home search menu
Prassi e orientamenti
Cause di diritto bancario e quesito di CTU. La prassi del Tribunale di Livorno
di Claudia Frosini e Elisa Pinna
MOT in tirocinio mirato presso il Tribunale di Livorno
L'elaborazione di un quesito standard in materia bancaria
Cause di diritto bancario e quesito di CTU. La prassi del Tribunale di Livorno

L'incremento del contenzioso bancario registrato negli ultimi tempi mediante l'iscrizione al ruolo di un numero sempre più considerevole di cause che gli investitori ed i risparmiatori propongono contro gli istituti di credito rendono necessario un continuo approfondimento della materia, anche in considerazione della complessità tecnica e giuridica delle questioni trattate e degli interventi normativi di settore che si sono succeduti nel tempo.

Trattandosi di cause in cui, come noto, il ruolo della consulenza tecnica assume un ruolo spesso determinante ai fini della decisione, l'interazione e  la reciproca collaborazione tra il giudice e il tecnico esperto della materia costituiscono fattori determinanti ai fini della formulazione di un quesito completo,  logicamente coerente ed  in grado di fornire risposte  di concreta applicabilità pratica.

Le suindicate criticità hanno suggerito quindi  l'idea di formulare un quesito standard che tenga conto di tutte le questioni che, astrattamente, possono essere poste al Giudice in una causa che verte in tema bancario.

Il quesito di seguito pubblicato è infatti il risultato del lavoro di studio e di sintesi condotto dai giudici della sezione civile del Tribunale di Livorno, anche in collaborazione con due esperti in materia di diritto bancario iscritti all'albo dei ctu del medesimo Tribunale (prof. Gianluca Risaliti e dott.ssa  Alessandra Cornelio). Hanno offerto il loro contributo anche le dott.sse Elisa Pinna e Claudia Frosini, entrambe magistrati in tirocinio mirato presso il Tribunale di Livorno.

L'aspetto innovativo e l'originalità del lavoro svolto dai magistrati del Tribunale toscano consistono nell'approccio e nel metodo utilizzato per l'elaborazione del quesito. Esso, infatti, corredato da ampie note esplicative che tengono conto anche dei più recenti arresti giurisprudenziali, analizza le potenziali questioni tecniche e giuridiche astrattamente connesse alla materia, orientando il magistrato nella formulazione del quesito da demandare al ctu a seconda della peculiarità del caso concreto e delle questioni tecniche sollevate dalle parti in ordine al rapporto bancario dedotto in giudizio. 

A titolo meramente esemplificativo, rimandando per il resto ad un'approfondita analisi del quesito e delle note ad esso allegate, esso analizza tutte le possibili ipotesi che possono concretamente presentarsi in ordine alla qualificazione giuridica e all' applicabilità concreta della commissione di massimo scoperto (anche in ragione della normativa vigente ratione temporis), agli interessi usurari e al  metodo di calcolo da utilizzare ai fini della verifica del superamento del tasso soglia, all'anatocismo ed anche agli aspetti connessi alla qualificazione giuridica della cosiddetta usura sopravvenuta e degli interessi moratori.

L'opportunità di adottare un quesito uniforme e condiviso è inoltre verosimilmente destinata  a riverberare effetti postivi anche sul contenzioso in materia, contribuendo infatti non solo a creare maggior uniformità di approccio e di metodo nella gestione e nella decisione delle cause, ma anche ad orientare l'utente in modo consapevole nella proprie determinazioni in ordine alle scelte processuali da intraprendere.

 

9 gennaio 2015
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
Newsletter


Fascicolo 2/2018
L’ospite straniero.
La protezione internazionale
nel sistema multilivello di tutela
dei diritti fondamentali
Prassi e orientamenti
La Carta dei diritti dei figli nella separazione dei genitori
La Carta dei diritti dei figli nella separazione dei genitori
di Azzurra Fodra
Prime riflessioni a caldo di un giudice della famiglia sulla Carta adottata dall'Autorità garante per l'infanzia e l'adolescenza
23 ottobre 2018
Quando il giudice deve “fare da sé” *
di Marco Ruotolo
Dove si colloca il confine tra interpretazione conforme alla Costituzione e disapplicazione della disposizione del testo normativo? Fino a che punto deve giungere lo sforzo interpretativo adeguatore del giudice remittente? Il saggio offre risposte a queste domande, unisce riflessioni teoriche e incursioni giurisprudenziali, attraversa il punto di vista della Corte costituzionale e quello dei giudici ordinari e, non da ultimo, mette in guardia da atteggiamenti supini e deresponsabilizzanti: interpretare, nel segno della Costituzione, non è, infatti, compito esclusivo della Corte costituzionale. In coda al brano, uno strumento prezioso: un breve manuale pratico per il giudice remittente
22 ottobre 2018
Il Consiglio giudiziario nelle riflessioni di un componente non togato*
di Alberto Roccella
Il saggio espone il ruolo e le funzioni dei Consigli giudiziari in composizione ordinaria dal punto di vista di un professore universitario di materie giuridiche e illustra l’esperienza del funzionamento del Consiglio giudiziario presso la Corte d’appello di Milano
17 ottobre 2018
Alla ricerca di buone prassi nel contenzioso famiglia: l'esperienza del Tribunale di Livorno
Alla ricerca di buone prassi nel contenzioso famiglia: l'esperienza del Tribunale di Livorno
di Azzurra Fodra
Un progetto tabellare e un protocollo di ampio respiro: così il Tribunale di Livorno attua qualità e efficacia nella gestione del contenzioso per la famiglia e i minori
2 ottobre 2018
Il dialogo fra le Corti e le sorti (sembra non magnifiche, né progressive) dell’integrazione europea
Il dialogo fra le Corti e le sorti (sembra non magnifiche, né progressive) dell’integrazione europea
di Antonello Cosentino
Il giudice comune nazionale ha sempre avuto con la Cgue relazioni più fluide rispetto a quelle intrattenute con la Cedu. A partire dalla sentenza 14 dicembre 2017 n. 269 della Corte costituzionale, però, lo schema dell’applicazione diretta del diritto euro-unitario da parte del giudice nazionale sembra essere stato rimesso in discussione. La Corte costituzionale ha rivendicato la propria centralità nella dialettica tra giudice comune, giudice costituzionale e Cgue. Dagli equilibri che si raggiungeranno in tale dialettica dipenderà grande parte del ruolo che il giudice nazionale giocherà nel futuro dell’integrazione europea
1 ottobre 2018
L’abuso del processo penale
L’abuso del processo penale
di Luigi Pacifici
L’abuso del processo costituisce una valvola di autotutela per l’ordinamento, elaborata, in ambito dottrinale e giurisprudenziale, al fine di evitare che i diritti da esso garantiti siano esercitati o realizzati, pur a mezzo di un intervento giurisdizionale, in maniera abusiva, ovvero eccessiva e distorta
19 settembre 2018