home search menu
Prassi e orientamenti / Protocolli
Il rito partecipativo: un invito a «partecipare» per creare legami nuovi piuttosto che distruggere quelli vecchi
di Giuseppe Buffone* e Gloria Servetti**
*Giudice presso il Tribunale di Milano
**Presidente IX sezione civile Tribunale di Mialno
Un progetto della IX Sezione del Tribunale di Milano realizza un nuovo efficace approccio alla risoluzione giudiziale del conflitto familiare
Il rito partecipativo: un invito a «partecipare» per creare legami nuovi piuttosto che distruggere quelli vecchi

Il Diritto di famiglia è necessariamente un compromesso: perché è difficile introdurre regole certamente giuste per governare e disciplinare una materia delicata, come quella dei rapporti genitoriali, nel momento in cui la famiglia si disgrega.

L’approccio giurisdizionale al tema della risoluzione giudiziale del conflitto familiare dovrebbe, allora, muovere da una prospettiva diversa: ricercare, prima di decidere, l’accordo dei genitori, la condivisione di una soluzione del problema. Le norme, in realtà, ciò già prevedono, nella misura in cui impongono al giudice di tenere conto degli accordi raggiunti dai partners (v. art. 337-ter c.c.) e di promuovere una conciliazione (art. 185-bis c.p.c.), eventualmente mediante l’intervento dei mediatori familiari (337-octies c.c.) o civili (d.lgs. 28/2010).

Seguendo questa direttrice, il procedimento si spoglia della sua corteccia dura e indossa dei tessuti di comunicazione più morbidi, in cui il giudice non è solo colui che deve decidere dall’alto ma anche colui che può suggerire «tra pari», ma in modo autorevole.

Il processo non è, insomma, il terreno di battaglia in cui distruggere il vecchio rapporto ma l’ambiente in cui creare, inventare, nuovi legami, attingendo al “buono” che c’era in quelli terminati. E questo dovrebbe essere un imperativo: si può smettere di essere moglie e marito ma non si può smettere di essere padre e madre.E, allora, l’interesse preminente dei figli resta la bussola che deve orientare le decisioni.

Queste coordinate hanno orientato la Sezione IX del Tribunale di Milano nell’introdurre il cd. rito partecipativo: un rito in cui alla decisione partecipativo tutti gli interlocutori. Il giudice, gli avvocati: ma soprattutto i genitori. Il suo funzionamento è semplice.

Al termine della relazione affettiva, il genitore presenta la sua domanda contro il partner. Il Tribunale, disposto lo scambio delle difese, valuta se sussistono ostacoli a una fase conciliativa: ad esempio patologie, violenze domestiche, limitazioni alla genitorialità preesistenti.

In assenza di elementi ostativi a un percorso di conciliazione e mediazione, il Tribunale fissa una udienza “filtro” in cui invita i genitori a comparire dinanzi a un giudice delegato, per verificare la possibilità di una soluzione condivisa.

Il rito partecipativo muove da una “idea positiva” delle persone, viste come possibili risorse a cui attingere piuttosto che come litiganti cui somministrare una decisione. Il giudice delegato è un magistrato onorario, proveniente dalle fila degli avvocati esperti in diritto di famiglia, con una specializzazione in conflitti familiari o tecniche di mediazione. E’, quindi, un giurista esperto nelle dinamiche conflittuali. Collabora con gli avvocati delle parti che, in questa fase, non sono visti come meri titolari dell’interesse parziale oggetto del processo ma come «garanti del cittadino per l'effettività della tutela dei diritti» (art. 2, comma II, legge 31 dicembre 2012 n. 247).

Il rito partecipativo, insomma, nasce da una idea positiva: qualcosa che si dimentica spesso, è che la positività è contagiosa. Se si parte con una idea che riconosce nell’altro una possibile risorsa, quell’altro diverrà una possibile risorsa. Da questa visuale, al sistema Giustizia viene assegnato anche il compito di ricordare ai genitori in lite che “sono genitori”; di invitare i genitori a essere (o diventare) il modello di genitori a cui i figli hanno diritto. In questo, il rito partecipativo è trattare i genitori per quello che possono diventare.

E, sul punto, sia consentito parafrasare Goethe: «trattate un essere umano per quello che è e rimarrà quello che è. Trattate un essere umano per quello che può e deve essere, e diventerà quello che può e deve essere».

Per completa illustrazione del rito partecipativo e delle sue possibilità di espansione e adattamento si pubblicano:

1) La presentazione del rito partecipativo del Presidente della IX Sezione Civile del Tribunale di Milano

2) La dispensa - guida per l'udienza filtro;

3) Due MODELLI di provvedimenti per il rito;

4) La presentazione del Presidente del Tribunale di Cremona sull'adozione del rito partecipativo in quell'Ufficio;

5) Statistica del rito partecipativo nel 2013

 

 

13 giugno 2014
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
Newsletter


Fascicolo 2/2018
L’ospite straniero.
La protezione internazionale
nel sistema multilivello di tutela
dei diritti fondamentali
Prassi e orientamenti
L’abuso del processo penale
L’abuso del processo penale
di Luigi Pacifici
L’abuso del processo costituisce una valvola di autotutela per l’ordinamento, elaborata, in ambito dottrinale e giurisprudenziale, al fine di evitare che i diritti da esso garantiti siano esercitati o realizzati, pur a mezzo di un intervento giurisdizionale, in maniera abusiva, ovvero eccessiva e distorta
19 settembre 2018
Le ong in acque agitate tra Sicilia orientale e Sicilia occidentale
Le ong in acque agitate tra Sicilia orientale e Sicilia occidentale
di Stefano Greco
Questo scritto non ha la pretesa e l’intenzione di risolvere un dibattito interessantissimo attualmente in corso tra i vari uffici giudiziari sul soccorso in mare e i possibili risvolti del favoreggiamento dell’immigrazione, ma vuole solo porre alcune questioni che sono rimaste in ombra ma necessitano di un maggiore approfondimento anche alla luce di quanto accade di ora in ora tra chiusure dei porti, navi che aspettano un luogo sicuro dove sbarcare i sopravvissuti, navi che vengono impedite alla partenza pur non essendo sotto sequestro
18 luglio 2018
Reati motivati da ragioni di odio e discriminazione etnico-religiosa e immigrazione: le direttive del Procuratore della Repubblica di Torino
Reati motivati da ragioni di odio e discriminazione etnico-religiosa e immigrazione: le direttive del Procuratore della Repubblica di Torino
Pubblichiamo le Direttive per un più efficace contrasto dei reati motivati da ragioni di odio e discriminazione etnico-religiosa e per la più rapida trattazione degli Affari dell’Immigrazione, nel rispetto dei diritti fondamentali delle persone emanate il 9 luglio 2018
17 luglio 2018
Il processo volto al riconoscimento della protezione internazionale: i primi orientamenti giurisprudenziali
Il processo volto al riconoscimento della protezione internazionale: i primi orientamenti giurisprudenziali
di Salvatore Casciaro
Lo scritto costituisce il testo della relazione tenuta alle giornate di studio La protezione internazionale e umanitaria: aspetti processuali e sostanziali, promosse da Ordine degli avvocati di Bari, Asgi e Scuola superiore della magistratura
28 giugno 2018
Intangibilità della giurisdizione, giusto processo ed effettività della tutela. Domande connesse e derogabilità della giurisdizione*
di Gabriele Serra
Lo scritto affronta il tema del principio di inderogabilità della giurisdizione e della conseguente rilevabilità d’ufficio in ogni stato e grado del processo del difetto di giurisdizione, in particolare nel rapporto tra giudice ordinario e giudice amministrativo, ponendolo in relazione con i principi, di rango costituzionale, della ragionevole durata del processo e dell’effettività della tutela. In questa direzione, poste alcune brevi premesse storiche in ordine al principio di intangibilità, l’A. conduce un breve viaggio negli ordinamenti francese e tedesco, al fine di esaminare i principali istituti volti a regolare il riparto di giurisdizione tra giudice ordinario e giudice amministrativo e le problematiche connesse. Su tali basi, anche comparate, viene allora esaminata, in ipotetiche quattro tappe evolutive, la giurisprudenza delle Sezioni unite della Corte di cassazione (e della Corte costituzionale), circa il bilanciamento tra i principi in esame, che ha visto una sempre maggiore erosione del principio di intangibilità della giurisdizione a fronte di esigenze di tutela della ragionevole durata del processo e dell’effettività della tutela. Alla luce di tale percorso interpretativo, l’A. affronta infine la problematica, ancora aperta, della connessione tra domande giudiziali quale istituto idoneo o meno a derogare la giurisdizione
19 giugno 2018
IoT e intelligenza artificiale: le nuove frontiere della responsabilità civile (e del risarcimento)*
di Silvia Toffoletto
Le applicazioni dell’intelligenza artificiale sono ormai “dentro” il nostro quotidiano, rendendo necessaria una regolamentazione del settore ormai improcrastinabile. Il dibattito si è aperto in sede europea, a livello dottrinale e legislativo, senza dimenticare il ruolo centrale che potranno assumere le Corti, grazie ad una giurisprudenza condivisa (Courts facing Courts), che miri ad una disciplina quanto più possibile uniforme anche dal punto di vista sostanziale in ambito europeo
13 giugno 2018