home search menu
Prassi e orientamenti
Cause di diritto bancario e quesito di CTU. La prassi del Tribunale di Livorno
di Claudia Frosini e Elisa Pinna
MOT in tirocinio mirato presso il Tribunale di Livorno
L'elaborazione di un quesito standard in materia bancaria
Cause di diritto bancario e quesito di CTU. La prassi del Tribunale di Livorno

L'incremento del contenzioso bancario registrato negli ultimi tempi mediante l'iscrizione al ruolo di un numero sempre più considerevole di cause che gli investitori ed i risparmiatori propongono contro gli istituti di credito rendono necessario un continuo approfondimento della materia, anche in considerazione della complessità tecnica e giuridica delle questioni trattate e degli interventi normativi di settore che si sono succeduti nel tempo.

Trattandosi di cause in cui, come noto, il ruolo della consulenza tecnica assume un ruolo spesso determinante ai fini della decisione, l'interazione e  la reciproca collaborazione tra il giudice e il tecnico esperto della materia costituiscono fattori determinanti ai fini della formulazione di un quesito completo,  logicamente coerente ed  in grado di fornire risposte  di concreta applicabilità pratica.

Le suindicate criticità hanno suggerito quindi  l'idea di formulare un quesito standard che tenga conto di tutte le questioni che, astrattamente, possono essere poste al Giudice in una causa che verte in tema bancario.

Il quesito di seguito pubblicato è infatti il risultato del lavoro di studio e di sintesi condotto dai giudici della sezione civile del Tribunale di Livorno, anche in collaborazione con due esperti in materia di diritto bancario iscritti all'albo dei ctu del medesimo Tribunale (prof. Gianluca Risaliti e dott.ssa  Alessandra Cornelio). Hanno offerto il loro contributo anche le dott.sse Elisa Pinna e Claudia Frosini, entrambe magistrati in tirocinio mirato presso il Tribunale di Livorno.

L'aspetto innovativo e l'originalità del lavoro svolto dai magistrati del Tribunale toscano consistono nell'approccio e nel metodo utilizzato per l'elaborazione del quesito. Esso, infatti, corredato da ampie note esplicative che tengono conto anche dei più recenti arresti giurisprudenziali, analizza le potenziali questioni tecniche e giuridiche astrattamente connesse alla materia, orientando il magistrato nella formulazione del quesito da demandare al ctu a seconda della peculiarità del caso concreto e delle questioni tecniche sollevate dalle parti in ordine al rapporto bancario dedotto in giudizio. 

A titolo meramente esemplificativo, rimandando per il resto ad un'approfondita analisi del quesito e delle note ad esso allegate, esso analizza tutte le possibili ipotesi che possono concretamente presentarsi in ordine alla qualificazione giuridica e all' applicabilità concreta della commissione di massimo scoperto (anche in ragione della normativa vigente ratione temporis), agli interessi usurari e al  metodo di calcolo da utilizzare ai fini della verifica del superamento del tasso soglia, all'anatocismo ed anche agli aspetti connessi alla qualificazione giuridica della cosiddetta usura sopravvenuta e degli interessi moratori.

L'opportunità di adottare un quesito uniforme e condiviso è inoltre verosimilmente destinata  a riverberare effetti postivi anche sul contenzioso in materia, contribuendo infatti non solo a creare maggior uniformità di approccio e di metodo nella gestione e nella decisione delle cause, ma anche ad orientare l'utente in modo consapevole nella proprie determinazioni in ordine alle scelte processuali da intraprendere.

 

9 gennaio 2015
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
Newsletter


Fascicolo 4/2018
Una giustizia (im)prevedibile?

Il dovere della comunicazione
Prassi e orientamenti
Tutela dei diritti e spirito del popolo
Tutela dei diritti e spirito del popolo
di Marco Patarnello
L’interpretazione creativa di diritti non è priva di costi. Talvolta essi sono chiari (ampliamento della sfera giuridica di un soggetto e riduzione di quella di un altro soggetto), talaltra non sono evidenti e compete ad un interprete accorto esplorarne tutte le implicazioni, soprattutto nell’ambito del processo penale
15 marzo 2019
Il problema della divulgazione delle notizie giudiziarie
Il problema della divulgazione delle notizie giudiziarie
di Piero Gaeta
La prospettiva filosofica è un'ulteriore faglia degna di attenzione di questa delicata questione. Non solo e non tanto nel tradizionale rapporto tra autorità ed individuo, quanto del senso filosofico odierno della comunicazione-evento e delle sue implicazioni antropologiche
7 marzo 2019
Per una riforma del processo penale all'insegna di una comune cultura della giurisdizione
Per una riforma del processo penale all'insegna di una comune cultura della giurisdizione
di Paolo Borgna
La giustizia ha bisogno di un organico intervento riformatore, preparato da un movimento culturale ampio e profondo, sostenuto da quella cultura della giurisdizione che accomuna avvocati e magistrati
18 febbraio 2019
La maledizione di Kirchmann, ovvero che ne sarà del danno differenziale
La maledizione di Kirchmann, ovvero che ne sarà del danno differenziale
di Marco Rossetti
La riforma introdotta con l’art. 1, comma 1126 della legge n.145 del 2018 altera i principi definiti dalle supreme Corti in tema di diritto al risarcimento del danno differenziale in caso di infortunio sul lavoro, sollevando concreti dubbi di costituzionalità
6 febbraio 2019
Il Protocollo di dialogo fra Alte corti italiane, Csm e Corte Edu a confronto con il Protocollo n. 16 annesso alla Cedu. Due prospettive forse inscindibili
Il Protocollo di dialogo fra Alte corti italiane, Csm e Corte Edu a confronto con il Protocollo n. 16 annesso alla Cedu. Due prospettive forse inscindibili
di Roberto Giovanni Conti
Un’analisi ragionata sul valore e l’efficacia dei Protocolli d’intesa conclusi fra le Alte Corti nazionali e la Corte Edu, prima dell’entrata in vigore del Protocollo n. 16 annesso alla Cedu, consente all’Autore di riflettere sulla portata dei diversi strumenti che vedono a vario titolo coinvolti i giudici nazionali e sovranazionali, oltre al Consiglio superiore della magistratura
30 gennaio 2019
Responsabilità civile del magistrato per inosservanza di orientamento giurisprudenziale consolidato?
Responsabilità civile del magistrato per inosservanza di orientamento giurisprudenziale consolidato?
di Enrico Scoditti
È stata rimessa alle Sez. unite della Cassazione la questione della responsabilità civile del magistrato per inosservanza di orientamento giurisprudenziale consolidato. Nello scritto si propone di interpretare «violazione manifesta della legge» in termini di travisamento linguistico della disposizione o di fatto accertato ma rimasto privo di effetti giuridici nonostante l’esistenza di previsione legislativa
10 dicembre 2018