home search menu
Caso Abu Omar, Italia condannata dalla Corte europea dei diritti dell'uomo
Osservatorio internazionale
Caso Abu Omar, Italia condannata dalla Corte europea dei diritti dell'uomo

Pubblichiamo la sentenza (NASR ET GHALI c. ITALIE) con cui la Corte europea dei diritti dell'uomo ha condannato l'Italia per il rapimento e la detenzione illegale dell'ex imam Abu Omar.

"L'Italia - si legge nella sentenza - ha applicato il legittimo principio del segreto di Stato in modo improprio e tale da assicurare che i responsabili per il rapimento, la detenzione illegale e i maltrattamenti ad Abu Omar non dovessero rispondere delle loro azioni". 

L'Italia, secondo i giudici di Strasburgo (PRESS RELEASE), ha inoltre violato il diritto dell'ex imam e della moglie al rispetto della vita familiare. La Corte ha quindi stabilito che l'Italia deve pagare 70 mila euro a Abu Omar e 15 mila a sua moglie per danni morali. 

 

23 febbraio 2016
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
CEDU, pillole di febbraio
CEDU, pillole di febbraio
di Alice Pisapia* e Pier Francesco Poli**
I casi affrontati dalla Corte: Italia condannata per il caso Abu Omar, violazione del diritto alla vita (Francia), condizione di detenzione dei richiedenti asilo (Grecia)
1 giugno 2016
Extraordinary Renditions della Central Intelligence Agency in territorio europeo
di Pier Francesco Poli
Extraordinary Renditions, giurisdizione, conflitto tra Trattato NATO SOFA e Convenzione Europea per i Diritti dell'uomo. Verso quali soluzioni?
14 gennaio 2014
Breve cronologia del processo relativo al rapimento di Abu Omar
Le vicende processuali conseguenti il rapimento e le sentenze della Cassazione e della Corte Costituzionale
14 gennaio 2014
Newsletter


Fascicolo 3/2016
La giustizia tributaria
La riforma della magistratura onoraria
Osservatorio internazionale
Turchia: il prevedibile sovraffollamento carcerario, a seguito del fallito colpo di stato, è motivo sufficiente per respingere una richiesta di estradizione
CGUE, pillole di ottobre
CGUE, pillole di ottobre
di Alice Pisapia
Le decisioni più rilevanti della Corte: responsabilità genitoriale (Regno Unito), annullamento del matrimonio (Polonia), retroattività della legge penale più favorevole (Italia), indennizzo delle vittime di reato (Italia), vendita di medicinali (Germania)
29 novembre 2016
CGUE, pillole di settembre
CGUE, pillole di settembre
di Alice Pisapia
Le decisioni più rilevanti della Corte: estradizione in uno Stato terzo di un cittadino di uno Stato membro (Lettonia), espulsione del genitore e allontanamento indiretto del minore (Regno Unito), pubblico impiego (Spagna), tutela dei consumatori (Francia), ordinamento giuridico dell'Unione (Grecia)
11 novembre 2016
Le vittime tra diritto europeo e elemosina italiana
Le vittime tra diritto europeo e elemosina italiana
di Marco Bouchard
Commento alla sentenza Corte di Giustizia UE, 11 ottobre 2016
7 novembre 2016
CEDU, pillole di maggio
CEDU, pillole di maggio
di Pier Francesco Poli* e Alice Pisapia**
I casi affrontati dalla Corte: maltrattamenti da parte della Polizia (Spagna), legislazione in materia di ricongiungimento familiare (Danimarca), diritto all'equo processo (Romania)
25 ottobre 2016
Lo stato di emergenza in Turchia: sospensione dello Stato di diritto
Lo stato di emergenza in Turchia: sospensione dello Stato di diritto
di Gualtiero Michelini
Lo sforzo di mobilitazione deve continuare, per un'azione di ritorno dei principi democratici nel Paese e per una effettiva assistenza legale degli arrestati, verificata da osservatori internazionali
13 ottobre 2016