesse preminente dei figli resta la bussola che deve orientare le decisioni.

Queste coordinate hanno orientato la Sezione IX del Tribunale di Milano nell’introdurre il cd. rito partecipativo: un rito in cui alla decisione partecipativo tutti gli interlocutori. Il giudice, gli avvocati: ma soprattutto i genitori. Il suo funzionamento è semplice.

Al termine della relazione affettiva, il genitore presenta la sua domanda contro il partner. Il Tribunale, disposto lo scambio delle difese, valuta se sussistono ostacoli a una fase conciliativa: ad esempio patologie, violenze domestiche, limitazioni alla genitorialità preesistenti.

In assenza di elementi ostativi a un percorso di conciliazione e mediazione, il Tribunale fissa una udienza “filtro” in cui invita i genitori a comparire dinanzi a un giudice delegato, per verificare la possibilità di una soluzione condivisa.

Il rito partecipativo muove da una “idea positiva” delle persone, viste come possibili risorse a cui attingere piuttosto che come litiganti cui somministrare una decisione. Il giudice delegato è un magistrato onorario, proveniente dalle fila degli avvocati esperti in diritto di famiglia, con una specializzazione in conflitti familiari o tecniche di mediazione. E’, quindi, un giurista esperto nelle dinamiche conflittuali. Collabora con gli avvocati delle parti che, in questa fase, non sono visti come meri titolari dell’interesse parziale oggetto del processo ma come «garanti del cittadino per l'effettività della tutela dei diritti» (art. 2, comma II, legge 31 dicembre 2012 n. 247).

Il rito partecipativo, insomma, nasce da una idea positiva: qualcosa che si dimentica spesso, è che la positività è contagiosa. Se si parte con una idea che riconosce nell’altro una possibile risorsa, quell’altro diverrà una possibile risorsa. Da questa visuale, al sistema Giustizia viene assegnato anche il compito di ricordare ai genitori in lite che “sono genitori”; di invitare i genitori a essere (o diventare) il modello di genitori a cui i figli hanno diritto. In questo, il rito partecipativo è trattare i genitori per quello che possono diventare.

E, sul punto, sia consentito parafrasare Goethe: «trattate un essere umano per quello che è e rimarrà quello che è. Trattate un essere umano per quello che può e deve essere, e diventerà quello che può e deve essere».

Per completa illustrazione del rito partecipativo e delle sue possibilità di espansione e adattamento si pubblicano:

1) La presentazione del rito partecipativo del Presidente della IX Sezione Civile del Tribunale di Milano

2) La dispensa - guida per l'udienza filtro;

3) Due MODELLI di provvedimenti per il rito;

4) La presentazione del Presidente del Tribunale di Cremona sull'adozione del rito partecipativo in quell'Ufficio;

5) Statistica del rito partecipativo nel 2013

 

 

13 giugno 2014
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
Newsletter


Fascicolo 1/2019
Populismo e diritto
Prassi e orientamenti
Cassazione, il licenziamento per inidoneità sopravvenuta del lavoratore divenuto inabile alle mansioni e i ragionevoli accomodamenti
Cassazione, il licenziamento per inidoneità sopravvenuta del lavoratore divenuto inabile alle mansioni e i ragionevoli accomodamenti
di Elisabetta Tarquini
La giurisprudenza della Corte suprema tra innovazione e ritorni al passato. Commento alla sentenza n. 27243/2018
13 giugno 2019
Considerazioni sulla proposta di legge per l’istituzione del Tribunale dei conflitti*
di Aldo Travi
È oggettivamente inquietante che nel disegno di legge per l'introduzione di un Tribunale dei conflitti siano del tutto ignorate le norme sulla giurisdizione di cui alla nostra Costituzione, che distingue fra le giurisdizioni innanzitutto in base ad una distinzione di stato giuridico (artt. 102 e 103 Cost.): ed è ancora più significativo in un periodo come l’attuale, in cui si avverte in modo più acuto un senso di estraneità, nella classe dirigente politica e in ampi settori della cittadinanza, per il testo costituzionale. La stessa Costituzione finisce così ​col diventare un fattore di rilievo trascurabile
11 giugno 2019
I discutibili presupposti del Tribunale dei conflitti *
di Franco De Stefano
La recente proposta di legge per l’istituzione di un Tribunale supremo dei conflitti, presso la Corte di cassazione, suscita notevoli perplessità rivolte ai seri dubbi di compatibilità costituzionale del progetto e alla necessità effettiva dell’intervento, in relazione alla tempestività ed uniformità delle attuali risposte in tema di riparto di giurisdizioni
30 maggio 2019
Licenziamento per giustificato motivo oggettivo e repêchage. Profili in punto di onere della prova e spunti critici
Licenziamento per giustificato motivo oggettivo e repêchage. Profili in punto di onere della prova e spunti critici
di Amato Carbone
Rassegna di giurisprudenza di legittimità in materia di obbligo di repêchage, oneri di prova e sanzioni per mancato assolvimento​
16 maggio 2019
Note sul ruolo della Corte regolatrice *
di Giorgio Costantino
La proposta di introdurre un Tribunale dei conflitti destinato a risolvere le questioni di legittimità al vaglio critico dei parametri costituzionali e delle ragioni storiche e politiche che vi si oppongono
9 maggio 2019
Cooperative spurie ed appalti: nell’inferno del lavoro illegale
Cooperative spurie ed appalti: nell’inferno del lavoro illegale
di Roberto Riverso
La frantumazione dello schema tipico del lavoro subordinato ha tolto al lavoro tutto valore, e dignità, al punto da consentire il dilagare di forme di sfruttamento plateale
30 aprile 2019