home search menu
G8, le torture, le responsabilità: le amnesie, la memoria
Giurisprudenza e documenti
G8, le torture, le responsabilità: le amnesie, la memoria
di Luca Poniz
sostituto procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Milano
E' infamante l’atto del Giudice, o lo è quel pezzo di storia che si consuma, tra le mura di una caserma, a Genova, nei giorni del G8?
G8, le torture, le responsabilità: le amnesie, la memoria

La recente Sentenza della Corte Europea dei diritti dell’uomo (nel caso “CESTARO c. ITALIE”, n. 6884/11, 7 aprile 2015) ha condannato l’Italia per quanto compiuto dalle forze dell'ordine italiane nell' irruzione alla caserma Diaz il 21 luglio 2001, affermando esplicitamente che il fatto "deve essere qualificato come tortura", in violazione dell’articolo 3 della Convenzione europea dei diritti dell’uomo, che vieta tortura e trattamento inumano o degradante. La Corte ha condannato l'Italia non solo per le gravi lesioni subìte da uno dei manifestanti (l'autore del ricorso) durante il “G8” di Genova, ma anche perché l’ordinamento italiano non ha una legislazione adeguata a punire il reato di tortura; un vuoto legislativo che, secondo la Corte, ha consentito ai colpevoli di restare impuniti. Chiare le parole: "questo risultato non è imputabile agli indugi o alla negligenza della magistratura, ma alla legislazione penale italiana che non permette di sanzionare gli atti di tortura e di prevenirne altri". Particolarmente dure, poi, le censure alle forze dell’ordine, per la loro mancata collaborazione nell’identificazione degli autori materiali dei gravi fatti commessi, si da indurre la Corte ad esprimere il biasimo ufficiale nei loro confronti.

La Sentenza della CEDU ha riaperto ferite mai del tutto rimarginate, riportando la memoria collettiva alla vergogna di quei giorni; e ha riacceso un vivace dibattito che interessa sia le “responsabilità” per quanto accaduto in quei giorni (politiche, amministrative, e penali in senso stretto), sia l’incredibile, ennesima dimostrazione di  incapacità della politica del nostro Paese, in questo caso del Parlamento, di intervenire a colmare un evidente vuoto di tutela, introducendo norme che sarebbero peraltro doverosamente coerenti con i princìpi e valori di quell’Europa cui, evidentemente, ci si ispira ad intermittenza.    

Nel dibattito, hanno destato sorpresa le parole con cui Alfonso Sabella (Magistrato; già capo dell’Ufficio Ispettorato del Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria, cui, in vista dell’evento, fu attribuito, il ruolo di “coordinatore dell’organizzazione, dell’operatività e del controllo su tutte le attività dell’amministrazione penitenziaria in occasione del G8 a Genova; attualmente Assessore al Comune di Roma) racconta (a “La Repubblica”, edizione 10 aprile 2015), dopo 14 anni, altri pezzi di una “verità”  che avrebbe meritato ben altri tempi e luoghi di narrazione; e, sia detto con forza, altre parole.   

Quelle pronunciate, alludono a regie occulte, a manovre oscure che avrebbero guidato gli eventi prima (“Fino a venerdì pomeriggio, alla morte di Carlo Giuliani, non era stato fatto nemmeno un arresto: il primo, il fotografo Alfonso De Munno, arrivò a Bolzaneto pochi minuti prima dell'omicidio. Mi sono fatto l'idea che dietro ci fosse una regia politica". È un'accusa grave, assessore. Regia di chi? "Di preciso non lo so. È possibile che qualcuno a Genova volesse il morto, ma doveva essere un poliziotto, non un manifestante, per criminalizzare la piazza e metterla a tacere una volta per sempre"); le indagini poi (“la verità è che mi volevano incastrare. Per due motivi: aver rivelato il piano aberrante degli arresti preventivi; per il fatto che fossi un magistrato e dunque perfettamente funzionale alla logica craxiana del "tutti colpevoli, nessun colpevole". Lei però era responsabile del carcere di Bolzaneto. "Si ma non ero lì quando i pestaggi si verificarono, ma a Forte San Giuliano, dove non è successo niente. Lo dimostrano i tabulati dei 4 telefoni cellulari che usavo quel giorno. Chiesi ai magistrati di Genova di controllare i miei spostamenti, perché ogni sospetto fosse dissipato. Ma quando dopo 9 mesi furono finalmente acquisiti, il traffico relativo alla 'cella' territoriale che io occupavo durante le violenze era sparito - cancellato su quattro cellulari! - e dunque era impossibile affermare dove mi trovassi". Chi è stato? "Posso pensare ai servizi. Perciò mi sono messo da solo a ricostruire tutti i miei movimenti attraverso i tabulati delle chiamate in entrata, cioè delle telefonate ricevute. E dimostrai che quando ero a Bolzaneto, non c'era stata alcuna violenza); e, cosa, più grave, lo stesso processo - nel quale Sabella è stato indagato - all’esito del quale “nonostante questo (le presunte prove che avrebbero escluso la presenza dello stesso Sabella alla caserma Bolzaneto al momento delle violenze, ndr) il giudice se n'è infischiato e ha emesso un provvedimento di archiviazione che mi ha devastato la vita e la carriera". “ Il gip Vignale ha poi fatto il resto", "Con un'ordinanza infamante ha archiviato la mia posizione, nonostante io sia l'unico del G8 che non solo ha rinunciato alla prescrizione ma si è anche opposto alla richiesta di archiviazione. Ecco perché adesso spero che qualcuno mi denunci: fra gli indagati di allora io sono il solo ancora processabile. Così potrò finalmente cancellare questa macchia che ha devastato la mia vita e bloccato la mia carriera di magistrato".

Un’ “ordinanza infamante”, dunque, secondo l’allora indagato; l’espressione non necessita di particolari analisi semantiche, perché è chiara. Per poterne misurare la continenza, e, cosa che ancor più urge, la rispondenza al vero, riteniamo utile pubblicare integralmente l’ordinanza del G.i.p. presso il Tribunale di Genova, che esamina la posizione di Sabella (sottoposto ad indagini per i reati di cui agli artt.608 c.p. e 323 c.p. commessi in Genova tra il 20 e il 22 luglio 2001), disponendone l’archiviazione dopo una prima ordinanza integrativa delle indagini.   

Euna lettura istruttiva; documenta la lunga e laboriosa attività tesa all’individuazione di coloro ai quali fossero attribuibili responsabilità per fatti che cosi i Pubblici Ministeri descrivono: “nel trattamento inflitto ai detenuti dalle Forze dell’ordine in Bolzaneto vi è stato molto di più di una, comunque assai grave, compressione del residuo spazio di libertà dei detenuti; vi è stata una volontà molto più intensa, diretta a vessare le persone ristrette nel sito, a lederle nei loro diritti fondamentali”. Infatti “la gravità, l’intensità e la sistematicità delle violazioni commesse, tutte in danno di parti offese appartenenti alla stessa area “no global” e quindi con solidarietà di idee; l’univocità delle azioni illegali, dirette tutte al disprezzo, all’umiliazione ed alla vessazione di queste persone proprio per la loro appartenenza ideologica e per le loro caratteristiche particolari di abbigliamento e di capigliatura; la reiterazione delle condotte per tutto il tempo di permanenza nella struttura senza apprezzabili interruzioni;i continui riferimenti negli insulti e nelle minacce alla contrapposizione tra il movimento “no global” e le forze dell’ordine (…); i continui riferimenti in chiave minacciosa ad una prossima futura fine del movimento, in una con i chiari riferimenti politici e i continui richiami con parole e gesti al nazismo e al fascismo e alla loro politica antisemita, sono tutti elementi fortemente indicativi dell’esistenza di una volontà intenzionale, diretta a porre in essere o comunque tollerare e consentire queste vessazioni

Fatti costati addebiti di responsabilità per numerosi reati - dall’abuso d’autorità contro arrestati o detenuti, all’abuso d’ufficio, alla violenza privata, fino alle lesioni personali volontarie, alle percosse, alle ingiurie e alle minacce - ascritti, a diverso titolo, a personale appartenente alla Polizia di Stato, alla Polizia Penitenziaria e all’Arma dei Carabinieri che prestò servizio presso il sito penitenziario provvisorio istituito presso la Caserma “Bolzaneto”, sito che rientrava nell’ambito del “ruolo operativo” descritto nella locuzione “coordinatore dell’organizzazione, dell’operatività e del controllo su tutte le attività dell’amministrazione penitenziaria” affidato al dott. Sabella con apposito ordine di servizio. Sicchè l’oggetto della verifica giudiziale era la relazione tra la posizione di Sabella, titolare di tali poteri (doveri?), e i “fatti” con certezza posti in essere, con inaudita brutalità, da appartenenti alle forze dell’ordine. 

Nel rinviare alla lettura del provvedimento, preme qui sottolineare che esso smentisce le affermazioni recenti dell’interessato: non è vero che le analisi sulle utenze cellulari, attraverso i tabulati, fosse stata resa impossibile dalla “sparizione dei dati”, e con essa, cancellata la possibilità di provare l’assenza dell’indagato dalla caserma di Bolzaneto, posto che da tale analisi, anzi, il Giudice trae elementi di prova in parte favorevoli all’indagato, dando atto dell’equivocità dei dati e della loro possibile idoneità ad indicare la presenza in luoghi diversi da quello teatro delle violenze; è vero, invece, che la presenza di Sabella fu indicata dalle dichiarazioni di personale interrogato sul punto (dalle quali sarebbe risultata da parte di Sabella una “frequenza non costante ma comunque reiterata nel tempo”, come scrive il G.i.p.), e peraltro ammessa dallo stesso indagato, nei giorni cruciali (tra il 20 e 21 luglio 2001), “non molte volte, e comunque sempre per brevi periodi di tempo”; e che su tale elemento cruciale il Giudice costruisce un ragionamento rigoroso, coniugando le emergenze dell’indagine sui fatti con una verifica puntuale delle attribuzioni funzionali, sul come furono effettivamente esercitate e sul come, ragionevolmente, avrebbero dovuto esserlo

Sicchè all’esito della lettura dell’atto ognuno potrà rispondere all’interrogativo che l’intervista di Sabella pone: è infamante l’atto del Giudice, o lo è quel pezzo di storia che si consuma, tra le mura di una caserma, a Genova, nei giorni del G8, e nei mesi e negli anni a seguire, nelle reticenze e nelle bugie, e nelle difese impossibili di una delle pagine più vergognose della Repubblica?

 

15 aprile 2015
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
La Cassazione n. 8473/2019: una rondine che speriamo non faccia primavera
La Cassazione n. 8473/2019: una rondine che speriamo non faccia primavera
di Chiara Giovannucci Orlandi
La Corte di cassazione si pronuncia sulla presenza personale delle parti nella procedura di mediazione e, non richiesta, fornisce un’indicazione, molto opinabile, sull’effettività del «primo incontro»
18 aprile 2019
La decisione della Corte Edu su Bolzaneto, un altro grido nel deserto. L’Italia volta le spalle alla Convenzione, si assolve e guarda alla tortura degli altri*
La Cedu e la Diaz 2.0
Il giudice, extrema ratio?
Il giudice, extrema ratio?
di Bruno Capponi
La magistratura fa passi indietro nella tutela giurisdizionale dei diritti: alla ricerca dell’efficienza – battaglia ormai considerata persa – si sostituisce la logica dell’abbandono dei contenziosi, in sedi qualsiasi (purché lontane dai tribunali)
17 gennaio 2016
G8, scontri di piazza e suggestione della folla in tumulto
di Daniele Cappuccio
Note alla sentenza della Corte di appello di Genova (13 novembre 2013, Pres. Fenizia, est. De Matteis)
27 febbraio 2014
Sogno un'umanità che abbia a cuore il bene del suo vicino di pianerottolo
di Maria Giuliana Civinini
Mediazione giudiziaria e rinvio in mediazione. Note a margine dell'ordinanza 29 ottobre 2013 del Tribunale di Milano
23 dicembre 2013
Verso una conciliazione "equa
e sostenibile"
di Ester Perifano
Conciliazione e mediazione nel "decreto del fare"
7 novembre 2013
Newsletter


Fascicolo 2/2019
Famiglie e Individui. Il singolo nel nucleo

Il codice della crisi d’impresa e dell’insolvenza: idee e istituti
Giurisprudenza e documenti
La trasparenza negata. Commento a Tar Lazio n. 5714/2019
La trasparenza negata. Commento a Tar Lazio n. 5714/2019
di Salvatore Messineo
Il potere di archiviazione pre-disciplinare del P.G. è libero da controlli e gli atti di archiviazione sono inconoscibili con lo strumento dell’accesso civico generalizzato
7 ottobre 2019
CTU, svolta in primo grado e vaglio di ammissibilità dell’appello ai sensi dell’art. 342 cpc nella più recente giurisprudenza della Cassazione
CTU, svolta in primo grado e vaglio di ammissibilità dell’appello ai sensi dell’art. 342 cpc nella più recente giurisprudenza della Cassazione
di Isabella Mariani
Prendendo spunto dalla recente ordinanza della Cassazione, sezione VI, n. 97/2019, l’autrice esamina la giurisprudenza di legittimità in ordine al rapporto tra la sentenza di primo grado che fa proprie le conclusioni nel merito della consulenza tecnica di ufficio e il contenuto dell’atto di appello che censura la decisione, alla stregua dei principi dettati dall’art. 342 cpc e interpretati dalla giurisprudenza della SC, in tema di ammissibilità dell’appello
23 settembre 2019
Ancora sull’esecuzione su beni di Stato estero
Ancora sull’esecuzione su beni di Stato estero
di Luca Baiada
Brevi note a Cassazione Civile, III Sezione, 25 giugno 2019, n. 21995
20 settembre 2019
Fecondazione post mortem: il figlio nato a seguito del ricorso a tecniche di pma dopo la morte del padre ha diritto al cognome paterno
Fecondazione post mortem: il figlio nato a seguito del ricorso a tecniche di pma dopo la morte del padre ha diritto al cognome paterno
di Federica Panno
Nota a Cassazione Civile, I Sezione, 15 marzo 2019 (dep. 15 maggio 2019), n. 13000, Pres. M. Acierno, Rel. E. Campese
13 settembre 2019
Le Sezioni unite sulla cannabis light. Una prima lettura
Le Sezioni unite sulla cannabis light. Una prima lettura
di Davide Barbagiovanni
La cannabis light tra legge, giudici, principio di offensività in astratto e in concreto e alcune occasioni mancate
24 luglio 2019
Licenziamenti disciplinari e contrattazione collettiva tra realtà e immaginazione
Licenziamenti disciplinari e contrattazione collettiva tra realtà e immaginazione
di Alberto Piccinini
Note critiche a proposito della sentenza Cass., Sezione Lavoro, n. 12365 del 9 maggio 2019
23 luglio 2019